Vivere sotto le luci della ribalta e il punto debole della superfluidità

Lenscap Photography/Shutterstock
Fonte: Lenscap Photography / Shutterstock

La mia maggiore età e il processo di coming out nei primi anni '80 è stato alimentato da una colonna sonora della musica Prince. Per tutta la mia adolescenza, ho sempre suonato canzoni del Principe che suonavano dalle cuffie del mio Walkman. La musica del principe mi aprì la mente alla possibilità di rompere con la mediocrità dell'humus dello status quo e mi ispirò a portare la mia vita su un piano più alto.

Quando ero intrappolato in un imbarazzante collegio a Wallingford, nel Connecticut, l'album Controversy – che inizia con i testi, "Non riesco a credere a tutte le cose che la gente dice … Sono nero o bianco, sono etero o gay?" – pulsava costantemente da altoparlanti nella mia stanza del dormitorio. L'irriverenza irreprensibile della title track era un modo audace per lasciare che il mio decano e compagni di classe sapessero che non avevo paura di essere visto come un deviante all'interno dell'istituzione scolastica preprimaria. L'impavidità e l'autostima del principe mi hanno insegnato come sentirmi a mio agio nella mia pelle, anche se mi sentivo un mostro, e ad abbracciare il fatto di essere un estraneo.

In giovane età adulta, quando mi allenavo costantemente per l'atletica ultra-resistente, le canzoni di Prince come "Baby I'm a Star", "Little Red Corvette" e "Pop Life" erano inni durante i miei interminabili allenamenti e gare sportive. La personalità e la musica di Prince erano una trampolino di lancio che mi ha permesso di perforare attraverso uno spillo di trascendenza alla più alta forma di flusso – uno stato di coscienza che chiamo Superfluidità – che   è caratterizzato dal fluire senza attrito o viscosità.

Ho sempre pensato che Prince fosse qualcuno che non aveva bisogno di droghe o alcol per aumentare la sua autostima, ridurre le sue inibizioni o raggiungere la superfluidità. Se credevi alle PR del Príncipe e alle convinzioni religiose, probabilmente avevi fiducia nella sua proclamazione che lui faceva tutto ciò che era freddo, sobrio. Ho rispettato Prince per la sua temperanza. Mi ha ispirato a perseguire i miei sogni senza droghe o stimolanti. Come milioni di persone in tutto il mondo, sono rimasto scioccato e devastato dalla sua morte prematura all'età di 57 anni, il 21 aprile 2016.

Il 3 giugno 2016 il Midwest Medical Examiner's Office ha confermato che Prince è deceduto per una dose autosomministrata del fentanil oppiaceo sintetico, il più potente antidolorifico a base di oppiacei presente sul mercato. Il fentanil è da 50 a 100 volte più potente della morfina, secondo la Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti. Il medico legale incaricato del caso ha confermato che Prince si era abbuffato con l'oppiaceo sintetico prima di aver fatto un'overdose accidentale mentre era da solo a casa. Dubito che sapremo mai quando è iniziata l'abuso di sostanze e la dipendenza da oppioidi che ha portato alla morte di Prince.

Lupo nell'abbigliamento delle pecore: gli oppioidi sono antidolorifici duplicati che in realtà aumentano il dolore

Gli oppioidi stanno uccidendo gli americani da tutti i ceti sociali in numeri da record. Ho scritto una vasta gamma di post sui blog di Psychology Today che esaminano le tendenze nazionali della dipendenza da oppioidi e il tasso allarmante di overdose da entrambi gli antidolorifici e l'eroina a base di oppiacei.

Recentemente, i ricercatori dell'Università del Colorado, Boulder, hanno scoperto che anche l'uso a breve termine degli oppioidi può aumentare e prolungare il dolore cronico. Uno degli aspetti più inquietanti di questo nuovo studio è la scoperta che i farmaci narcotici (come il fentanil, la morfina, la codeina, l'ossicodone, il percocet e altri oppioidi) riducono momentaneamente il dolore, ma rapidamente rendono gli utenti più sensibili al dolore , che li porta a richiedere dosi più elevate nel tempo e dipendenza.

