Vuoi essere un genitore?

Poco più di una settimana fa, io e la mia famiglia abbiamo organizzato uno spettacolo; eravamo due genitori e cinque bambini (dai 6 ai 19 anni), eseguendo diciotto numeri musicali in un delizioso teatro locale. Era il nostro quinto show per famiglie in stile cabaret, e il nostro primo ad avere una storia singola che correva attraverso la notte: una narrazione che raccontava i nostri dieci anni trascorsi nella fattoria. Ci siamo alternati in assolo e supporto l'uno dell'altro, poi ci siamo uniti per cantare in strette armonie vocali. E 'stato così divertente. Ci è piaciuto molto! L'esperienza mi ha fatto pensare di nuovo ai genitori.

Molte conversazioni culturali nella stampa ufficiale sul tema della genitorialità mi confondono. Spesso, le conversazioni sono inquadrate come false dicotomie basate su assunti erronei che privano le persone parentali dell'autonomia creativa. Gli script comuni includono: chi è più felice – persone con figli o persone senza? Vuoi avere un figlio o vuoi una carriera? Dovresti investire nei sogni di tuo figlio o perseguire il tuo? Vuoi dormire insieme a tuo figlio o avere una relazione passionale con il tuo compagno?

Tali dibattiti danno per scontata una nozione dell'essere umano come una mente individuale che opera all'interno di un corpo materiale. La genitorialità, in questo modello, è una scelta razionale i cui risultati possono essere confrontati e contrapposti ad altre possibili scelte. Nascondersi dietro tali dibattiti è un'ipotesi che ci sia una quantità fissa di tempo, energia, attenzione e amore. La vita è un gioco a somma zero. La vittoria di qualcuno è la perdita di qualcun altro. Genitore contro bambino. Lavoro contro casa.

Come ho già scritto altrove, una tale nozione, per quanto potente, ha dei limiti – e non solo nella sua capacità di capire perché gli umani danzano. Inoltre distorce la nostra comprensione della genitorialità. I genitori non sono razionali. I bambini non sono scelte. Né i genitori né i bambini sono individui. Piuttosto, genitori e figli emergono insieme, in relazione l'uno con l'altro, espressioni della vita stessa, come una potenziale matrice di amori mutualmente capaci.

Ecco cinque idee per coloro che vogliono pensare in modo diverso alla genitorialità.

1. Racconta la tua storia.

È assurdo pensare che crescere un figlio sia o possa seguire un qualsiasi modello. La riproduzione sessuale umana esiste per consentire la diversità genetica e ogni altro tipo. Ogni bambino è unico; ogni famiglia è unica; ogni ambiente sociale è unico. Sì, ci sono delle somiglianze – ci possono essere le mamme Tigre, Drago e Alce, così come le pratiche di educazione dei figli di francese, americano e nativo. Ma alla fine questi punti in comune non si traducono in formule how-to. Ogni generalità ha le sue eccezioni; ogni statistica i suoi valori anomali. Nel cercare di seguire un programma, siamo quasi sicuri di produrre non conformità – in noi stessi e nei nostri figli.

Sì, può essere sconcertante ammettere che non esiste un percorso sicuro, uno script pronto per la lettura su cosa sia la genitorialità o come farlo. Come possiamo sapere se ci piacerà o no essere genitori? Come sappiamo che stiamo facendo un buon lavoro? Come possiamo sapere che i nostri figli andranno a posto? La risposta è semplice: non possiamo.

D'altra parte, questa inconsapevolezza è eccitante. Tiene l'opportunità e la gioia della genitorialità. Non c'è uno script da seguire. Puoi raccontare la tua storia. Puoi scoprire cosa significa essere un genitore per te e per i tuoi figli. In effetti, devi. La tua storia sarà diversa dai racconti degli altri, e questa è la ragione per viverla e raccontarla. Perché nella rete di molte storie condivise, i genitori coltivano empatia l'uno per l'altro; pratichiamo la compassione e ispiriamo la creatività l'uno dell'altro.

Non tutti stanno andando a prendere le loro vite e si trasferiscono con tre bambini piccoli e uno sulla strada per una fattoria nello stato di New York. Ma forse, cantando e interpretando la nostra storia, Geoff e io possiamo incoraggiare gli altri a vivere da soli.

2. Coltivare le relazioni.

Come molto nella vita, la genitorialità riguarda la relazione: gli umani sono creature sociali, assolutamente dipendenti l'uno dall'altro durante tutta la vita per praticamente tutto. Un bambino ha il potenziale per spingere pulsanti e catalizzare un'intensa conoscenza di sé. I genitori crescono nella misura in cui si dedicano all'apprendimento come muoversi con un bambino, rispondere a un bambino e ricevere da un bambino in modi che esprimono e incoraggiano il rispetto e l'amore per l'altro.

