Vivi a lungo ed in prosperità

La recente morte di Leonard Nimoy mi ha portato a riflettere su ciò che potremmo ricavare dalla fantascienza sui pericoli quotidiani del tipo che sono al centro di questo blog. Sembra che in futuro tutti vivranno in un mondo (più correttamente, sui mondi) in cui ogni famiglia sarà al sicuro e tutti i prodotti sul mercato saranno privi di rischio (sia acquistati che in una civiltà dove il denaro non è più utilizzato ).

Alcune sostanze tossiche apparivano occasionalmente su Star Trek : per esempio, il gas nervino Klingon, aka Qab nella lingua nativa. E il legame più vicino a un pericolo quotidiano che emerge in modo audace potrebbe essere Tar , il generico Klingon per il veleno, potenzialmente interpretabile come un'allusione alla metrica standardizzata per il contenuto tossico delle sigarette.

A proposito delle sigarette, un approccio controcorrente al futuro è il dispositivo comico in cui ogni pericolo di cui ci preoccupiamo oggi si rivela in seguito benigno. Oppure, come dice lo scienziato di Sleeper di Woody Allen, incoraggiando lo sfortunato protagonista a fumare: "È tabacco – è una delle cose più salutari per il tuo corpo".

La catastrofe ambientale è un pilastro delle finzioni distopiche, più frequentemente infettive e soprattutto trasmissibili per via ematica (pensate agli zombi) o radioattive (pensate a Godzilla), ma a volte l'inquinamento chimico è anche il colpevole. E anche se, specialmente nella fantascienza televisiva, il rischio professionale più serio di solito è quello di un guardiamarina che nessuno ha mai visto prima, anche un cattivo lavoro industriale può avere un ruolo in alcune distopie. Le lugubri condizioni nelle miniere di carbone del Distretto 12 ( Hunger Games ) sono un esempio recente.

Ma il legame più concreto tra la fantascienza e un pericolo che potrebbe essere introdotto in casa è la limitata, molto costosa prima edizione (1953) di Fahrenheit 451 di Ray Bradbury (un romanzo su un'età futura in cui tutti i libri sono bruciati), specialmente legato in Johns Mansville Quinterra , "un materiale di amianto con eccezionale resistenza alla pirolisi".

Dato che il futuro è, dopo tutto, la fantasia e perché sono libero di scegliere una visione utopica piuttosto che distopica, ecco il mio scenario fantascientifico per alcuni cambiamenti che potrebbero un giorno rendere questo blog un anacronismo:

  • Test pre-mercato e approvazione di nuove sostanze chimiche, prima che vengano introdotte commercialmente
  • Un divieto mondiale di vendita o importazione di prodotti di amianto o di amianto
  • Commercio che non è libero da prodotti realizzati senza adeguate protezioni per la sicurezza e la salute dei lavoratori
  • I consumatori si assumono la responsabilità che i loro acquisti non hanno sovvenzioni nascoste per la salute o la vita di un altro
  • I regolatori governativi hanno le risorse e la volontà politica di applicare pienamente la legge

Sentiti libero di aggiungere a questa lista. E vivi a lungo e prosperare!

Solutions Collecting From Web of "Vivi a lungo ed in prosperità"