When Boys Do not Cry: Women's History Month

I recenti periodi di lutto nazionale ad Haiti e in Cile mi hanno fatto pensare a come le persone si addolorano.

Storicamente, il lavoro di lutto è spesso caduto sulle spalle delle donne – sorelle, madri, figlie.

C'è, apparentemente, un aspetto di genere del lutto.

Le donne, nel tempo e nella cultura, generalmente si aspettano di eseguire il lutto per le loro famiglie e comunità? Ci sono culture particolari dove questo è più prevalente di altri?

Nell'antica Grecia, la pratica delle donne sacrificando i loro capelli ai morti era così comune che una parola greca che significava tagliare i capelli era usata come sinonimo di "piangere".

Il monarca regnante più lungo nella storia britannica, la regina Vittoria, è andato in anni di lutto prolungato dopo la morte del principe Alberto durante il quale ha indossato abiti neri e gioielli jet. Insisteva perché l'attrezzatura da barba di Albert venisse portata nella sua camera da letto ogni giorno, anche dopo la morte .

Nell'Inghilterra vittoriana, le consuetudini del lutto si applicavano più alle donne che agli uomini. Chiesero un guardaroba rigoroso di moda oscura, gotica e un complesso insieme di rituali. Subito dopo gli specchi di morte sarebbero stati ricoperti di crepe nera (per evitare che lo spirito del defunto rimanesse intrappolato nella superficie riflettente) e gli orologi fatti fermare.

Le donne degli altopiani della Papua Nuova Guinea hanno tagliato parte del loro dito sopra la prima articolazione come parte dei riti funebri per i parenti maschi. Come l'etnografo Ingrid Gascoigne lo descrive:

"La cerimonia del taglio delle dita è vista come un segno di dolore e un sacrificio per placare gli spiriti ancestrali. Un membro maschio della tribù che esegue il rituale colpisce forte il gomito della donna in lutto su una pietra per intorpidire il braccio prima che usi una piccola pietra per stringere il dito contro l'articolazione. Il ceppo restante è avvolto in piante curative e la mano è legata in una foglia di banana. " (Papua Nuova Guinea, Gascoigne, pag 55)

Oggi, in Medio Oriente, i rituali di lutto sono un obbligo sociale per le donne irachene. Betool Khedairi racconta le convenzioni del lutto praticate sulla scia dell'invasione americana:

Le donne "siedono a terra sui materassi con le altre signore, bevono caffè amaro e le ascoltano raccontando gli atti di bontà del defunto durante la loro vita. È tradizionale offrire sacchi di riso, olio da cucina o farina, che sarebbe gradita ora, o un pezzo di stoffa nera. Se non riuscirò a unirmi al pianto collettivo, dovrò mostrare il mio dolore dicendo: "Dio benedica la sua anima" ogni volta che il lamento si calma. "

Quando le persone non possono lamentarsi delle loro perdite, diventano ciò che Vamik Volkan chiama "perenni in lutto". Sono congelati nel processo di lutto. Non possono lasciare andare le loro perdite – così le ricordano continuamente.

Una società, come un collettivo etnico, nazionale o religioso, può anche soffrire di lutto irrisolto. Volkan raccomanda di prestare particolare attenzione ai "punti caldi" culturali per aiutare i gruppi a lavorare attraverso traumi condivisi: monumenti, memoriali, campi di battaglia storici.

Questi sono luoghi carichi di intense emozioni di gruppo, di solito dove i propri cari sono stati umiliati o uccisi. Abbiamo bisogno di creare un dialogo interculturale intorno a tali siti, che a volte comporta il riconoscimento di azioni illecite da parte di un gruppo nemico e scuse formali.

Possiamo anche incoraggiare i nostri uomini a piangere.

Questo dipinto, " Black Men Do not Cry ," (30 x 40, olio su tela) è stato creato dall'artista americano William Taylor.

Taylor ha dipinto questa foto perché "Stavo giocando a basket con mio nipote e lui è caduto e si è rotto un braccio e stava lottando così duramente per non piangere perché sentiva che avrei pensato che fosse debole".

Taylor descrive i suoi dipinti come "storie" personali ed è fortemente influenzato da Outsider Art.

_____________________

Seguimi: http://twitter.com/mollycastelloe

Riferimenti:

Ingrid Gascoigne, Papua Nuova Guinea: Culture del mondo . Libri di riferimento: Tarrytown, NY, 1998.

Solutions Collecting From Web of "When Boys Do not Cry: Women's History Month"