Vladimir Putin e il suo cane politico

Molti politici fanno affidamento sulla compagnia di un cane per fornire loro un sostegno sociale e psicologico. La maggior parte delle persone conosce Franklin Delano Roosevelt con il suo Scottish Terrier, Fala; George Bush Senior e il suo Springer Spaniel, Millie: Lyndon Johnson e i suoi Beagle, lui e lei; George W. Bush e i suoi Scottish Terrier, Barney e Ms Beasly e molti altri. Oltre alla parte che i cani da compagnia possono svolgere nella vita personale dei politici, a volte diventano simboli di un regime politico, e talvolta vengono deliberatamente usati dai loro padroni per creare un'impressione o per raggiungere un obiettivo politico.

Creative Commons License CC0
Fonte: Licenza Creative Commons CC0

Consideriamo, ad esempio, il caso di Vladimir Putin e del suo cane Koni. Putin è stato eletto presidente della Russia per otto anni ed è ora il primo ministro della sua nazione. Koni è un Labrador Retriever nero. Fu data a Putin dal generale dell'esercito Sergey Shoigu. Koni in realtà ha un'associazione ereditaria con la politica da quando è nata in un centro governativo a Noginsk che alleva cani per ricerche e soccorsi ma, soprattutto, la sua linea di Labrador Retrievers può essere fatta risalire a cani di proprietà di Leonid Brezhnev, l'unico generale Segretario del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Il suo nome completo è Connie Paulgrave e ci sono voci non confermate sul fatto che Koni sia stato intitolato all'ex segretario di stato americano, Condoleezza Rice.

Sebbene Putin sia molto popolare tra il popolo russo, le sue politiche hanno sollevato tensioni tra il russo e l'occidente su una serie di questioni. Molte delle sue dichiarazioni e azioni più aspre sono state indirizzate verso gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. Ha anche la reputazione di sopprimere e trattare duramente con i suoi oppositori politici interni, e alcuni hanno sostenuto che un certo numero di diritti democratici recentemente conquistati dalla Russia, come la libertà di stampa, la libertà di parola e la libertà di riunione sono stati minacciati dalle azioni di Putin. Ciò ha suscitato aspre critiche da parte della comunità internazionale e di alcuni gruppi e individui all'interno della Russia. Molti di coloro che conoscono Putin sostengono personalmente di avere forti reazioni negative alle critiche e spesso scatenano esplosioni di rabbia o attacchi di depressione.

Ad una conferenza stampa a Mosca, a Putin è stato chiesto del suo malumore in risposta alle critiche. Ha risposto "Per quanto riguarda i cattivi stati d'animo, naturalmente li ho come qualsiasi altra persona, ma in quei casi cerco di consultarmi con il mio cane Koni – mi dà buoni consigli".

Putin è chiaramente molto affezionato a Koni e viene spesso visto in pubblico con lei accanto a lui. Frequenta spesso incontri con il personale con lui ed è spesso presente quando saluta i leader mondiali che visitano la Russia. A volte, quando non le è permesso di stare con lui, Koni diventa piuttosto infastidito. Il giornale sponsorizzato ufficialmente Rossiyskaya Gazeta ha riportato un incidente nel 2003, quando TV e giornalisti della stampa si sono recati a Sochi per partecipare a una discussione sui problemi attuali con il Presidente. Koni era presente, ma quando arrivò il momento di iniziare l'incontro, le guardie di sicurezza di Putin cercarono di impedire a Koni di seguirlo. Ha rifiutato di collaborare e mentre Putin e un gruppo di giornalisti e Putin hanno iniziato a scendere le scale, Koni si è precipitata verso di loro. Alcuni furono spaventati e indietreggiarono, tuttavia Koni era interessato solo a Putin, e si fermò di fronte a lui e iniziò ad abbaiare rumorosamente. Ciò fece sì che il presidente della REN TV, Irena Lesnevsky, chiedesse ad alta voce a tutti gli altri presenti: "Allora, chi altri qui può abbaiare al presidente?"

