Vs psicodinamica Terapia cognitiva: meccanismi di difesa

Public domain
Sigmund Freud
Fonte: dominio pubblico

"… ciò che li rende difensori [meccanismi] non è che ti proteggono dal dolore – non lo fanno, chiaramente. Fanno schifo facendo questo, guardandosi attorno. Lo scopo dei meccanismi di difesa è di impedirti di cambiare. "~ The Last Psychiatrist

Molte recenti "scuole" di psicoterapia rifiutano quasi tutti i concetti di quello originale, la psicoanalisi (PA), e la sua versione aggiornata, la terapia psicodinamica. Parte di questo è colpa propria degli analisti. Hanno attaccato spesso e apertamente i critici di alcuni concetti, dicendo loro che avevano bisogno di entrare in psicoanalisi "per scoprire perché erano resistenti alle idee".

In altre parole, se hai trovato alcune delle idee problematiche, hai avuto un problema mentale. A ciò si aggiunge la tendenza degli analisti a sostenere continuamente alcuni degli aspetti più inverosimili e chiaramente errati della loro teoria, come l'invidia del pene nelle donne e le madri schizofrenogeniche.

In realtà, la psicoanalisi è un'intera collezione di teorie che si intrecciano – e così anche tutte le altre "scuole" di terapia. Pensare che se una delle sottocategorie è sbagliata, allora devono essere tutte sbagliate, è il pensiero in bianco e nero – qualcosa che i terapeuti cognitivo-comportamentali (CBT) etichettano come irrazionali.

E parlando di terapisti cognitivo-comportamentali, questo è esattamente ciò che molti di loro hanno fatto riguardo alle terapie psicodinamiche, e nel processo ha gettato fuori il bambino con l'acqua sporca.

Uno dei concetti più utili dalla psicoanalisi – qualcosa che la maggior parte di noi riconosce implicitamente nella nostra vita quotidiana, è quello dei meccanismi di difesa . Come originariamente definito da Sigmund Freud, il fondatore della terapia psicoanalitica, un meccanismo di difesa è una tattica sviluppata da una persona, inconsciamente, per proteggere contro l'ansia – in particolare, l'ansia creata da conflitti all'interno della mente rispetto ai propri impulsi biologici rispetto ai valori del individuo appreso dal suo ambiente culturale.

Ad esempio, quando il desiderio di qualcuno di avere rapporti sessuali con uno sconosciuto è in conflitto con la convinzione della convenzione sociale di non avere rapporti sessuali al di fuori del matrimonio, emergono insoddisfatti sentimenti di ansia o ansia. Per ridurre questi sentimenti negativi, l'ego potrebbe impiegare uno dei meccanismi di difesa per negare l'esistenza o "annullare" l'impulso proibito. I meccanismi di difesa più comuni sono chiamati regressione, repressione, formazione della reazione, isolamento dell'affetto, annullamento, proiezione, introiezione, svolta contro se stessi e somatizzazione. I lettori interessati che non hanno familiarità con i vari meccanismi di difesa PA possono trovare le definizioni di quasi tutti qui.

I terapisti cognitivi comportamentali (CBT), al contrario dei terapeuti orientati analiticamente, rifiutano l'intero concetto di inconscio e meccanismi di difesa – anche se spesso sembrano riconoscere le loro manifestazioni comportamentali e chiamano semplicemente qualcos'altro.

Wikimedia Commons, Albert Ellis ve Aaron Beck bir yere bakarken by OnurCaliskan6, CC by 2.0
Aaron Beck e Albert Ellis
Fonte: Wikimedia Commons, Albert Ellis ve Aaron Beck bir yere bakarken di OnurCaliskan6, CC di 2.0

Credono che il comportamento apparentemente nevrotico o conflittuale deriva principalmente da credenze irrazionali. Il primo terapeuta cognitivo era Albert Ellis, che inventò la sua teoria almeno un decennio prima che il suo modello fosse dirottato da un altro guru della psicoterapia, Aaron Beck. Ellis elencò alcune di queste credenze irrazionali:

· È una necessità terribile per gli umani adulti essere amati o approvati da praticamente ogni altra persona significativa nella loro comunità.

· Bisogna assolutamente essere competenti, adeguati e raggiungere tutti gli aspetti importanti, oppure si è una persona inadeguata e senza valore.

· Le persone devono assolutamente agire in modo rispettoso ed equo e sono malvagi dannati se non lo fanno. Sono indistinguibili dalle loro cattive azioni.

· È orribile e terribile quando le cose non sono come vorrebbe che fossero.

· I disturbi emotivi sono principalmente causati dall'esterno e le persone hanno poca o nessuna capacità di aumentare o diminuire i loro sentimenti e comportamenti disfunzionali.

