Vivere comodamente con ipocrisia e prove negative

Il comando Google Define: Hypocrisy restituisce la seguente definizione: "la pratica di affermare di avere standard o credenze morali a cui il proprio comportamento non è conforme; finzione". L'ipocrisia può essere cosciente o incosciente. Le persone possono essere consapevoli che le loro convinzioni sono contraddette dal loro comportamento quotidiano o meno. In quest'ultimo caso, l'ipocrisia è spesso ovvia per gli osservatori.

Ti sei mai chiesto come le persone possano vivere comodamente con l'ipocrisia? Ad esempio, vi siete mai chiesti come le persone buone che credono fortemente nel credo e nella costituzione americana che ritiene che tutti gli uomini siano creati uguali con diritti inalienabili possono impegnarsi in un estremo razzismo, come una volta era apertamente praticato da benestanti gentiluomini meridionali ed è praticato in misura minore da molte persone oggi? Oppure ti sei mai chiesto quanto i cittadini tedeschi possano sostenere la persecuzione degli ebrei da parte di Hitler?

Allo stesso modo, ti sei mai chiesto come le persone possano vivere comodamente con prove negative su ciò che fanno al lavoro o su come vivono le loro vite? Ad esempio, ti sei mai chiesto come i dirigenti del tabacco e le loro famiglie vivano comodamente con il fatto che il fumo provoca il cancro ai polmoni in tutto il mondo? In che modo i dirigenti delle compagnie petrolifere e le loro famiglie vivono comodamente con l'estrazione e la combustione di combustibili fossili alla luce dei cambiamenti climatici e della devastazione che causerà? Come possono le persone eleggere con disinvoltura i politici che in realtà votano contro l'aria pulita, l'acqua pulita e l'assistenza sanitaria per le loro famiglie? La riduzione della negazione e della dissonanza sono le due spiegazioni psicologiche standard.

Due spiegazioni cognitive

Rifiuto

La negazione viene comunemente dedotta quando le persone si rifiutano di affrontare i fatti. La negazione può anche essere dedotta quando c'è motivo di credere che qualcuno abbia una credenza che differisce in modo marcato dal loro comportamento o dai sentimenti riconosciuti. Tuttavia, la negazione è stressante perché implica una lotta attiva per mantenere il contenuto che creerebbe un conflitto inconscio. La maggior parte delle persone che vivono con l'ipocrisia non sembrano essere costantemente sotto stress. Vivere comodamente con l'ipocrisia e le prove negative suggerisce quindi che sia più facile vivere con il processo.

Dissonanza

Si prevede che l'ipocrisia e le prove negative creino dissonanza, tranne per il fatto che le persone che si comportano in modo ipocrita non sembrano turbate. Forse la riduzione della dissonanza è già avvenuta sotto forma di razionalizzazioni consapevoli. Kahneman (2011) ha distinto due livelli di cognizione che ha chiamato Sistemi 1 e 2. Il Sistema 2 è complesso e pienamente razionale. Il sistema 1 è intuitivo, automatico, comodo e mai stumped ma incline a oltre 50 tipi di errori di cui le persone sono in gran parte inconsapevoli. Entrambi i sistemi cognitivi sono reclutati per fornire ragioni che giustificano e quindi riducono la dissonanza in modo che possano vivere più comodamente con l'ipocrisia e le prove negative. Ma quale ruolo giocano le emozioni?

Cognizione motivata

Vivere comodamente con l'ipocrisia e le prove negative sembrerebbe richiedere più della cognizione. Le persone hanno bisogno di sentirsi bene con le loro vite mentre sono impegnate nell'ipocrisia e di fronte a prove negative. Mentre la psicologia cognitiva suggerisce che i sentimenti sono interamente il risultato dell'elaborazione cognitiva, il campo delle neuroscienze cognitive ha chiaramente dimostrato che esiste un'origine subcorticale inconscia per le nostre emozioni che sono ulteriormente elaborate consciamente dalle reti neurali corticali. Il lavoro di Kunda (1987, 1990) e altri recensiti da Tryon (2014) sull'inferenza motivata, nota anche come hot cognition , rivela che le emozioni possono modificare le cognizioni senza che la persona sia consapevole che ciò sta accadendo. Qui possiamo vedere che le persone spesso raggiungono conclusioni che vogliono raggiungere. Come può essere?

