Vuoi qualcuno? Aiutali!

Immagina di fare qualcosa che senti in modo orribile per qualcun altro, e quindi di immaginare una volta che hai aiutato qualcuno. In che modo ciascuna azione avrà un impatto su quanto ti piace o odi quella persona?

La saggezza popolare suggerirebbe che danneggiare qualcuno, se ci sentiamo male, dovrebbe forse renderci come la persona che abbiamo ferito di più. E, inoltre, che spesso non ci piacciono le persone che chiedono il nostro aiuto. Tali richieste ci scoccano, soprattutto se la richiesta è grande o non conosciamo la persona. Tuttavia, diverse linee di ricerca suggeriscono che aiutare a suscitare maggiore simpatia per le persone che aiutiamo e che danneggiare gli altri provoca maggiore avversione per le persone che danneggiamo.

1) Dissonanza cognitiva: la ricerca sulla dissonanza cognitiva ha dimostrato che quando c'è un conflitto tra chi pensiamo di essere (ad es. "Io sono una brava persona") e il nostro comportamento (ad es. Ferisco i sentimenti di quella persona), questo provoca disagio psicologico , che le persone devono risolvere. Ad esempio, la ricerca mostra che quando ai partecipanti viene chiesto di aiutare uno sperimentatore, a loro piace quella persona più che se non gli viene chiesto di aiutarlo. L'idea di base è che la gente pensi "Ho fatto una cosa carina per lui / lei, quindi mi piace lui / lei". Se alla gente non piacesse lo sperimentatore, allora ci sarebbe dissonanza tra il loro comportamento e il loro atteggiamento, quali persone sono motivati ​​ad evitare

Al contrario, quando facciamo del male a qualcuno, la visione di noi stessi come persone buone è in conflitto con il nostro comportamento doloroso. Un modo rapido per alleviare la dissonanza è dare la colpa alla persona o al gruppo che abbiamo danneggiato. Questo rende la nostra azione dolorosa nella nostra mente, perché l'altra persona se lo merita o è altrimenti malvagio, immorale o qualsiasi altra cosa (quindi l'azione non è così malvagia.

2) Uccidere provoca l'uccisione: la ricerca di Andy Martens (professore all'Università di Auckland) ha scoperto che le persone si sentono a disagio quando uccidono le cose, più le uccidono. In questi studi, le persone tendono a sentirsi progressivamente meglio uccidendo un insetto, con ogni bug che uccidono. In altre parole, il primo bug è più difficile da uccidere emotivamente rispetto al quinto bug, e il decimo bug è più facile del quinto bug. Ora, ovviamente ci sono molte differenze tra uccidere un umano e un insetto, ma questo suggerisce che quando facciamo del male a qualcosa, tendiamo ad avere meno riguardo per esso. Questo parodia di altri lavori che dimostrano che abbiamo meno preoccupazioni morali per le mucche dopo aver mangiato carne, e la maggior parte delle segnalazioni di soldati che dicono che uccidere è quasi impossibile all'inizio, ma (sebbene ancora terribile) diventa più facile con il tempo.

3) Nascondere l'ipocrisia morale: uno studio recentemente pubblicato nel Bollettino di psicologia sociale e personalità (di Lisa Shu e colleghi dell'Università di Harvard) ha testato come le persone giustificano le loro azioni immorali a se stesse. Questa ricerca ha scoperto che quando le persone fanno qualcosa che pensano sia immorale (come imbrogliare o rubare) in seguito hanno meno probabilità di ricordare un codice d'onore che avevano precedentemente letto. Inoltre, avevano maggiori probabilità di disimpegnarsi moralmente, ad esempio pensando che l'inganno fosse più corretto e che le regole fossero flessibili. In altre parole, quando le persone fanno un atto dannoso, tendono ad adeguare le regole per giustificare la propria immoralità.

Sebbene non direttamente testato in questi studi, questo probabilmente suggerisce che quando le persone danneggiano qualcun altro, non tendono a pensare in modo più favorevole alla persona. Piuttosto, poiché vorrebbero giustificare moralmente a se stessi perché hanno danneggiato la persona, probabilmente non sarebbero graditi alla persona che hanno ferito (è più facile sentirsi a proprio agio nel danneggiare qualcuno se non li valutiamo). Ciò è approssimativamente coerente con quello che ha trovato il lavoro di Albert Bandura (una psicologa alla Stanford University); per esempio, le persone che hanno maggiori probabilità di sostenere una guerra, sono anche molto probabilmente disumanizzare i soldati dalla parte opposta di un conflitto (che chiaramente sono stati danneggiati).

La prossima volta che ti ritrovi a odiare qualcuno, o se vuoi piacere a qualcuno di più, aiutali di più e nuoccali meno. Col tempo, scoprirai di avere maggiore simpatia per un numero sempre maggiore di persone. E, come la norma della reciprocità impone, probabilmente sarà più probabile che ti piaccia in cambio.

Dopo tutto, come il mio consulente di psicologia universitario abituato a battere: "come posso non mi piace qualcuno che ha i gusti fini di come me?"

Solutions Collecting From Web of "Vuoi qualcuno? Aiutali!"