X-Men First Class: la recensione di uno psicologo

 First Class

Le storie di origine riguardano la trasformazione. Le storie di origine dei supereroi riguardano la trasformazione delle persone (definite vagamente: umani, umani potenziati, mutanti, alieni) in supereroi. A proposito di persone che canalizzano le loro (super) abilità e (super) poteri al servizio degli altri. Per fare del bene.

X-Men: First Class è una storia di trasformazioni multiple di persone in supereroi e come tale è un grande film. Ci mostra non solo Charles Xavier e Erik Lehnsherr che si trasformano rispettivamente in Professor X e Magneto, ma anche come una serie di altri mutanti si è trasformata in futuri membri di X-Men o Brotherhood of Mutant.

Da un punto di vista psicologico, le storie di fumetti di X-Men (e film) sono materiale psicologicamente ricco, in cui le questioni sul pregiudizio e sulla discriminazione, il lavoro di squadra, la leadership, il talento (ad esempio "speciale") e il potere sono esplorati in modi che sono sia accessibile che stimolante. X-Men: First Class continua questa bella tradizione.

Qui ci sono solo alcune delle "verità psicologiche" che ho visto rivelare durante il corso del film.

Essere dotati può essere una via solitaria

Come abbiamo visto nel primo film degli X-Men, essere un mutante può essere una strada solitaria nella vita. Sei diverso dagli altri, non ti capiscono e in alcuni casi ti temono. In altri casi, vogliono controllarti, per usare il tuo potere per i propri fini. I mutanti in X-Men: First Class provano tutto questo, e per questo, vengono a nascondere le loro abilità, quando possibile. Raven (il futuro Mystique) può cambiare forma per apparire come altre persone, ma il suo "sé" ha la pelle blu. Impara a nasconderlo e impiega qualche sforzo per modellare il turno in modo che sembri normale in ogni momento di veglia. L'angelo ha le ali, nascosto dietro un'imbracatura. Questi e molti altri mutanti crescono pensando di essere gli unici – che sono soli nell'essere "speciali". (A un certo livello, ovviamente, hanno ragione, dal momento che quasi tutti i mutanti hanno un insieme unico di abilità non replicate da un altro – le eccezioni sembrano essere telepati.) Ma quando si scoprono l'un l'altro scoprono di condividere i geni mutati che danno loro poteri e abilità speciali, e il senso di non essere "normali". In questo senso, ognuno di loro ha calcato un sentiero solitario fino a trovarsi l'un l'altro.

C'è una parte del film quando un gruppo di adolescenti / giovani mutanti adulti sono seduti a parlare dei loro poteri e abilità, entusiasti di riconoscersi negli altri, di provare sollievo nel poter essere se stessi, non doversi nascondere. Il problema di "nascondere la propria vera natura" ha paralleli con l'omosessualità, la razza e la maggior parte degli altri attributi che portano le persone a sentirsi diversi quando attorno a persone "normali" e quindi quando le persone trovano altri come loro, provano un enorme sollievo. Se ognuno è un mostro, allora insieme sono una banda di mostri, non più soli. Vedere questa scena mi ha fatto pensare a come sono i bambini dotati di talento accademico che hanno nascosto i loro talenti per adattarsi a trovare finalmente altre persone come loro e non hanno più bisogno di fingere. (Clicca qui per maggiori informazioni sui bambini dotati. Per i lettori particolarmente interessati a questo argomento, consiglio anche l'affascinante libro di Ellen Winner sui bambini dotati.)

È difficile sembrare diversi

Essere dotati – avere talenti, poteri o abilità significativamente superiori a quelli della persona media – è un modo di essere diversi. Un altro modo è quello di avere un aspetto significativamente diverso, che può variare dall'avere un tono della pelle, un fisico corporeo o una caratteristica facciale diversa (ad esempio, "orecchie sporgenti") a una deformità fisica assoluta. Le persone che sembrano diverse possono essere stigmatizzate e subiscono discriminazioni. Questa forma di pregiudizio è intensa e la società occidentale è diventata meno tollerante anche di piccole differenze fisiche, come le orecchie sporgenti, per le quali la chirurgia estetica nei bambini è ora un'opzione. Clicca qui per leggere alcune interessanti ricerche di Jim Blascovich e colleghi su come le persone che interagiscono con un individuo stigmatizzato si sentano minacciate quando lo fanno.