· Se qualcosa è o può essere pericoloso o temibile, allora si dovrebbe essere costantemente ed eccessivamente preoccupati e dovrebbe continuare a soffermarsi sulla possibilità che si verifichi.

· Non si può e non si devono affrontare le responsabilità e le difficoltà della vita ed è più facile evitarle.

· Bisogna essere abbastanza dipendenti dagli altri e averne bisogno e non si può principalmente gestire la propria vita.

· La storia passata di un individuo è un determinante importantissimo del comportamento presente di qualcuno e poiché qualcosa che ha colpito una volta fortemente la propria vita, dovrebbe avere un effetto simile a tempo indeterminato.

· I disturbi di altre persone sono orribili e bisogna sentirsi sconvolti per loro.

· C'è invariabilmente una soluzione giusta, precisa e perfetta ai problemi umani ed è terribile se questa soluzione perfetta non viene trovata.

Queste credenze irrazionali fanno sì che le persone facciano cose irrazionali come overgeneralize, catastrofisti, terribili, " devono erbare" (io semplicemente "devo" fare questo o quello – o altrimenti), o "dovrebbe" tutto su se stessi – e questo porta a una frustrazione bassa tolleranza, autocommiserazione, rabbia, depressione e comportamenti come procrastinazione, evitamento e inazione. Per un musterbater che sente un fallimento perché è arrivato secondo a qualcosa, Ellis potrebbe ribattere : "Quale mandato di Jehovian dice che devi entrare per primo !?"

I terapeuti comportamentali cognitivi stanno cominciando ad ammettere che queste credenze irrazionali sono spesso legate all'educazione di un bambino. Inizialmente credevano, e molti ancora lo fanno, che si verificano solo perché le persone sono fondamentalmente e innatamente irrazionali.

Quindi chi ha ragione, la gente della CBT o la gente della PA? Beh, certo, entrambi hanno ragione. Ed entrambi hanno anche torto. Lasciatemi spiegare.

Quando ho appreso per la prima volta la psicoterapia orientata alla psicoanalisi, ho iniziato a notare che blogger aveva nominato l'ultimo psichiatra menzionato nella citazione all'inizio del post. I meccanismi di difesa erano concepiti da Freud come protezione dell'io dall'ansia, ma le persone nevrotiche erano le persone più ansiose là fuori! Sì, in effetti il ​​meccanismo di difesa in realtà non previene affatto l'ansia. Quindi cosa fanno?

Quali meccanismi di difesa, dalla mia prospettiva di terapia unificata (UT), è quello di bloccare l'espressione di pensieri e desideri innati che contrastano con i ruoli che sentono di dover svolgere per mantenere il funzionamento consono della loro famiglia di origine ( omeostasi familiare) . Se una convinzione o un desiderio è in conflitto con quel ruolo, deve essere bloccato in modo che la persona non cambi dal suo comportamento di ruolo. Questo è specificamente il "cambiamento" che è bloccato. Le persone cercano letteralmente di uccidere parti di se stesse che sono incompatibili con il loro ruolo sociale (si chiama mortificazione ).

Se questo è davvero il caso, diventa facile vedere che anche le credenze irrazionali elencate dai CBT'ers tornano utili. Le persone usano queste credenze per scoraggiarsi dall'indulgere in certi comportamenti che potrebbero altrimenti voler fare se si sono auto-attualizzati e hanno smesso di interpretare il loro ruolo. ( Attualizzazione di sé è un termine usato da una terza scuola di psicoterapia principale, dominante, terapia focalizzata sull'emozione, che comprende la terapia della gestalt e la terapia centrata sul cliente. Significa la realizzazione o l'adempimento dei propri talenti e potenzialità).

Per esempio, una donna con un conflitto di ruoli di genere che vuole segretamente essere un cantante invece di una casalinga come le richieste sessiste della sua famiglia, si fermerà da sempre come cantante di successo se pensa, troppo generalizzata, che avere fallito un'audizione invariabile significa che lei non ne passerà mai uno in futuro. Stando così le cose, perché preoccuparsi di provare?

In altre parole, le credenze irrazionali elencate da Beck e Ellis hanno la stessa funzione dei meccanismi di difesa. Si potrebbe dire, infatti, che sono meccanismi di difesa!

Una volta ho suggerito ad Albert Ellis durante un Q & A in una conferenza di terapia che forse credenze irrazionali e meccanismi di difesa hanno lo stesso scopo. Naturalmente mi ha lanciato in una tirata sarcastica per osare persino pensare a qualcosa del genere. Peccato.

Solutions Collecting From Web of "Vs psicodinamica Terapia cognitiva: meccanismi di difesa"