Vivere con il narcisista paranoico

La storia ha molto da dirci sui leader con molteplici disturbi della personalità.

Vi siete mai chiesti come sarebbe stato vivere, lavorare o essere governati da qualcuno che è sia narcisista che paranoico? Mi è stata fatta questa domanda dopo che ho scritto un articolo qui su Psychology Today su come i narcisti si vedono. Avendo trascorso quattro decenni a comprendere e ricercare i tipi di persone che fanno più danno alla società, credo che uno sguardo più attento a questi individui meriti la nostra attenzione.

Ho combinato qui, in nessun ordine particolare, alcuni dei tratti chiave della personalità narcisistica e della personalità paranoide come definito nel mio libro Dangerous Personalities (Rodale 2014 scritto con Toni Sciarra Poynter). Questa lista di affermazioni descrittive è semplice da usare per imparare di più sul fatto che un individuo come questo possa essere presente nella tua vita. Se una dichiarazione si applica perché hai personalmente assistito al comportamento nella persona che hai in mente, metti un segno di spunta accanto ad essa. Ci sono 80 dichiarazioni e non tutte le affermazioni si applicheranno necessariamente a qualsiasi individuo. Alcune affermazioni possono sembrare simili, che è intenzionale. Leggi attentamente ogni affermazione, ma controlla solo quelle che si applicano e che hai assistito personalmente.

Se hai mai sospettato che il tuo capo, partner o leader abbia tratti paranoici e narcisistici, potresti trovare utile questa lista di controllo per convalidare i tuoi sospetti. Come ho notato in Dangerous Personalities , le liste di controllo dettagliate che ho sviluppato e condiviso nel libro provenivano dallo studio di comportamenti anomali per quattro decenni, ma ancora più importante dall’intervistare coloro che sono stati vittime di questi individui che, secondo il dott. Stuart C. Yudofsky , sono “gravemente difettosi di carattere”.

Ecco la checklist combinata che descrive i tratti chiave della personalità narcisistica e della personalità paranoide. Medita attentamente ogni affermazione prima di includerla nel tuo conteggio finale:

