Win-winism: fede libertaria e pop-psych nelle soluzioni win-win

La scorsa settimana ho scritto una critica a una fede new age vagamente incerta, ma comunque influente, in soluzioni win-win che risolvono tutto. Oggi voglio parlare del suo equivalente in economia e suggerire un parallelo tra la bontà della new age e il libertarismo del Tea Party che sarà oggetto di un articolo successivo.

Il capitalismo del libero mercato è un sistema che genera vittorie fino a quando non ci sono più vincite da vincere, fino a quando un mercato raggiunge quello che viene chiamato Pareto-optimality, uno stato in cui non c'è "più spazio per un accordo", no più transazioni che sarebbero viste da entrambe le parti a loro vantaggio. Al di là di Pareto-ottimalità qualsiasi transazione che sarebbe a vantaggio di una delle parti sarebbe a svantaggio di un'altra parte, in altre parole, una vittoria-perdere.

Un mercato è considerato "efficiente" quando non ci sono vincoli che potrebbero ostacolare il raggiungimento di questo stato di massima soddisfazione per entrambe le parti. Un mercato regolamentato che limita la vendita di alcuni prodotti non sicuri è definito "inefficiente". Da questa prospettiva del libero mercato, se c'è una parte che vuole vendere eroina, e c'è un'altra parte che vuole far festa ed è disposta a separarsi con i soldi per quell'eroina, c'è spazio per un accordo vincente ed è inefficiente per costringere le parti a impedire la transazione.

Fatta eccezione per i libertari (estremisti del libero mercato), gli economisti sono pronti a sottolineare che l'efficienza non è tutto. La società ha obiettivi che non possono essere raggiunti affidandosi esclusivamente alle vittorie. Anche se c'è un accordo win-win in quella vendita di eroina, è una perdita per la società nel complesso. Allo stesso modo, anche se gli indigenti non possono pagare il cibo e quindi non possono impegnarsi in una situazione vantaggiosa per entrambe le parti con il venditore di generi alimentari, la società preferisce non lasciare morire l'inedia. Le incompatibilità tra l'efficienza del mercato e gli obiettivi della società sono chiamate "imperfezioni del mercato".

I governi intervengono per scoraggiare alcune attività (vendite di eroina tra adulti consenzienti) e incoraggiare altri (vendite di cibo agli indigenti) per creare effettivamente inefficienze di mercato che compensino le imperfezioni del mercato. I governi, in effetti, mettono i pollici sulle scale, scoraggiando alcune vittorie e incoraggiando alcune vincite. Hanno un numero di strumenti a loro disposizione per farlo. Leggi che vietano la vendita di eroina, tasse che scoraggiano la vendita di tabacco, leggi che costringono la vendita di servizi medici ai poveri, sussidi come buoni alimentari che danno ai bisognosi i mezzi per acquistare cibo quando altrimenti non potrebbero.

Un modo per pensare a questo è che non ci sono davvero due occasioni per le feste. Ci sono sempre tre partiti: i due che fanno affari e società. Quello che vogliamo veramente è vincere per vincere, dove tutti sono felici. Ce ne sono molti. Compriamo prodotti da persone che vogliono venderli e benefici per la società in generale. Ma dal momento che non tutte le offerte sono vincenti, vincere qualcuno deve fare sacrifici. Io pago le tasse – una perdita per me – ma una vittoria per la società. Le aziende che vendono prodotti pericolosi perdono vendite a causa delle imposte sui loro prodotti (le tasse del peccato sono chiamate), una perdita per loro ma ancora una volta per la società. Sogno di risolvere tutto con soluzioni win-win-win ma in pratica ci devono essere alcune perdite.

Un altro modo per vederlo è che la società è, in parte, te e me, che rappresenta il nostro giudizio migliore. Voglio fare offerte che mi avvantaggiano oggi, ma il mio giudizio migliore non vuole che io faccia delle offerte oggi che mi feriscono domani, anche se oggi sarebbero vere per me. Quindi vinco quando la società vince, o meglio il mio giudizio migliore vince anche se le mie preferenze immediate perdono.

Di passaggio noterò che questo è un compromesso alla Regola d'oro. Quello che avrei fatto a me è che potrei vincere sempre e seguendo la Regola d'oro, vorrei che lo stesso per te. Ma a volte perdiamo comunque. Per far funzionare la regola d'oro, dobbiamo a volte rompere la regola d'oro. Lo chiamo Paradosso d'oro.

