Willpower svolge un ruolo nel recupero delle dipendenze?

Ormai, la ricerca è chiara: la dipendenza è una malattia cronica del cervello, non una questione di forza di volontà. Ciò significa che, contrariamente ai vecchi stereotipi, le persone che diventano dipendenti da droghe o alcool non sono deboli, immorali o tragicamente difettose.

Quindi, se la dipendenza è una malattia cronica del cervello e non una questione di forza di volontà, perché il lavoro per migliorare? Non è inutile? Non così. Le tossicodipendenti iniziano a migliorare quando si assumono la responsabilità della propria sobrietà. Se qualcuno ti ha spinto nel fango, non è colpa tua se sei sdraiato a faccia in giù in una pila di melma. Ma se continui a giacere lì dopo che se ne vanno, credendo di non essere in grado di cambiare la situazione, rimarrai in quel fango per molto tempo. Lo stesso vale per la dipendenza. Non è colpa tua se hai questa malattia, ma è tua responsabilità gestire le carte che ti sono state distribuite e prendere provvedimenti per migliorare la tua vita.

Come sa chiunque abbia provato a rinforzarsi nella propria capacità di recupero, la forza di volontà da sola raramente è sufficiente per superare la dipendenza. La maggior parte dei tossicodipendenti, a un certo punto, vuole smettere. Tagliano i legami con gli amici tossicodipendenti, si liberano della loro scorta di droghe, fanno promesse sincere ai loro cari e, senza i supporti appropriati, molti ritornano prontamente alle loro vecchie abitudini. Questo schema è comune, non importa quanto sia forte la volontà del tossicodipendente in passato o quanto siano intelligenti, disciplinati o laboriosi.

The Paradox of Surrender and Willingness

Sebbene la dipendenza non sia causata da una mancanza di forza di volontà, ciò non significa che la forza di volontà è un concetto inutile in ripresa. In realtà, la disponibilità è fondamentale per il recupero delle dipendenze. I programmi di dodici passi chiamano il tossicodipendente, in una apparente rinuncia alla forza di volontà, a riconoscere la propria impotenza per droghe e alcol e per chiedere aiuto. Paradossalmente, abbandonando la propria volontà e riconoscendo di non avere tutte le risposte, i tossicodipendenti trovano la volontà di riprendersi.

Un interessante studio di Ibrahim Senay dell'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign fornisce supporto scientifico ai concetti di recupero della resa e dell'apertura. Ha scoperto che le persone che hanno tenuto le loro menti aperte ("Farò questo?") Erano più orientate agli obiettivi e più motivate delle persone che hanno fermamente dichiarato il loro obiettivo ("Farò questo"). Avere la libertà di scelta sembrava creare una motivazione più intrinseca – e quindi una maggiore probabilità di astinenza a lungo termine – piuttosto che sentirsi obbligati a prendere una particolare linea d'azione.

Quando la forza di volontà è insufficiente

Il recupero richiede un atto di fede, supportato dalla volontà di ammettere un problema e assumersi la responsabilità delle proprie scelte insieme alla motivazione a lavorare su un programma di recupero. La decisione di mettere in primo piano il recupero richiede di evitare le persone, i luoghi e le cose che scatenano il tuo desiderio di usare droghe. Richiede anche un'appropriata cura di sé; ad esempio, seguire una dieta sana, esercitarsi, dedicare tempo al divertimento sobrio e rimanere in sintonia con le proprie emozioni.

Cosa succede quando la tua forza di volontà diminuisce e perdi interesse nel tuo programma di recupero? Qui è dove avere una rete di supporto sociale composta da famiglia, amici, colleghi in recupero, uno sponsor e altri diventa essenziale. Quando la tua motivazione è in ritardo, saranno lì per ricordarti perché sei impegnato per la tua guarigione e per aiutarti a rimanere in pista. Secondo i ricercatori della Florida State University, dove l'autocontrollo è carente, può essere appreso attraverso la terapia e altre forme di trattamento.

La forza di volontà non è la via per la dipendenza, ma fa parte del modo di uscire dalla dipendenza. Naturalmente, la forza di volontà è solo una parte del puzzle. Proprio come qualcuno con il diabete richiede farmaci e cambiamenti nello stile di vita per gestire con successo la loro malattia, avrete bisogno di nuove capacità di coping, un sistema di supporto, educazione sulla malattia della dipendenza e nuove routine per rimanere pulito e sobrio per la vita.

David Sack, MD, è membro del consiglio di amministrazione in psichiatria della dipendenza e medicina delle dipendenze. In qualità di CEO di Elements Behavioral Health, supervisiona una rete di centri di trattamento delle dipendenze che includono centri di riabilitazione Promises, The Ranch, The Recovery Place e Right Step.

Solutions Collecting From Web of "Willpower svolge un ruolo nel recupero delle dipendenze?"