"Woman's Nation" di Shriver è in realtà una moglie e la nazione di una madre: le prove

Il rapporto Shriver serve matrimonio e maternità obbligatorie. Questa è stata l'affermazione che ho fatto nel mio post precedente. Il rapporto, sostenevo, sembrava semplicemente supporre che quasi tutte le donne volessero sposarsi e avere figli e praticamente ogni donna lo fa. Mette poi queste donne al centro del suo rapporto, emarginando – o addirittura non riconoscendo l'esistenza di – donne che non sposano né hanno figli.

Ho concluso la prima parte con questo:

È l'anno 2009. È tempo passato per dare alle donne e alle donne single che non hanno figli un posto di riconoscimento e rispetto nella nostra società, nelle nostre università, nelle nostre politiche, nelle nostre politiche, nei nostri luoghi di lavoro, nei nostri mercati, nei nostri media e nei rapporti con il titolo "Nazione di una donna". Dovremmo farlo non solo per le donne (e gli uomini) che sono single e non hanno figli. Dovremmo farlo perché fino a quando restiamo single, o decidendo di non avere figli, sono opzioni valutate, quindi matrimonio e genitorialità non sono opzioni, sono obbligatorie.

In questo post, eseguirò il backup delle mie richieste con risme di citazioni e domande del sondaggio tratte direttamente dal Rapporto Shriver. Indicherò anche le implicazioni di tutto ciò che ci manca nelle vite delle donne (e degli uomini) quando ci concentriamo troppo miope sul matrimonio e sulla famiglia. Evidenzierò alcune scoperte straordinarie e di saggezza convenzionale che sfidano il rapporto che sono state pubblicate ma che non sono mai state messe in evidenza. Lungo la strada, ma soprattutto alla fine, valuterò anche molti dei punti di forza del rapporto, e gli autori qua e là che non sono stati così presi dall'ideologia del matrimonio e della famiglia.

Oltre a una prefazione di John Podesta, un'introduzione di Maria Shriver, un sommario esecutivo e un epilogo di Oprah Winfrey, il Rapporto Shriver include altri 13 capitoli. Sparsi in tutto sono 20 brevi saggi (in genere solo due pagine). È in alcuni dei saggi, e in alcuni dei capitoli, che un'illuminazione traspare.

Poiché questo post è più lungo del solito, inizierò con una descrizione di ciò che verrà:

I. Oops, non abbiamo mai nemmeno pensato di includerti! In realtà, non ti abbiamo nemmeno reso realtà!
A. Le domande del sondaggio
B. Gli scritti

II. È dura qui per una coppia. Allora, non è difficile anche per una sola persona?

III. Quello che ci manca quando abbattiamo le donne su un'isola della famiglia nucleare
A. Una mentalità abbandonata si perde sugli amici e su tre gradi di connessione
B. Una mentalità abbandonata manca sul lavoro che è appassionato

IV. Suonare il campanello e scappare:
I risultati straordinari che non hanno alcun titolo

V. Salvare il meglio per ultimo

VI. Parola finale

Non smettere di leggere prima di arrivare alla sezione "Suona il campanello e scappa". Ci sono alcuni sorprendenti risultati del sondaggio descritti qui.

I. Oops, non abbiamo mai nemmeno pensato di includerti! In realtà, non ti abbiamo nemmeno reso realtà!

A. Le domande del sondaggio
Gli americani single e senza figli che affrontano le domande sul questionario di Shriver non hanno bisogno di cercare di generare risposte – possono dire solo dalle domande che non contano. Si consideri, ad esempio, questi tre:

1. "Quale di queste cose, in particolare, dovrebbe cambiare in modo che i genitori che lavorano possano bilanciare equamente il loro lavoro, il loro matrimonio e i loro figli?"

2. "C'è mai stato un tempo in cui volevi prendere una pausa dal lavoro per prendersi cura di tuo figlio o di genitori anziani, ma non sei stato in grado di farlo?"

