Vittorie rapimento e legami psicologici che legano

Ho appena finito di leggere altre due storie vere di individui che sono stati rapiti, torturati e che alla fine hanno permesso una certa libertà di movimento ma non sono fuggiti. Una storia parla di Colleen Stan, la "donna nella scatola", che è stata tenuta fuori per sette anni in una scatola di legno delle dimensioni di una bara sotto il letto dei suoi rapitori. Nel corso del tempo le sono state fornite varie libertà, ma non è mai scappata né ha segnalato a nessuno di essere stata una vittima. La seconda storia parla di Shawn Hornbeck che fu rapito all'età di 11 anni e tenuto per 4 anni dal suo aggressore. Anche lui non è scappato durante i periodi in cui non era sorvegliato dal suo rapitore. Entrambe le storie fanno un ottimo lavoro spiegando come le restrizioni fisiche si interiorizzano a tal punto che la vittima diventa dipendente dal suo aggressore. L'aggressore in entrambi i casi si profilava così grande per la vittima che non riusciva a immaginare di liberarsi con successo. Come l'autrice di "Invisible Chains", spiega Kristina Sauerwein, il rapimento stesso comporta un'esperienza improvvisa e imprevedibile che minaccia la vita. Successivamente, la vittima viene posta sotto il completo controllo del tossicodipendente che determina quando la vittima può mangiare, andare in bagno e dormire. La mancanza di privacy (la vittima deve mangiare e alleggerirlo – o se stessa di fronte all'abusante) unita a una vulnerabilità assoluta (di solito c'è privazione del sonno, nudità e isolamento sociale) si traduce in uno stato di dipendenza quasi infantile dall'abusante . In questo modo, l'aggressore / tormentatore diventa anche una figura di attaccamento, la persona che allevia il dolore, l'isolamento, la fame e tutti gli altri bisogni fisici e socio-emotivi della vittima. Se questa dipendenza è combinata con minacce che sfuggiranno sarà futile e / o porterà a più dolore e sofferenza e / o dolore e sofferenza alla famiglia della vittima, quindi una volta data l'apparente libertà di movimento e la mancanza di supervisione, la vittima non tenterà di fuga. La vittima diventa psicologicamente legata all'abusante.

Ci sono ovvi paralleli con alcune situazioni di alienazione genitoriale in cui il bambino diventa emotivamente dipendente dal genitore alienante, nonostante l'abuso psicologico e fisico e talvolta sessuale che il genitore sta perpetrando contro il bambino. Capire come può accadere con rapimenti estranei può aiutarci a capire la mente di un bambino alienato che è allineato con un genitore contro l'altro.

Solutions Collecting From Web of "Vittorie rapimento e legami psicologici che legano"