A questo proposito, i bambini offrono una sfida unica. Sono particolarmente dinamici. Crescono rapidamente dentro e fuori da ogni scatola che ti interessa disegnare. Prendono forma in modi singolari basati su geni, input e influenze, incluso il tuo. Ciò che ha funzionato magnificamente con un bambino più grande o addirittura ieri non funzionerà con questo bambino oggi.

Come tale, il compito di coltivare la relazione è in corso. Non c'è un momento in cui un genitore possa "sapere" un figlio per certo, per sempre. Non c'è un punto di arresto. C'è solo lo scambio in corso, i ritmi oscillanti dell'amore e del rispetto.

Una relazione con un bambino restituirà qualunque cosa tu ci metta, e poi di nuovo forse non lo farà, o non lo farà per un po ', o non lo farà nei modi che ti aspetti. Ci sono sempre problemi Emette sempre. E loro cambiano. La sfida è quella di permettere a questi cambiamenti di sviluppare il proprio potenziale per creare qualcosa di nuovo: una nuova dinamica, una nuova risposta, una nuova visione per ciò che la vita può essere. Qui, le storie di altre persone possono aiutare; ma alla fine la tua storia sarà la tua.

Come Geoff e io ci siamo spesso detti l'un l'altro: è solo una fase . Ogni fase ha un inizio, una parte centrale e una fine. La maggior parte delle fasi si esaurisce. Alcuni durano più a lungo di altri. Conoscendo questo fatto, Geoff ed io siamo liberi di scavare nel momento e viverlo pienamente, con tutto il suo piacere e dolore, pronto e disposto a imparare dai nostri figli ciò che dobbiamo imparare per la fase successiva.

3. Trova le sinergie.

Gli aspetti più misteriosi dell'essere genitori per me sono state le sinergie che Geoff e io abbiamo scoperto tra ciò di cui abbiamo bisogno per il nostro benessere e ciò di cui i bambini hanno bisogno per il loro. Questa dinamica non è in nessun luogo più chiara della decisione che continua a inquadrare le nostre vite: la nostra mossa di dieci anni fa alla fattoria.

Per almeno nove anni prima del trasloco, Geoff e io avevamo sognato di trasferirci nel paese. Volevamo un posto in cui avremmo potuto fare la nostra arte in prossimità del mondo naturale. Tuttavia, non avevamo intenzione di trasferirci in qualsiasi momento presto, finché Jessica, di sua iniziativa, all'età di 7 anni, cercò su Google "fattorie del Vermont" e trovò questa proprietà sul confine del Vermont. Certo, Geoff e io eravamo pronti a saltare, ma non c'è dubbio nella nostra mente: non ci saremmo spostati in quel momento o in quel luogo senza l'intervento di Jessica.

La logica mi impazza ancora. Avevo bisogno di realizzare il mio sogno per il bene dei miei figli . Questa necessità non era semplicemente una questione di modellazione per loro e di come sia bello seguire i sogni. La necessità era concreta. Jessica aveva bisogno di spazio nel paese per avere gli animali che voleva: gatto, cane, cavallo e possibilmente una giraffa.

Dopo esserci trasferiti, tali sinergie continuavano a crescere a spirale. Alcuni mesi dopo essermi trasferito, quando Geoffrey e io ci siamo persi e ci siamo sentiti depressi, sono stati i bambini ei loro sogni ad aiutarci. Sapevano cosa volevano. Mentre Geoff e io aiutavamo i bambini a progredire nei loro sogni di avere animali e di essere agricoltori, lo sforzo che stavamo spendendo apriva gli spazi sensoriali in noi attraverso i quali le nostre arti potevano fluire. Ho iniziato a scrivere il libro che stavo cercando di scrivere da oltre un anno. Geoff ha inventato uno strumento musicale, Plectrum.

Più o meno felice? Carriera o no? Sogni dei genitori o sogni dei bambini? Tali dicotomie non si avvicinano a rappresentare la logica in cui viviamo.

E succede ancora e ancora. Con ogni progetto importante, che si tratti di libri o di danza, almeno uno dei miei figli ha dimostrato di essere un punto di riferimento, consentendo l'ispirazione al centro di tutto.

Anche con l'ultimo, Why We Dance . Stavo cercando di iniziare il libro nel periodo in cui Leif era nato. Ero al di là esausto. Ero a casa a scuola tre bambini (8, 3 e pre-K), mentre si prendeva cura di un bambino. Quando è arrivato il momento per me di lavorare, non avevo energia per scrivere o ballare. Tutto quello che potevo fare era leggere. E prendi appunti abbondanti. A mano. Perché sapevo che avrei dimenticato ciò che avevo letto. Così ho fatto. E ho visto crescere Leif.

Due anni dopo, il libro esplose, abilitato da quella lettura e da quelle esperienze. Il cuore di Why We Dance è una discussione su come i neonati umani, nati impotenti, imparano ciò di cui hanno bisogno per imparare esercitando la loro capacità di creare e diventare modelli di movimento, cioè, esercitando una nascente capacità di danzare, evoluta attraverso una miriade specie nel corso dei millenni.