3. Sei d'accordo o in disaccordo: "Le imprese che non si adattano ai bisogni delle famiglie moderne rischiano di perdere lavoratori buoni".

Ciò che è così esasperante in questo tipo di esempi è che ci sarebbe voluto così poco per averli resi inclusivi. Nella domanda n. 3, ad esempio, semplicemente cambiando la parola "famiglie" con "lavoratori", o addirittura riformulando come "gli americani e le loro famiglie" avrebbe fatto la differenza.

Fortunatamente, non tutte le domande richiedevano il matrimonio e la genitorialità per l'ammissione. Le domande non discriminatorie hanno prodotto occasionalmente risultati knock-your-socks-off. Prendiamo, ad esempio, questo: "È importante essere autosufficienti e non dover dipendere dagli altri?" Il novantotto percento delle donne e il 97 percento degli uomini hanno detto di sì.

B. Gli scritti
Uno degli obiettivi dei movimenti delle donne nel corso degli anni è stato quello di ottenere riconoscimenti per le donne. Ciò che questo significava in passato era così fondamentale che lo fa ancora riflettere, anche a posteriori. Per esempio:
• Non usare la parola "uomini" quando ti riferisci a donne e uomini.
• Se hai intenzione di studiare malattie cardiache (o qualsiasi altra malattia rilevante per uomini e donne), non includere solo uomini nella tua ricerca.
• Non scrivere libri di storia che coprano solo i contributi fatti dagli uomini

Molti degli autori del Rapporto Shriver hanno partecipato al duro lavoro che ha reso le donne parte della nostra coscienza, così come i nostri luoghi di lavoro, scuole, sale riunioni, sale operatorie, squadre atletiche, missioni militari e molto altro ancora. Altri sono studenti di quella storia. In che modo, allora, così tanti di loro hanno buttato le donne single senza figli sul marciapiede, forse senza nemmeno rendersene conto?

Ecco alcuni esempi in cui il Rapporto Shriver sembra non riconoscere nemmeno che esistono donne single, senza figli, o famiglie non familiari, o che sono di alcuna conseguenza.

1. Alla fine della sua prefazione al Rapporto Shriver, John Podesta esprime la speranza che tutti noi ci uniremo agli "sforzi per trasformare le nostre idee in politiche reali che fanno sì che il mondo che ci circonda funzioni meglio per le famiglie". Ma che ne dici di trasformare il mondo a funzionare meglio per TUTTI noi? Più di 38 milioni di americani vivono in famiglie non familiari. Non dovremmo contare anche noi?

2. Nel suo capitolo introduttivo, Maria Shriver ci dice che sta cercando di insegnare alle sue ragazze "a cercare non un salvatore, ma un partner amorevole, solidale e di mentalità aperta". Significa che rimanere single non è un'opzione? Altre giovani donne che leggeranno questo supporteranno che Maria Shriver, e altri come lei, pensino meno alle donne che non si sposano?

2. Il capitolo di Heather Boushey su "The New Breadwinners" è per molti versi un lavoro brillante e significativo. Descrive, per esempio, come una donna che è ugualmente qualificata come uomo in tutti i modi guadagnerà il 5% in meno del primo anno di scuola, e in che modo questo divario iniziale si trasformerà in una voragine solo con la solita pratica del calcolo dei rilanci come una percentuale del salario corrente. Menziona anche donne single qua e là.

Ma guarda alcuni dei tavoli e delle figure. Le differenze tra ciò che affermano di descrivere nei loro titoli e ciò che effettivamente descrivono, sono esempi sbalorditivi della cancellazione delle donne single, specialmente di quelle senza figli, dalla nostra coscienza. Ecco alcuni esempi:

• La figura 2 è intitolata " La nuova forza lavoro ". Grande – le donne single con e senza figli ne fanno sicuramente parte. Cosa mostra effettivamente la Figura 2? La quota di madri che sono capofamiglia o co-impiantisti, dal 1967 al 2008.
• La tabella 1 è intitolata " Portare a casa la pancetta ". Ok, le donne single lo fanno. Ma cosa c'è veramente in tavola? Numeri che dimostrano che le mogli di lavoro portano a casa la metà o più dei guadagni della famiglia.
• La Figura 3 è intitolata " Un'istantanea delle donne lavoratrici di oggi ". Questo include sicuramente donne single, vero? No. I grafici mostrano la percentuale di mogli lavoratrici (divise in vari sottogruppi) che guadagnano tanto o più dei loro mariti.

