Vivere con il rischio

Possiamo prenderlo seriamente?

Più un progetto diventa complicato, maggiore è il rischio che qualcosa vada storto. Più i sistemi sono interconnessi per gestirlo, maggiore è l'inevitabilità di un fallimento catastrofico. Lo vediamo ora con il petrolio che si riversa nel Golfo del Messico. L'abbiamo visto due anni fa con la crisi del credito. È successo con la NASA. Ora è un dato di fatto.

Come ha detto David Brooks nel New York Times di venerdì, siamo al "crocevia sanguinoso in cui i sistemi tecnici complessi incontrano la psicologia umana". Qui (nelle mie parole) è il suo riassunto dei nostri fallimenti psicologici.

* Focalizzato sul nostro pezzo del puzzle, non riusciamo a vedere l'interconnessione dell'insieme.

* Ci abituiamo al rischio e lo scontiamo.

* Abbiamo troppa fiducia nei sistemi di back-up che dovrebbero gestire i rischi a cui prestiamo attenzione.

* La direzione, preoccupata della pressione per una maggiore produttività, non è orientata ad affrontare il fallimento.

* Tendiamo a scartare le cattive notizie.

* Groupthink elimina il pensiero che potrebbe avvisarci di problemi esistenti.

Per qualcuno che non è uno psicologo, offre un brillante riassunto dei problemi interconnessi che tutti affrontiamo in tali circostanze. (Vedi, "Drilling for Certainty".)

Ma c'è un elemento mancante: la motivazione per il cambiamento. Cosa è necessario per superare queste potenti tendenze cognitive, emotive e di gruppo? Parte del problema è che ci sono potenti motivazioni per trascurare i segnali di pericolo del pericolo, molti dei quali suggeriti nella lista di Brooke. Per andare contro il potere coercitivo del gruppo, ad esempio, significa essere disposti a suscitare la sua antipatia, forse persino la sua derisione. I fischietti di solito non hanno un momento facile. C'è, inoltre, la spesa di cautela e ritardo e la pressione dei capi che vogliono risultati immediati.

Ma gran parte del potere dei fattori psicologici descritti da Brooks deriva dal fatto che operano inconsciamente. Anche di fronte a ovvi indizi, le persone semplicemente non vogliono pensare a pensieri che sono scomodi, difficili e hanno la possibilità di renderli impopolari. Potrebbero non notare nemmeno l'evidenza che qualcosa non va. Se un capro espiatorio conveniente non è disponibile per prendersene la colpa, un modo semplice per "risolvere" il problema, la solita soluzione è quella di permettere alle informazioni di scomparire semplicemente dalla nostra mente.

Le persone possono essere addestrate, tuttavia, a prestare attenzione ai suggerimenti o ai segnali fugaci dei pensieri inconsci. Inoltre, possono lavorare insieme per raccogliere sentimenti non formulati o intuire che qualcosa non sembra giusto. Le informazioni indesiderate possono essere recuperate.

Ma per fare ciò richiederebbe determinazione – e incentivi. Avremmo bisogno di avere una comprensione collettiva delle nostre tendenze inconsce e di come operano sul posto di lavoro. Dovremmo anche fare pressioni sulle organizzazioni per fare investimenti in tali processi di riflessione.

Anche se il pensiero extra può sembrare sacrificabile, e potremmo non sapere mai con certezza quali disastri saranno stati evitati di conseguenza, potrebbe essere la nostra chiave per un mondo più sicuro.

Solutions Collecting From Web of "Vivere con il rischio"