Il governo, nella sua forma migliore, può fungere da ombrello politico per tutti noi, osservando più lontano nel tempo e nello spazio, nel tempo, tendendo a ciò di cui avremo bisogno in età avanzata e ciò di cui i nostri figli avranno bisogno; e oltre lo spazio ai bisogni di altri come noi, di altri che si trovano in una situazione che non potremmo, ma che potrebbero tuttavia trovarci nei poveri, ad esempio, che forse non siamo oggi ma che un giorno potrebbero ricevere le vicissitudini della vita.

Dico il nostro giudizio migliore e qui sta lo sfregio. Il mio miglior giudizio non è il mio costante giudizio. Lampeggia a fuoco molto meno frequentemente del mio immediato giudizio impulsivo. Questa è la condizione umana. Siamo tutti nati credenti nei nostri impulsi, desiderando vincere sempre. Dobbiamo imparare a sacrificare e l'apprendimento non è facile. Diventa particolarmente difficile durante le recessioni e le delusioni, quando le aspettative che una volta venivano soddisfatte non sono più soddisfatte. Diventiamo piagnucoloni quando perdiamo i nostri vantaggi e partner, e quando improvvisamente la società ci sorprende con un nuovo giudizio migliore chiama all'azione per prevenire gravi catastrofi a lungo termine come la crisi climatica. Il nostro primo impulso è urlare "Restituiscici le nostre cose! Chiediamo di più! "

Retorici ingegnosi e inventivi che siamo, dobbiamo inventarci un modo per urlare questo senza sembrare dei pignoli. Non è difficile. Dacci un minuto e possiamo escogitare una crociata morale a sostegno di tutto ciò che vogliamo. Ecco un esempio:

Le vittorie-vincite sono migliori di quelle vincenti. Sono più efficienti e l'efficienza è buona. Fidati dell'efficienza Fa il miglior mondo possibile. So che sto chiedendo di vincere qui, che non devo pagare nuove tasse, ma in realtà non si tratta di me. Sto cercando la società quando dico lasciami vincere qui.

Questo è il pianto del Tea Party. È il cuore del libertarismo. Sì, ho appena detto che siamo tutti nati libertari.

C'è stato a lungo un dibattito su quanto l'intervento del governo sia appropriato, in sostanza su come lasciare che le cose si stabilizzino a Pareto-ottimalità attraverso mercati efficienti e quanto compensare le imperfezioni del mercato risultanti. Gli argomenti pro e contro sono basati su una combinazione di teoria e prove storiche.

Non è possibile progettare un insieme di circostanze migliori rispetto agli ultimi cinque anni per aver guidato un caso in cui l'efficienza del mercato non è tutto e l'intervento del governo è assolutamente necessario. Ultimamente, lasciando che l'efficienza del mercato abbia la sua strada più che mai e tagliando l'intervento del governo, abbiamo davvero fottuto il cagnolino. E il cane è noi (Vedi l'editoriale qui sotto).

Sta dicendo che anche se tutte le nostre recenti catastrofi indicano i limiti dell'efficienza, i libertari in qualche modo sembrano interpretare tutto come una giustificazione per la loro tesi che il governo è cattivo e che i mercati dovrebbero essere lasciati in pace. Ciò che dice, è proprio come sono i libertari ideologici e idealisti. Esse non sono solo un intervento dell'intervento del governo, ma dell'intervento di prove e di eventuali idee complicate. Hanno tre idee che detengono più sacrosanto del più insignificante seguace di Jim Jones:

Il governo è meno efficiente degli affari.
L'efficienza del mercato è tutto.
Le persone (I) vogliono vincere quindi dovremmo lasciarli (io).

Ultimamente ho cercato una nuova definizione di progressismo, la controspinta a tale follia. Considero la domanda sinonimo di filosofia: cos'è la saggezza? Vedi, non è come cercare di capire cosa qualifica qualcuno come membro della mia rock band. Non mi interessa il progressismo come una delle tante offerte. In realtà non so come lo chiameresti, né mi interessa. Quando mi chiedo cosa sia un progressivo, intendo davvero quale sia l'atteggiamento giusto per affrontare la combinazione odierna di confusione e opportunità spettacolari, non facile da distinguere l'una dall'altra da questo punto di vista.