3. Considera solo questo titolo del capitolo: "Adatto alle famiglie per tutte le famiglie". Un obiettivo lodevole, ma ancora una volta, perché chiudere il libro su tutte le donne nelle famiglie non familiari prima ancora di aver letto la prima parola? Il rapporto si chiama "La nazione di una donna", non "La nazione di una famiglia". Non esiste un capitolo dedicato ai luoghi di lavoro amichevoli, alle pensioni o all'accesso all'assicurazione sanitaria per le persone single – solo un saggio di due pagine.

4. Nel suo capitolo, Michael Kimmel chiede: "Il mondo di un uomo diventa una nazione di donne?". Presenta un caso persuasivo sul fatto che gli uomini stanno diventando più coinvolti nell'assistenza all'infanzia e in altri compiti domestici e che ridondano a proprio beneficio e quello di le loro mogli e figli che stanno facendo così. Ma non c'è posto in questo capitolo, presumibilmente sulla prospettiva di un uomo, per il singolo uomo.

Infatti, Kimmel proclama che una cosa è sempre stata non negoziabile nella ricerca degli uomini per dimostrare la loro virilità: "un vero uomo provvede alla sua famiglia". Ciò significa che c'è anche una seconda cosa: "se la propria identità è avvolta dall'essere un fornitore di famiglia, uno deve avere una famiglia da fornire. "Kimmel sta parlando delle percezioni qui, quindi va bene così come va. Ma non è abbastanza lontano. Kimmel crede che l'innalzamento della coscienza debba estendersi agli uomini, e ha ragione. Ma una consapevolezza che non include un posto di rispetto per le singole persone non sarà mai veramente illuminata, e questo è vero tanto per gli uomini single quanto per le donne single.

5. Nel suo capitolo "Genere pieno di punti interrogativi", Jamal Simmons riflette sulla questione del perché sia ​​impossibile per gli uomini sapere cosa vogliono le donne. Ecco parte della sua risposta: "perché la domanda presuppone che ci sia una risposta uniforme. Invece, sembra che donne diverse rispondano diversamente alla domanda in vari punti della loro vita.
• Ci sono molte donne che iniziano una carriera prima che i loro figli nascano, quindi scelgono di rimanere a casa per qualche tempo mentre i loro figli crescono e tornano sul posto di lavoro più tardi.
• Altri scelgono una carriera e uno sforzo imprenditoriale che consentano loro di lavorare da casa o nelle vicinanze in modo da poter trascorrere più tempo con i loro figli.
• E ancora altre madri lavorano per tutta la vita dei loro figli, bilanciando lavoro e assistenza all'infanzia come meglio possono con i loro mariti e spesso da soli – perché sono single o divorziati o perché i loro mariti sono disoccupati ".

Vedi il problema? Non avere figli non è un'opzione. Più tardi, si avvicina ancora di più a quella possibilità, notando che alcune delle sue amiche affrontano la domanda: "La mia carriera e il mio stile di vita sono più importanti per me che avere figli biologici?" Anche qui, però, non c'è Riconoscere che alcune donne semplicemente non vogliono figli, anche se la carriera o lo stile di vita non sono interpretati come impedimenti.

III. È dura qui per una coppia. Allora, non è difficile anche per una sola persona?

Le donne sposate, il Rapporto Shriver ci dice più e più volte, sono oh così vulnerabili. Gli autori hanno un punto. Ma hanno anche perso altri punti importanti.

