Your Brain on Porn: NON crea dipendenza

Qual è la vera motivazione del desiderio di usare il porno?

C'è stata un'enorme quantità di iperbole sull'uso del porno, con molti autori e doomsayers che sostengono che la visione del porno innesca pericolosi cambiamenti neurochimici nel cervello. Ma, una nuova ricerca pionieristica dice che non è così, e che le persone che sono utenti problematici del porno sono in realtà persone con alta libido, NON persone il cui cervello è stato distorto sesso e porno.

I sostenitori di antipodi popolari come YourBrainonPorn e il gruppo chiamato Fight The New Drug sostengono che l'uso del porno è un problema di salute pubblica, non un problema di libertà di espressione. Questi sostenitori affermano spesso che se le persone e la società sapessero solo il danno che l'uso del porno stava causando al nostro cervello, lo regoleremmo, in noi stessi e nell'accesso permesso.

Negli ultimi anni, questi argomenti basati sulla paura spesso invocano un gergo legato al cervello e generano termini come esplosioni di dopamina e desensibilizzazione, per descrivere ciò che presumibilmente accade nel cervello di persone che guardano troppo il porno. Al giorno d'oggi la scienza del cervello è calda, e l'attenzione è di usare il linguaggio del cervello e delle neuroscienze negli argomenti, perché suona così convincente e scientifico. Il problema è che ci sono state pochissime ricerche che guardano al cervello e ai comportamenti delle persone che usano il porno, e nessuna buona ricerca sperimentale che abbia guardato il cervello di coloro che sono presumibilmente dipendenti dal porno. Quindi, tutti questi argomenti sono teorici e basati su retorica, inferenze e applicazione di altri risultati di ricerca per cercare di spiegare i comportamenti sessuali.

Quinn Norton ha creato questa grande immagine, falsificando l'uso improprio della scienza del cervello

Sono state condotte nuove ricerche affascinanti e rigorose, che hanno effettivamente esaminato il cervello dei presunti dipendenti sessuali, e indovina un po '? I risultati sono leggermente diversi dalla retorica. In realtà, i risultati non supportano che la dipendenza dal sesso sia reale, o rifletta in assoluto qualsiasi problema legato al cervello.

Nella ricerca invitata per la sottomissione alla rivista Socioaffective Neuroscience of Psychology, gli autori Steele, Staley, Fong e Prause hanno utilizzato i test EEG per esaminare gli effetti dell'erotica visiva, sul cervello di persone che sentivano di avere problemi a controllare il loro uso pornografico. 52 tossicodipendenti, compresi uomini e donne, hanno esaminato l'attività elettrica del loro cervello mentre guardavano le immagini erotiche. La teoria della dipendenza dal sesso prevede che questi individui mostrerebbero modelli cerebrali coerenti con quelli dei tossicodipendenti da cocaina, che dimostrano specifici cambiamenti elettrici nell'attività del cervello, in risposta a indizi legati alla droga. I sostenitori della dipendenza dal sesso, da Rob Weiss a Carnes hanno a lungo sostenuto che il sesso e il porno sono "come la cocaina" nel cervello.

Ma, quando gli EEG venivano somministrati a questi individui, mentre osservavano gli stimoli erotici, i risultati erano sorprendenti e per nulla coerenti con la teoria della dipendenza dal sesso. Se la visualizzazione della pornografia in realtà era abituata (o desensibilizzante), come lo sono le droghe, quindi la visualizzazione della pornografia avrebbe una diminuita risposta elettrica nel cervello. In effetti, in questi risultati, non c'era una tale risposta. Invece, i partecipanti nel complesso hanno dimostrato un aumento delle risposte del cervello elettrico alle immagini erotiche che hanno mostrato, proprio come il cervello delle "persone normali", come è stato dimostrato in centinaia di studi.

Ah, ma i sostenitori della dipendenza dal sesso potrebbero sostenere che ciò è dovuto al fatto che questi tossicodipendenti hanno una risposta più forte agli stimoli sessuali, ed è per questo che sono tossicodipendenti. Questa è una delle ragioni per cui le teorie sulla pornografia e la dipendenza dal sesso sono così difficili da argomentare – non sono falsificabili, presentando le cose opposte come parte della loro teoria e avendo argomenti molto fluidi, che spiegano quando i dati oi risultati non corrispondono alle loro teorie.

Questo è dove gli autori di questo studio sono stati molto intelligenti. I ricercatori hanno incluso misure del desiderio sessuale o della libido e più misure di dipendenza dal sesso nei questionari che hanno somministrato ai partecipanti. I risultati EEG di questo studio erano previsti dalle misure della libido e non esisteva alcuna relazione tra le misure della dipendenza dal sesso, le misure neurali. In altre parole, le scoperte EEG di una maggiore risposta agli stimoli erotici erano coerenti con le risposte delle persone che hanno livelli più alti di desiderio sessuale. I presunti dipendenti sessuali di questo studio hanno un cervello che assomiglia a quelli di altre persone, che hanno un'alta libido, ma che non identificano come dipendenti sessuali.