Per me la saggezza o il progressismo o entrambi non possono essere definiti da ciò in cui credi, ma da come arrivi a credere. Il mondo cambia e la domanda di interesse è come si traccia e si adatta ai cambiamenti. Il nemico della saggezza è l'ideologia di ogni rigo, la fiducia in un approccio a regola unica. Tuttavia ciò appesantisce la saggezza nel decidere quali regole applicare quando. Ecco perché la saggezza deve essere su come interpretiamo piuttosto che semplicemente quali sono le nostre interpretazioni. Ho un sacco di amici progressisti che sembrano pensare che le nostre convinzioni e principi siano ciò che definisce il movimento: "Credo che il matrimonio gay dovrebbe essere permesso e che la guerra in Iraq è stata un errore. Questo è ciò che mi rende progressista. "Ora vedo che io e i miei amici progressisti abbiamo fatto cattive scommesse. La nostra opposizione al nucleare e all'ingegneria genetica non mi sta guardando molto bene ultimamente (vedi l'eccellente libro di Stewart Brand Tutta la Disciplina della Terra per i motivi per cui) ho l'obiettivo di imparare dai nostri errori e dagli errori fatti dalla nostra opposizione. Non intendo solo cambiare posizione politica basandomi su nuove intuizioni, ma migliorando sempre metodologie per decidere come vivere e cosa difendere.

Alcuni take-away da questa esplorazione:

Nessuna soluzione adatta a una regola.
Fai attenzione al mio libertario interiore che esige che il mio giudizio migliori firmi sui miei impulsi immediati.
Non tutto ciò che merita di essere realizzato può essere realizzato con vincite immediate immediate.

La crisi del regolamento
James Surowiecki
14 giugno 2010

Alcune settimane dopo che la piattaforma petrolifera Deepwater Horizon della BP esplose e il greggio iniziò a sputacchiare nel Golfo, Ken Salazar, il Segretario degli Interni, ordinò la separazione del Servizio Gestione dei Minerali, l'agenzia che si supponeva fosse incaricata delle trivellazioni offshore. Era una morte ben meritata: durante lo scorso decennio, i funzionari dell'MMS avevano permesso alle compagnie petrolifere di cambiare il governo sui pagamenti per il leasing petrolifero, accettare regali dai rappresentanti dell'industria e, in alcuni casi, letteralmente dormire con le persone che stavano regolando. Quando l'industria ha protestato contro i nuovi regolamenti proposti (comprese le regole che avrebbero potuto impedire lo scoppio della BP), l'MMS ha fatto marcia indietro. Franklin Delano Roosevelt, quando assunse il famoso manipolatore di azioni Joseph P. Kennedy come il primo capo della SEC, disse: "Costruisci un ladro per catturare un ladro". Il modus operandi dell'MMS era più come mettere un ladro per aiutare gli altri ladri a scappare. con il bottino.

Il cattivo comportamento dell'MMS era insolitamente eclatante, ma è difficile pensare a un recente disastro nel mondo degli affari che non sia stato favorito da una regolamentazione inetta. I regolatori minerari hanno permesso a operatori come Massey Energy di infrangere le regole di sicurezza. I regolatori finanziari hanno permesso a AIG di scrivere oltre mezzo trilione di dollari di protezione del credito senza fare rumore. La SEC non riuscì a individuare le frodi di Enron e WorldCom, diede a Bernie Madoff un buono stato di salute, e decise di lasciare che le banche d'investimento di Wall Street assumessero oscene quantità di leva finanziaria, mentre altri regolatori ignoravano una miriade di frodi e avventatezza nel subprime- mercato ipotecario.

Questi fallimenti non erano incidenti. Erano il risultato fin troppo prevedibile del fervore deregolamentazione che ha attanagliato Washington negli ultimi anni, spingendo il messaggio che la maggior parte della regolamentazione è nel migliore dei casi non necessaria e decisamente dannosa nel peggiore dei casi. Il risultato è che le agenzie sono state spesso guidate da persone scettiche nei loro doveri. Questo ci ha dato il peggio di entrambi i mondi: troppa poca supervisione ha incoraggiato l'incoscienza delle imprese, mentre l'esistenza di queste agenzie ha incoraggiato l'autocompiacimento pubblico.

