Voglio, non voglio: la psicologia del desiderio

Cosa significa desiderare qualcosa? Nonostante il fatto che la sensazione di brama sia al centro dell'esperienza della dipendenza, sappiamo molto poco su come funziona. Nel 2005, Alan Marlatt e Katie Witkiewitz hanno descritto il craving come "forse il concetto più studiato e il più scarsamente compreso nello studio della tossicodipendenza" (p.18).

Gli psicologi erano soliti pensare che la sensazione di bramare fosse puramente biologica. Ma Marlatt e il suo collega, Damaris Rohsenow, ad esempio, hanno esaminato una serie di studi in cui gli alcolisti che credevano di bere alcolici, indipendentemente dal fatto che ci fosse davvero alcool nelle loro bevande, cominciarono a desiderare; mentre gli alcolizzati che bevevano alcolici, ma che credevano di bere bevande analcoliche, non lo bramavano.

Allora, cos'è un desiderio? Quando qualcuno con Disturbo Ossessivo-Compulsivo sente che deve lavarsi le mani un certo numero di volte, non prova quel bisogno come proveniente da lei, ma da sopra di lei. L'esperienza è più di un "dovrebbe" che un "desiderio". Quando qualcuno con un problema di abuso di sostanze, tuttavia, sente il bisogno di usare la sua sostanza di scelta, lei lo sperimenta come un "desiderio", un desiderio così intenso, che anche se non vuole che tutte le cattive conseguenze che lei ha appreso seguano sicuramente, prova un'enorme tentazione di cedere al suo desiderio. Quando lei dice che vuole fermarsi, quello che intende veramente è che lei vuole voler smettere.

Cosa significa volere qualcosa?

Lo psicologo Robert Abelson suggerisce il seguente esperimento mentale. Immagina un computer che gioca a scacchi. Fa ogni sforzo per vincere, e di solito lo fa, anche contro i grandi maestri. Eppure non lo descriveremo mai come se volessimo vincere, perché non possiamo pensare a nessuna situazione in cui cercherebbe di non vincere. Un boss della mafia non può persuaderlo a lanciare una partita minacciando di rompergli le gambe, per esempio.

David Shapiro, nel suo classico Autonomy and Rigid Character del 1981, ha suggerito un possibile percorso che collega la motivazione e l'azione. Tutto inizia con una voglia. Ma non è la stessa cosa dell'azione. Abbiamo tutti bisogno di ignorare tutto il tempo. Invece, tale impulso può generare una consapevolezza delle varie possibilità di azione, portando a una qualche forma di intenzione cosciente, che, quindi, potrebbe dar luogo a un'azione. Quando ero al college, c'erano molte volte che avrei preferito uscire con gli amici piuttosto che studiare per le finali. Ma la voglia di stare con i miei amici era controbilanciata dagli altri miei desideri: ottenere buoni voti, entrare a far la maturità, forse anche provare un senso di realizzazione. Ho fatto la scelta consapevole di accucciarmi e studiare non perché non volessi davvero vedere i miei amici, ma perché i miei desideri in competizione hanno vinto. Li ho vissuti tutti come desideri o intenzioni e mi sono sentito l'agente delle mie stesse azioni, anche se ho perso qualcosa che avrei voluto.

Una brama, d'altra parte, sembra più un'intenzione non riconosciuta . Anche se vuoi andare in pista, potresti non sentirti l'agente di quel desiderio. Un molestatore di cocaina prende chiaramente molte decisioni per soddisfare la sua brama: trovare un rivenditore, trovare denaro per pagarlo, fare la transazione, preparare la cocaina per l'uso, e poi annusare o sbuffare. Ma lei non si sente l'agente di tutte quelle azioni. Si sente la loro vittima, impulsiva e priva di un senso di deliberazione, sentendosi incapace di aiutarsi. Ma, come suggerisce Shapiro, le persone in questa posizione "non si pentono del tutto di ciò che i loro impulsi scelgono di fare con loro".

Alcune caratteristiche del craving sono:

  • Impulsività e velocità
  • L'interesse tende ad essere immediato o a corto raggio
  • Ti senti come se manchi di deliberatezza, anche se sei impegnato a cercare il modo più veloce per soddisfare il tuo desiderio
  • Un senso alterato di integrare passato, presente e futuro; la brama cerca solo soddisfazione, e la cerca ORA.

Senza un senso di pianificazione per il futuro, è facile rendersi conto di come una brama potrebbe vincere cercando di sviluppare desideri a sangue pieno. È l'esistenza di interessi a lungo termine in competizione che rende importante posticipare la gratificazione. Senza questi interessi, qual è il punto di non indulgere nei nostri impulsi? Se non mi importava dei miei voti, o della scuola di specializzazione, perché non avrei dovuto interrompere l'esame e uscire con i miei amici?

TEST DELLA TEORIA

Dal momento che i tossicodipendenti hanno particolari difficoltà con voglie incontrollabili, ho analizzato le storie raccontate da un gruppo di tossicodipendenti di cocaina e confrontandole con storie raccontate da non abusatori (Greenstein, 1994, 2011). A tutti i soggetti sono state date le stesse immagini e chiesto di inventare storie sui personaggi delle immagini.

Le storie raccontate dai tossicodipendenti tendevano ad essere più veloci, più brevi, più brusche e tendevano a mancare elementi temporali, come l'inizio, la fine e la fine. Gli abusanti della sostanza tendevano a raccontare le loro storie in un modo che sembrava meno intenzionale. Ad esempio, erano più propensi a incolpare la carta stessa ("la carta fa sembrare …") o persino il tester ("tu vuoi che dica …") per il contenuto dei loro negozi. Anche i protagonisti delle loro storie avevano meno probabilità di agire intenzionalmente, più probabilmente di agire "senza rendersene conto" o mentre "sfogliavano".

RIFERIMENTI

Abelson, R. (1988). Mente senza legge. Philadelphia: Temple University Press.

Greenstein, M. (2011). Non voglio volere: intenzionalità e desiderio nella dipendenza. In: C.Piers (Ed). Personalità e psicopatologia: dialoghi critici con David Shapiro. New York: Springer Press.

Greenstein, M. (1994). Intenzionalità e impulso irresistibile nella dipendenza. Tesi di dottorato non pubblicata, New School for Social Research

Marlatt, GA e Witkiewitz, K. (2005). Prevenzione delle recidive per problemi di alcol e droga. In: GA Marlatt e DM Donovan (Eds.) Prevenzione delle recidive: strategie di mantenimento nel trattamento dei comportamenti di dipendenza. New York: Guildford Press

Marlatt, GA e Rohsenow, DJ (1980). Processi cognitivi nell'uso di alcol: aspettativa e il design equilibrato del placebo. In: NK Mello (a cura di) Progressi in abuso di sostanze, Volume 1. Greenwich: JAI Press.

Shapiro, D. (1981). Autonomia e carattere rigido. New York: libri di base.

Solutions Collecting From Web of "Voglio, non voglio: la psicologia del desiderio"