Vivere per mangiare

In condizioni normali è chiaro che le droghe e il cibo sono molto diversi, tuttavia, perché i sistemi di ricompensa del cervello responsabili della produzione di droghe di abuso così avvincenti sono gli stessi sistemi di piacere che vengono attivati ​​dai cibi che mangiamo, il nostro cervello può avere un duro tempo di differenziazione tra il piacere derivato da dosi lievi di alcune droghe d'abuso e alcuni tipi di cibo. Quali sono le principali differenze tra cibo e droghe di abuso e in che modo queste differenze possono effettivamente contribuire alla dipendenza da cibo?

Una delle principali differenze tra cibo e droghe è che abbiamo bisogno di cibo per sopravvivere, ma non abbiamo bisogno di droghe d'abuso. È interessante notare, tuttavia, che il valore di sopravvivenza del cibo è uno dei fattori che possono contribuire al suo potenziale di dipendenza. Il cibo è uno dei nostri bisogni di base, e quindi i nostri cervelli sono progettati per farci assaporare il gusto di esso e cercarlo quando abbiamo fame. Questo spiega perché alcune persone fanno di tutto quando si trovano di fronte a una grave fame (ad esempio, furti, cannibalismo), che enfatizzano ciò che può essere un potente incentivo alimentare.

Come specie, abbiamo bisogno di mangiare e accoppiarsi per sopravvivere così i nostri cervelli intelligenti ci fanno godere di quelle attività. Questo godimento avviene attraverso l'attivazione degli stessi sistemi di ricompensa che sono attivati ​​da droghe d'abuso. Le droghe d'abuso effettivamente "dirottano" i sistemi primitivi del cervello che sono stati messi in atto per rinforzare comportamenti naturali, come l'alimentazione. Per questo motivo, i circuiti cerebrali sono certamente in posizione per il cibo per suscitare anche reazioni di dipendenza.

Un altro fattore fondamentale che separa il cibo dalle droghe d'abuso è la sua disponibilità. Per la maggior parte delle persone nelle nazioni industrializzate, il cibo è onnipresente. Può essere trovato camminando lungo un isolato, guidando lungo un'autostrada locale o ordinando la consegna. Le droghe d'abuso, d'altra parte, sono in genere meno accessibili. Una terza caratteristica che contraddistingue i due è la costante esposizione a immagini deliziose e invitanti del cibo. Ci sono cartelloni pubblicitari, spot pubblicitari e cartelli ovunque che pubblicizzano cibo. Fortunatamente per i tossicodipendenti, i segnali associati all'uso di droghe sono meno comuni.

Ci sono anche conseguenze sociali negative associate all'uso di droghe che non si vedono quando le persone abusano di cibo. Puoi essere arrestato, multato e incarcerato per l'acquisto, la vendita e il trasporto di alcuni farmaci. Puoi persino essere arrestato per avere determinate droghe di abuso che sono legali nella tua auto (ad esempio, un contenitore aperto di alcol). C'è uno stigma sociale associato all'uso di droghe, che non è il caso del cibo. Di solito le persone vengono lodate per essere mostrate con il cibo (pensate all'ultima volta che qualcuno si è presentato a una festa con un piatto di biscotti o portato le ciambelle al lavoro).

I paragoni tra droghe e cibo hanno spinto i ricercatori a considerare gli studi sulla "dipendenza da cibo" come un modo per capire perché negli ultimi decenni vi sia stato un così forte aumento dei tassi di obesità. Il fatto che persone in tutto il mondo stiano guadagnando peso rapidamente non può essere completamente spiegato da fattori genetici o da qualche tipo di cambiamento evolutivo, poiché questi tipi di cambiamenti non avvengono così rapidamente. Invece, molti sospettano che l'aumento dell'obesità sia dovuto a un cambiamento ambientale. Il nostro ambiente alimentare moderno è pieno di opportunità per ottenere un accesso rapido e facile al cibo, che può essere una buona cosa, ma sfortunatamente questi cibi pronti sono altamente elaborati, densi di calorie e ricchi di zuccheri. La facilità e la comodità di tali alimenti ci inducono a mangiarli oa dar loro da mangiare alle nostre famiglie, ma quando vengono consumati in eccesso, si verificano aumenti di peso corporeo.

