Vite intelligenti

Nell'anteprima del film in uscita di Dan Habib, Intelligent Lives , attore vincitore dell'Oscar e narratore del film, Chris Cooper, condivide quanto segue su suo figlio Jesse e precedenti tentativi di quantificare la sua intelligenza: "Il test del QI non ci ha detto nulla di Jesse potenziale. Di chi era come persona. Può un tentativo di misurare l'intelligenza prevedere il valore o il potenziale di una persona di contribuire significativamente al mondo? "La domanda sulla capacità del test di intelligenza di prevedere i contributi, o il valore, opera come uno dei temi centrali di Habib. Le concezioni limitate di "intelligenza" limitano le persone con disabilità intellettive portando a collocamenti in aule segregate, scuole e luoghi di lavoro? L'attenzione ai test di intelligenza come gold standard di misurazione e diagnosi, contrariamente alle valutazioni basate sui bisogni di supporto, ha portato a limitare le opportunità per le persone con disabilità intellettive? In che modo si possono espandere le concezioni dell'intelligenza?

Fonte: l'attore premio Oscar Chris Cooper (a destra) registra la narrazione per il nuovo film documentario Intelligent Lives (titolo provvisorio), diretto da Dan Habib dell'UNH Institute on Disability (a sinistra). Il cameraman Steven Ascher è al centro. Foto d'autore Dan Habib / UNH Institute on Disability

Intelligent Lives promette di evidenziare le sfide della valutazione utilizzando metodi tradizionali e, a sua volta, dimostrerà ulteriori modi per identificare e soddisfare le esigenze di supporto individuali.

Dan Habib, pluripremiato documentarista e direttore del progetto presso l'Institute on Disability della University of New Hampshire, in precedenza ha diretto film Compreso Samuel , Who Cares About Kelsey? e Restraint and Seclusion: Hear Our Stories . Comprendendo Samuel , Habib condivide i tentativi della sua famiglia di favorire l'inclusione per suo figlio Samuel in tutti gli aspetti della loro vita. Nella mia intervista con Habib su questo progetto in corso, ha condiviso che, poiché suo figlio usa una sedia a rotelle, a volte non viene trattato da adolescente, ma piuttosto infantilizzato: "La percezione dell'intelligenza di qualcuno; la percezione della capacità di qualcuno influisce drammaticamente sulle loro opportunità nella vita. Finché non affronteremo la questione su queste restrittive percezioni dell'intelligenza, le persone con disabilità non faranno progressi durevoli nell'istruzione, nella forza lavoro, nelle relazioni, nella comunità. "Una parte degli sforzi di Habib in Intelligent Lives è di evidenziare come questi le percezioni influiscono direttamente sulle opportunità. Come condiviso nell'anteprima, solo il 17% degli studenti con disabilità intellettive è incluso nelle impostazioni di istruzione generale negli Stati Uniti. (L'inclusione è negli Stati Uniti significa che uno studente con un piano di educazione individualizzato – IEP – spende almeno l'80% della giornata scolastica in contesti educativi generali.) Inoltre, solo il 24% degli adulti con disabilità intellettiva è impiegato in strutture non protette . Sono necessari molti progressi per garantire che questi modelli di segregazione per le persone con disabilità intellettive siano cambiati in futuri più inclusivi.

When Micah Fialka-Feldman (above) was 11 years old, he scored 40 on an IQ test. His parents, however, insisted he be included in general education classes, and Micah developed a strong circle of friends and had access to assistive technology and instruction. Micah graduated from high school and is now a college student, teaching assistant, and staff member at Syracuse University. He is featured in the new film by Dan Habib, Intelligent Lives (working title). Photo copyright Dan Habib/UNH Institute on Disability
Fonte: Quando Micah Fialka-Feldman (sopra) aveva 11 anni, ha segnato 40 su un test del QI. I suoi genitori, tuttavia, insistettero perché venisse incluso nelle lezioni di educazione generale e Micah sviluppò una forte cerchia di amici e ebbe accesso alla tecnologia e all'istruzione assistive. Michea si è laureata e ora è una studentessa universitaria, insegnante e membro dello staff della Syracuse University. È presente nel nuovo film di Dan Habib, Intelligent Lives (titolo provvisorio). Foto d'autore Dan Habib / UNH Institute on Disability

