Violenza domestica: perché sono rimasto e perché ho lasciato

Quando un attivista ha condiviso la sua storia al mondo durante i Grammy Awards del 2015, dicendo: "Il mio nome è Brooke Axtell e sono un sopravvissuto alle violenze domestiche", era personale. Sembrava che condividesse la mia storia.

"L'amore autentico non svaluta un altro essere umano", ha proseguito Axtell. "L'amore autentico non fa tacere, vergogna e abuso."

Le parole di Axtell, seguite dalla versione di "By the Grace of God" di Katy Perry che ha portato il cantante alle lacrime, ha risuonato attraverso di me. Perry ha cantato:

Non avrei lasciato che l'amore mi portasse fuori in quel modo.

Anch'io sono un sopravvissuto alla violenza domestica. Come con Axtell, mi considero uno dei fortunati che ha lasciato il suo aggressore.

Non avevo altre opzioni. Sapevo che il mio aggressore non avrebbe potuto allontanare la sua rabbia. È nato anni prima da un'infanzia di dolore, di abbattimento, rifiuto e abbandono, da una madre troppo impegnata con fidanzati crudeli e mariti multipli e un padre assente. Si è manifestato in episodi di rabbia fuori controllo ed imprevedibili mentre si scagliava contro di me.

Con l'intensificarsi della violenza, le mie ferite peggiorarono. Quando ha perso il controllo, non c'era modo di fermarlo, nessun ragionamento con lui, nessun calmarlo. Temevo che un giorno sarebbe andato troppo lontano, colpito o preso a calci troppo forte, o buttarmi contro un muro o giù per le scale una troppe volte.

È successo prima che esistessero centri per le donne, prima che ci fosse una comprensione dei coniugi e dei coniugi maltrattati, prima che me ne accorgessi.

Oggi, tale abuso è indicato come violenza da partner intimo. Alcuni dei segnali premonitori – modi di controllo, una serie di relazioni fallite, isolamento – erano presenti. Ma ero troppo giovane, troppo ingenuo e troppo disinformato prima di sposarci per riconoscerli per quello che erano: fattori di rischio.

Alla fine ho fatto quello che i testi di Perry dicono: "Mi sono rialzato. Metto un piede davanti all'altro. "E poi me ne andai.

La mia partenza è avvenuta otto anni dopo la relazione e sei anni dopo l'abuso fisico ed emotivo era iniziato, dopo un momento di chiarezza quando qualcosa dentro di me ha cliccato. Mi ci sono voluti anni per raggiungere quel punto, ma alla fine ho capito. Sapevo che non c'era niente che potessi fare o dire per cambiare lui o l'abuso. Mi venne in mente mentre mi accucciavo sul pavimento aspettando i colpi che sapevo sarebbero venuti, che non avevo scelta. Non potevo salvare lui o la nostra relazione, ma potevo salvarmi.

A causa della mia esperienza personale, dopo essere diventato un giornalista del crimine, ogni volta che ho sentito una chiamata di violenza domestica imbattersi nello scanner della polizia, ho colto l'occasione per coprire il caso. Le mie ragioni erano duplici: dare voce alle vittime; e per informare il pubblico che la violenza domestica stava attraversando la loro strada, nel loro quartiere, nella loro città.

La mia speranza è che il messaggio di Brooke Axtell e Katy Perry risuoni con gli altri.

Il mio messaggio a coloro che continuano a soffrire per mano di una persona che professa di amarli ma che abusa fisicamente è di dirlo a qualcuno. Cercare aiuto. E vattene. Non hai altra scelta che salvare te stesso. È una questione di vita o di morte.

Solutions Collecting From Web of "Violenza domestica: perché sono rimasto e perché ho lasciato"