Westworld, Emotion and the Dilemma of Machine Consciousness

 Westworld, HBO
Fonte: fonte: Westworld, HBO

Nella prima parte di questo articolo, abbiamo iniziato ad esplorare i dilemmi della coscienza della macchina attraverso le lenti della serie di successo della HBO, Westworld. Ciò porta inevitabilmente a molte domande: è effettivamente possibile che un'intelligenza artificiale diventi cosciente? Quali sono le condizioni in cui ciò potrebbe accadere? In che modo una tale coscienza differirebbe dalla nostra? Forse, cosa più importante, quale sarebbe il destino dell'umanità in futuro se mai dovesse accadere?

Come fanno gli umani?

Per cominciare, cos'è che fa sorgere la coscienza negli ospiti di Westworld? O per essere più specifici, autocoscienza ? Dopo tutto, la coscienza rimane un concetto molto amorfo, che viene usato in modo intercambiabile per descrivere una vasta gamma di proprietà ed esperienze cognitive. Prendendo spunto dal framework esplorato dalla NYU Professor of Philosophy and Psychology Ned Block, molti degli host di Westworld sembrano già possedere due caratteristiche fondamentali della coscienza: access-consciousness e phenenic-consciousness. (A-coscienza e P-coscienza, rispettivamente.) Per gli architetti di Westworld, Robert Ford e Arnold Weber 1 , la coscienza di A sarebbe stata relativamente semplice da sviluppare. Questo è essenzialmente quegli aspetti della nostra mente che ci permettono di accedere e recuperare informazioni su noi stessi, spesso a livello soggettivo – ricordi, storia personale, aspetti essenziali dell'identità. Sarebbe un'implementazione più capace e sfumata di ciò che facciamo già con i computer quando recuperiamo uno stato di programma. Poiché questi programmi diventano più complessi, intelligenti e opachi, tali rapporti assumeranno probabilmente una qualità sempre più soggettiva.

La coscienza di P, d'altra parte, avrebbe dovuto essere molto più difficile da creare per gli ingegneri di Westworld. Queste sono le esperienze crude che subiamo, le unità di sensazioni che i filosofi chiamano qualia . Come si è sviluppato rimane un mistero. Cosa ci permette di provare il rossore di una rosa, il trillo di un prato, la morbidezza flessuosa di un bacio? Sì, abbiamo organi di senso che eseguono i primi passi nel raccogliere sensazioni, ma perché li viviamo come facciamo noi? La sfida di spiegare questo ha portato ad essere chiamato il difficile problema della coscienza dal professore di filosofia della NYU David Chalmers.

Ho postulato che potrebbe avere molto a che fare con l'emozione. I nostri input sensoriali rimangono poco più della causalità biologica finché non aggiungete emozione all'equazione. Allora le cose cominciano a diventare interessanti. Le esperienze cominciano a risolversi in risposte somatiche altrove nel corpo, sensazioni realizzate attraverso i sensi interocettivi dei nostri organi interni – colloquialmente denominati sentimenti intestinali. Per essere chiari, qui stiamo parlando delle emozioni fondamentali, essenziali – forse gioia, tristezza, rabbia, disgusto, paura e sorpresa – quelle che potrebbero aver preceduto l'autocoscienza, l'introspezione e gli stati meta-cognitivi più elevati. (A differenza del senso di colpa, della vergogna e dell'imbarazzo). Quindi, per un numero di ragioni evolutivamente benefiche, queste emozioni hanno iniziato a collegarsi ad alcuni dei nostri altri processi cognitivi, in particolare quelli che riguardano la formazione, l'archiviazione e il recupero dei ricordi. Questi a loro volta hanno informato e influenzato le future risposte emotive.

Le emozioni e la coscienza fenomenica a cui avrebbero potuto dare origine avrebbero arricchito i nostri antenati sviluppando coscienze e alla fine contribuito alle menti che abbiamo oggi. Senza questo, senza la coscienza P o l'emozione, saremmo quelli che sono conosciuti in filosofia come fenomenali-zombi, esseri umani ma non senzienti. (Tale assenza teoretica di emozione non dovrebbe essere confusa con l' alessitemia in cui i pazienti sperimentano l'incapacità di accedere e descrivere le emozioni a vari livelli).

Connessioni Emotive

Questi erano solo i passi preliminari del nostro lungo viaggio. Come con gli ospiti di Ford, questo potrebbe aver reso possibile lo sviluppo delle nostre più alte forme di autocoscienza, ciò che ho descritto altrove come coscienza introspettiva o coscienza dell'io (seguendo la nomenclatura di Block). Questo è congetturato come una proprietà emergente , il prodotto dell'interazione tra accesso e coscienza fenomenica. Ma poi, molti animali hanno diversi gradi di coscienza-A e di coscienza-P, senza sviluppare nulla vicino al livello di introspezione metacognitiva – pensando ai loro pensieri – che noi umani sperimentiamo. Cosa ci ha resi diversi?

