Vive in terapia

L'articolo penetrante, commovente e commovente di Daphne Merkin sul New York Times Magazine di oggi , che descrive le speranze e le delusioni di quasi quarant'anni in varie forme di trattamento analitico, è probabilmente familiare a molti. Il suo articolo ha la frenesia della blogosfera, con molti blogger che lanciano critiche alla psicoanalisi. Sebbene molte di queste critiche siano giustificate, sono un po 'come spingere via il ragazzino dalle sbarre delle scimmie nel parco giochi; è fin troppo facile essere soddisfacenti.

Detto questo, forse la psicoanalisi tradizionale ha ancora bisogno di un campanello d'allarme sui limiti della teoria e sui modi in cui i pazienti sono stati delusi o addirittura falliti.

La realtà è che la psicoanalisi ha, come dice Merkin, un lungo declino sia nella popolarità che nella percezione dell'utilità. Molti dei pazienti odierni vogliono e hanno bisogno di risposte concrete a domande complesse. In questo contesto, approcci e farmaci non analitici sono offerte seducenti. Ma nella mia lettura, l'interessante sottotesto dell'articolo di Merkin è che anche le soluzioni rapide non offrono molto. Quindi, quali sono i pazienti ben intenzionati, che vogliono veramente alleviare la sofferenza, per fare?

Ho urtato contro i limiti di una teoria di cui sono innamorato da molti anni. Non sono un analista, ma sono uno psicologo psicanalitico. E per non farti rimanere in sospeso, la mia opinione è che la terapia psicoanalitica, e persino la psicoanalisi, a patto che sia giusta la personalità tra paziente e terapeuta, e il giusto mix di trattare il qui e ora, con sottomesso (e non oltre -stimolazione) allusioni alle fantasie del passato, può essere uno degli investimenti più importanti nella salute mentale che chiunque può fare.

Ma non è facile. Innanzitutto, è difficile trovare un buon terapeuta. Perché è così, dato che ci sono così tanti di noi, è un po 'curioso, ma la ricerca riguardante la relazione terapeutica ci indica la giusta direzione: la relazione che un paziente e un terapeuta hanno è fondamentale. È fondamentale che i pazienti si sentano compresi. Dopotutto, non possiamo condividere ciò di cui siamo più imbarazzati se non sentiamo che il nostro terapeuta "capisce".

Ma noi terapeuti non sempre otteniamo tutto. Per me, questo è il punto cruciale dell'articolo di Merkin. Anche i terapeuti di ogni banda sono persone, e come lei sottolinea, del tutto fallibili. Certo, potrei parlare di come i desideri dei pazienti per noi siano perfetti sia legati al transfert, e quella parte del trattamento di successo comporta venire a patti con i limiti del terapeuta – questa è una cosa buona da capire perché generalmente generalizza al desiderio che molti di noi hanno per quelli che amiamo non ci deluderà mai.

D'altra parte, siamo in un'azienda di servizi per i clienti. I pazienti ci pagano per un servizio sanitario ed è ragionevole che i pazienti si sentano liberi di farci domande sul nostro stile di pratica, orientamento teorico, formazione e istruzione. Se i pazienti hanno una certa curiosità riguardo alle nostre vite (anche se sorprendentemente molti non lo fanno), sembra ragionevole che dovremmo rispondere ad alcune domande, pur essendo consapevoli che troppe informazioni non sono utili e che i pazienti sono lì per parlare delle loro vite e non delle nostre . Il mio punto è che essere un non-withholding con i nostri pazienti ha senso.

Per molto tempo la psicoanalisi si è seduta su un alto piedistallo. La sua posizione elevata, così come le tradizioni sul campo, ha esacerbato la sua mistica e alcuni analisti si sono nascosti dietro approcci rigidi e teorie dogmatiche e si sono dimenticati del lato umano dell'incontro analitico. Inoltre, alcuni analisti si aspettavano che i pazienti dovessero entrare in terapia e "fidarsi del processo". Ma penso che la maggior parte di noi capisca che questo non è semplicemente ragionevole. Se avessi un medico che si è rifiutato di spiegarmi come funzionava un particolare trattamento, avrei trovato un nuovo dottore. Dobbiamo parlare della nostra comprensione di come funziona il trattamento, delle prove empiriche che lo supportano, nonché dei limiti e dei rischi.

È sbagliato credere che la terapia psicoanalitica non dovrebbe comportare un cambiamento comportamentale. I comportamenti possono e devono cambiare a seguito di ciò che molti definiscono trattamento "orientato alla visione". Le intuizioni sono utili solo ai pazienti nella misura in cui li aiutano a modificare il loro stile di vita. Come spesso dico agli studenti, "Puoi avere le idee brillanti che vuoi sui tuoi pazienti, ma se non parli con loro in un modo che conta loro, sei lasciato solo nel tuo ufficio, senza pazienti, e solo il tuo pensieri brillanti. "

Come persone, come terapisti, dobbiamo riconoscere i nostri limiti. Non possiamo aiutare tutti i pazienti; e le nostre personalità si accordano meglio con alcune persone più di altre. Questo è un duro colpo per l'ego di alcuni. Ma come terapeuti siamo incaricati di gestire le lesioni legate all'autostima dei nostri limiti. (Dopotutto, chi non vuole essere visto come utile?) Ma i pazienti dovrebbero sentirsi autorizzati a trovare un terapeuta che sia la persona giusta, e se un trattamento non funziona, va bene andarsene.

Solutions Collecting From Web of "Vive in terapia"