Storicamente, c'è stato un modello di superstar musicali come Prince, Michael Jackson, Whitney Houston, Elvis Presley, Judy Garland, Jimi Hendrix, Janis Joplin, ecc. Autodistruggendosi da overdose di droga. Sulla base dei primi resoconti secondo cui Prince doveva atterrare il suo aereo per un'emergenza medica pochi giorni prima di morire (a causa di un sovradosaggio da oppiacei) avevo la sensazione che la sua morte potesse essere stata causata da tossicità da oppioidi prima che il rapporto dell'autopsia fosse rilasciato .

Il mese scorso, ho scritto un post sul blog di Psychology Today , "Perché così tante superstar si autodistruggono come le supernove?" Il post esplora come l'esperienza "ultraterrena" di essere adorata da milioni di fan e il successivo isolamento di sentirsi intrappolati in un paparazzo Petri-of-fame di fama porta spesso all'autodistruzione. Chiaramente, vivere sotto i riflettori fa sì che il sistema nervoso centrale cortocircuiti su alcuni livelli. Ritornare "sulla terra" dalla stratosfera della superstar sembra guidare gli idoli della musica di tutte le generazioni verso i disturbi da uso di oppioidi. (OUD)

Da giovane atleta, ho frainteso dove finisce davvero il "viaggio dell'eroe"

Christopher Bergland a metà della corsa di 135 miglia nella Death Valley con temperature che oscillano a 130 ° F.
Fonte: per gentile concessione di Kiehls dal 1851

Durante la mia carriera atletica, sono stato il poster boy di Kiehl e sono rimasto ambasciatore per la loro missione filantropica e per i principi fondamentali di "The Spirit of Adventure". Come atleta ultra-resistente che ha gareggiato a livello internazionale, il libro di Joseph Campbell, The Power of Myth , era una bibbia per me. Ho anche posseduto la serie di videocassette del documentario PBS con Bill Moyers e Campbell girato nel ranch di Luke Skywalker nel 1988. A causa di questa influenza, ho romanticizzato ogni razza in cui ho gareggiato come una ricerca mitica alla ricerca di un "Santo Graal".

Mentre riflettevo sulla morte di Prince questo fine settimana, ho deciso di filtrare la nuova rivelazione che ha fatto, di fatto, morire di overdose da oppioidi attraverso la lente della superfluidità insieme ad altri archetipi e temi che sono centrali nella mia gestalt come scrittore, genitore e atleta in pensione.

Quando penso a Prince come a una superstar implosa come una supernova, la domanda da un milione di dollari è: perché si è auto-distrutto? E cosa possiamo fare per impedire che ciò accada agli altri in futuro? Ovviamente, non ho tutte le risposte a queste domande, ma spero che questo post sul blog offra spunti di riflessione sull'argomento.

Sebbene non abbia mai avuto a che fare con l'essere famoso, mi sento simpatico per i sentimenti blasé e il malessere "Is That All There Is" che spesso si verifica dopo esperienze di vette ultraterrene. Ho vissuto questa delusione dopo ogni significativo trionfo atletico della mia vita. Posso immaginare che le rock star debbano sperimentare uno schianto tremendo dopo ogni notte di esibirsi con migliaia di fan urlanti e adoranti.

Hai mai provato un senso di disillusione a seguito di un picco di esperienza? Il mio "stato lì, fatto ciò" pensieri sfiniti dopo le esperienze di punta mi ha spinto a sollevare continuamente la barra come atleta ultra-resistenza correndo, andando in bicicletta e nuotando sempre più lontano, più veloce e più difficile. Detto questo, ad un certo punto, le cose che prima sembravano esperienze di punta alla fine non avevano la grinta di soddisfare o "stupirmi" di me.