L'evoluzione ha sovrapposto i centri cerebrali corticali superiori a quelli inferiori sottocorticali. Ciò suggerisce che i centri cerebrali subcorticali più vecchi, dove originano le emozioni, hanno la priorità rispetto ai più recenti quelli corticali. Le prove a supporto di questa affermazione provengono da prove neuroanatomiche riguardanti l'amigdala; la struttura subcorticale che inizia il comportamento di ansia, paura ed evitamento. Le fibre che trasmettono le attivazioni dell'amigdala alla corteccia sono più numerose e sostanziali delle fibre che consentono ai centri corticali superiori di moderare le attivazioni derivanti dall'amigdala. Questa neuroanatomia asimmetrica spiega come le emozioni possono avere la priorità sulle cognizioni. Poiché l'amigdala opera inconsciamente, ci si può aspettare che l'elaborazione emotiva inconscia modifichi l'elaborazione cognitiva cosciente.

La negazione è intesa per essere motivata emotivamente. La motivazione qui è falsificare le affermazioni che costituiscono le contraddizioni che generano ipocrisia e respingere le prove negative. La negazione è emozione al servizio della cognizione . Questa visione della negazione è ampiamente condivisa e pienamente coerente con la teoria psicodinamica. Tuttavia, suggerisco che questa comprensione sia almeno in parte sbagliata. Nella prossima sezione propongo una visione alternativa basata sull'emozione che evita del tutto la lotta psichica affermando e personalizzando la verità basata sul sentimento, il volere e il desiderare dove è abbastanza facile vivere con l'ipocrisia e le prove negative.

Le emozioni possono funzionare come cognizioni

Duncan e Barrett (2007) hanno sostituito la classica distinzione tra cognizione ed emozione con una considerazione della rete neuronale. Hanno presentato prove di neuroscienza che dimostrano che "I circuiti che istanziano uno stato affettivo centrale sono ampiamente distribuiti in tutto il cervello e comprendono le cosiddette aree" cognitive ". Questo circuito proietta e modula l'elaborazione sensoriale "(pagina 1201). Questo rapporto che le reti neuronali che mediano l'emozione sono strettamente intrecciate con quelle che mediano la cognizione significa che la cognizione senza emozioni e le emozioni prive di cognizione non sono possibili. Cognizione e affetto interagiscono anatomicamente. Duncan e Barrett conclusero inoltre che "l'affetto è una forma di cognizione" (pagina 1201). Questo riconoscimento fornisce un importante ponte concettuale che ci consente di comprendere meglio come la cognizione e l'affettività interagiscono per produrre comportamenti. Sviluppo questa idea più avanti.

È possibile spiegare come le persone possono vivere comodamente con l'ipocrisia e le prove negative usando solo i fattori cognitivi. È anche possibile spiegare la loro rabbia come una risposta cognitiva appresa. Ma un tale approccio rischia di dare una spiegazione incompleta data l'importanza delle emozioni per le persone.

Emozione come primo piano e sfondo

Duncan e Barrett (2007) hanno dichiarato: "Suggeriamo che l'affetto di base può essere una caratteristica centrale o di sfondo ( figura o fondamento ) della coscienza, a seconda di dove e come viene applicata l'attenzione" (p.1202, enfasi aggiunta). Questa osservazione, combinata con la loro visione che l' affettività può essere intesa come una forma di cognizione , avanza la nostra comprensione di come la cognizione e l'affettività interagiscano per produrre un comportamento.

