Will To To Bone scatenerà disturbi alimentari?

Kristen Fuller
Fonte: Kristen Fuller

Netflix lo ha fatto di nuovo, prima con il loro controverso rilascio di 13 Reasons Why e ora con il loro prossimo rilascio To the Bone, un film che potrebbe potenzialmente affascinare i disordini alimentari e potrebbe favorire innaturali e pensieri malsani in coloro che stanno lottando con un'alimentazione disordinata. To the Bone, che uscirà il mese prossimo, racconta la storia della ventenne Ellen, che lotta con l'anoressia nervosa ed entra in una casa di recupero di gruppo per il trattamento. Mentre il regista del film dice che il film è inteso come "un inizio di conversazione su un argomento che è troppo spesso oscurato dalla segretezza e dai pregiudizi", i critici dicono che il film rischia di affascinare e banalizzare l'anoressia. In questo rozzo trailer, il personaggio di Collins è visto contare le calorie ed è sottile come una rotaia, che è noto per essere emotivamente innescante per gli spettatori che stanno lottando con disturbi alimentari o sono in recupero. Inoltre, il glamour e la banalizzazione dei disturbi alimentari possono anche essere potenzialmente rischiosi per le persone che non hanno ancora sviluppato un disturbo alimentare, ma che sono stati coinvolti in pensieri e comportamenti non salutari associati a un'alimentazione disordinata.

Kristen Fuller
Fonte: Kristen Fuller

Raffigurante tra realtà e finzione

I mezzi di comunicazione spesso ingigantiscono la perdita di peso e il desiderio di essere magri, con il risultato che molte ragazze giovani di 8 anni si impegnano in diete nocive e conteggio delle calorie. Inoltre, i disturbi alimentari sono falsamente ritratti nei media come disturbi delle donne magre, giovani e caucasiche, tuttavia i disturbi alimentari colpiscono individui di ogni dimensione, età, forma e genere. Un uomo di 35 anni in sovrappeso può essere alle prese con un disturbo alimentare allo stesso modo di una femmina adolescente giovane e magra. Un altro malinteso comune sui disturbi alimentari è il continuo mescolarsi tra anoressia nervosa e bulimia nervosa, quando in realtà sono due disturbi molto diversi. Molte persone credono che l'anoressia nervosa implichi la limitazione del cibo, mentre la bulimia nervosa comporta abbuffate e spurgo, tuttavia l'anoressia nervosa ha due sottotipi: il sottotipo restrittivo e il sottotipo di abbuffata e spurgo. La principale differenza tra questi due disturbi è il peso. Gli individui con anoressia nervosa non sono in grado di mantenere il peso minimo quando gli individui con bulimia nervosa sono di peso normale o addirittura sovrappeso.

La verità sui disturbi alimentari

Milioni di persone negli Stati Uniti sono colpite quotidianamente da disordini alimentari e l'anoressia nervosa è considerata la più alta percentuale di mortalità da qualsiasi disturbo di salute mentale, rendendo questo e altri disturbi correlati un problema molto serio. Anoressia nervosa, disturbo da alimentazione incontrollata, bulimia nervosa, disturbo evitante / restrittivo dell'assunzione di cibo e pica sono i disturbi alimentari più noti che si possono trovare nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta edizione (DSM V). I disturbi alimentari, in media, durano dai sei agli otto anni, che è una buona parte della vita di un individuo. Sebbene il cibo e il peso siano il fulcro di un disturbo alimentare, raramente il cibo è la causa di tali disturbi. Trigger sottostanti che sono noti per causare disturbi alimentari includono abuso passato o trauma, bassa autostima, bullismo, relazioni parentali povere, disturbo borderline di personalità, abuso di sostanze, disturbo autolesionistico non suicida (NSSI), una personalità perfezionista, difficoltà comunicare emozioni negative, difficoltà a risolvere conflitti e genetica.

L'attuale spettacolo Netflix non sarà pubblicato fino ad agosto e fino ad ora, le uniche immagini che sono state rese pubbliche sono dal trailer. I professionisti del disordine alimentare in tutto il mondo sperano che il film offra un approccio consapevole e veritiero ai disturbi alimentari senza alcun trigger importante, ma solo il tempo lo dirà. Finora, il trailer ha ricevuto una risposta mista online. La sceneggiatrice e regista del film, Marti Noxon, che ha basato il film sulle sue esperienze, ha dichiarato: "Il mio obiettivo con il film non era quello di affascinare i disordini alimentari, ma quello di iniziare una conversazione su un argomento che è troppo spesso offuscato dalla segretezza e malintesi “.

Kristen Fuller
Fonte: Kristen Fuller

Solutions Collecting From Web of "Will To To Bone scatenerà disturbi alimentari?"