Viktor Frankl sulla procrastinazione

Nella sua autobiografia pubblicata (in tedesco) nel marzo 1995 in coincidenza con il suo 90 ° compleanno, il Dr. Viktor Frankl ha riflettuto su "The Manner of My Work". Le sue riflessioni sono semplici e chiare, parlando direttamente a due abitudini che sconfiggono la procrastinazione.

Il Dr. Viktor Frankl, autore di numerosi libri e articoli, ma probabilmente il più noto in Nord America per il suo libro "Man's Search for Meaning" (1945), ha influenzato le persone in tutto il mondo. La ricerca dell'uomo per il significato è stata tradotta in molte altre lingue tra cui giapponese, cinese, coreano e russo. Solo le sue edizioni in inglese hanno venduto oltre nove milioni di copie. In effetti, la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti lo ha elencato come uno dei dieci libri più influenti in America. Chiaramente, Frankl ha molto da offrirci.

L'obiettivo del lavoro di Frankl è sul significato e, più specificamente, sulla sua terapia centrata sul significato nota come logoterapia. Una rapida ricerca su Internet ti introdurrà a queste idee se sono nuove per te (ad esempio, Victor Frankl Institute of Logotherapy, il sito Web ufficiale del Victor Frankl Institute di Vienna).

Per i lettori di questo blog, non ti sorprenderà che le idee di Frankl abbiano influenzato la mia vita. Ho conosciuto per la prima volta il suo lavoro durante i miei anni universitari negli anni '70, e le sue filosofie basate sull'esistenza hanno continuato a emergere in molti modi. Anche i libri popolari come Sette abitudini di persone altamente efficaci di Stephen Covey iniziano con l'attenzione di Frankl sulla scelta individuale nella creazione di una vita significativa.

Sebbene la comprensione di Frankl dell'importanza centrale del significato nella vita di un individuo sia stata sviluppata prima della Seconda Guerra Mondiale, furono le esperienze di Frankl nei campi di concentramento nazisti a galvanizzare questa teoria e l'attenzione di coloro che hanno letto della vita di Frankl. Come vedrete, queste esperienze furono un punto di svolta per Frankl anche in relazione alle sue abitudini lavorative e al potenziale per procrastinare.

Logopedia e significato sono troppo per un blog e, in effetti, non sono il mio obiettivo oggi. Invece, voglio scrivere circa tre brevi paragrafi dell'autobiografia di Frankl in cui parla delle sue abitudini lavorative. Lui scrive,

"Un'altra cosa: cerco di fare tutto il prima possibile, e non all'ultimo momento. Questo assicura che, quando sono sovraccarico di lavoro, non affronterò la pressione aggiuntiva di sapere che qualcosa deve ancora essere fatto. C'è ancora un terzo principio che ha guidato il mio lavoro ed è questo: faccio i compiti spiacevoli prima di fare i piacevoli. Come ho già detto, non seguo sempre i miei principi. Ad esempio, da giovane medico lavoravo nel grande ospedale psichiatrico di Steinhof e spesso passavo le domeniche agli spettacoli di vaudeville. Mi sono piaciuti, ma mi sono sempre rammaricato di non essere rimasto a casa a lavorare sulle mie idee e sulla mia scrittura.

Dai miei anni nei campi di concentramento, questo schema è cambiato. Quanti fine settimana ho sacrificato per dettare i miei libri. Ho imparato a dedicare il mio tempo in modo più saggio, anzi a rendere conto ogni minuto. Faccio questo in modo da avere tempo per le cose che sono veramente importanti " (Frankl, 2000, p.34, enfasi aggiunta).

"Fai tutto il prima possibile" e "Prima i compiti spiacevoli"
I lettori di questo blog Do not Delay hanno visto emergere queste conclusioni prima sulla base di ricerche psicologiche più recenti. È rassicurante vedere la saggezza vissuta della vita di Frankl concorrere. Ciò che Frankl realizzò certamente fu che gli spiacevoli compiti avevano il maggior potenziale di procrastinare, e piuttosto che "cedere per sentirsi bene", affrontò direttamente i compiti spiacevoli (e le emozioni associate), in primo luogo. I progressi su questi obiettivi sono particolarmente gratificanti.

Il pensiero di chiusura di Frankl
Tuttavia, devo confessare che non sempre tengo ai miei principi. Ma poi sono arrabbiato con me stesso – così arrabbiato a volte che non mi parlo nemmeno da giorni. (Frankl, 2000; pagina 34,)

Nessuno è perfetto, nemmeno questa leggenda del 20 ° secolo. ☺

Non siamo chiamati per essere perfetti, ma possiamo pensare attentamente a dedicare tempo alle cose che sono davvero importanti nella nostra vita, e per farlo è necessario "iniziare" – in particolare con gli spiacevoli compiti che stiamo affrontando. Abbiamo molto da imparare da Viktor Frankl. Spero che ci vorrà del tempo per leggere di più.

Ma adesso, mia figlia di 3 anni mi chiama dall'altra stanza per ballare con lei. È tempo per le cose importanti. Sono contento di aver fatto il mio lavoro.

Riferimento
Frankl, V. (2000). Ricordi di Victor Frankl: Un'autobiografia. Cambridge, MA: libri di base.

Nota: Originariamente pubblicato in tedesco nel 1995 con il titolo Was nicht in meinen Büchern steht , Psychologie Verlags Union, Weinheim, Germania. Questa edizione inglese è stata tradotta da Joseph e Judith Fabry.

Solutions Collecting From Web of "Viktor Frankl sulla procrastinazione"