Vogliamo davvero cambiare?

Sono stato consulente per le coppie da oltre trent'anni e ho iniziato a credere che la ragione principale per cui il cambiamento sia così difficile è che la maggior parte delle persone semplicemente non gli piace. So che le teorie psicologiche abbondano che sostengono che vogliamo cambiare, e che anche noi sposiamo le persone per aiutarci a risolvere i nostri problemi irrisolti. Basta dire: c'è troppa ansia legata al cambiamento: troppa incertezza. Un ex cliente mi ha detto che ha deciso di non lavorare al suo matrimonio disfunzionale perché: "Non voglio scambiare il Diavolo che conosco per il Diavolo che non conosco." Ho capito. Come Fredo Corleone, "Sono intelligente Mikey." Ho persino empatia. Mi rendo anche conto che con il cambiamento arriva la perdita. Anche se una coppia ha un dolore tremendo, per alleviare il disagio, dovrà subire almeno qualche perdita. Ho visto innumerevoli uomini in cura che hanno finito i loro matrimoni e continuano nella terapia di coppia. Perché la sciarada? Di solito ottengo la stessa risposta: "Un divorzio costerà troppi soldi e i bambini saranno sconvolti. "Okay," rispondo, "allora dovremmo aspettare fino a quando i tuoi figli ti diranno: 'Gee papà, grazie per esserti sbarazzato di nostra madre, ci sentiamo fantastici?'" Quanto tempo ci vorrà per succedere? Dobbiamo aspettare che un giudice dica: "Ascolta l'uomo, non devi pagare nessun assegno alimentare o sostegno per i figli: sei libero come un uccello?" Un'opportunità grassa! Questi uomini, come la maggior parte di noi, vogliono tutto, e aspetteranno di averlo. Il dottor Seuss ha detto nel suo libro Oh, the Places You Go Go! (un grande libro sull'affrontare le paure e prendere il cambiamento) che le persone attenderanno … e attenderanno.

Noi terapeuti sappiamo che la maggior parte delle persone protegge la propria dinamica malata con ferocia; dopo tutto, vivere senza di essa potrebbe essere peggio; e in che altro modo sanno come vivere? Quando ho chiesto a un cliente come si sentiva di avere un padre alcolizzato brutalmente violento, ha risposto: "Non pensavo che fosse così male; Pensavo che tutti i padri del vicinato fossero come mio padre. "Dopo aver lasciato un'università per la pratica privata, la lezione di separazione del mio supervisore era di chiedermi di prendere una sedia pesante nel suo grande ufficio e andare in giro. Dopo un paio di minuti mi ha chiesto come mi sentivo. Gli ho detto che era pesante. Ha detto: "Continua a camminare". Pochi minuti dopo ha chiesto di nuovo come mi sentivo a portare la sedia. Dissi: "Mi sto abituando." "Cammina ancora un po '," disse. Passò una vita – o sembrava una cosa – e alla fine mi disse di abbassare la sedia. L'ho fatto e poi mi ha chiesto: "Come ti senti ora?" Gli dissi che mi sentivo sollevato. "Giusto," disse. "È così che siamo. Possiamo metterci nella situazione più orribile e abituarci – solo per provare sollievo quando ce ne andiamo – cioè, se mai corriamo il rischio di uscire. "" Ho capito, "dissi. "Bene," rispose, "Vio Con Dios."

Allora, perché le persone vanno anche in terapia? Sono arrivato a credere che la maggior parte delle coppie venga a trovarmi in modo da poter aiutare a trovare un modo per loro di "rimanere lo stesso senza il dolore." Ho visto la mia parte di coppie interrompere il trattamento non appena si sono per risolvere alcuni problemi di lunga sofferenza. Ho visto numerose persone chiudere una relazione con una persona buona, ragionevolmente sana, solo per partire con qualcuno che non avresti mai voluto portare a casa per incontrare mamma. E una delle ragioni per cui una relazione o anche un divorzio può essere un sciocco atto di disperazione è perché lo scherzo è spesso su di noi! In uno sforzo inconscio per evitare il cambiamento, troviamo di nuovo la stessa persona.

So che potrei sembrare senza cuore per alcuni di voi là fuori, ma mi vedo come un realista empatico. In una recente conferenza che ho tenuto, un membro del pubblico – un terapeuta – mi ha chiesto se mi annoiavo o mi sentivo frustrato durante la terapia. "Neanche", ho risposto. "Ho una grande empatia per i miei clienti perché conosco in prima persona quanto sia difficile il processo di cambiamento". Avviso persino i miei clienti: "Se vuoi un cambiamento profondo, devi odiare i tuoi sintomi. Non puoi essere un po 'aggravato, così come non puoi dire che darai una scuola di medicina, sei nel business del cambiamento o non lo sei. "Giocavo a calcio al college, e nella mia squadra c'era un tipo che abbiamo soprannominato The Squid perché era magro e muscoloso. Come ricordo, Squid aveva un'abitudine interessante – nata dall'ansia che sospetto – di perdersi durante il gioco. Non sembrava mai entrare nella mischia, specialmente quando avevamo bisogno di lui. In più di un'occasione il nostro capitano della superstar gli avrebbe urlato nel bel mezzo dell'azione: "Entra nel gioco di Squid". Questo è quello che dobbiamo fare tutti per cambiare … entrare nel gioco.

Solutions Collecting From Web of "Vogliamo davvero cambiare?"