  1. Progetti di importanza personale al di là della posizione, dell’esperienza o di ciò che è stato debitamente meritato o meritato.
  2. Ha un’idea grandiosa di chi è e cosa pensa di poter ottenere.
  3. Spesso parla del suo bisogno di guidare, di essere responsabile o di esercitare il potere.
  4. Richiede e cerca un’ammirazione eccessiva da parte degli altri.
  5. Ha un senso di diritto, aspettandosi di essere trattato come qualcuno di speciale o dato la priorità in ogni momento.
  6. È lo sfruttamento interpersonale degli altri per guadagno personale.
  7. Manca di empatia e non è in grado di riconoscere i bisogni o le sofferenze degli altri.
  8. È spesso invidioso degli altri o crede che gli altri siano invidiosi di lui.
  9. È arrogante e altezzoso nel comportamento o nell’atteggiamento.
  10. Ha la tendenza a vedere i suoi problemi come unici o più acuti di chiunque altro.
  11. Ha un esagerato senso di privilegio che gli consente di piegare le regole e infrangere le leggi.
  12. È ipersensibile a come viene visto o percepito dagli altri.
  13. Interagire con questo individuo ti lascia irritato, turbato, preoccupato, turbato o ansioso.
  14. Tende a sopravvalutare se stesso e le sue capacità in quasi tutte le cose.
  15. Rende il punto di svalutare gli altri come inferiori, incapaci o non degni.
  16. Ha dimostrato poca simpatia o empatia per gli altri; nondimeno, si aspetta che gli altri mostrino a lui un’enorme empatia e supporto.
  17. È considerato come o si comporta come un bullo.
  18. Le emozioni profonde sembrano essere difficili da comprendere per lui. Sembra emotivamente distaccato nei momenti in cui le emozioni più sentite sono più necessarie.
  19. Ha bisogno di controllare gli altri e richiede la lealtà totale in ogni momento.
  20. Ha ripetutamente violato i confini delle regole, la privacy, la segretezza o il decoro sociale.
  21. Solo vede i suoi problemi e ignora ripetutamente i problemi o le difficoltà che altri possono avere.
  22. Ha reazioni rabbiose a scarti minori – sembra avere sempre un’ascia da macinare.
  23. Sembra mancare di qualità altruistiche: tutto è fatto per uno scopo egoistico; raramente fa qualcosa per il bene degli altri.
  24. Ha una pelle molto sottile e ogni critica è considerata un attacco personale.
  25. Vede la bontà come una debolezza.
  26. Ha il bisogno di gonfiare abitualmente realizzazioni, azioni o esperienze personali.
  27. Quando criticato, sembra insicuro e tende a scatenarsi con rabbia o rabbia.
  28. Agisce imperioso, non volendo sapere cosa pensano gli altri, hanno pianificato, o sono preoccupati.
  29. Svaluta le persone che lavorano per lui senza considerazione per i loro sentimenti, lealtà o sacrifici.
  30. È disinteressato a conoscere di più su di te e sugli altri e manca di normale curiosità negli altri. In sostanza, gli piace solo parlare di se stesso.
  31. A volte, mostra una certa freddezza o distacco che ti fa pensare che davvero non conosci la vera misura di questa persona.
  32. È inopportuno vantarsi di realizzazioni e lo fa con frequenza.
  33. Non sembra mai sentirsi in colpa per qualcosa che ha fatto di sbagliato ed è improbabile che chieda scusa o mostri rimorso.
  34. Vede coloro che non sono d’accordo con lui come “nemici”.
  35. Ha fatto ricorso a imbrogli, truffe, intrighi, appropriazioni indebite o altre attività criminali per raggiungere il successo.
  36. È un ” collezionista di ferite”, che cerca e rimugina con costanza su discorsi e rancori sociali, che non dimentica mai.
  37. È spesso rigido, inflessibile e insensibile nel suo modo di pensare e parlare.
  38. Cerca di controllare eccessivamente ciò che gli altri fanno o pensano.
  39. Dimostrazioni di empatia sono a breve termine, superficiali o egoistiche.
  40. Non sembra ricambiare l’attenzione, la gratitudine o la gentilezza degli altri.
  41. Sembra mancare di tenerezza, passione o morbidezza; tutto sembra apparentemente provocatorio o minaccioso nella sua vita.
  42. Usa insulti per stabilire superiorità, dominio o controllo.
  43. Diventa indignato quando gli altri non mostrano fedeltà assoluta o quando non sono d’accordo con lui pubblicamente.
  44. Una di queste parole si applica di solito a lui: snob, sdegnoso, arrogante, condiscendente.
  45. Non è disposto a riconoscere i propri errori, cattive idee, cattive idee o azioni pericolose.
  46. Crede che gli altri cerchino sempre di sfruttarlo o danneggiarlo in qualche modo.
  47. Non vede nulla di sbagliato nel mentire e costringe gli altri a mentire per lui – mentire per lui è un modo di vivere.
  48. Mantiene i rancori a lungo e non perdona gli offesi, anche dopo molti anni.
  49. Abitualmente mette in discussione le intenzioni degli altri e ha dimostrato di essere diffidente nei confronti di: coniuge, relazioni intime, famiglia o compagni di lavoro.
  50. È veloce alla rabbia o è stato descritto come un “fusibile molto corto”.
  51. A volte è geloso con poca o nessuna giustificazione.
  52. Sente il bisogno di essere custodito, segreto, subdolo e intrigante, o pensa che gli altri intorno a lui siano così.
  53. È riluttante o riluttante a intrattenere opinioni alternative; prontamente li respinge.
  54. Vede se stesso come vittima di una o più di queste cose: vita, società, stranieri, minoranze, governo, famiglia, lavoratori, cospirazioni, cabala, eccetera.
  55. Non esita a insultare pubblicamente gli altri, a indebolirli o a ingaggiare attacchi ad hominem.
  56. È incapace di rilassarsi veramente e sembra essere costantemente sorvegliato, quasi sempre serio, privo di umorismo e gioia.
  57. Cerca costantemente i segni che altri stanno cospirando o pianificando qualcosa contro di lui.
  58. Sostiene che le mancanze del passato sul lavoro o nelle relazioni sono state colpa degli altri – non è mai in errore.
  59. Sostiene di avere un perfetto ricordo di eventi e fatti quando in realtà l’informazione è spesso errata, esagerata o parziale.
  60. I suoi pensieri, credenze e pregiudizi sono rigidi e inflessibili e diventa sfiduciato o combattivo quando viene sfidato.
  61. È inutilmente preoccupato di dubbi ingiustificati sulla lealtà degli altri.
  62. Si considera eccessivamente auto-importante o crede di essere infallibile, completamente privo di umiltà o autocoscienza.
  63. C’è un sentimento ansioso generalizzato di morte in sospeso o che un qualche tipo di danno non specificato gli capiterà.
  64. Sembra vedere il mondo in generale come un luogo in cui è necessario essere “di guardia” in ogni momento e che gli altri sono generalmente fuori per “farti” o mentire e ingannare.
  65. Spesso ha una mente implacabile, a senso unico su questo o quel problema e non può sembrare di lasciar andare.
  66. Insiste sul fatto che solo lui ha una chiara comprensione delle minacce che sono là fuori e, a suo avviso, ce ne sono molte.
  67. È eccessivamente esigente, pedante o arrogante.
  68. È altamente inflessibile nel suo modo di pensare e rifiuta testardamente a volte di riconoscere i fatti.
  69. Tende ad essere poco romantico, privo di tenerezza o empatia nei suoi rapporti interpersonali.
  70. È diffidente nei confronti di persone che sono diverse a causa della religione, dell’etnia, del luogo di nascita, dello stato socioeconomico o perché sono minoranze.
  71. Troppo spesso è ostile, testardo o difensivo.
  72. Cerca di circondarsi di persone che pensano solo come lui (altri ” True Believers ” come definito da Eric Hoffer) o che contribuiscono a “pensare di gruppo “.
  73. Rende l’abitudine di spaventare gli altri o di far temere gli altri per la loro sicurezza o il loro benessere denigrando qualcuno o un gruppo di persone.
  74. Spesso e sistematicamente sopravvaluta se stesso a spese di svalutare gli altri.
  75. Per lui, la propaganda e l’inganno sono più importanti e utili della verità.
  76. Non è sopra usare o permettere agli altri di usare la violenza per sedare il dissenso.
  77. Piace avere un nemico su cui concentrarsi e incolpare quando le cose vanno male.
  78. Crede che ci sia sempre una cospirazione o un individuo che cerca di indebolirlo.
  79. Riconosce, quasi istintivamente, che l’odio è utile, in quanto unisce le persone in una causa comune.
  80. Verità e fatti sono ciò che sputa in ogni dato momento senza riguardo per fatti, realtà, verità o attualità. La mendicità non è un evento occasionale; E ‘uno stile di vita.