Un anno dopo Koni fuggì di nuovo dai suoi custodi, questa volta a una festa di Capodanno per bambini al Palazzo del Cremlino. Schivando guardie di sicurezza e centinaia di bambini si è lanciata tra la folla ed è riuscita a unirsi a Putin sul palco mentre era nel mezzo di un discorso ai media, ai politici e al pubblico. Le fughe di Koni sembrano spesso essere motivate dal desiderio di essere vicino a Putin, tuttavia la stampa russa ha suggerito che potrebbe anche accadere che Koni abbia imparato che quando i rappresentanti dei media sono in giro c'è spesso anche un'abbondanza di cibo presente. Probabilmente ha anche imparato che in tali condizioni le persone sono spesso disposte a darle un po 'di quel cibo come regalo. Questa situazione ha infastidito Putin al punto che ha commentato il suo sito web "A volte, Koni lascia una stanza piena di giornalisti con un'espressione molto soddisfatta sul viso e briciole di biscotti intorno alla bocca … Per favore non dare da mangiare al mio cane!"

Tuttavia a volte Koni non ha bisogno dell'assistenza dei giornalisti per ottenere i suoi dolcetti. Recentemente Putin ha ospitato un raduno nella sua residenza Novo-Ogaryovo fuori Mosca. Lo scopo era discutere con i leader del suo partito Russia Unita in qualche modo per aiutare l'industria alimentare locale. Era stato preparato uno speciale servizio da tè per chiudere l'incontro. Dal momento che Koni non è stata invitata nella sala riunioni, si è fatta strada nella stanza dove il cibo era sul tavolo e ha iniziato a fare merenda sulla collezione di pasticcini, biscotti e gelatine che erano stati preparati per i dignitari. Una delle attonite guardie del corpo di Putin ha riassunto la situazione semplicemente: "Koni ha mangiato tutto!"

Il problema di tenere traccia delle sorti di Koni sembrava essere nella mente di Putin quando partecipava a una presentazione che descriveva lo sviluppo del Global Navigation Satellite System (GLONASS). Questo è stato sviluppato dall'esercito russo in risposta al sistema GPS americano che consente la localizzazione precisa di qualsiasi cosa con un trasmettitore speciale. La prima domanda di Putin al personale tecnico è stata "Posso usarlo sul mio cane?" Alcuni mesi dopo è stato presentato un collare satellitare che rileva ogni passo del cane. Questo è stato il primo collare di questo tipo mai prodotto in Russia e consente a 21 satelliti in orbita stazionaria di seguire Koni. Non è noto se questo la manterrà fuori dai guai.

Putin ha usato politicamente la presenza di Koni, anche se a volte le sue motivazioni sono oscure. Così, quando il presidente degli Stati Uniti George W. Bush visitò la residenza di Putin, Koni era lì per salutarlo. Si dice che Putin abbia fatto notare al presidente in visita che Koni è "più grande, più duro, più forte, più veloce, più cattivo di Barney [Bush's Scottish Terrier]". Non ci sono dati su ciò che Bush ha detto in risposta, sebbene sia stato osservato sorridendo.

A quanto pare Putin ha anche usato Koni per tentare di intimidire un diplomatico durante le difficili negoziazioni sull'approvvigionamento energetico. Angela Merkel, la cancelliera tedesca, sembra aver paura dei cani perché è stata morsa severamente da uno quando era giovane. Vladimir Putin era consapevole di questo fatto poiché aveva già incontrato la Merkel diverse volte quando era all'opposizione e leader dei conservatori democratici cristiani. Alcune persone sospettano che Putin volesse acquisire qualche forma di vantaggio psicologico sulla Merkel durante le complesse discussioni. Quando si sono incontrati nella residenza presidenziale, Putin ha invitato Koni a unirsi a loro. Koni entrò nella sua solita maniera attiva e dominante e andò immediatamente dalla Merkel. Il cancelliere tedesco si ritrasse a disagio al suo avvicinarsi. Merkel allora nervosamente, o forse, volentieri, commentò in russo: "Adesso il cane sta andando a mangiare i giornalisti". Comunque sembrava a qualcuno di quelli che conoscevano bene la Merkel che in realtà intendeva dire "Spero che il cane non abbia intenzione di mangiare me."

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Modern Dog, Why Do Dogs Have Wet Noses? Le impronte della storia, come pensano i cani, come si parla il cane, perché amiamo i cani Facciamo, cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani, perché il mio cane agisce così? Comprensione dei cani per i manichini, i ladri del sonno, la sindrome di sinistra.

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione.

Solutions Collecting From Web of "Vladimir Putin e il suo cane politico"