La ricerca sostiene l'idea che esistono numerose sovrapposizioni tra tossicodipendenza e obesità, sia in termini di comportamento che di cambiamenti cerebrali. Ad esempio, gli studi dimostrano che quando alle persone obese vengono mostrate le immagini degli alimenti che desiderano, il loro sistema di dopamina viene attivato come se si stesse mostrando uno stimolo di droga a un tossicodipendente. Non ci vogliono studi scientifici per dircelo; chiunque sia in sovrappeso e sia andato a dieta nel tentativo di perdere peso può riferirsi alla compulsione e al desiderio di mangiare determinati alimenti. Questa è una delle ragioni per cui l'aderenza alle diete è così scarsa: le persone trovano quasi impossibile rinunciare ai cibi che amano (che di solito sono ricchi di calorie e contengono molti zuccheri).

Quindi, quando viene proposto che certi cibi con un'alta concentrazione di zuccheri o carboidrati a digiuno veloce possano creare dipendenza, cosa significa? Ovviamente gli umani bramano il cibo perché ne abbiamo bisogno per sopravvivere, ma semplicemente bramare cibi zuccherini e ricchi di carboidrati non significa che siamo dipendenti da loro. Gli umani, specialmente quando hanno molta sete, bramano l'acqua, ma nessuno sosterrebbe che qualcuno abbia una dipendenza dall'acqua. Se avessi lasciato una persona nel deserto abbastanza a lungo e avessi offerto loro dell'acqua o anche solo avessi mostrato loro delle immagini di acqua, probabilmente avresti visto un rilascio di dopamina nel loro cervello. Esporre questa risposta non è sufficiente per dire che qualcosa crea dipendenza. La dipendenza è qualcosa di fondamentalmente diverso. Come si attraversa la linea da utente a violentatore a tossicodipendente?

Molte persone provano la droga. Negli Stati Uniti, ad esempio, circa il 50% degli adulti consuma alcol occasionalmente. Tuttavia, solo circa il 5% degli adulti statunitensi è stato segnalato per avere abuso di alcol. Lo stesso modello è visto per altri tipi di farmaci: molti possono provare, ma pochi diventano tossicodipendenti. Quindi, cosa c'è di diverso nel cibo? Siamo tutti utenti del cibo e molti di noi ne hanno abusato in un momento o nell'altro (pensate alle cene del Ringraziamento del vostro passato). Ma quante persone sono effettivamente dipendenti?

Ci sono relativamente pochi tossicodipendenti là fuori; dovremmo aspettarci lo stesso per i tossicodipendenti? Probabilmente no. Studi recenti suggeriscono che fino all'11,4% delle persone di peso normale possono soddisfare i criteri per una diagnosi di dipendenza da cibo. I numeri sono più alti tra i pazienti con disturbo da alimentazione incontrollata (fino al 40,5% degli individui possono essere classificati come tossicodipendenti) e pazienti obesi (fino al 57%). Queste statistiche sembrano estremamente alte soprattutto se si considera che i tassi di alcolismo scendono tra il 2-8%, ma pensate a questo: se le droghe di abuso erano legali, facilmente accessibili, altamente visibili, accettate socialmente e tutte le usavano sempre (come è il caso con cibi appetibili), scommetto che ci sarebbero molte più persone dipendenti da droghe.

La dott.ssa Nicole Avena è una ricercatrice neuroscienziata / psicologa ed esperta nei campi dell'alimentazione, della dieta e della dipendenza. Ha pubblicato oltre 50 articoli di riviste accademiche, oltre a numerosi capitoli di libri su argomenti legati al cibo, alla dipendenza, all'obesità e ai disturbi alimentari. Di recente ha curato il libro, Animal Models of Eating Disorders (Springer / Humana Press, 2013) , e ha un libro Why Diets Fail (Ten Speed ​​/ Crown) in uscita nel 2014. I suoi risultati di ricerca sono stati premiati da diversi gruppi tra cui la New York Academy of Sciences, l'American Psychological Association, l'Istituto nazionale per l'abuso di droghe e la sua ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health (NIH) e dalla National Eating Disorders Association .

Sito Web : http: //www.drnicoleavena.com/

Twitter: https://twitter.com/DrNicoleAvena

Facebook : http://www.facebook.com/DrNicoleAvena

Solutions Collecting From Web of "Vivere per mangiare"