Aggiungi i tratti che hai spuntato. Se hai controllato sessanta o più, con ogni probabilità stai guardando un individuo che è intrinsecamente diffidente e rigido nel suo modo di pensare e che tende anche a sopravvalutare se stesso a scapito degli altri. Questa è una combinazione molto tossica. Sia Josef Stalin che Adolf Hitler hanno ottenuto punteggi molto alti in questi tratti.

Che cosa succede se lavori per qualcuno come questo, hai una relazione con una persona del genere, fai rapporto a qualcuno come questo, o questo tipo di individuo è in una posizione di leadership su di te? Permettimi di essere schietto. Persone come questa, gravemente carenti di carattere, non sono introspettive. Pensano di essere impeccabili. Di fatto hanno bisogno di molto aiuto, ovviamente – guarda solo come si comportano e in cosa credono. Ma non lo cercheranno, né apprezzeranno il fatto che tu gli dica di cercarlo. Non sono un clinico, ma la maggior parte dei medici ti dirà che generalmente ci vogliono “sforzi eroici” per aiutare questi individui. Con ciò concordo. Ma c’è un’altra realtà: non esiste una pillola, nessuna cura garantita per questi individui.

Dove ci lascia? In una posizione precaria, perché siamo noi, il resto di noi, che alla fine dobbiamo adattarci, sopportare o allontanarci in modo da non finire vittimizzati emotivamente, psicologicamente, mentalmente, spiritualmente o finanziariamente, come tante persone Sono stato intervistato.