Emozione come primo piano

Siamo coscientemente consapevoli delle emozioni quando costituiscono il primo piano, quando le persone sono attivamente emozionali, perché la nostra attenzione è diretta verso di loro. Altre persone sono anche consapevoli delle nostre emozioni perché sono presenti tutti gli indizi tipici. Quando sono felici, le persone si comportano in modo gioioso. Quando sono tristi, piangono o si ritirano. Quando siamo arrabbiati, li vediamo comportarsi in modo aggressivo. Gli atteggiamenti e le opinioni che le persone formano quando le emozioni operano in primo piano, quando le persone sono attivamente emotive, sono ovviamente influenzate dal loro stato emotivo.

Emozione come sfondo

Siamo per lo più inconsapevoli delle nostre emozioni quando costituiscono lo sfondo, quando le persone sono passivamente emotive, perché la nostra attenzione è diretta lontano da loro. Altre persone sono meno consapevoli delle nostre emozioni perché la maggior parte dei segnali tipici sono assenti. Le persone non sembrano essere emotive quando l'emozione funziona solo sullo sfondo. Gli atteggiamenti e le opinioni che le persone si formano quando le emozioni operano in background, quando le persone sono passivamente emotive, sono probabilmente più influenzate dal loro stato emotivo, ma in un modo particolare che le persone sono in gran parte inconsapevoli di. Mi riferisco qui al concetto di Verità in cui sentire, volere e / o desiderare qualcosa per essere vero lo rende vero con certezza per la persona, anche se non lo è. Se vuoi che qualcosa sia vero, allora sembrerà essere vero con certezza, anche se non lo è. Se senti che qualcosa è vero, allora sembrerà essere vero con certezza, anche se non lo è. Se desideri che qualcosa sia vero, sembrerà che sia vero con certezza, anche se non lo è. Queste affermazioni sono coerenti con e supportano il fatto che la trasformazione della verità avviene inconsciamente. La veridicità si verifica quando le emozioni di sfondo inconsce interagiscono con le cognizioni perché allora possiamo scambiare ciò che vogliamo essere il caso con ciò che è effettivamente il caso. Le emozioni possono funzionare come cognizioni senza la nostra consapevolezza quando operano in background. Ma poiché le emozioni sono intrinsecamente irragionevoli, anche le posizioni che sostengono sono irragionevoli. La rabbia è la principale reazione rapida quando queste posizioni irragionevoli vengono messe in discussione. Chiunque può arrabbiarsi quando è sufficientemente frustrato da argomenti difficili e prolungati, ma nel caso della verità, la gente esibirà rabbia poco dopo anche un casuale licenziamento del loro punto di vista. E nessuna quantità di prove in genere li convince di sbagliare. La gente negherebbe senza dubbio che il sentimento, il desiderio e il desiderio rendono effettivamente le cose vere. Per esempio, se chiedessi alle persone se chiudere gli occhi, sentire, volere e desiderare qualcosa per essere vero, in realtà lo renderebbe vero aprendo gli occhi, mi aspetto che loro direbbero di no. Ma, come illustrano chiaramente i numerosi spiritosi e intuitivi esempi del comico Stephen Colbert, le opinioni e le credenze di molte persone si basano sulla verità, cioè in ciò che desiderano fossero vere. Ci sono due modi per sapere se gli atteggiamenti e le opinioni di qualcuno si basano sulla verità. Il primo indizio è che le loro opinioni non sono minimamente modificate da prove negative indipendentemente da quanto estese e convincenti siano le prove. Elimineranno sommariamente tutte le prove in un modo ampio. Il secondo indizio è che la rabbia presto segue quando il loro riassunto di prove negative non riesce a persuadere gli altri. Considera il probabile risultato quando affronti la rivendicazione creazionista che l'evoluzione è solo una prospettiva, e non molto credibile, nonostante prove schiaccianti del contrario. Considera il probabile esito quando affronti l'affermazione che il cambiamento climatico non si verifica o che, se lo è, gli umani non hanno nulla a che fare con esso – anche se praticamente tutte le prove scientifiche dimostrano chiaramente che la temperatura globale è aumentata molto più velocemente e ben al di fuori variazione naturale dalla rivoluzione industriale. Considera il probabile esito quando affronti l'affermazione che il presidente Obama è un musulmano e non un cittadino statunitense, anche se entrambe le affermazioni sono falsamente false. Considera il probabile risultato quando affronti l'affermazione che i vaccini causano l'autismo anche se non lo fanno. Sfidare questi punti di vista con prove raramente persuade, ma produce prevedibilmente rabbia, il che è il modo in cui si sa che queste cognizioni sono radicate nell'emozione piuttosto che nella ragione.