Intelligent Lives presenterà le narrazioni di tre individui con disabilità intellettive, oltre a segmenti storici che catturano un'eredità di segregazione e maltrattamento di persone con etichette come "deboli". Una delle persone descritte è la mia collega alla Syracuse University, Micah Fialka -Feldman. Attualmente, Fialka-Feldman co-insegna e tiene lezioni presso i corsi della School of Education. (L'ho fatto partecipare ai corsi di laurea che ho insegnato a parlare delle sue esperienze di auto-advocacy e degli sforzi per essere incluso in tutti i livelli di istruzione, inclusa l'università.) Fialka-Feldman è un'attivista per i diritti dei disabili nominato dal Presidente Obama al Comitato del Presidente per le persone con disabilità intellettiva (Habib è anche membro di questo comitato). La storia di Fialka-Feldman è quella che continua a sfidare le ipotesi secondo cui un test standardizzato è una misura accurata della capacità o dei contributi di un individuo. Nell'anteprima del film, la madre di Fialka-Feldman, Janice Fialka, osserva: "Ciò su cui vogliamo concentrarci non è un'etichetta, ma su quali sono i supporti di cui un bambino o una persona ha bisogno per partecipare in modo significativo?" I materiali didattici di Intelligent Lives metteranno in evidenza misure, come la Suppens Intensity Scale, che si allontana dalle valutazioni generali come test di intelligenza verso "processi di pianificazione centrati sulla persona che aiutano tutti gli individui a identificare le loro preferenze, abilità e obiettivi di vita", per consentire significativi partecipazione indipendentemente dalle etichette di disabilità intellettiva. In risposta alla mia domanda su quali risultati spera che il film genererà, Habib ha osservato: "In realtà metteremo in discussione l'idea che i punteggi del QI debbano davvero esistere" e concentrarsi piuttosto sulla valutazione e sul soddisfacimento dei bisogni di supporto individuali degli individui. Habib prosegue: "È molto possibile immaginare un mondo in cui usiamo la Support Intensity Scale, una misura dei bisogni di supporto di qualcuno, come un modo per determinare l'ammissibilità per il tipo di risorse finanziarie e altri supporti di cui hanno bisogno per partecipare pienamente all'istruzione, la forza lavoro e tutti gli aspetti della società. "In risposta alla mia domanda su ciò che spera che il film mostrerà, Micah Feldman-Fialka ha risposto," Che un QI non parla a nulla. IQ è solo un numero. Posso fare più cose di quello che mostra ". La sua risposta illustra la necessità di rifiutare di lasciare che i test standardizzati dell'intelligence diventino una scorciatoia per gli interessi o le capacità di una persona.

Naieer Shaheed is a student who attends the completely inclusive Henderson High School in Dorchester, MA. Naieer is featured in Intelligent Lives (working title), the new film project by Dan Habib of the UNH Institute on Disability.  photo copyright Dan Habib/UNH Institute on Disability
Fonte: Naieer Shaheed è una studentessa che frequenta la Henderson High School completamente inclusiva a Dorchester, MA. Naieer è presente in Intelligent Lives (titolo provvisorio), il nuovo progetto cinematografico di Dan Habib, dell'UNH Institute on Disability. foto d'autore Dan Habib / UNH Institute on Disability

Una delle altre persone presenti nel film è Naieer Shaheed, una studentessa delle superiori della Henderson Inclusion School di Boston. Shaheed è un artista esperto e l'anteprima mostra le sue opere d'arte. Uno degli insegnanti di Shaheed, Samuel Texeria, commenta nel film, "Penso che l'intelligenza sia diversa per tutti. È chiaro che ha una menomazione intellettuale. Ma io non … questo non significa necessariamente che non possa essere intelligente. "Continua Texeria," Il fatto che sia un uomo di colore e sia alto, a volte è preoccupante chiedersi che cosa il mondo esterno possa percepire lui come. Se è rumoroso, nervoso o entusiasta, qualcuno potrebbe percepirlo come minaccioso. Una cosa è quando sono giovani e sono carini, ma alla fine invecchieranno. "Considerando che il basso punteggio QI di Fialka-Feldman potrebbe portare a valutazioni generali sulla sua competenza e capacità, il deficit intellettuale di Shaheed interpretato attraverso il suo genere e lo stato razziale significa che deve contrastare i sistemi oppressivi che possono trattarlo come una minaccia, o come qualcuno senza futuro. Inoltre, Habib sostiene che il materiale didattico del film esplorerà la ricerca suggerendo una sovrarappresentazione degli studenti di colore nell'istruzione speciale.

Habib ha appena iniziato le riprese di una terza persona per il film, Naomie Monplaisir di Providence, Rhode Island. Monplaisir frequentava un liceo segregato chiamato Harold A. Birch Vocational Program, un laboratorio protetto ospitato all'interno di una scuola superiore di Providence. Ora a circa 20 anni, Monplaisir sta cercando di passare a un lavoro retribuito e integrato. I tassi di occupazione per le persone con disabilità intellettive sono significativamente inferiori a quelli dei loro pari senza disabilità intellettive. Le persone impiegate tendono ad avere un lavoro part-time o un impiego in laboratori protetti, dove vengono spesso pagati salari inferiori ai minimi.

Naomie Monplaisir and her brother Steve Monplaisir of Providence, Rhode Island.  Photo courtesy the Intelligent Lives project
Fonte: Naomie Monplaisir e suo fratello Steve Monplaisir di Providence, Rhode Island. Foto per gentile concessione del progetto Intelligent Lives

La storia di Monplaisir rappresenta la spinta nazionale per consentire alle persone con disabilità intellettive di unirsi alla forza lavoro. Nel 2014 Rhode Island e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti hanno raggiunto il primo accordo nazionale per i diritti delle persone con disabilità a ricevere l'impiego statale e servizi diurni nella comunità più ampia, piuttosto che in laboratori riservati segregati e programmi giornalieri basati su strutture.