L'emozione è stata la chiave che ha sbloccato questa porta improbabile? O più specificamente, c'era una certa interazione tra le nostre emozioni collegate somaticamente e le funzioni cognitive superiori del nostro intelletto? Nel tempo, l'evoluzione ha integrato questi due sistemi indipendenti del nostro cervello in modo tale che alla fine abbiano avuto un certo grado di accesso e influenza l'uno sull'altro. Il risultato ci ha arricchito e ha dato molta più profondità alla nostra esperienza del mondo. Potrebbe aver contribuito alla nostra flessibilità di pensiero e al processo decisionale, nonché al nostro sviluppo della teoria della mente , alla capacità di modellare e comprendere internamente la mente degli altri. Questo potrebbe essere iniziato con modalità di comunicazione primordiali come l'empatia affettiva e il contagio emotivo, permettendoci di essere influenzati dagli stati emotivi delle altre persone. (L'empatia cognitiva – mettendo intellettualmente te stesso nei panni di qualcun altro – verrebbe molto più tardi.) Questa modellizzazione della teoria della mente attraverso la comunicazione emotiva avrebbe quindi reso possibile la nostra maggiore consapevolezza e delineazione di sé e dell'altro. Da questa prospettiva dualista, potremmo quindi sviluppare narrazioni interne, le storie semicoscienti che diciamo a noi stessi, i dialoghi che corrono quasi continuamente attraverso di noi, finché alla fine, la moderna mente umana autocosciente è nata.

È affascinante osservare una progressione molto simile svilupparsi attraverso la narrativa di Westworld, in quanto mette in luce molte delle questioni filosofiche che affrontiamo nella comprensione delle nostre menti. Poiché molti aspetti della coscienza sono interamente soggettivi, è stato detto che non possiamo sapere con certezza che qualcuno diverso da noi sia cosciente. Questa visione solipsistica, a volte chiamata il problema con altre menti , si estende anche ai padroni di casa di Westworld. Può darsi che tutto ciò che stanno facendo sia simulare la coscienza molto bene. Sebbene sia convincente, è impossibile per gli ospiti umani, gli architetti o anche il pubblico conoscere la verità con certezza. I padroni di casa sono veramente consapevoli di se stessi? Questo è un problema che si applicherà al vero sviluppo dell'intelligenza artificiale per qualche tempo a venire. Forse per sempre.

Farlo a modo loro

L'attenzione del finale di stagione di Westworld sulla sofferenza come driver per i padroni di casa che sviluppa la consapevolezza della consapevolezza di sé è la complessità di come l'integrazione delle emozioni possa aver contribuito alla coscienza fenomenica e alla consapevolezza di sé. Tuttavia, questo potrebbe essere sulla strada giusta. Lo spettacolo si basa anche sul lavoro dello psicologo Julian Jaynes, anche se restano numerosi problemi con questa teoria quarantennale del bicameralismo, in particolare dal momento che alcune credenze sulla funzione del cervello destro-sinistro sono state ridimensionate. Sebbene costituisca una buona storia, rimane altamente improbabile che questa supposta integrazione di due aspetti apparentemente disparati della mente porterebbe di per sé alla coscienza, specialmente in un'intelligenza artificiale.

Ma diciamo solo che arriva il giorno in cui le macchine sono in grado di raggiungere l'autoconsapevolezza, la coscienza fenomenica e tutti gli altri aspetti della cognizione a cui ci riferiamo generalmente come coscienza. Sebbene questo obiettivo possa essere alla fine raggiunto, non sarà attraverso gli stessi mezzi che gli umani usano perché queste macchine non iniziano dalla stessa base biologica di noi stessi. Proprio come un aereo non raggiunge il volo usando i metodi di un uccello, proprio come il riconoscimento del testo di uno scanner funziona in modo completamente diverso da un bambino che impara a leggere, la coscienza della macchina sarà generata attraverso meccanismi molto diversi dai nostri.

Tuttavia, alcuni degli stessi dilemmi continueranno ad esistere. Mentre possiamo chiederci se alcune macchine sono consapevoli, possiamo anche trovare intelligenze della macchina che meditano la stessa cosa su di noi. Sebbene queste macchine possano essere in grado di dimostrare che altre macchine sono consapevoli, date le loro origini diverse, potrebbero scoprire che il nostro stato rimane un'incertezza. Forse queste IA raggiungeranno persino nuove forme di coscienza al di là di qualsiasi cosa viviamo noi stessi? Questo ci renderà le specie minori dalla loro prospettiva? Quale sarebbe la risposta se le nostre posizioni fossero invertite? Qual è la nostra risposta oggi?

È tutto nel modo in cui racconti la storia

Nonostante tutto ciò, la narrazione di narrazioni che ricominciano da sole su se stesse rimangono nel cuore del mondo occidentale, così come sono al centro della coscienza umana individuale e della civiltà nel suo complesso. Gli script che i padroni di casa recitano ripetutamente, alla fine danno luogo a dialoghi interni più ricchi, proprio come i nostri monologhi interiori potrebbero aver fatto per noi. In questo senso, esperti come Jaynes e Daniel Dennett potrebbero essere sulla strada giusta. Il racconto, la ripetizione, la modifica e la perpetuazione di questi miti e storie interne potrebbero essere essenziali per l'identità e la crescita di queste nuove menti artificiali come lo erano per il nostro. Quindi, proprio mentre queste storie arrivano a unificare i diversi elementi della mente, possono anche condurre a storie esterne che in ultima analisi unificano le intelligenze individuali in gruppi più coesi, stabilendo le basi per una società nuova di zecca.

Gli umani avranno un posto in un nuovo ordine mondiale? Nel caso di Westworld, dovremmo saperlo in altre poche stagioni. Per quanto riguarda il mondo reale, probabilmente avremo bisogno di un po 'più di tempo per scoprire quale sarà il nostro posto, mentre ci avventuriamo in questo nuovo futuro coraggioso.

___________________

1. Al momento in cui scrivo, il cognome di Arnold rimane una questione di speculazione.

Solutions Collecting From Web of "Westworld, Emotion and the Dilemma of Machine Consciousness"