Le persone che hanno questo carattere difettoso si comportano in modi che alla fine ci logorano. Alcuni diranno che è ingiusto etichettare tali individui, ai quali rispondo: è assiomatico che noi siamo ciò che facciamo ogni giorno. Questi individui sono la somma totale dei loro comportamenti e il loro effetto sugli altri. Se hanno bisogno di aiuto dovrebbero ottenerlo, ma devo ricordare ai lettori che noi, la maggior parte di noi, non siamo clinici, e che le persone gravemente infestate dal bisogno di carattere sono un aiuto professionale. Detto questo, ricorderò anche al lettore che non sei su questa terra per essere un “giocattolo da masticare umano” per qualcuno che abitualmente ti maltratta. Né, potrei aggiungere, hai una responsabilità sociale in alcun modo di essere vittima. Mai.

Qualcuno che ha una preponderanza dei tratti sopra sarà al minimo difficile da vivere. Come accennato, ti logoreranno. Non ti tratteranno da pari a pari, e ridurranno la tua felicità come tu sai. Anche una piccola costellazione di questi comportamenti dovrebbe farti trasalire.

Ora che conosci i fatti e hai un modo per convalidare ciò che potresti aver vissuto, devi considerare la tua realtà. Questi individui non cambieranno nel tempo – i loro comportamenti tendono ad essere pervasivi e duraturi. In un certo senso, questa checklist è un avvertimento e ora non puoi dire che non sei stato avvisato.

Questo può sembrare piuttosto sconcertante, ma le vittime di solito sanno che sono le migliori e mi hanno insegnato col passare del tempo che ti cingi per avere un dito costantemente negli occhi se hai una relazione con uno di questi individui o alla fine risolverai distanziati da loro e dai loro comportamenti antisociali untuosi. Perché, qual è la posta in gioco? La tua felicità e il tuo benessere. Periodo. Abbastanza ragione

Riferimenti

Evans, Paricia. 2010. La relazione verbalmente abusiva: come riconoscerla e come rispondere . Avon, MA: Adams Media Corporation.

Hoffer, Eric. 1989. Il vero credente: pensieri sulla natura dei movimenti di massa . New York: Harper & Row.

Hotchkiss, Sandy. 2003. Perché è sempre su di te ?: i sette peccati capitali del narcisismo. New York: stampa gratuita.

Kantor, Martin. 2008. Capire la paranoia: una guida per professionisti, famiglie e malati. Westport, CT: Praeger Publishers.

Kernberg, Otto F. 1985. Condizioni marginali e narcisismo patologico . Northvale, New Jersey: Jason Aronson Inc.

Kernberg, Otto F. 1993. La psicopatologia dell’odio: in rabbia, potere e aggressione n. New Haven: Yale University Press.

Langer, Walter. C. 1972. La mente di Adolf Hitler: Il rapporto segreto del tempo di guerra . New York: Basic Books Inc.

Navarro, Joe con Toni Sciarra Poynter. 2014. Personalità pericolose . Rodale, New York: NY.

Meloy, J. Reid. 1997. Violenti allegati . New Jersey: Jason Aronson, Inc.

Millon, Theodore e Roger D. Davis. 1996. Disturbi della personalità: DSM-IV e oltre . New York: Wiley and Sons.

Post, Jerrold M. 2003. La valutazione psicologica dei leader politici . Ann Arbor, Michigan: The University of Michigan Press.

Radzinsky, Evard. 1996. Stalin: la prima biografia approfondita fonda nuovi documenti esplosivi dall’archivio segreto della Russia . New York: Anchor Books.

Robins, Robert S. & Post, Jerrold M. 1997. Paranoia politica: la psicopolitica dell’odio . New Haven: Yale University Press.

Twenge, Jean M. & W. Keith Campbell. 2009. Vivere nell’età del diritto: l’epidemia del narcisismo. New York: Simon & Schuster, Inc.

Wilson, KJ Ed.D. 2006. Quando la violenza inizia a casa: una guida completa alla comprensione e alla fine degli abusi domestici . Alameda, CA: Hunter House, Inc.

Yudofsky, Stuart C. 2005. ” Difetti fatali: la navigazione di relazioni distruttive con persone con disturbi di personalità e carattere . American Psychiatric Publishing, Inc. Arlington, VA.

Solutions Collecting From Web of "Vivere con il narcisista paranoico"