Wresting Meaning from Loss

 Library of Congress Prints and Photographs Division.
Fonte: Grief di Augustus Saint Gaudens [Cimitero Rock Creek, Washington, DC], LC-DIG-npcc-31229, Deposito: Divisione Stampe e fotografie della Biblioteca del Congresso.

La perdita è una parte intrinseca del processo di invecchiamento ed essenziale per la maturazione.

Il nostro aspetto giovanile e la nostra vitalità svaniscono. Le amicizie diminuiscono, i matrimoni scoppiano, i genitori invecchiano e muoiono, i figli crescono e intraprendono una vita indipendente. Il contatto con parenti, mentori e i nostri più stretti collaboratori appassiscono.

Inoltre, crescendo, perdiamo la nostra innocenza, la nostra ingenuità e, come diceva Judith Viorst nelle sue classiche riflessioni sulle inevitabili perdite della vita, le nostre illusioni, dipendenze e aspettative non realistiche.

Questo, quindi, è un paradosso essenziale della vita: quella perdita è la tariffa richiesta per la crescita emotiva e psicologica

Viorst identifica diverse forme essenziali di perdita. C'è la perdita della sicurezza che solitamente i genitori forniscono, così come la perdita del proprio sé giovane, la perdita dei propri cari, le illusioni perdute del perfetto romanticismo e di relazioni interpersonali totalmente sicure e soddisfacenti, i sogni e le aspirazioni frustrate che deve essere abbandonato, e la più grave perdita di tutti: il senso di controllo perso su ogni aspetto delle nostre vite.

Il modo in cui le generazioni successive hanno affrontato la perdita si è spostato drammaticamente nel tempo. Così, ha anche il consiglio che è stato offerto per far fronte alla perdita. Prima del XVIII secolo, le dimissioni erano la risposta raccomandata alla morte, inclusa la morte dei bambini. La morte, in questa prospettiva, doveva essere intesa come parte di un piano divino, seppure imperscrutabile.

L'idea di irrobustirsi di fronte alla perdita, di stringere la propria mascella ed evitare l'autocommiserazione, persiste ed è troppo spesso considerata un segno di forza piuttosto che ciò che è veramente: una strategia di evitamento.

Il sentimentalismo estremo era caratteristico dell'era vittoriana. Le anime, hanno dichiarato i ministri, hanno vissuto dopo la morte fisica. Il cielo era raffigurato come una casa dove i membri della famiglia si sarebbero riuniti dopo la morte.

Questo tipo di sentimentalismo sdolcinato è ritenuto inappropriato secondo le sensibilità contemporanee. Viene liquidato come sdolcinato, sdolcinato e eccessivamente emotivo.

Raggiungere la chiusura divenne l'ideale del ventesimo secolo. Il lutto, secondo la psicoanalisi, faceva parte di un processo essenziale di decapitare le emozioni investite in una relazione, in un oggetto, in un'idea o nella prima immagine di sé. Solo attraverso l'accettazione, si diceva, una persona poteva andare avanti. E andare avanti era considerato l'obiettivo finale.

Affrontare la perdita, tuttavia, non è semplicemente una questione di accettare l'inevitabile e lasciar andare. Né si tratta semplicemente di trovare conforto nel rendersi conto che la perdita è inerente alla condizione umana e nel riconoscere che nessuno è immune dalle disgrazie della vita o è in grado di condurre un'esistenza avvolta dalla bolla.

Cosa, allora, dovremmo togliere dalla consapevolezza che la perdita è una parte inevitabile di invecchiare?

Primo, quella perdita deve essere superata. Le perdite devono essere rese consapevoli e riflesse e processate emotivamente.

Inoltre, quella perdita personale dovrebbe renderci più empatici per le disgrazie, le avversità e i lutti sofferti dagli altri. L'unico significato certo che si può trovare nella perdita risiede nella sua capacità di renderci più sensibili, premurosi e sensibili agli esseri umani.

E, cosa più importante, dovremmo considerare la perdita, per quanto possibile, come un veicolo per la maturazione. La chiusura, in caso di grandi perdite, è illusoria. I riverberi della perdita rimangono con noi, innescati da un anniversario o da un altro prompt imprevisto.

La rassegnazione e l'accettazione non sono certamente risposte adeguate alla perdita. Sarebbe un errore abbandonare le nostre fantasie e sogni giovanili e dire "questo è tutto quello che c'è". Invece, la perdita dovrebbe essere uno stimolo a farci diventare più riflessivi, empatici, amorevoli e più saggi. La perdita ci può convincere a diventare indipendenti nel senso più profondo: fare il massimo che possiamo della vita che possediamo.

Solutions Collecting From Web of "Wresting Meaning from Loss"