X-Factor New Zealand Judge Bullies Contestant

Mentre per molti, la visualizzazione di questo video potrebbe non richiedere ulteriori commenti, portami un momento.
Penso che valgano due punti distinti.

Come un seguito a loro, per prima cosa elogio l'equilibrio di Joe Irvine, soprattutto in diretta. Non averlo accartocciato sotto un tale abuso è davvero notevole. La sua risposta non è in disaccordo con il primo punto, che è semplicemente quello di sottolineare il potere degli astanti. Non siamo tutti rincuorati nel rendersi conto che il pubblico fischiato è diretto verso Natalia, non come approvazione degli abusi che sta accumulando su Joe, il concorrente? Sollevato per sentire un altro giudice difendere e lodare Joe, mentre il pubblico applaude. Ancora più gratificante, ovviamente, fu il successivo oltraggio pubblico e il licenziamento di Natalia (e del suo compagno-marito). Ma la risposta del pubblico porta a una domanda. È più facile per gli astanti sostenere una vittima quando quella vittima tenta di sostenerlo (o se stessa)? Chiaramente, questo non è necessariamente il caso: si consideri il giocatore di basket che ha difeso una cheerleader con sindrome di down ridicolizzata. È stato raggiunto dai compagni di squadra e l'intero incidente è stato respinto.

Superato questo momento di "benessere", la domanda rimane, e vale la pena tenerla a mente mentre continuiamo a scrivere le risposte sociali al bullismo. Gli astanti devono sostenersi a vicenda, ma le azioni delle vittime rendono più facile per loro farlo?

Torna alla clip di Natalia / Willie.
Un secondo punto correlato riguarda la memoria dell'abuso.
Se questo non fosse stato un evento televisivo, se non ci fosse stata molta protesta per l'incidente, Joe Irvine si troverebbe nella stessa situazione in cui si trovano molti giovani – deriso per aver provato, per essere un patetico aspirante, umiliato pubblicamente, denigrato e bollato un perdente.
Peggio ancora, quel giovane – non diversamente da Joe – potrebbe trovare il video del suo pubblico battuto, forse non su You Tube, ma su un numero qualsiasi di siti privati.
Il pubblico non solo ha aumentato esponenzialmente il pubblico (è, potenzialmente, " tutti "), il ricordo dell'evento non sarà mai massaggiato dal tempo, non sarà mai attenuato.
La vittima non sarà mai in grado di convincersi che "non è stato poi così male" e dissipare la sua vergogna nella riappropriazione dell'esperienza.

Prima dell'avvento dei social media, il ricordo era un processo organico, non il recupero di un'immagine fissa (mentale). Per decenni gli studiosi hanno sostenuto che tutti gli atti di memoria comportano atti di ricreazione . I motivi, le intenzioni, le convinzioni e le istanze associate a qualsiasi evento la infondono, e le azioni che la circondano hanno un significato. Tuttavia, flussi di nuove esperienze e modifiche influenzate dal tempo, dal luogo e dalle nuove informazioni (tutte integrate in strutture di riferimento sociali e personali in continua evoluzione) trasformano costantemente il passato e modificano (non necessariamente diminuiscono) il significato l'evento ha in autobiografia. I fotogrammi di riferimento cambiano costantemente, in funzione del tempo e / o del motivo per cui l'incidente è stato ricordato (compresi i tentativi deliberati di riconsolidamento). Ogni fotogramma posiziona e ricrea la memoria in un modo un po 'diverso e la incorpora nell'autobiografia in modi che potrebbero dare supporto a diverse narrazioni personali.

I video clip, i social media in generale, ricostruiscono questa "pratica della memoria", oggettivando e archiviando i comportamenti, le risposte e le indegnità.
L'esatta conservazione delle esperienze permette di opprimere per sempre l'umiliazione, che non viene erosa dal flusso in movimento di tempo, luogo e nuove informazioni.
I social media rendono difficile de-enfatizzare alcuni aspetti dell'esperienza e aumentare selettivamente gli altri, nel tentativo di far fronte alla vergogna e alla vergogna che l'incidente chiama.

Joe è fortunato. Non solo ha un video ricordo del suo shaming su X-Factor NZ, ha una clip di supporto per il pubblico e una successiva protesta pubblica per il suo bullismo.
Non è per sempre rinchiuso in un'immagine che cattura solo umiliazione e sberleffi.
Ciò aumenta la posta per gli astanti, anche se non necessariamente richiedendo la "documentazione" del loro supporto. Un segno inequivocabile e inconfondibile per le vittime, anche se non catturato dai social media, può ancora essere riconosciuto in memoria, dove può anche crescere, essere nutrito e in grado di resistere all'archiviazione della vergogna da parte dei social media.

Solutions Collecting From Web of "X-Factor New Zealand Judge Bullies Contestant"