Vivere consapevolmente con il dolore e la malattia cronici

Darrah O Connor Flickr
Fonte: Darrah O Connor Flickr

Una delle applicazioni più utili della consapevolezza è quella di aiutare le persone ad accettare e ad adattarsi a circostanze incontrollabili nelle loro vite come il dolore e la malattia cronici. Toni Bernhard è un autore che ha usato pratiche ispirate alla consapevolezza per far fronte a una malattia cronica che inaspettatamente è entrata nella sua vita e l'ha costretta a rinunciare a una carriera di successo come professore di legge. Piuttosto che soccombere alla disperazione, Toni è stata in grado di utilizzare la sua conoscenza buddista e di consapevolezza e le sue esperienze con la malattia per ritagliarsi un nuovo percorso di carriera come autore di tre libri best-seller. I libri di Toni offrono una prospettiva compassionevole ed edificante e strumenti pratici. Mi sono seduto con Toni per scoprire di più sul suo ultimo libro – How to Live Well with Chronic Pain and Illness. Di seguito sono le mie domande e le sue risposte.

(1) Cosa c'è di nuovo e diverso nel tuo ultimo libro, rispetto ai tuoi altri libri?

Innanzitutto, voglio chiarire che le parole "malattia cronica" includono il dolore cronico. Ho scritto tre libri. Due di loro parlano di malattie croniche: come essere malati e il nuovo, come vivere bene con il dolore e la malattia cronici . Il nuovo libro ha una portata più ampia di How to Be Sick ed è organizzato in modo diverso. How to Be Sick è organizzato intorno a concetti e pratiche ispirati alla consapevolezza per aiutare le persone a imparare a vivere con grazia e scopo nonostante i limiti imposti dalla loro salute.

Al contrario, il nuovo libro è organizzato attorno a specifiche difficoltà e sfide che le persone devono affrontare, come trattare con gli altri che non (o rifiutano di) capire; fare il miglior uso del tuo breve periodo con il medico; di fronte all'isolamento e alla solitudine; gestire gli sbalzi d'umore e le emozioni dolorose; e far fronte ai tuoi limiti durante le vacanze. Il nuovo libro attira le migliaia di persone che mi hanno scritto sulle loro lotte per la salute. Ciò mi ha permesso di trattare argomenti su cui non ho esperienza personale (ad esempio, le sfide speciali che affrontano i giovani che sono malati cronici).

Quello che i libri hanno in comune sono dozzine di suggerimenti e pratiche facili da implementare e il mio stile di scrittura colloquiale. La gente mi dice che quando leggono i miei libri, si sentono come se stessimo seduti intorno a un tavolo da cucina, chiacchierando con il caffè o il tè.

Il mio terzo libro, che è stato scritto tra i due sulla malattia cronica, si chiama How to Wake Up. Viene usato come introduzione al Buddhismo da molti insegnanti. Perché scrivo per esperienza personale, ha anche molto sul dolore e la malattia cronica.

(2) Nell'introduzione, tu dici che la via per la pace inizia affrontando la dura realtà della vita. Che cosa vuoi dire con questo?

Per realtà crude, mi riferisco alla condizione umana. Per prima cosa, siamo nei corpi e si ammalano, sono feriti e sono vecchi. Vivere negando questo ci impedisce di fare pace con le vite che abbiamo. In secondo luogo, la vita è incerta e imprevedibile. Io chiamo spesso questi corollari della legge universale dell'impermanenza. Tutto è in costante cambiamento e spesso non abbiamo alcun controllo su ciò che accade a noi e nel mondo. Imparare a tranquillizzare "cavalcare le onde" dell'incertezza invece di essere sballottati da loro porta con sé equanimità, uno stato mentale equilibrato che può trovare una misura di pace in ogni circostanza.

(3) Che cosa significa pagare "l'attenzione compassionevole" e in che modo questo ti ha aiutato a far fronte alla tua malattia?

Nel buddismo, la compassione è descritta come il tremito del cuore nella risposta al riconoscimento della sofferenza in noi stessi o negli altri. Se siamo così assorti in se stessi che non siamo consapevoli di ciò che accade dentro e intorno a noi, potremmo anche non renderci conto che noi stessi stiamo aggiungendo sofferenza mentale alle nostre vite.

Ad esempio, potremmo non essere consapevoli della miseria causata dal nostro critico interiore – la voce dentro è inesorabile nel dirci che non siamo abbastanza bravi o che dovremmo averlo detto o dovuto farlo. Molti di noi sono stati condizionati ad essere i nostri critici più severi; abbaiano ordini a noi stessi senza renderci conto della sofferenza che ci sta causando.

Tuttavia, se prestiamo attenzione con compassione nei nostri cuori, possiamo osservare la presenza del critico interiore e agire per contrastare questa voce negativa. (Nel libro, discuto diverse tecniche per addomesticare il critico interiore.) La compassione non è uno stato passivo. Richiede che agiamo per alleviare la sofferenza in noi stessi e negli altri, piuttosto che essere il destinatario passivo di tutto ciò che ci accade nella vita.

(4) Perché la consapevolezza è uno strumento così importante quando si affrontano esperienze incontrollabili, come la malattia cronica?

Definisco la consapevolezza come un'attenzione premurosa alla nostra esperienza presente del momento. Essere consapevoli in questo modo può aiutare ad alleviare la sofferenza fisica e mentale. Nel capitolo dieci, scrivo di come il disagio fisico abbia tre componenti: la sgradevole sensazione fisica stessa; la nostra reazione emotiva a quella sensazione (rabbia, frustrazione); e i pensieri stressanti che giriamo da quello ("Farò un terribile dolore per il resto della mia vita"). Ciò significa che due delle tre componenti di ciò che compongono la nostra esperienza di disagio fisico sono di origine mentale!

