Yin Yang Of Politics

Tutto ha uno yin e yang; polarità opposte che sono tuttavia interdipendenti l'una dall'altra. Esempi di questo includono i principi maschili e femminili, il piacere e il dolore, e la vita e la morte. Uno non può esistere senza l'altro. Più che una semplice costruzione di filosofie orientali, la necessità di bilanciare le energie opposte è un aspetto fondamentale di tutta la psicologia umana. In ciascuna delle nostre vite, abbiamo bisogno di trovare un equilibrio tra lavoro e famiglia, ambizione e ricreazione, e il nostro lato intellettuale ed emotivo. In effetti, l'EQ – l'intelligenza emotiva – è almeno altrettanto importante per il successo e la felicità nella vita come QI.

Un approccio equilibrato è cruciale nella politica e negli affari del governo come altrove. E 'chiaro, nell'approccio che hanno assunto finora sia negli affari interni che in quelli esteri, che l'attuale amministrazione ha una buona comprensione di ciò. Un'area chiave di dibattito nella politica interna, ad esempio, è la riduzione del disavanzo. Obama è chiaro che un approccio equilibrato tra aumenti delle tasse e tagli alla spesa è ciò che preferisce, così come la maggior parte degli americani. Uno richiede di togliere i servizi a coloro che ne hanno bisogno o dipendono da loro e l'altro richiede il sacrificio di quelli un po 'migliori. Nessuno dei due meccanismi è perfetto, ma ognuno fa appello a diversi aspetti della nostra natura. La commissione di Simpson Bowles è stata vista da molti come un importante passo avanti sulla questione e, sebbene il Presidente non abbia esplicitamente gettato il suo peso dietro di esso, le sue stesse proposte erano a malapena una carta da sigarette lontana dalle conclusioni di Simpson Bowles. Alan Simpson, il repubblicano della coppia, è chiaro che il problema sta nel suo stesso partito, "per l'amor del cielo, hai Grover Norquist che si chiede la Terra con le sue vesti bianche dicendo che se aumenti le tasse di un centesimo, lui sconfiggerà tu … questa è follia … se vuoi essere un purista andare da qualche parte sulla cima di una montagna e lodare l'oriente o qualcosa del genere. "Finora, però, la sua chiamata sembra atterrare nel vuoto con nessuno nel suo gruppo pronto a sopportare qualsiasi parte delle entrate dell'equazione.

In termini di politica estera, l'atteggiamento di Obama, fin dall'inizio, era che avrebbe offerto la mano dell'amicizia, ove possibile, anche ai nemici dell'America. La sua visione era di creare legami migliori con tutte le parti del mondo in cui esistessero minacce contro gli Stati Uniti e, se necessario, fornire anche supporto a loro. Molti repubblicani lo hanno castigato per una cosiddetta politica estera "terapeutica", ma c'è, comunque, un altro aspetto dell'approccio di Obama. Secondo Jo Becker e Scott Shane nel New York Times, "Mr. Obama si è posto alla guida di un processo di "nomination" top secret per designare i terroristi per uccisione o cattura, di cui la parte di cattura è diventata in gran parte teorica. "Il numero di attacchi di droni nella regione di frontiera Afghanistan Pakistan si sono moltiplicati sotto l'occhio di Obama e, in effetti, comando diretto. "Nient'altro nel primo mandato di Obama ha sconcertato i sostenitori liberali e confuso i critici conservatori allo stesso modo del suo antiterrorismo aggressivo" concludono.

Sebbene a volte appaia contraddittorio; tenere la mano dell'amicizia, pur essendo preparato ad usare la forza letale dove mai e ogni volta che sia necessario, è un buon esempio di dispiegare un approccio equilibrato yin-yang al rapporto dell'America con il mondo. Anche qui, tuttavia, i repubblicani sembrano solo attaccarlo da un lato; vogliono più aggressività non meno, più assertività non meno e nessuna enfasi sulla diplomazia.

Questi tratti unilaterali non sono, infatti, innati nei circoli repubblicani. Tutti i recenti presidenti repubblicani erano perfettamente in grado di operare in modo equilibrato su una varietà di problemi. George Bush senior lo ha fatto quando si trattava di questioni fiscali, non avendo paura di aumentare le tasse quando necessario, e George W. Bush, nelle sue proposte di riforma dell'immigrazione, univa la politica di costruzione di una recinzione e aumentava la sicurezza delle frontiere con una spinta a rendere legale lo status di molti immigrati attualmente illegali.

È ora, quindi, che Mitt Romney dimostrerà che anche lui è pronto a vincere gli istinti più bassi del suo partito e dimostrare un programma più equilibrato. Finora le sue posizioni politiche non hanno riflettuto affatto, ma se è serio nel vincere gli elettori indipendenti ha bisogno di spostarsi rapidamente nel centro equilibrato prima che la sua reputazione sia troppo strettamente legata all'unica ala del suo partito che ha dirottato il marchio negli ultimi tempi anni.

Solutions Collecting From Web of "Yin Yang Of Politics"