Zucchero sul cervello

morgueFile
Fonte: morgueFile

Immagina questo scenario: sei sano, ma nel corso degli anni hai accumulato chili in più. Ultimamente, anche i livelli di zucchero nel sangue hanno iniziato a salire un po '. Non sono ancora nella gamma dei diabetici e tu vuoi mantenere le cose in questo modo, quindi fai voto per fare scelte migliori sulla dieta e sull'esercizio fisico. Eppure in qualche modo sembra più difficile che mai passare davanti a una scatola di ciambelle senza afferrarne una.

Sembra familiare frustrante? Sì, lo fa anche a me. Quindi il mio interesse è stato suscitato da un nuovo studio in Psicologia della salute , che ha esaminato i livelli di zucchero nel sangue e l'autocontrollo in individui sani. Lo studio ha mostrato che livelli di zucchero nel sangue anche leggermente elevati erano associati a punteggi più bassi in un test di controllo inibitorio – la capacità di trattenere la prima reazione impulsiva a uno stimolo e rispondere in modo più ponderato.

In breve, non è tutto nella tua immaginazione. Quando la glicemia è già un po 'più alta del normale, in realtà è più difficile resistere alla tentazione di una dolce sorpresa.

Una prova di autocontrollo

Il nuovo studio ha incluso 70 giovani adulti sani, metà dei quali erano obesi. Il loro livello di zucchero nel sangue è stato misurato con un test della glicemia a digiuno. Su questo test, un livello di zucchero nel sangue inferiore a 100 mg / dl è considerato normale. Un livello di zucchero nel sangue leggermente superiore a 100-125 mg / dl è considerato prediabetico e un livello di zucchero nel sangue alto di 126 mg / dl o superiore è indicativo del diabete. Tutti i partecipanti allo studio sono scesi al di sotto del punto limite del diabete.

Il controllo inibitorio è stato valutato utilizzando il compito go / no-go. In questo test, i partecipanti sono stati presentati con una serie di X e O sullo schermo di un computer. Gli è stato chiesto di rispondere quando hanno visto una X (che è avvenuta per la maggior parte del tempo), e gli è stato chiesto di trattenere la loro risposta quando hanno visto una O. L'imprecisione in questa attività indica un controllo inibitorio basso.

"Abbiamo appreso che i giovani adulti che avevano livelli di zucchero nel sangue prediabetici combinati con l'obesità – ma che erano altrimenti molto sani – hanno fatto il maggior numero di errori in movimento / non-vai", dice Misty Hawkins, Ph.D., autore principale del studio e assistente professore di psicologia presso l'Oklahoma State University. "Questi risultati suggeriscono che il loro controllo inibitorio era più povero rispetto ai loro coetanei che non avevano zuccheri nel sangue elevati."

Il compito Eat / No-Eat

Nella vita di tutti i giorni, un basso controllo inibitorio può influenzare il modo in cui le persone rispondono – o non rispondono – quando sono presentate con stimoli alimentari. "Questo studio è piccolo e trasversale, quindi non dovremmo interpretare troppo i risultati", avverte il dott. Hawkins. "Tuttavia, questi risultati potrebbero avere importanti implicazioni se siamo in grado di replicarli in un campione più ampio nel tempo." In particolare, i risultati suggeriscono che le persone che cercano di fare scelte alimentari sane possono avere maggiori problemi con l'autocontrollo quando il loro livello di zucchero nel sangue è nella gamma leggermente elevata, rispetto a un abbassamento della glicemia.

Cosa succede quando abitualmente il tuo cervello dice "vai" piuttosto che "no go" attorno al barattolo dei biscotti? Tendi ad aumentare di peso. L'obesità aumenta il rischio di sviluppare livelli di zucchero nel sangue ancora più elevati, che possono eventualmente superare la soglia del diabete di tipo 2.

Nel corso del tempo, il diabete di tipo 2 che non è controllato con i cambiamenti dello stile di vita e i farmaci possono influenzare la cognizione in modi più profondi e duraturi. "Molti studi precedenti suggeriscono che le persone con diabete di tipo 2 hanno un più rapido tasso di declino cognitivo e un maggiore rischio di sviluppare demenza rispetto alla popolazione generale", afferma il dott. Hawkins. Sebbene i ricercatori stiano ancora individuando la connessione tra diabete non controllato di tipo 2 e cognizione alterata, i livelli cronici di zucchero nel sangue e la resistenza all'insulina sono possibili fattori che contribuiscono.

"Non riesco a resistere"

Chiaramente, prima interrompi questa spirale discendente, meglio è. Solo riconoscere la sfida può renderti più consapevole delle tue azioni. Oltre a ciò, l'adozione di misure per mantenere il livello di zucchero nel sangue a un livello più sano può migliorare l'autocontrollo.

Secondo l'Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene, è spesso possibile invertire prediabete o prevenire o ritardare il diabete di tipo 2:

  • Perdere peso, se sei sovrappeso
  • Aumentare l'attività fisica quotidiana
  • Diminuzione di calorie e grassi saturi

Il dott. Hawkins afferma: "Ciò che le nostre scoperte suggeriscono è che gli interventi per aiutare a regolare la glicemia possono anche aiutare a promuovere un'alimentazione più sana. I cervelli delle persone saranno meglio in grado di resistere ai cibi malsani quando i loro livelli di zucchero nel sangue sono regolati meglio ".

Linda Wasmer Andrews è specializzata nello scrivere sull'intersezione tra salute e psicologia. Seguila su Facebook e Twitter. Leggi di più dal suo blog:
Nato per essere un drogato di cibo spazzatura
I mirtilli sono una scelta intelligente per il tuo cervello
Come insegnare a te in realtà come le verdure

Solutions Collecting From Web of "Zucchero sul cervello"