Gli ovvi problemi dell'innesto e della porta girevole tra governo e industria, in altre parole, erano in realtà sintomi di una patologia più fondamentale: il regolamento stesso veniva delegittimato, visto come poco più che lo strumento degli indaffarati Washington. Questo punto di vista è stato esacerbato dal modo in cui la regolamentazione funziona negli Stati Uniti. Troppi regolatori, ad esempio, sono nominati politici, anziché funzionari pubblici. Ciò erode il tipo di identità istituzionale che aiuta a creare l'esprit de corps, e spesso porta a politiche politiche di successo. Il Congresso, nel frattempo, assume spesso un atteggiamento carestia o festivo nei confronti dei finanziamenti, allocando meno denaro quando i tempi sono buoni e reinventando i bilanci regolamentari dopo l'inevitabile disastro. (Nel 2006 e nel 2007, ad esempio, il Congresso ha effettivamente tagliato il bilancio della SEC, anche se la bolla immobiliare stava scoppiando.) Ciò rende difficile per le agenzie svolgere un lavoro coerente. Contribuisce anche al senso che la regolamentazione è qualcosa su cui è giusto lesinare.

Dato che spendiamo ancora decine di miliardi di dollari per la regolamentazione ogni anno, può sembrare strano che gli atteggiamenti contino molto. Ma la storia della regolamentazione sia qui che all'estero suggerisce che il modo in cui pensiamo ai regolatori e il modo in cui pensano di se stessi, ha un profondo impatto sul lavoro che svolgono. Il politologo Daniel Carpenter, in "Reputation and Power", la sua nuova magistrale storia della FDA (una delle poche agenzie che è stata costantemente efficace), sostiene che una chiave del successo della FDA è stata la dedizione dei suoi membri a proteggere e migliorare la sua reputazione per competenza e vigilanza. Questa reputazione, a sua volta, ha reso le aziende che la FDA regolamenta più disposte a rispettare la sua autorità. Ma questa è una rara storia di successo. Nella maggior parte degli altri casi, poiché l'idea di regolamentazione ha iniziato a sembrare meno legittima, le autorità di regolamentazione sono diventate meno efficaci e le aziende si sono sentite più libere di ignorarle.

Lo psicologo sociale Tom Tyler ha dimostrato che l'accettazione della legittimità di una legge è il fattore chiave per convincere la gente a obbedire. Quindi riformare il sistema non significa scrivere una serie di nuove regole; si tratta di elevare lo status di regolamentazione e regolatori. Più soldi non farebbero male: come sottolineano gli economisti conservatori George Stigler e Gary Becker, pagare gli stipendi competitivi dei regolatori (come ad esempio a Singapore, che ha una delle burocrazie meno corrotte e più efficienti del mondo) attrarre talenti e ridurre le tentazioni della corruzione. Manderebbe anche un messaggio sul valore di ciò che fanno i regolatori. Questo è importante, perché ciò che i teorici politici Philip Pettit e Geoffrey Brennan hanno chiamato "l'economia della stima" è cruciale per far funzionare il servizio pubblico. Offrendo ai regolatori il tipo di ricompense di reputazione che, per esempio, i soldati oi pompieri ottengono otterrà loro più facile sviluppare un senso simile di scopo comune.

Ciò non significa che il governo debba iniziare a pubblicare i calendari "Men of the SEC", ma ha bisogno di instillare nei regolatori la sensazione che le loro azioni contino. Come sostiene Carpenter in un recente saggio, una regolamentazione efficace, colmando le lacune informative e gestendo il rischio, favorisce la fiducia nella sicurezza e nell'onestà dei mercati, che a sua volta li rende più grandi e più solidi. L'industria farmaceutica, ad esempio, sarebbe molto più piccola se le persone fossero seriamente preoccupate di poter essere avvelenate ogni volta che assumevano un nuovo farmaco. E sebbene i dirigenti si preoccupino della regolamentazione finanziaria, la protezione che fornisce rende gli investitori molto più propensi a consegnare loro denaro con cui giocare. Se vogliamo che i nostri regolatori facciano meglio, dobbiamo abbracciare un'idea semplice: la regolamentazione non è un ostacolo al libero mercato prospero; è una parte vitale di loro. ♦

Solutions Collecting From Web of "Win-winism: fede libertaria e pop-psych nelle soluzioni win-win"