Vivere un mistero a due livelli

Gertrude Stein, la scrittrice americana che ha vissuto per molti anni a Parigi e ha presieduto un notevole circolo letterario e artistico – e il cui consiglio è stato cercato da Hemingway, Fitzgerald e altri autori – era ben nota per le sue spiritose e filosofiche dichiarazioni. In un'occasione ha posto la domanda, 'quale sarebbe la domanda se avessimo saputo tutte le risposte?' È una provocatoria "one-liner", il che implica che la necessità di porre domande è "incorporata" alla condizione umana, qualsiasi livello di conoscenza sia già stato raggiunto – perché dobbiamo sempre trovare qualche domanda da chiedere se non vogliamo tornare al controllo più meccanico del comportamento istintivo.

Anche se i fisici avessero scoperto tutto quello che c'era da sapere sull'origine del Tempo, della Materia e dell'energia; se filosofi, sciamani e mistici sacerdotali erano riusciti a dimostrare che l'anima era davvero un'entità spirituale e il nostro legame con una dimensione metafisica dell'esistenza … e i neuroscienziati arrivarono finalmente a comprendere come funzionano le trilioni di connessioni neurali del cervello …. 'Sì, ​​e allora …' sarebbe ancora la domanda umana … (se non fossimo già diventati simili a uno zombi, cioè).

Per esempio, cosa succederebbe se la "finestra della coscienza" neurale del cervello destro, che è responsabile della nostra vita immaginativa …. I nostri pensieri creativi e le sensazioni di guida che li accompagnano, dovessero diventare completamente oscurati dalla finestra del "cervello sinistro" 'i neuroni, che sono fondamentalmente interessati alla registrazione delle informazioni sulla natura fattuale del mondo esterno come fornita dai cinque sensi? Bene, allora vivremmo una vita totalmente esistenziale in cui "avvenimenti" e eventi esterni costituirebbero l'unica "realtà": una vita oggettiva completamente razionale.

Potremmo quindi dire con Shakespeare, "Siamo tali cose / Come i sogni sono fatti su …"?

Tale consapevolezza unilaterale del cervello sinistro porterebbe alla perdita di quella vita interiore che spiega ampiamente la natura bilaterale della nostra umanità – le nostre pulsioni fantasiose ed empatiche, convinzioni morali, meraviglie mistiche, curiosità generale riguardo al "come" e "perché" dell'essere, e la nostra natura completamente indipendente e individuale.

Stavo parlando in questo senso ad un amico avvocato l'altro giorno e lui ha risposto dicendo: "Beh, potrebbe non essere una brutta cosa … senza la necessità di chiedere" come "o" perché "potremmo godere di uno stato di beatitudine …. una forma di Nirvana … "" Sì, come lo scimpanzé ", replicai (non volevo mancare di rispetto agli scimpanzé).

La domanda di Gertrude Stein serve a ricordare che ci è stata data – più che a qualsiasi altra creatura del pianeta (per quanto possiamo dire) – essere guidata dalla facoltà di curiosità: dalla spinta scientifica a scoprire la macro-follonologia misteri presentati dal nostro pianeta e dal cosmo nel suo complesso … e le pulsioni micro-psicologiche che rappresentano la nostra specie. Il rispettato filosofo tedesco Max Scheler scrisse che era il nostro scopo nella vita '… spingere in avanti tutto il mondo esterno, e … il regno interno dell'anima, per vedere e comunicare quelle realtà dentro di sé che regola e convenzione nascondono '.

Quindi la coscienza umana ha un duplice scopo. Fornire una consapevolezza sensoriale della presenza, della natura materiale e degli "avvenimenti" …. del mondo esterno, per mezzo del quale sopravviviamo e funzioniamo. E per evocare sentimenti, idee, pensieri, "immaginazioni", ispirazioni e valutazioni interiori, evocati intuitivamente, che arricchiscono le nostre vite e forniscono una ragione per l'Essere.

Di conseguenza, si potrebbe dire che, come specie, siamo tutti personaggi divisi.

Penso che sareste d'accordo con me nell'assumere che ciò che chiamiamo "la condizione umana" si realizzi meglio quando entrambe queste facoltà di coscienza sono date nel corso del nostro progresso attraverso la vita. Eppure il pendolo della storia umana ha registrato notevoli oscillazioni tra queste "due finestre" della nostra coscienza: fare due esempi nella storia occidentale, ad esempio, l'età della ragione del XVII secolo e la cosiddetta rivoluzione romantica del diciannovesimo secolo.

E al giorno d'oggi? Beh, non bisogna essere un genio per chiedersi dove siamo. In questa epoca di tecnologia in rapida espansione, che fornisce un contatto costante e un'indagine su tutti i tipi di eventi fenomenologici – per non parlare del telefono cellulare sempre pronto che consente di essere mentalmente con qualcun altro, e quindi di essere da qualche altra parte …. al contrario di avere il tempo e l'inclinazione a meditare sulle cose … indulgendo ai propri sentimenti, pensieri e intuizioni …. Penso che molti di noi (me stesso incluso a volte) scoprano che un'esistenza così estroversa è meno esigente, anche più divertente, che essere – come diceva il poeta Wordsworth, "In vacanza o in umore pensoso".

Ma a quale costo per se stessi …. di venire a conoscersi come una miscela particolare di stato mentale mondano e psichico?

Guido per il paese due volte all'anno e il numero di conducenti, sia di grandi camion che di automobili, che guidano con i loro telefoni cellulari premuti fino alle orecchie, è in costante aumento. E questo è solo un esempio di una mossa generale al giorno d'oggi lontana dal trascorrere del tempo nella propria compagnia.

Posso solo pensare che una tecnologia così calcolata diventi più avanzata – e poiché l'istruzione elementare e secondaria richiede un'espressione meno personale attraverso la scrittura, e nella disciplina del "pensare per se stessi" – il nostro impoverimento interiore diventerà più sicuro.

E poi avremo bisogno di qualche altra parola di "umano" per descrivere la nostra "razza".

Solutions Collecting From Web of "Vivere un mistero a due livelli"