Un'altra parte di questa sofisticata analisi è che i ricercatori hanno esaminato i diversi test che hanno misurato gli aspetti della dipendenza dal sesso / ipersessualità e ai test che hanno misurato la libido. Hanno quindi condotto analisi statistiche per identificare se uno qualsiasi di questi risultati del test variava in modo coerente con la differenza nelle risposte del cervello. Ancora una volta, i test sulla dipendenza sessuale non avevano alcuna connessione con i risultati neurali. Ma una parte significativa del cambiamento nelle risposte neuronali era spiegabile dal livello di desiderio sessuale dei partecipanti – quando un partecipante riportava livelli più alti di libido, essi mostravano anche minori risposte neuronali agli stimoli sessuali che mostravano. Questa è stata una scoperta alquanto sorprendente che ha suggerito che le persone con una libido alta potrebbero trovare la pornografia meno nuova e quindi avere una minore risposta neurale – questo è coerente con alcuni altri studi, che hanno dimostrato che quelli con alti livelli di desiderio sessuale hanno meno risposta all'erotica visiva . Ma questo non è unico per i tossicodipendenti, ed è stato previsto dai livelli di desiderio sessuale, NON dai sintomi della dipendenza dal sesso. Tassi più alti di sintomi di dipendenza sessuale, indipendentemente da quale delle tre scale di dipendenza dal sesso siano stati usati, non hanno avuto alcuna relazione con la risposta neurale alle immagini erotiche che hanno mostrato.

I sostenitori della pornografia sicuramente piangeranno "aha! Vedete, eccolo, i tossicodipendenti hanno una risposta INFERIORE, ed è per questo che sono tossicodipendenti, sono stati desensibilizzati. "Ma ricordate, era la misura della libido che prevedeva una diminuzione della risposta neuronale, non delle misure dei problemi sessuali o persino del porno uso. Anche tra il gruppo di studio degli utenti problematici di pornografia, c'erano vari livelli di libido. E, proprio come altre persone che non hanno problemi a controllare il loro uso pornografico, sono i più alti livelli di desiderio sessuale che prevedono questo effetto diminuito. Molte persone con alta libido hanno lo stesso effetto, ma non riportano problemi nel controllare l'uso del porno.

Si può sostenere che questo è solo uno studio e una sola misura dell'attività del cervello. I sostenitori della pornografia indubbiamente sosterranno che altri tipi di studi sul cervello come la risonanza magnetica, il MEG, le scansioni SPECT o altre scansioni cerebrali mostreranno gli effetti che credono ci siano. Sono sicuro che altri sosterranno che guardare un'immagine erotica è in qualche modo diverso dal guardare "il porno su Internet ad alta velocità". La cosa interessante in questi argomenti è che stanno discutendo contro la validità della scienza, affermando che i loro le teorie sono in qualche modo più veritiere e affidabili di quanto non siano le attuali ricerche o dati scientifici. In altre parole, crederanno ai dati solo quando confermeranno le loro teorie? Se è così, mi dispiace, si chiama parzialità di conferma, non scienza.

Questo studio è stato recentemente criticato, ma in modo schiacciante, queste critiche sono infondate:

  • Non esisteva un "gruppo di controllo" – in effetti, questo studio utilizzava un design "dentro-soggetti", whree gli stessi soggetti erano il proprio gruppo di controllo. Questo è un progetto metodologicamente rigoroso e ben accettato;
  • I risultati di analisi che non erano significative non sono stati descritti nella pubblicazione – questa è una pratica scientifica comune e gli autori sono generalmente disposti a condividere i risultati di queste analisi, su richiesta;
  • Questo studio ha utilizzato un ottimo metodo scientifico, nel creare uno studio per testare la "teoria" che l'uso del porno funziona "come" una tossicodipendenza. È così che funziona la scienza, testando le teorie;
  • Poiché non esiste una definizione o criteri accettati per la dipendenza da sesso / pornografia, lo studio ha utilizzato molteplici strategie di valutazione comunemente utilizzate per la dipendenza dal sesso;
  • L'uso della tecnologia EEG è un metodo accettato, ampiamente utilizzato nella ricerca sulle dipendenze, e ha permesso un confronto valido e utile di questi risultati con la ricerca esistente sulle dipendenze da droghe e alcol. I risultati della P300 citati nello studio sono internamente ed esternamente coerenti con le loro scoperte e con la letteratura precedente e supportano l'interpretazione che i soggetti hanno mostrato una risposta neurale basata sulla libido e l'eccitazione sessuale, NON dimostrando cambiamenti al cervello che sono indicativi di una risposta che crea dipendenza.

Il peso crescente dell'indagine scientifica, al contrario della speculazione e della teorizzazione, indica che la dipendenza dal sesso non è un costrutto distinto, ma riflette i comportamenti degli individui con livelli più elevati di desiderio sessuale e libido, specialmente quando tali comportamenti portano le persone in conflitto con il sociale valori attorno al sesso Come ogni altra caratteristica umana, il desiderio sessuale si manifesta lungo uno spettro, con vaste gamme di variazioni individuali. I problemi e i reclami segnalati da pornodipendenti auto-identificati e da soggetti sessuali hanno a che fare con il contesto in cui questi individui esprimono o perseguono la loro elevata libido, NON con una malattia unica.

I fautori del porno e della dipendenza dal sesso potrebbero fare bene a iniziare a cambiare il loro dialogo, dall'attaccare porno e sesso, ad aumentare il dialogo su come il desiderio sessuale e l'espressione sessuale possano entrare in conflitto con valori e ideali sociali pubblici / privati. Piuttosto che strombazzare il pericolo del porno, potrebbero essere più efficaci e basati su prove per sostenere l'educazione sui diversi livelli di desiderio sessuale e sul bisogno sia della società sia dell'individuo di essere responsabile e responsabile di tali differenze.

* Nota: questo articolo è stato precedentemente pubblicato nel marzo 2013, prima della pubblicazione formale della ricerca. È stato rimosso a causa di controversie relative a un altro blogger di PT. Poiché l'articolo di ricerca è ora formalmente disponibile, questo articolo del blog è in fase di ripubblicazione.

Solutions Collecting From Web of "Your Brain on Porn: NON crea dipendenza"