Joni Mitchell ha riassunto alcune tra le insidie ​​di essere una famosa rockstar in una canzone che ha scritto su James Taylor (che ha lottato con la dipendenza da eroina per molti anni, ma è stata pulita per decenni) chiamata "Donna di cuore e mente". Mitchell canta, "Dopo la fretta quando torni giù. Sei sempre deluso. Niente sembra tenerti alto. Guida le tue occasioni. Spingi i tuoi documenti. Vinci le tue medaglie. Fanculo ai tuoi sconosciuti Non lasciarti dalla parte vuota. "

La superfluidità è seducente e allettante, proprio come gli oppioidi

Per gran parte della mia vita, raggiungere uno stato di Superfluidità era simile al Nirvana. Esistere senza alcuna frizione o viscosità mi ha fatto sentire come se avessi attinto a un qualche tipo di elisir soprannaturale che dà la vita.

Superfluidità è un termine che ho preso in prestito dal mondo della fisica per descrivere il sentimento estatico dell'esistente con attrito o viscosità assolutamente nulli. Come atleta professionista, sono arrivato ad un punto della mia carriera in cui creare l'esperienza ottimale descritta da Mihály Csíkszentmihályi mentre il flusso diventava così banale che sembrava "solo un altro giorno in ufficio". Questa è una delle ragioni per cui sono stato costretto a creare un nuovo vernacolo per descrivere le esperienze di picco episodiche che avrei nell'esperienza di flusso.

Se potessi essere come il Principe, e raggiungere uno stato di superfluidità senza l'uso di droghe – e senza vivere la vita monastica di un buddista sull'Himalaya – mi ha messo al settimo cielo. Mi rendo conto ora, c'è un punto debole di superfluidità che può alla fine rendere quelli di noi che hanno assaggiato estasi trascendenti senza droghe, in realtà più vulnerabili a oppioidi, o altri disturbi di abuso di sostanze più tardi nella vita.

Per esempio, quando mi sono ritirato dagli sport e ho smesso di allenarmi per ore ogni giorno, ho dovuto capire come vivere felicemente senza l'infusione neurobiologica quotidiana di dopamina, endocannabinoidi, epinefrina e endorfine che mi hanno portato a stati trascendenti di superfluidità su base giornaliera.

La perdita di estasi trascendente che si verificò quasi tutti i giorni della settimana fu uno shock per il mio sistema che mi riempì di disforia. Durante questo periodo di transizione, l'alcol e il binge drinking sono diventati seducenti per me perché l'alcol mi ha portato alla dimensione incantata di "stare fuori da me stesso" attraverso la superfluidità che desideravo. Mi è diventato chiaro che la mia ricerca di esistere senza attrito o viscosità e di sperimentare la superfluidità poteva essere raggiunta bevendo binge. Ovviamente, questa abitudine potrebbe anche indurmi all'autodistruzione.

Ho imparato dall'esperienza personale che l'estasi e la pura felicità di esistere con zero attrito o viscosità quando la tua neurobiologia crea uno stato di superfluidità è estremamente sublime e molto seducente. Ma la superfluidità è di breve durata ed episodica. . . In definitiva è uno stato vacuo che può essere molto solo. Essere "nel mondo ma non di esso" non è uno stato ideale di esistenza. Inoltre, col passare del tempo, la ricerca della superfluidità o delle esperienze di punta può trasformarsi in una "febbre da vertice" che è auto-indulgente e narcisistica.

Wikimedia Commons/Public Domain
Fonte: Wikimedia Commons / Public Domain

Durante le varie fasi della mia vita, mi sono rivolto agli scritti di Joseph Campbell per gli indizi che mi aiutano a riesaminare gli archetipi dei concetti di Campbell del "Viaggio degli eroi" da diversi punti di vista.

The Power of Myth sottolinea che una delle fasi più difficili del viaggio dell'eroe o dell'eroina sta tornando dal mondo straordinario agli aspetti più umoristici della vita quotidiana nel mondo ordinario. In passato, guardavo questo diagramma a sinistra come un ciclo che si è verificato in un breve lasso di tempo che è stato rappresentato da un viaggio specifico, come uno scalatore di montagna in cima al Monte. Everest.