Consideriamo, ad esempio, il capitolo "Malato e stanco" di Jessica Arons e Dorothy Roberts, che ha davvero molto da offrire. Comincia bene: "Come molte delle nostre istituzioni, l'assicurazione sanitaria sponsorizzata dal datore di lavoro è stata sviluppata partendo dal presupposto che gli uomini sono i capifamiglia, le donne sono i caregiver, tutti si sposano e tutte le famiglie sono nucleari." Ma guarda come continua: "Solo per questo motivo, il nostro sistema di assicurazione sanitaria fallisce le donne in modo significativo – un quarto delle donne continua a ricevere un'assicurazione sanitaria attraverso i lavori dei loro mariti, il che le rende più vulnerabili alla perdita di copertura se dovesse accadergli qualcosa (viene licenziato ) o il rapporto (divorziano). "Giusto, ma nessuna donna single ha accesso all'assicurazione sanitaria attraverso il piano del coniuge; non sono vulnerabili anche loro? (In tutta onestà, le donne single valutano una frase in tal senso nel capitolo di 34 pagine.)

Il capitolo "Famiglie per tutte le famiglie" di Ann O'Leary e Karen Kornbluh fa argomentazioni simili riguardo alla sicurezza sociale. Anche loro assegnano una sola condanna al singolo lavoratore ed è stupefacente: "Le prestazioni coniugali consentono ai coniugi dipendenti di incassare il 50 percento delle prestazioni di vecchiaia guadagnate dal coniuge che frode – oltre al suo beneficio – in modo che le coppie sposate ricevano 150 percentuale dei benefici di un singolo lavoratore con gli stessi guadagni. "Questo, per me, merita discussione, ma gli autori vanno avanti.

"Il divorzio", proseguono, "rivela il problema di rendere i benefici dei caregivers derivati ​​dai benefici di un coniuge." Ma naturalmente, le persone che sono sempre state single non hanno mai la possibilità di attingere ai benefici di qualcun altro. Inoltre, se sono single e senza figli, i loro benefici non possono andare alla persona di loro scelta dopo la loro morte; i soldi tornano nel sistema. Nel frattempo, i benefici di una persona sposata (che può aver lavorato fianco a fianco nello stesso posto di lavoro per lo stesso numero di anni della singola persona) vanno al coniuge dopo la morte.

Quando il matrimonio e la maternità sono considerati obbligatori – non per affermazione, ma per supposizione, perché nella saggezza convenzionale è così ovvio che sono ciò che ogni donna vuole – allora le donne single senza figli meritano, al massimo, una parentesi. La stessa mentalità del matrimonio obbligatorio ha messo a tacere una nazione per l'ingiustizia di negare il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Questa è un'ingiustizia. Ma l'argomentazione di fondo avanzata dai sostenitori del matrimonio omosessuale – che non dovrebbero essere un tipo particolare di coppia, composta da un uomo e una donna, per qualificarsi alla vasta gamma di benefici e protezioni, è solo una parte di un'ingiustizia più grande – che un americano deve far parte di QUALSIASI tipo di coppia per avere un accesso speciale a tali dignità basilari.

Come ho spiegato in Singled Out, le persone single sono bersagli della discriminazione abitativa, delle disuguaglianze sul posto di lavoro, delle sanzioni fiscali e dell'accesso ineguale all'assicurazione sanitaria, all'assistenza sanitaria e ai benefici pensionistici. Ogni volta che beni, servizi, premi assicurativi, affiliazioni a club o qualsiasi altra cosa sono più economici dalla coppia o dalla famiglia, tali sconti vengono sovvenzionati dalle singole persone che stanno pagando il prezzo pieno.

C'è, fortunatamente, un cenno ad alcune delle non amichevoli donne single sul posto di lavoro nel capitolo di Brad Harrington e Jamie J. Ladge, "Got Talent? Non è difficile da trovare. "Notano che" le donne single devono affrontare barriere per socializzare con i loro colleghi o supervisori sposati a causa di idee sbagliate che possono sorgere, o perché questi sono spesso eventi solo per coppie ". sembra irrilevante, immagina una frase ipotetica parallela: "Le donne di colore affrontano le barriere per socializzare con i loro colleghi o supervisori maschi bianchi a causa di idee sbagliate che possono sorgere, o perché questi sono spesso eventi di soli bianchi".