Con la pratica, la consapevolezza può aiutarci a catturare emozioni stressanti quando si manifestano per la prima volta. Questo impedisce loro di andare in mongolfiera in elaborate storie piene di stress che non hanno basi di fatto ma che crediamo senza dubbio. Per esempio, se il ginocchio ti fa male (come il mio è adesso), puoi peggiorare le cose reagendo con rabbia e poi combinando quella rabbia con storie, come "Questo dolore non scomparirà mai." Come dicono gli insegnanti buddisti : la sofferenza è nelle storie.

Un modo efficace per portare la tua attenzione fuori dalle tue storie e nel momento presente è di prendere tre inspirati ed espirazioni coscienti mentre rivolgi la tua attenzione al momento presente. Mentre fai questo, nota ciò che è disponibile per i tuoi sensi in questo momento: uno spettacolo, un suono, la sensazione dei tuoi vestiti sulla tua pelle. Anche se non è un momento particolarmente piacevole, almeno sei presente per questo, invece di perderti nel rimpianti per il passato o per i casi peggiori di un futuro che non puoi prevedere. E, più spesso che no, essere consapevoli della tua attuale esperienza del momento rivela che c'è qualcosa di piacevole che ti circonda e che non hai notato. Questo può essere lenitivo e curativo.

(5) Se hai un amico o un parente malato cronico, quali sono alcune cose utili che puoi fare?

Innanzitutto, direi semplicemente di essere presente per loro. Questo significa essere testimoni compassionevoli della loro sofferenza. Quando non so cosa dire a qualcuno che è malato cronico, parto da "Mi dispiace" perché mi dispiace davvero. Non mi aspetto che la gente dica la cosa "giusta" sulla mia malattia; Sono contento se riesco a percepire che mi accettano come sono e mi trattano ancora come una persona intera.

Se vuoi aiutare in modo più concreto, chiedi loro se puoi fare un compito specifico per loro. Lo apprezzeranno, lo garantisco. Quando qualcuno dice a un amico o parente malato cronico, "Chiamami se hai bisogno di qualcosa" che è improbabile che venga chiamata perché l'amico o parente non vorrà chiederti di fare qualcosa che potrebbe disturbare la tua giornata. Ma se, invece, li chiami e dici "Vado al negozio di ferramenta. Hai bisogno di qualcosa? "Sapranno che non ti stanno appesantendo chiedendoti di procurarti lampadine o altre cose di base per la casa di cui potrebbero aver disperatamente bisogno.

(6) Che cosa consigli di fare quando amici e parenti rifiutano di comprendere la tua malattia e i tuoi limiti?

Questo è un problema così grave per i malati cronici che si presenta quasi sempre indipendentemente dall'oggetto di un capitolo. Per prima cosa, ovviamente, cerca di educarli. Il primo capitolo del libro ha molti suggerimenti su come fare per farlo.

Secondo, riconosci con compassione per te quanto può essere difficile accettare che alcune persone nella tua vita non ti diano mai il supporto di cui hai bisogno e desideri. Questa è sia una compassione che una pratica di equanimità.

Una mente che è equanime rimane equilibrata e pacifica di fronte agli alti e bassi della vita. Uno di questi "bassi" è che alcune persone non arrivano per noi (questo, ovviamente, è vero se una persona è malata cronica o no). Per praticare l'equanimità di fronte ad amici o parenti che non comprendono la tua malattia e i tuoi limiti, aiuta a riconoscere che ci possono essere molte ragioni per il loro comportamento.

Possono essere auto-assorbiti, cercando di affrontare i propri problemi. Oppure, la malattia può scatenare le proprie paure sulla malattia o persino sulla mortalità. Praticare equanimità significa anche riconoscere che non è possibile "aggiustare" le persone affinché siano come vorreste che fossero. Le probabilità sono alte che si preoccupino per te e ti desiderano bene, anche se non prestano supporto. Nella mia esperienza, riconoscere questo in modo che non si prenda il proprio comportamento porta con sé un tremendo senso di sollievo. È come se avessi messo il peso di aver bisogno che tutti capiscano com'è la vita per te.

Toni Bernhard è l'autore del pluripremiato How to Be Sick: una guida ispirata ai buddisti per i malati cronici e i loro caregiver, e come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra gioia e dolore. Il suo ultimo libro si chiama How to Live Well with Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide. Prima di ammalarsi, era una professoressa di legge all'Università della California-Davis. Il suo blog, "Turning Straw Into Gold" è ospitato da Psychology Today online. Visita il suo sito Web all'indirizzo www.tonibernhard.com.

Melanie Greenberg, Ph.D., è una psicologa praticante a Mill Valley, in California, ed ex professore di psicologia presso la California School of Professional Psychology. È un'esperta di stress, cervello e consapevolezza. Fornisce workshop, impegni linguistici e psicoterapia per individui e coppie. Appare regolarmente su programmi radiofonici e come esperto nei media nazionali. Svolge anche attività di coaching a distanza tramite internet. È l'autrice di The Stress-Proof Brain (New Harbinger, 2017).

Iscriviti alla newsletter del Dr. Greenberg
Visita il suo sito Web

Solutions Collecting From Web of "Vivere consapevolmente con il dolore e la malattia cronici"