Yearnings ordinari

Durante la mia vita, ci sono stati diversi momenti in cui ho trattenuto il respiro e ho desiderato che il tempo si fermasse. Volte in cui mia figlia dormiva sulla mia spalla mentre fissavo il suo visetto, o dove io e mio marito scambiavamo uno sguardo ed esprimevamo tutto senza parlare. Quei momenti mi hanno spesso preso in giro. Non erano nei momenti in cui me li aspettavo: al mio matrimonio, alla mia laurea, o anche alla nascita di mia figlia. Invece, sono stati momenti straordinariamente ordinari in cui ho sentito il mio cuore librarsi e mi sono reso conto di avere tutto ciò che avevo sempre desiderato.

Più spesso di questo, però, sono stati i tempi in cui avevo nostalgia di più: momenti in cui ho avuto qualche risultato e provato gioia, ma poi ho desiderato di aver realizzato di più. Momenti in cui vorrei essere più ricco, più giovane o più carino. Tempi in cui mi sono svegliato di notte preoccupato per le finanze, la mia carriera o il modo in cui potremmo permetterci di avere un altro figlio. Mi sorprendo a chiedermi perché niente è mai abbastanza. E come accontentarmi di quello che ho adesso invece di preoccuparmi di dove sto andando e se ci sto arrivando abbastanza in fretta.

Non so da dove vengono queste preoccupazioni e desideri. Sono solo parte della natura umana? E ci spingono in avanti o frenano la nostra felicità? Provocano inutili tristezze e ansia o ci aiutano a raggiungere? Perché desideriamo le grandi pietre miliari quando questi momenti ordinari sembrano essere quelli che contano?

Penso che forse trascorriamo così tanto tempo sulle nostre aspettative dei grandi momenti che perdiamo il punto dei momenti. Spesso un matrimonio diventa più uno spettacolo elaborato e sceneggiato, piuttosto che ciò che dovrebbe essere veramente: un momento di connessione tra due persone. La nascita di mia figlia è stata così medicalizzata che mi sono concentrato sulla nostra salute e sulla guarigione, invece di sperimentare quel momento di totale amore che avevo aspettato così a lungo. Gli obiettivi di carriera sembrano essere più eccitanti di quanto non siano in realtà quando li raggiungi. E dopo anni di preoccupazioni su quando raggiungeremo queste pietre miliari, il momento di raggiungerli sembra impallidire in confronto a quello che pensavamo sarebbe stato.

Al contrario, i momenti ordinari sono quelli spontanei: quelli che non abbiamo progettato o sognato per anni. Sono i momenti che avvengono naturalmente e dove siamo semplicemente noi stessi e ci godiamo senza paragonarlo a un'immagine mentale di come dovrebbe essere il momento.

Forse dobbiamo lasciare andare le nostre aspettative, smettere di immaginare cosa sarà o potrebbe essere e invece essere grati per quello che abbiamo. Forse dovremmo smettere di confrontare noi stessi con chi pensavamo di essere o cosa pensavamo avrebbero le nostre vite a questo punto e trovare una connessione con le persone nelle nostre vite. Per lasciare che quell'abbraccio duri ancora qualche istante. E per non dire niente e sentire una connessione che non richiede parole. Forse dobbiamo rinunciare ai nostri sogni della carriera perfetta, il matrimonio ideale o il perfetto Ringraziamento e invece goderci un hot dog con un amico nel parco e dove siamo ora.

Quindi, come possiamo essere grati per ciò che e chi abbiamo ora? Come smettiamo di paragonare dove siamo ora nella nostra vita a dove pensavamo di essere? Come possiamo disattivare le preoccupazioni su dove siamo diretti e concentrarci sulla gioia di dove siamo ora? Molti di noi faticano ad essere grati per la nostra attuale esperienza, ma qui ci sono alcune cose da provare per tutti noi:

1) Fai un inventario giornaliero delle cose significative della tua vita ora: le persone, gli animali e le conquiste personali.

2) Cerca il lato positivo nella tua esperienza attuale. La maggior parte (ma non tutte) le esperienze possono essere viste sia in una luce negativa che positiva. Trova i modi positivi di guardare alla tua esperienza attuale e se lotti con questo, continua a lavorare su questo quotidiano.

3) Identifica le svolte inaspettate della tua vita e concentrati sulle cose meravigliose che hanno portato a quelle deviazioni dai tuoi piani. Quindi concentrati sulla gratitudine che le tue aspettative non sono state soddisfatte.

4) NON tenere il passo con i Jones. Se paragoni la tua vita a quella di qualcun altro, ti concentrerai spesso sui modi in cui pensi che la tua vita e le tue conquiste non siano all'altezza della loro. Ma all'esterno guardi dentro. La vita di ogni persona ha sia aspetti positivi che negativi e spesso se sei stato in grado di vederlo dall'interno, potrebbe non sembrare così fantastico. Invece di confrontarti con qualcun altro, concentrati sulle cose della tua vita per le quali sei grato.

5) Goditi il ​​viaggio , i traguardi finali e le tappe fondamentali. A volte vogliamo raggiungere un obiettivo così tanto che ci dimentichiamo di goderci il percorso per arrivarci. Invece, concentrati sul goderti il ​​momento presente.

6) Identifica i tuoi veri desideri: essere amato, insegnare ai bambini, aiutare gli altri, ecc. E identificare i modi in cui puoi soddisfare questi desideri adesso: amici che ti amano, volontariato con i bambini, ecc. Se i tuoi desideri possono essere soddisfatti ora, ti concentrerai meno sulla felicità che speri di raggiungere quando raggiungerai le pietre miliari un giorno nel futuro.

Fai rapporto e fammi sapere come funzionano questi per te!

A volte perdiamo il contatto con ciò che per noi è davvero significativo perché siamo in una corsa per raggiungere una pietra miliare che pensiamo ci porterà felicità. I momenti ordinari in cui il nostro respiro cattura e ci rendiamo conto che siamo veramente felici ora possono rivelare ciò che abbiamo sempre desiderato, non un risultato o una pietra miliare che pensiamo porterà felicità, ma piccoli momenti di tenerezza con le persone che amiamo.

Solutions Collecting From Web of "Yearnings ordinari"