Il beneficio psicologico della verità è che consente alle persone di vivere in modo molto confortevole con ipocrisia e negazione perché modifica e / o crea fatti adatti a sostenere sentimenti, desideri e desideri esistenti. Non c'è lotta costante per sopprimere il materiale inconscio dal raggiungere la consapevolezza, come nel caso della negazione. La verità è molto più facile da vivere rispetto alla costante negazione difensiva.

Responsabilità personale

La verità può supportare conclusioni infondate sulla responsabilità personale. Ad esempio, credendo nel credo americano che tutti gli uomini sono creati uguali e hanno diritti inalienabili implica condizioni di parità per tutti i casi in cui i risultati sono interamente determinati da decisioni personali. Con questa convinzione saldamente radicata, le persone possono credere che coloro che si trovano costantemente nella povertà sono ovviamente lì interamente a causa di decisioni sbagliate o tratti caratteriali difettosi. Quindi, c'è poco o nessun motivo per aiutare i poveri. Non è che un breve passo per concludere ulteriormente che tali persone meritano moralmente di essere al fondo della società. Le conclusioni sull'inferiorità razziale sono anche facilmente raggiungibili da qui.

Differenze individuali

Esistono indubbiamente differenze individuali riguardo alla misura in cui le emozioni operano in primo piano o sullo sfondo di una persona, così come esistono differenze individuali nella misura in cui l'elaborazione cognitiva coinvolge il Sistema 1 e 2. Queste differenze individuali possono essere apprese nel corso dello sviluppo psicologico ma possono anche essere dovute a come il cervello è cablato; vale a dire, differenze individuali di connettività cerebrale. Queste differenze individuali diventano caratteriali, il che significa che non sono molto modificabili negli adulti. Queste differenze individuali influenzano fortemente molti aspetti della vita, compresa la scelta del partner coniugale, se vaccinare o meno i bambini, indipendentemente dal fatto che siano o meno a scuola, e scelte politiche.

conclusioni

La riduzione della negazione e della dissonanza sono le spiegazioni standard su come le persone possono vivere comodamente con l'ipocrisia e le prove negative. La negazione implica una continua lotta stressante per impedire che certe cose raggiungano la consapevolezza cosciente. Tuttavia, l'emozione della "verità" come alternativa cognitiva supportata da Duncan e Barrett (2007) fornisce un modo libero da conflitti per vivere comodamente con l'ipocrisia e le prove negative. Su questa visione, volere, sentire e desiderare rende la "verità" ciò che si desidera e ha bisogno che sia. Queste verità sintetiche dissolvono l'ipocrisia e scartano le prove negative in un modo facile e privo di stress per convivere. Le posizioni che vengono mantenute in questo modo possono essere facilmente riconosciute perché sono rigide e perché sfidarle produce rabbia.

Riferimenti

Duncan, S., & Barrett, LF (2007). L'affetto è una forma di cognizione: un'analisi neurobiologica. L'affetto è una forma di cognizione: un'analisi neurobiologica. Cognizione ed emozione, 21, 1184-1211.

Kahneman, D. (2011). Pensare, veloce e lento. New York: Farrar, Straus e Giroux.

Kunda, Z. (1987). Inferenza motivata: generazione di egoismo e valutazione delle teorie causali. Journal of Personality and Social Psychology, 53, 636-647.

Kunda, Z. (1990). Il caso del ragionamento motivato. Bollettino psicologico, 108, 480-498.

Tryon, WW (2014). Neuroscienze cognitive e psicoterapia: principi di rete per una teoria unificata. New York: Elsevier / Academic Press.

Solutions Collecting From Web of "Vivere comodamente con ipocrisia e prove negative"