Wes Studi vede l'inizio del movimento indigeno

Photo credit - Kholan Studi
Fonte: credito fotografico – Kholan Studi

Wes Studi non è estraneo alla protesta.

Acclamato attore e membro della Nazione Cherokee, Studi ha avuto ruoli in film classici, come "Danze con i lupi", "L'ultimo dei Mohicani", "Calore" e "Geronimo: una leggenda americana". Per quest'ultimo, ha ha vinto un Western Heritage Award per il suo ritratto di Geronimo.

Studi ha iniziato la sua lunga storia di protesta contro gli indiani d'America aderendo all'American Indian Movement (AIM) e partecipando al Trail of Broken Treaties nel 1972, dove centinaia di attivisti indiani d'America hanno marciato su Washington.

Studi è stato anche uno dei manifestanti che ha occupato per un breve periodo il Bureau of Indian Affairs durante la protesta. E nel 1973, Studi fu arrestato per la sua partecipazione all'occupazione a Wounded Knee, nel Sud Dakota, che era una protesta contro l'incapacità del governo degli Stati Uniti di onorare i trattati con le tribù degli indiani d'America.

Non sorprende quindi che, più recentemente, Studi abbia aderito anche ai "Water Protectors" nel campo di Oceti Sakowin. Il Dakota Access Pipeline è stato costruito sulla Standing Rock Sioux Reservation, che Studi vede ancora un altro esempio di mancanza di rispetto per la sovranità indiana americana.

"Questa è una chiara violazione del governo tribale di Standing Rock. Non sono stati adeguatamente consultati su ciò che stava accadendo intorno alla loro terra – specialmente il fiume, che è la loro fonte immediata di acqua ", ha detto Studi. "Ci sono aree attorno alla riserva e confini di terra statali che sono ancora in qualche modo contestati. Qualcosa che non è mai stato risolto.

"Sembra solo un altro in una lunga serie di trattati realmente falliti."

Non solo il Dakota Access Pipeline rappresenta una violazione della sovranità, ma presenta anche un potenziale rischio ambientale. Questo sfortunato fatto è stato dimostrato di recente come una perdita nel gasdotto ha versato circa 176.000 galloni di olio in un torrente vicino, rischiando una grave contaminazione dell'acqua.

"È pericoloso costruire condutture sotterranee … e c'è anche il pericolo di una reale contaminazione delle acque del fiume Missouri", ha detto Studi. "Sta avendo un enorme effetto non solo sull'ambiente esterno, ma all'interno. Tutti i terremoti che stanno accadendo, e ancor più le doline, c'è qualcosa di assolutamente sbagliato nel ciclo naturale della terra. "

Per Studi, la continua violazione dei trattati e dei rischi per la terra richiede anche un pesante pedaggio psicologico. "Io stesso come un indiano americano mi sento un fallimento in un certo senso. Non sono stato in grado di fare nulla per il fatto che queste grandi società stanno facendo fuori dalla terra così tanto gas naturale e petrolio ", ha detto Studi. "Sembra che siamo sempre coinvolti nel combattere qualcosa. È noioso.

"Si riassumerebbe in una parola e quella sarebbe" frustrazione "."

Così quando Studi arrivò nel campo di Oceti Sakowin a "Stand With Standing Rock", era pronto per un'altra protesta. Ma ciò che trovò fu qualcosa di molto diverso e inaspettato: un pacifico incontro di preghiera.

"Essendo un veterano dei vecchi tempi, dei disordini civili che accadevano allora, sono rimasto completamente sconcertato dalla tranquillità di tutto questo. Il raduno non è una protesta. Le persone lì sono semplicemente qui per unirsi e mostrare il loro dispiacere per quello che sta succedendo con il gasdotto ", ha spiegato. "Sono in preghiera … Questo è un raduno per pregare per l'acqua, più o meno. Penso che sia una dimostrazione pacifica, mostrando la loro mancanza di entusiasmo, per usare un eufemismo, per questo oleodotto che attraversa un'area che mette a repentaglio la loro acqua, così come l'acqua per molte altre persone ".

Ed è forse in parte il tono di questo incontro che ora sta portando attenzione al problema della Dakota Access Pipeline. E Studi pensa che lui stia vedendo questa come un'opportunità per un più ampio movimento "indigeno", in base al quale persone di tutto il mondo che sentono che la loro terra viene sfruttata si stanno mobilitando per questa causa.

"Abbiamo persone che arrivano da lontano come l'Amazzonia, dalla Norvegia, dal Tibet. Questo ha il potenziale per diventare un movimento indigeno – un movimento indigeno di tutto il mondo che chiede un fine, una fine dell'uso di combustibili fossili ", ha spiegato Studi. "Quello che penso che stiamo facendo è raccogliere persone indigene da tutto il mondo per mostrare come e perché così tante di queste operazioni di estrazione petrolifera che stanno accadendo in tutto il mondo stanno contaminando così tanta acqua nella nostra vita.

"È inerente agli indigeni perché viviamo più vicini all'ambiente. È come la gente che scende sull'Amazzonia e come viene distrutta la loro foresta pluviale e come i loro fiumi vengono inquinati ", ha aggiunto.

"Può servire come simbolo iconico per l'inizio di un nuovo modo di pensare all'energia".

Studi ritiene che ci sia un enorme potenziale in questo tipo di movimento. "Penso davvero che incombe su tutti gli esseri umani prendere un altro respiro e cominciare a pensare: 'Deve esserci un modo migliore. Deve esserci un modo migliore per alimentare le nostre automobili. Deve esserci un modo migliore per alimentare le nostre case. Deve esserci un modo migliore per avere le cose che abbiamo ora in un modo diverso … e dare alla Terra una pausa ", ha detto.

E sta già vedendo progressi. Di recente, migliaia di veterani statunitensi sono arrivati ​​al raduno per sostenere la causa. E più recentemente, l'Army Corps of Engineers ha negato un permesso per la costruzione di un aspetto chiave del Dakota Access Pipeline, fermando la sua costruzione.

"Che l'ultimo sviluppo sia un vero e proprio ordine di cessazione del lavoro o solo una tattica dilatoria fino a quando la prossima amministrazione subentrerà, i brillanti Water Protectors di Standing Rock meritano e dovrebbero celebrare una pietra miliare nel riconoscimento mostrato nella nazione sovrana di Standing Rock, "Ha detto," L'unità tra le nazioni indiane e gli alleati ambientali americani, così come le popolazioni indigene di tutto il mondo dovrebbero inviare un messaggio concreto di solidarietà con il movimento verso lo sviluppo di energia alternativa e la diminuzione della dipendenza dai combustibili fossili ".

E sente che i giovani sono stimolati a pensare di poter fare la differenza. "Penso che sia stato già utile per coinvolgere così tanti giovani coinvolti", ha spiegato Studi. "È stata un'esperienza crescente per molti giovani essere coinvolti in qualcosa di più grande di loro stessi, oltre a fornire loro qualcosa che possa essere usato per la loro identità".

In definitiva, Studi incoraggia le persone ad essere ottimiste e ambiziose. "Penso che possano sognare in grande. Penso che possano continuare a lavorare verso un'utopia ", ha detto. "È un confronto piuttosto ampio da affrontare. Ma è preso.

"Abbiamo la responsabilità verso la Madre Terra di proteggerlo il più possibile."

Michael A. Friedman, Ph.D., è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del consiglio consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman su Twitter @DrMikeFriedman e EHE @ EHEINT.

Solutions Collecting From Web of "Wes Studi vede l'inizio del movimento indigeno"