Per vedere tali sinergie – afferrarle e correre con loro – richiede la fede che esse esistano. Possono e lo fanno.

4. Aperto alla fertilità, in qualsiasi forma.

Anche la definizione della domanda "Dovrei avere un figlio o no?" Mi lascia perplesso. Come sai che un bambino arriverà? O chi sarà? Puoi scegliere di non avere un figlio; e in molte occasioni e luoghi, per molte ragioni, tali scelte devono essere fatte. Tuttavia, non puoi scegliere di avere un figlio (almeno non ancora!). Il meglio che puoi fare è decidere di essere aperto alla tua fertilità (e a coloro che lo sostengono) e accogliere qualsiasi cosa accada.

Cioè, ancora una volta, parte della meraviglia. Non sai chi verrà o se qualcuno lo farà. Non sai per quanto tempo resteranno. Non sai chi saranno. Non puoi contare su nulla. Non c'è controllo qui. Nessuna decisione razionale di cercare un particolare tipo di esperienza. C'è solo la volontà di allinearsi con la possibilità di una nuova vita che si crea attraverso di te.

Come molti processi creativi, questo è più grande di qualsiasi individuo. Richiede più arresa che maestria. La creatività coinvolta non esiste al di fuori del sé corporeo umano, ma è quella che esprime la loro stessa esistenza. Non è una creatività che gli umani devono esercitare per essere felici o vivere una vita appagante. Ma neanche loro possono esercitarlo allo scopo di essere felici o soddisfatti. È un potenziale di vita che può svolgersi attraverso di noi per una serie di ragioni che sfidano la nostra comprensione. O forse no. Ci sono molti modi attraverso cui la creatività della vita, il ritmo della vita che si prende cura di se stessa, può manifestarsi. E non si escludono a vicenda.

Nel mio caso, ho sempre saputo che voglio tutto ciò che creo o scrivo o ballo per essere responsabile del processo di cura degli umani. Voglio che il mio lavoro rappresenti l'esperienza vissuta – per quanto limitata sia mia – di ciò che serve per diventare umano. Voglio che il mio lavoro venga tirato, spinto e interrotto; esplosione aperta e lavata attraverso vivendo, diventando esseri corporei. Quindi, credo, sarò un nesso di sensibilità che è capace di ricevere e nutrire idee e progetti creativi che, nelle loro vite, rimangono fedeli alla terra.

La mia esperienza è certamente mia. Esistono molte pieghe di creatività all'interno della specie umana e molti modi per aprirle rimangono da scoprire. Ci sono anche molte opportunità per fare il lavoro di allevare gli umani e generare nuove generazioni diverse dai genitori. E, naturalmente, ci sono molte volte e occasioni in cui non è sicuro, desiderabile o prudente diventare genitori.

Tuttavia, non c'è modo di separare le azioni di crescere i bambini e di creare il mondo; questi compiti non sono e non possono essere mutuamente esclusivi. La salute e il benessere delle nostre idee, delle nostre tecnologie e dei nostri valori vanno e devono andare di pari passo con la salute e il benessere delle nostre famiglie. Coloro che sono disposti e in grado di portare avanti e generare nuovi esseri umani sono legami viventi.

5. Resta in contatto con la libertà.

Questo mantra è stato essenziale per me e Geoff in ogni fase del percorso. Per raccontare la nostra storia e coltivare relazioni reciprocamente capaci con i nostri figli, in modi che trovano sinergie, aperti alla continua creazione della vita attraverso di noi, è necessario che continuiamo costantemente a rimanere in contatto con la nostra libertà.

È una pratica di pensare, sentire e agire. Si tratta di prestare attenzione. In ogni momento Cosa sai? Che cosa ti senti? Cosa vuoi? Quali impulsi e capacità di movimento stanno sorgendo in te? Che cos'è la vita che crea attraverso di te?

Implica sapere che i movimenti che fai ti stanno facendo. Che tipo di mondo vuoi creare? In che tipo di mondo vuoi vivere? Implica chiedersi perché. Perché comportarsi in questo modo? Perché farlo in questo modo? Comporta resistenza ai ruoli di genere e resistenza alla resistenza ai ruoli di genere.

Si tratta di interrogare le pressioni per conformarsi, coltivando la capacità di rispondere nel momento, per il momento, in un modo che permetta all'amore di essere la cosa più importante. L'amore che cerca sinergie. L'amore che confida nella continua creazione della vita. L'amore che delizia nelle relazioni. L'amore che racconta la sua storia.

Alla fine, i bambini saranno come te. O non lo faranno. Indipendentemente da ciò che dici, impareranno da ciò che fai e poi decideranno da soli se vogliono continuare lungo il percorso che hai creato insieme.

Così sia. Non vorrei niente di meno per i miei figli che l'abilità di fare proprio questo.

Solutions Collecting From Web of "Vuoi essere un genitore?"