L'arrampicata sull'Everest è l'analogia perfetta e il microcosmo del viaggio dell'eroe. A prima vista, si potrebbe supporre che raggiungere l'apice della montagna completi il ​​viaggio dell'eroe. Ma, se osservate il diagramma qui sopra, vedete che il viaggio viene completato con successo solo quando si supera la soglia al livello del mare e si è a casa sani e salvi con la propria famiglia e i propri cari nel proprio mondo "conosciuto".

Questo pomeriggio, mentre stavo scrivendo questo post sul blog, ho avuto una mini-epifania quando ho capito che se esegui lo zoom sul diagramma del viaggio dell'eroe e guardi il ciclo di partenza per una "chiamata all'avventura" e "il ritorno a casa sano e salvo" "Come un macrocosmo che si svolge nel corso di decenni durante la tua vita, puoi sovrapporre le fasi del viaggio dell'eroe con le fasi di teoria dello sviluppo psicosociale di Erik Erikson.

Ad esempio, se si considerano le "Sfide e tentazioni" che si verificano nel viaggio dell'eroe come affini alle domande di "Chi sono? Chi posso essere? "E il bisogno di intimità e di" aiuto "per guidarti attraverso l'abisso … può portarti allo stadio di generatività di Erikson, che sarebbe parallelo all'espiazione. Erikson descrisse la generatività come "una preoccupazione per stabilire e guidare la prossima generazione".

La generatività è la chiave per canalizzare la superfluidità dopo la mezza età

Tra i 40 e i 65 anni, Erikson ha teorizzato che tutti noi affrontiamo la domanda esistenziale: "Posso far valere la mia vita?" E la crisi psicosociale della "generatività contro la stagnazione". Personalmente, ho trovato che la struttura di Erikson è estremamente utile per imparare come far fronte con meno superfluidità nella mia mezza età e cercare modi per incanalare le abilità di creare superfluidità che ho imparato attraverso lo sport a fare cose come scrivere questo post sul blog, che spero possa, in qualche modo, migliorare la vita di qualcuno o rendere il mondo un posto migliore.

Nella sua fantastica conferenza TED, Doris Kearns Goodwin fa riferimento a Erik Erikson, per aver detto: "Le vite più ricche e piene tentano di raggiungere un equilibrio interiore tra tre regni: lavoro, amore e gioco." Nella conferenza TED di Goodwin, Learning from Past Presidents , lei offre molti indizi su come possiamo evitare le insidie ​​del semplice perseguimento di esperienze di vette ultraterrene per sentirsi bene, diventare famosi o potenziare il tuo ego. Goodwin dice,

"Per quanto riguarda quella prima sfera di lavoro, penso che la vita di Abraham Lincoln suggerisce che quell'ambizione feroce è una buona cosa. Aveva una grande ambizione. Ma non era semplicemente per ufficio o potere, celebrità o fama: ciò che serviva era realizzare qualcosa di meritevole nella vita in modo da poter rendere il mondo un posto migliore per il suo aver vissuto in esso.

Crescendo, sviluppò una certa consolazione da un'antica nozione greca – ma seguita anche da altre culture – che se potessi realizzare qualcosa di meritevole nella tua vita, potresti vivere nella memoria degli altri. Il tuo onore e la tua reputazione sopravviveranno alla tua esistenza terrena. E quella degna ambizione è diventata la sua stella polare. "

Trovo l'ambizione di Lincoln di lasciare al mondo un posto migliore che possa ispirare. Personalmente, cerco di farlo attraverso le mie interazioni quotidiane con le persone, essendo un genitore amorevole e solidale, la mia scrittura e la mia annuale gara di beneficenza (The Provincetown 10K) che raccoglie fondi per le organizzazioni no profit locali. E tu? Qual è il tuo lodestar? La generatività è importante per te in questa fase della vita?

Conclusioni: "Non voglio smettere, 'fino a raggiungere la cima" Può essere un Deathwish

In chiusura, gli ultimi rapporti dimostrano che Prince stava cercando aiuto con la sua dipendenza da oppioidi dal dottor Howard Kornfeld e suo figlio Andrew negli ultimi giorni precedenti alla sua morte. Il principe sembra essere stato in una corsa contro il tempo. Sfortunatamente, l'aiutante o "Dono della dea" Principe aveva bisogno di sopravvivere, arrivato troppo tardi. Egli è perito in quella che potrebbe essere considerata la fase "dell'abisso" del viaggio del suo eroe.

