Walk in Nature: buono per il cervello, buono per lo spirito

Come cittadino urbano, ho fin troppo familiarità con il modo in cui i suoni e le immagini della città possono essere irritanti per i nervi e indurre reazioni di stress nel corpo e nella mente. Ci vuole attenzione per trovare il modo di riconnettersi con la natura quando si vive in un ambiente più urbano, ma le ultime ricerche suggeriscono che gli abitanti delle città dovrebbero fare proprio questo per mantenere la loro salute e il loro benessere.

La scoperta della plasticità strutturale del cervello – la capacità del cervello di formare nuove connessioni neurali e di ricablare se stessa basandosi in parte sulle esposizioni ambientali – pone un carico maggiore sulle persone di esporsi ad ambienti arricchenti dal punto di vista della salute del cervello. Tale concetto è coerente con la ricerca che ha evidenziato il ruolo che l'esposizione alla natura può svolgere nel calmare la mente e arricchire la propria salute mentale e il proprio benessere.

Ad esempio, riassumendo un recente studio, Reynolds (2015) scrive che:

Una passeggiata nel parco può lenire la mente e, nel processo, cambiare il funzionamento del nostro cervello in modi che migliorano la nostra salute mentale, secondo un nuovo interessante studio degli effetti fisici sul cervello della natura in visita. (para 1)

Una tale scoperta è particolarmente significativa dato che la nostra immersione nella tecnologia digitale ha portato molti di noi lontano dalla natura e ha trasmesso così tante nostre interazioni in un regno virtuale. Anche se stiamo passeggiando in un parco o fuori, potremmo essere troppo distratti dai nostri schermi per guardare effettivamente il cielo o notare lo scenario.

La natura può essere rassicurante per una serie di motivi, non ultimo dei quali è che c'è una certa quiete e tranquillità che si può ottenere dall'essere all'aperto in ambienti rigogliosi e verdi che sono mascherati quando stiamo camminando fuori su strade trafficate con un sacco di traffico, altre persone e suoni artificiali come quello della costruzione, i padiglioni auricolari nelle nostre teste, ecc. Nella misura in cui i nostri sensi possono essere sovraccaricati nella cultura moderna, l'opportunità di riconnettersi con lo spirito può essere migliorata ricollegando con la natura e stimoli più basilari.

Quindi, se è il momento di pianificare un'escursione all'aria aperta, passeggiare nel bosco, sedersi su una panchina del parco, o anche solo passeggiare fuori senza scorrere il cellulare o utilizzare altre stimolazioni digitali, qualunque sia la tua situazione geografica, prova ad integrare di più spazi naturali nelle vostre esposizioni giorno per giorno. Tali esposizioni naturali possono rinfrescare sia il cervello che lo spirito, lasciandone uno in grado di gestire i fattori di stress moderni che provengono dal nostro panorama culturale sempre mutevole e stimolante.

Google Images
Fonte: Google Immagini

Reynolds, G. (2015, 22 luglio). Come camminare nella natura cambia il cervello. Il New York Times, bene. Estratto il 20 agosto 2015 da: http://well.blogs.nytimes.com/2015/07/22/how-nature-changes-the-brain/?_r=0.

Azadeh Aalai Copyright 2015

Solutions Collecting From Web of "Walk in Nature: buono per il cervello, buono per lo spirito"