In X-Men: First Class , due personaggi in particolare combattono con la difficoltà di apparire fisicamente diversi: Raven e Hank (Future Beast). La pelle naturalmente blu del corvo ha anche delle squame. Hank non può averlo così male visto che la sua differenza è limitata ai suoi piedi che sono simili a scimmie. Potrebbe essere in grado di nascondere i suoi piedi nelle scarpe, proprio come Raven può nascondere il suo blu usando i suoi poteri per apparire "normale". Ma per la maggior parte del film, condividono il desiderio di essere normali contro il passare normalmente. [Allarme spoiler] Alla fine del film, entrambi smettono di passare normalmente, ma per ragioni diverse. Hank si occupa della sua deformità fisica (che è, dopo tutto, di cosa si tratta) iniettandosi quello che pensava sarebbe stato una cura. Sbagliato. Amplifica la sua mutazione e lo trasforma in Bestia, una persona dall'aspetto simile a una scimmia dal pelo blu; non ha alcuna speranza di passare normalmente. Al contrario, Raven, toccato dalla convinzione di Erik che i mutanti dovrebbero sentirsi orgogliosi della loro diversità, decide di smettere di passare.

Le loro difficoltà nell'essere fisicamente diversi mettono in luce problemi reali sull'accettazione da parte degli altri e l'accettazione di sé e la pressione per conformarsi per adattarsi. I lettori interessati al suo argomento possono fare clic qui per leggere il libro di Erik Parens su questo argomento: Formare chirurgicamente i bambini: tecnologia, etica e ricerca della normalità .

Le prestazioni ottimali richiedono un po 'di eccitazione

Nel film apprendiamo che Erik è stato torturato intenzionalmente mentre cresceva perché il suo potere si manifestava solo quando era arrabbiato o dolorante. Quindi, per saperne di più sulle sue capacità il suo "mentore" Sebastian Shaw gli infligge dolore o lo fa arrabbiare (per lo più il primo, a quanto pare). Eppure, da adulto, Erik non è in grado di sfruttare il suo potere per spostare oggetti metallici di grandi dimensioni: non può fermare la fuga del sottomarino di Show. Charles Xavier aiuta Erik a sfruttare il suo potere a livelli ancora maggiori mostrandogli il punto debole per il massimo potere: "tra rabbia e serenità". (Vale a dire, la forza massima del potere di Erik richiede meno rabbia e più calma).

Legge di Yerkes-Dodson

Se hai frequentato un corso di Psicologia introduttiva, questo concetto potrebbe esserti familiare, anche se con parole diverse. Charles sta sposando una variante della legge Yerkes-Dodson , in cui le prestazioni ottimali in un compito si verificano con una moderata quantità di eccitazione: non troppo eccitazione ti farà sentire disperso e perdere la concentrazione, e non abbastanza eccitazione (perché sei sottovalutato o annoiato) causerà la perdita di messa a fuoco. (Clicca qui per il documento originale.)

Charles sta riformulando la legge Yerkes-Dodson in modo tale che la rabbia = eccessiva e serenità = sottovalvola. Il punto medio tra i due è il punto debole.

Il film è pieno di altri momenti psicologicamente risonanti sul potere del lavoro di squadra, su come i buoni leader possono persuadere e sull'importanza di appartenere. Inoltre, il film è molto divertente. Se hai visto precedenti film di X-Men, godrai di piccoli collegamenti prequel agli altri film (permettendo così agli spettatori di provare un senso di comunità con il franchise di X-Men). Se sei un fan dei fumetti di X-Men, preparati a storie non canoniche!

Detto questo, questo potrebbe essere il miglior film degli X-Men.

Copyright 2011 di Robin S. Rosenberg. Tutti i diritti riservati. Robin S. Rosenberg è uno psicologo clinico. Il suo sito Web è DrRobinRosenberg.com

Solutions Collecting From Web of "X-Men First Class: la recensione di uno psicologo"