Pur criticando le disuguaglianze affrontate dalle donne e dalle madri sposate, gli autori capitolari di tanto in tanto fanno un altro fatto lungo la strada – che gli uomini single, e gli uomini che non sono genitori, sono trattati ingiustamente. Ad esempio, nel suo capitolo "Meglio istruire i nostri nuovi capifamiglia", Mary Ann Mason nota che "mentre il matrimonio e il parto spesso fanno deragliare i piani di possesso delle donne, in realtà hanno un effetto positivo sul possesso degli uomini." E in Heather Boushey "The New Breadwinners", mentre espone i suoi pregiudizi nei confronti delle madri sul posto di lavoro, afferma anche che i padri hanno spesso un vantaggio rispetto agli uomini che non sono genitori.

Boushey sottolinea anche la retribuzione ingiusta delle donne: "La tipica lavoratrice a tempo pieno, a tempo pieno, porta a casa 77 centesimi sul dollaro, rispetto ai suoi colleghi maschi". Menziona diversi sottogruppi di donne, come le donne di colore, per le quali il il divario è ancora più grande. Ma per apprendere che "le donne non sposate fanno in media appena più della metà di quello che fa un uomo sposato", i lettori del Rapporto Shriver dovranno arrivare al saggio di due pagine di Page Gardner, "Unico in un mondo incentrato sul matrimonio , "L'ultimo dei 20 saggi della collezione. (Immagina se un libro di storia di 454 pagine includesse solo un saggio di 2 pagine sulle donne).

III. Quello che ci manca quando abbattiamo le donne su un'isola della famiglia nucleare

Le donne nel Rapporto Shriver sono abbandonate su un'isola di famiglia nucleare. Certo, alcune delle mamme non sono sposate, e alcune delle persone associate non hanno figli, e a volte ci sono nonni nella foto. Ma in fondo, è tutto.

A. Una mentalità abbandonata si perde sugli amici e su tre gradi di connessione
Gli americani della vita reale non vivono su un'isola. Anche la donna single non è tipicamente (come suggerito nel saggio a due pagine sui single) "da sola" – almeno non interpersonalmente. Ha spesso reti di amici, familiari, vicini di casa, colleghi di lavoro, tutor e altri. Alcune delle sue amicizie sono durate più a lungo di molti matrimoni. In alcuni studi, non ci sono gruppi di donne che hanno meno probabilità di essere soli in età avanzata rispetto alle donne che sono sempre state single.

Gli americani sono in rete Sono connessi – e non solo nel cyberspazio. Questo era il tema di una cover story di una recente rivista del New York Times e del libro che descrive il fenomeno. Uno dei risultati principali del libro Connected è che la nostra influenza reciproca viaggia abitualmente fino a tre gradi di separazione. Come gli autori documentano, gli amici dei nostri amici amici possono renderci magri – o felici o in salute o politicamente attivi o più ricchi o più gentili, o il contrario di tutte queste cose. [Attenzione, però, in Connected , degli scapoli da scapolo e delle stesse vecchie affermazioni fuorvianti sul matrimonio e la longevità – ho sfatato quelli qui, qui, e qui sul mio blog Living Single.]

Nella sua introduzione alla relazione, Maria Shriver osserva: "Ho appreso che le donne sono affamate di qualcosa che manca nelle loro vite – un luogo in cui connettersi". Tuttavia, le uniche connessioni – di cui sentiamo parlare nella relazione, a qualsiasi distanza – sono luoghi di culto. Persino il luogo di lavoro, il luogo che ha ispirato il momento "aha" di Shriver quando l'equilibrio dei lavoratori inclinati verso le donne, non è immaginato come un luogo per creare connessioni umane significative. Impariamo che le donne sono ancora escluse dalla rete dei vecchi ragazzi e che più donne che uomini pensano che i capi femminili siano più difficili da lavorare rispetto ai capi maschili. Ma noi desideriamo ardentemente di più. Puoi discutere, se vuoi, che il posto di lavoro non è un ottimo posto per l'amicizia (non sono sicuro che io sia d'accordo), ma solo se l'argomento verrà trasmesso. Come ha notato Susan Douglas nel suo meraviglioso capitolo sui media, "Where Have You Gone, Roseanne Barr", i media fanno l'agenda: "Potrebbero non riuscire a dirci cosa pensare, ma sicuramente riusciranno a dirci cosa pensare a."