Se ci sono lezioni da imparare, può essere che l'isolamento e il circondarsi di persone che alimentano le tue dipendenze e comportamenti di abbuffata è una forma di auto-sabotaggio per tutti noi. Inoltre, si potrebbe presumere che le rock star debbano scendere dalla giostra e cercare di completare il viaggio del loro eroe concentrandosi sul fare cose per l'umanità e la civiltà. L'eterna ricerca di esistere senza attrito o viscosità può essere un deathwish. A mio parere, Bruce Springsteen e Madonna hanno superato sorprendentemente bene la superstar, concentrandosi davvero sulla generatività più tardi nelle loro carriere.

Una delle mie citazioni preferite che affronta la superfluidità e l'anticlima delle esperienze di vette ultraterrene viene da Charles Lindbergh quando descrive la sua traversata da solista dell'Atlantico nel 1927. Le parole di Lindbergh mi ricordano perché raggiungere la superfluidità, come ogni ricerca perpetua del Santo Graal, è insostenibile in tutto tutta la tua vita. Charles Lindbergh disse,

"Entro un'ora atterrerò, e stranamente non ho fretta di farlo passare. Non ho il minimo desiderio di dormire. Non c'è un dolore nel mio corpo. La notte è fresca e sicura. Voglio sedermi tranquillamente in questa cabina di pilotaggio e lasciare che la realizzazione del mio volo completato affondi … È come arrampicarsi su una montagna dopo un fiore raro, e poi, quando ce l'hai a portata di mano, rendersi conto che la soddisfazione e la felicità stanno più nel trovare che nell'avere. Spiumare il fiore e averlo appassire sono inseparabili …. Vorrei quasi che Parigi fosse a poche ore di distanza. Sembra un peccato atterrare con la notte così limpida e tanto carburante nei miei carri armati ".

In definitiva, il viaggio dell'eroe o dell'eroina non consiste solo nel diventare una "star" vendendo dischi multi-platino, vincendo trofei o in piedi sulle cime delle montagne … si tratta di tornare a casa da esperienze di vette ultraterrene alla quotidianità comune di amici amorevoli, famiglia, e far parte di qualsiasi comunità tu chiami casa. E poi, usando il carburante per razzi che hai lasciato nei tuoi carri armati per rendere il mondo un posto migliore attraverso la generatività.

Abbiamo bisogno di amici, familiari e il sentimento di appartenere ad una tribù più di ogni altra cosa. Trova l'equilibrio tra la tua esperienza di vita individuale e quella del collettivo. Una volta che sei salito in cima alla montagna e sei tornato a casa, allunga la mano, restituisci e condividi la tua saggezza o fortuna con altri esseri umani. E, evitare l'uso di oppioidi!

Di seguito un video di Prince che cattura il suo spirito effervescente. Potete vedere perché potrebbe essere stato impossibile per il suo corpo fisico contenere la superfluidità che emanava dai suoi pori. Riposa in pace Prince Rogers Nelson. Ci mancherai.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "Superfluidità: prestazioni di punta oltre lo stato di flusso"
  • "The Dark Side of Mythic Quest e lo spirito di avventura"
  • "Esperienze di punta, disillusione e gioia della semplicità"
  • "Michael Phelps e il romanticismo dei viaggi archetipici"
  • "Perché così tante superstar si autodistruggono come le supernove?"
  • "The Neuroscience of Binge Drinking"
  • "Questo è il tuo cervello che binge di cibo, sesso, alcol o droghe"
  • "Che cosa spinge gli atleti estremi a rischiare la vita e la morte?"
  • "Double Whammy inaspettato: gli oppioidi prolungano e intensificano il dolore"
  • "The Neuroscience of Madonna's Enduring Success"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Vivere sotto le luci della ribalta e il punto debole della superfluidità"