Yoga come veicolo di trasformazione

C'è solo uno Yoga. È un discepolo spirituale di 5.000 anni che, sebbene informato dal Vedanta indù, non è una religione. È un veicolo contemplativo destinato a tutti coloro che sono interessati a proseguire il proprio viaggio spirituale personale. La pratica dello Yoga fu originariamente codificata dal saggio Patanjali, che, nello Yoga Sutra, lo incornicò come ashtanga , o gli otto arti.

In Occidente, siamo più familiari con la pratica combinata di asana e pranayama (postura e controllo del respiro) – a volte insegnata come solo asana – che qui viene chiamata Hatha Yoga.

Sebbene la commercializzazione e l'occidentalizzazione dello Yoga abbiano solidificato questa come nostra percezione della pratica, essa è, in effetti, la meno importante. In realtà, asana, come descritto da Patanjali nello Yoga Sutra, deve solo essere "comodo e costante" … mettere i piedi dietro la testa ha poco a che fare con esso. Uomini – ascoltate.

Quindi, qual è il grosso problema? Lo yoga ci fornisce un sistema per vivere. Yama e Niyama ci danno struttura. L' asana e il pranayama danno forza, salute e vitalità. Il pratyahara ci aiuta a liberare il nostro attaccamento, il desiderio e la paura. Dharana e dhyana ci danno una certa misura di conforto e di realizzazione spirituale, e samadhi , l'illuminazione nella forma di connessione con il nostro sé autentico, così come la connessione con la nostra visione personale di Dio.

Com'è importante per la salute emotiva? Gli esseri umani prosperano sulla struttura e la coerenza. Spesso insegno ai miei pazienti, in particolare agli alcolizzati e ai tossicodipendenti, che uno dei modi migliori per essere chiari e rimanere chiaro è quello di costruire un rituale nella tua vita. Rituale non significa canto, incenso e sacrifici di mezzanotte: significa struttura e coerenza. Una pratica Yoga vera e completa può e lo fornisce.

Personalmente, ho iniziato a studiare Yoga in un periodo in cui le persone al Kripalu Center erano ancora vestite in bianco, Beryl Bender Birch aveva appena introdotto il tradizionale Mysore Ashtanga come "Power Yoga" e insegnava in un piccolo studio oscuro nell'Upper West Side e quello che mi piace chiamare "media yogi" come Rodney Yee e Bikram Chodry erano solo un sussurro al vento. Da quel momento, migliaia di "variazioni" dello Yoga sono emerse mentre le persone tentano di sfruttare il valore commerciale di una pratica che sta diventando sempre più onnipresente nella nostra cultura.

Dove c'è solo una tradizione Hatha Yoga e una manciata di scuole secondarie, come Mysore Ashtanga, Kripalu, Iyengar e Shivananda, ecc., Ora abbiamo cose come l'Om Yoga, il Lotus Yoga, il YogaFit e persino l'ossessivo Zen Yoga. Se sto sembrando critico o cinico, non lo sono. Sono solo frustrato, perché sono frustrato dalle scuole di arti marziali in cui più soldi paghi, più velocemente guadagni rango. Sono meno cinico e più purista – quindi chiamami per essere rigido e forse un po 'elitario.

All'interno del sistema generale di ashtanga Yoga ci sono diversi percorsi (notare che ashtanga e Ashtanga sono due cose diverse). Abbiamo discusso della versione occidentale dell'Hatha Yoga. Più tradizionalmente, l'Hatha Yoga è la pratica fisica di asana e pranayama combinata con le discipline personali di yama e le osservanze sociali di niyama . Raja Yoga, o Royal Path, è tradizionalmente considerato la pratica degli arti superiori 4 – pratyahara , dharana , dhyana e samadhi .

Esiste anche il Karma Yoga – il sentiero dell'azione, il Bhakti Yoga – il sentiero della devozione a Dio e Jnana Yoga – il sentiero della conoscenza. Pratiche come Kundalini Yoga e Tantra (che è un po 'più complicato di semplici trucchetti sessuali) sono ciò che io, come insegnante, classificherei come sub-discipline avanzate nell'ambito della più ampia competenza del Raja Yoga.

Lo yoga è un sistema per aiutarci a realizzare il nostro pieno potenziale, ma da qualche parte lungo il percorso questa intenzione è stata persa all'interno dell'imperativo commerciale. Lo yoga è ora presentato come una pratica fisica che porta al risveglio spirituale. Francamente, questo è il contrario, perché non siamo esseri fisici che hanno esperienze spirituali, siamo esseri spirituali che hanno esperienze fisiche.

Immagino che il punto di questo post, oltre a fornire uno schema più profondo della pratica, sia quello di dire: "In un'epoca in cui ognuno è un insegnante di Yoga, imposta la tua intenzione e scegli attentamente. Se YogaFit funziona per te, fantastico. Se abbandonare e andare in un ashram a Rishikesh funziona anche per te, è fantastico. O forse è una via di mezzo.

Basta sapere cosa vuoi e assicurarti di averlo capito, poiché la pratica è un'esperienza profondamente trasformativa che può e cambierà la tua vita, come è mia e continuando a farlo ogni singolo giorno.

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

My Psychology Today Therapists Profile
Il mio sito web

Inviami una email direttamente
Consultazioni telefoniche

Solutions Collecting From Web of "Yoga come veicolo di trasformazione"