In un rapporto che ha fatto un lavoro così eccellente nel rappresentare donne di razza, etnia e situazione economica, che ha riconosciuto donne immigrate, che ha lanciato un appello alle donne per unirsi ai sindacati (e non solo ai coniugi), che ha trovato posti per celebrare i risultati di donne e sollecitano maggiori sbancamenti in molti settori – sport, militari, media, politica, religione e altro – queste sono state delle omissioni sorprendenti. Se la nostra è davvero una nazione delle donne, non dovrebbe esserci un posto per gli amici e per le altre persone al di fuori delle nostre famiglie nucleari?

B. Una mentalità abbandonata manca sul lavoro che è appassionato

Si parla molto nella relazione Shriver sull'equilibrio tra lavoro e famiglia (e occasionalmente, più inclusivamente, equilibrio tra vita lavorativa e vita privata). Ci sono molte richieste di modi per ridurre, ridimensionare, aggirare gli orari scoraggianti e rimanere a casa invece di lavorare sul posto. Questi sono tutti buoni obiettivi, condivisi da un numero enorme di lavoratori. Con poche eccezioni, però, sono formulazioni in cui il lavoro è qualcosa da minimizzare o da evitare. (Le eccezioni includono l'eco di Courtney Martin alla richiesta di lavoro di Buechner in cui la nostra "profonda gioia incontra il bisogno profondo del mondo" e Oprah Winfrey esalta il valore di "soddisfare l'intenzione della tua anima".)

Pur riconoscendo che il lavoro è un compito ingrato obbligatorio per troppe persone, mi piacerebbe comunque vedere un rapporto come questo riconoscere che non è, e non dovrebbe essere, per tutti. Ci sono persone che perseguono il loro lavoro e le grandi cause che il loro lavoro avanza, con passione. Forse è una passione onnicomprensiva, tale che il loro lavoro non è "equilibrato" con la famiglia o con la vita, ma è invece al centro della loro vita. Perché non possiamo rispettare e persino celebrare questo, invece di sminuirlo?

Durante tutto il tempo che Ralph Nader ha speso per difendere le protezioni dei consumatori e le leggi solari e l'efficienza energetica e la sicurezza dell'acqua e del cibo e delle automobili, e inveire contro la corruzione del governo e la corruzione aziendale, se si sarebbe realizzato meno se avesse avuto una moglie e dei figli di suo, quindi sono contento che non l'abbia fatto. Quando Sandra Day O'Connor si è dimessa dalla Corte Suprema, ha detto che voleva passare più tempo con suo marito, che era in cattive condizioni di salute. Se fosse stata single, forse non avremmo ora entrambi i giudici Alito e Roberts sulla Corte.

Non tutto il lavoro può soddisfare l'anima o contribuire al bene superiore. Ma non possiamo almeno provare a migliorare ogni posto di lavoro? La proporzione di genere è cambiata al lavoro. Questo, e le sue implicazioni, sono ciò di cui parla il Rapporto Shriver. Non dovrebbe anche essere sui modi per ridurre il tedio e l'oppressione nel lavoro stesso?

IV. Suonare il campanello e scappare:
I risultati straordinari che non hanno alcun titolo

Conosci quel gioco per bambini – suona un campanello, poi scappa. Chi io? Non ho suonato il campanello. No, non c'è nessuno alla porta. Questo è quello che è successo nel testo del Rapporto Shriver e nella storia che accompagna il rapporto della rivista Time.