Come con i suoi film precedenti, Habib ha collaborato con un gruppo eterogeneo di organizzazioni, tra cui la National Association of School Psychologists (NASP). NASP ha anche collaborato in precedenza con Habib alla campagna "I Care By" che è stata lanciata in concomitanza con il suo film Who Cares About Kelsey? La campagna ha ridefinito "la cura dando alle persone azioni positive specifiche che hanno dimostrato di avere successo, insieme a modi per condividere le loro azioni e incoraggiare gli altri a fare lo stesso". Nel preparare questo blog, ho anche parlato con Mary Beth Klotz, Direttore delle pratiche educative della NASP in merito al film e alla partnership tra NASP e Habib. Klotz si impegna a sostenere i film di Habib perché aiutano a generare conversazioni: "Ha un'opportunità unica come regista … di creare potenti strumenti di advocacy e materiali didattici per professionisti e famiglie. I membri del NASP utilizzano i film per una varietà di scopi e si affidano a Dan per i meravigliosi servizi creativi che offre ". Fialka-Feldman aggiunge:" Mi sono davvero piaciuti tutti i film che ha realizzato. Penso che questo film mostrerà davvero le storie delle persone con disabilità ". Discutendo dell'importanza del film di Habib per i membri della NASP, Klotz osserva," Gli psicologi scolastici sono difensori del cuore. Si preoccupano davvero degli studenti e delle famiglie che servono, apportano un cambiamento positivo e parlano di problemi di giustizia sociale ". Ho chiesto a Klotz dei test del QI e di varie pratiche di valutazione:" Il punteggio di valutazione cognitiva ha il potenziale per portare troppo peso in il processo decisionale e può contribuire a stigmatizzare. "Tuttavia, Klotz avverte che senza una qualche versione della valutazione le persone potrebbero non ricevere servizi appropriati. Klotz ha discusso di come "giudizi istantanei" riguardanti gli studenti con disabilità intellettive possono essere fatti dove i numeri IQ sono usati come prova invece di incorporare dati aggiuntivi come "il progresso che uno studente fa quando viene dato il giusto tipo di istruzione e supporto".

In questo semestre ho avuto il privilegio di insegnare un seminario universitario sulla disabilità intellettuale e sui diritti umani. I 15 studenti della classe erano studenti iscritti a vari programmi tra cui educazione speciale, design collaborativo e diritto. Nonostante i vari background disciplinari degli studenti, siamo tornati collettivamente alla questione della misurazione dell'intelligenza e di come gli sforzi per quantificare l'intelligenza possano avere effetti dannosi su quelli etichettati come aventi una "disabilità intellettiva". Dalla storia dell'eugenetica, sterilizzazione forzata e forzata , istituzionalizzazione e pratiche di immigrazione restrittive, a modelli più contemporanei di segregazione nelle classi di educazione speciale e laboratori protetti, come classe, ci siamo chiesti se esistesse un modo per sfidare la supremazia dell'intelligence. Continuiamo a tornare alla domanda Habib è coinvolgente: uno sforzo per misurare l'intelligenza riflette accuratamente le potenzialità di un individuo? In che modo, possiamo ampliare la nostra comprensione di ciò che conta come intelligenza per facilitare una partecipazione significativa per tutti?

Filmmaker Dan Habib and Micah Fialka-Feldman, one of the subjects of the upcoming film Intelligent Lives (working title, due Fall 2017) stand together inside a building at Syracuse University, where Micah has attended college and co-teaches classes.  Photo courtesy Bud Buckout
Fonte: Il cineasta Dan Habib e Micah Fialka-Feldman, uno dei soggetti del film in uscita Intelligent Lives (titolo provvisorio, previsto per l'autunno 2017) stanno insieme all'interno di un edificio dell'Università di Syracuse, dove Micah ha frequentato corsi universitari e co-insegnati. Foto per gentile concessione di Bud Buckout

Ho anche avuto il privilegio di co-insegnare un seminario di educazione sessuale per gli studenti iscritti al programma U inclusivo nel campus, che iscrive gli studenti con disabilità intellettive e dello sviluppo nelle classi del college. Ogni martedì aiuterei a facilitare le questioni relative al rispetto, all'agire e ai diritti con un'applicazione specifica della sessualità. Come ho scritto in un post precedente, sono colpito dal modo in cui la presenza stessa di questi programmi accolgono le persone con disabilità intellettive come studenti, studiosi, insegnanti e membri della comunità e, per estensione, trasformano ipotesi su cui gli individui hanno il "diritto" di essere nell'istruzione superiore. Le vite intelligenti promettono di stimolare il pensiero rivoluzionario e di evidenziare come gli individui con disabilità intellettive stiano sfidando generazioni di segregazione e contribuendo a creare comunità trasformative. Attendo con impazienza l'uscita del film nell'autunno 2017.

Solutions Collecting From Web of "Vite intelligenti"