Ci sono stati alcuni risultati veramente notevoli scoperti dal sondaggio Shriver. Ecco alcuni titoli che potrebbero essere stati scritti su di loro, ma finora non li ho visti:

• "Meno della metà delle donne lavoratrici ritiene che sia molto importante essere sposati"

• "Solo la metà delle donne lavoratrici dice che un matrimonio felice e dei figli è ciò che più desiderano per le loro figlie".

• "Più di tre quarti delle donne concordano sul fatto che è possibile per una donna avere una vita soddisfacente se rimane single".

• "Gli americani classificano il matrimonio per importanza, dietro alla salute, all'autosufficienza, alla sicurezza finanziaria, ad un lavoro soddisfacente, alla fede religiosa e ai bambini".

Tutti questi risultati sono inclusi nelle tabelle e nei grafici del Rapporto Shriver. Ma non troverai una sezione di testo che ribadisca questi risultati e discuti sul motivo per cui gli americani non sono così innamorati del matrimonio come altrimenti potrebbe portare a credere.

La cover story di Time Magazine del 26 ottobre 2009 riguardava il Rapporto Shriver. Nelle pagine di grafici, grafici e statistiche, non ignoravano affatto ciò che una volta aveva chiamato Business Week , in copertina, Unmarried America. Hanno notato che l'età media in cui le donne si sposano per la prima volta (tra coloro che si sposano) è aumentata di cinque anni drammatici da 21 anni nel 1972 a 26 anni nel 2008. In quello stesso periodo, anche le loro carte documentano, c'è stato un raddoppiamento della percentuale di donne di età compresa tra 45 e 54 anni che sono sempre state single. Mostrano, in numeri, l'immersione nella percentuale complessiva di donne sposate in quel periodo di 36 anni.

Il tempo ha anche tracciato quei sette obiettivi (salute, autosufficienza, ecc.) E ha mostrato in numeri che il matrimonio è il massimo. La rivista includeva i grafici delle risposte alla domanda se una donna può avere una vita soddisfacente se rimane single (sebbene vengano mostrate solo le risposte "fortemente d'accordo", non tutti gli accordi).

Nella storia di accompagnamento che ha scritto, però, Nancy Gibbs si è avvicinata a riconoscere queste cose solo in due posti. Nel primo, scrive coraggiosamente che "Tra i cambiamenti più drammatici della generazione passata c'è il distacco del matrimonio e della maternità … Le donne non considerano più il matrimonio come una stazione necessaria sulla strada della sicurezza finanziaria o della paternità". Più tardi, nota che "Uomini e donne esprimono obiettivi di vita molto simili quando vengono interrogati sull'importanza del denaro, della salute, del lavoro e della famiglia". Tutto è abbastanza vero, anche se quest'ultima formula nasconde il fatto che il matrimonio arriva ultimo. Forse il cambiamento più drammatico non è che il matrimonio e la maternità non siano più invischiati, ma che entrambi siano opzionali.

V. Salvare il meglio per ultimo

Lungo la strada, ho menzionato alcuni capitoli e saggi che hanno superato le barriere che chiudono la mente dell'ideologia del matrimonio e della famiglia per offrire piatti più illuminati (ad esempio, le visioni di Courtney Martin e Oprah Winfrey di un lavoro più profondo). Qui voglio evidenziarne altri.

A. Susan Douglas, nel suo vivace saggio sui media, "Where Have You Gone, Roseanne Barr", trasmette molti degli epiteti che ho lanciato alla televisione per anni. Qui ci sono alcune freccette che lei lancia a ritrarre media delle donne. Possa attingere il sangue, e in gran parte:
• "Le giovani donne in America [sono] ritratte come oggetti sessuali superficiali, che combattono i gatti sono ossessionati dalle loro apparizioni e dai loro acquisti"
• "C'è stata una rinascita del dracchio retrogrado che intasava le nostre arterie culturali -" The Man Show ", la rivista Maxim," Girls Gone Wild "e" The Bachelor "- che resuscitano gli stereotipi di ragazze e donne come oggetti sessuali ossessionati dall'amore romantico e uomini piacevoli "
• L'industria cinematografica si concentra su "film polizieschi" in cui le donne sono disperate per sposarsi "
• La tariffa media vende la linea secondo cui "il vero potere viene dal far sì che gli uomini desiderino che tu e altre donne ti invidiate … rafforzare l'idea che l'aspetto di una ragazza sia più importante delle sue conquiste o aspirazioni"
Per farle capire che è ancora più bruciante, Douglas esamina una ricerca che mostra che questi ritratti oggettivati ​​delle donne sono importanti, e non in senso positivo.

B. In "Condividere il carico", Stephanie Coontz descrive l'effetto dell'indipendenza: "Quando il matrimonio era basato sulla mancanza di opzioni alternative da parte della donna piuttosto che sul reciproco rispetto o interdipendenza, allora una donna che acquisiva risorse educative ed economiche era davvero una minaccia per la stabilità del matrimonio. "Prosegue concludendo:" Ora che le donne hanno così tante più opzioni al di fuori del matrimonio e gli uomini hanno un'autorità così meno arbitraria al suo interno, [tutti noi abbiamo bisogno di capire che] l'"effetto di indipendenza" di oggi è buono per le donne e gli uomini sposati e non sposati. "Questo è in accordo con il mio punto principale in questi due post: Quando vivere single è una scelta, allora anche il matrimonio è una scelta – e una migliore di quando è obbligatoria.

C. Alcuni dei saggi ci offrono uno spaccato della vita delle donne che è più grande, più ampia, più significativa e più inclusiva che in gran parte del resto della relazione. Anna Deavere Smith, in "Obiettivi e Valori", Miriam W. Yeung, in "Lusty" e Malika Sada Saar, in "Non farmi addossare il ponte", tutti riconoscono che le nostre vite interpersonali non si fermano al nucleare il margine della famiglia.
• Smith spera in una maggiore "immaginazione sull'estensione dei cerchi di cura al di fuori di me e dei miei".
• Yeung esprime il suo "profondo apprezzamento per le modalità in cui le reti di amici si uniscono come famiglia prescelta per prendersi cura l'una dell'altra".
• La Saar rileva che esistono "reti organiche che dovrebbero essere coltivate" e ci spinge a "rivolgerci l'un l'altro come donne, attraverso le divisioni di razza, etnia e reddito". Il suo obiettivo è la co-maternizzazione, ma io credo che una chiamata simile sarebbe un suono gradito anche a molte altre donne.

D. Su un tema diverso, Suze Orman, in "Money Matters", prende in considerazione la genitorialità intensa e il mito della mamma offrendo questo consiglio: "Le donne hanno bisogno di sentirsi grandiose nell'usare i loro sudati soldi per finanziare un Roth L'IRA invece di usare i soldi per comprare più cose di cui i bambini già curati non hanno davvero bisogno. "(Personalmente, adoro rovinare mia nipote e mia nipote, comunque, punto preso).

VI. Parola finale

Nella sua recensione e critica del Rapporto Shriver al Women's Media Center, Gloria Steinem ha affermato che "chiunque abbia un interesse nell'aumentata uguaglianza ha anche un interesse nel successo di The Shriver Report ." Anch'io condivido la speranza di Steinem che "governo e le imprese dovranno adeguare le politiche per soddisfare i bisogni delle donne come genitori e lavoratori al fine di mantenere l'economia in corso, e anche che più uomini si abitueranno alle donne come collaboratori e co-responsabili indispensabili, e quindi aumenteranno la loro quota di lavori di casa e assistenza all'infanzia. "Ma davvero, tu sei Gloria Steinem. L'obiettivo di onorare i molti modi significativi di condurre una vita non è tanto importante quanto quello di indurre gli uomini a fare più piatti e pannolini?

Solutions Collecting From Web of ""Woman's Nation" di Shriver è in realtà una moglie e la nazione di una madre: le prove"