Video Online Gaming: un rifugio per l'insicuro?

The Cyber-World and Developmental Psychology

I giochi online sono avanzati in modo esponenziale, sia in termini di numero di utenti che di sofisticazione, specialmente tra giovani e giovani adulti. L'ex "sparatutto in prima persona", così come i giochi interattivi giocati nella stessa stanza da due amici, hanno lasciato il posto a una vasta rete internazionale di giocatori. Questa rete, in combinazione con la raffinatezza dei giochi disponibili su di essa (molti gratuitamente) ha comandato un vasto pubblico che dedicasse molto tempo ad esso. Ciò ha portato alcuni a esprimere la preoccupazione che questa tendenza culturale sia pericolosa perché riduce le interazioni faccia a faccia delle persone e porta all'isolamento sociale. È vero?

Stili di attaccamento e perché sono importanti

L'attaccamento è un importante concetto psicologico che deve la sua origine principalmente al lavoro condotto dagli psicologi John Bowlby e Mary Ainsworth e risalente agli anni '60 e '70. Osservando le interazioni tra genitori e figli in situazioni diverse, Bowlby e Ainsworth svilupparono una teoria su come i bambini utilizzassero quella relazione. Scoprirono che alcuni bambini piccoli non esitavano ad avventurarsi nel mondo, esplorarlo e interagire liberamente con gli altri, specialmente quando il loro genitore era in vista, ma anche quando il genitore era fuori dalla vista. Hanno etichettato questi bambini sicuri.

Al contrario, alcuni bambini o hanno mostrato ansia, oppure hanno rifiutato, quando si trattava di interagire con gli altri, ad esempio in situazioni in cui era presente uno sconosciuto o quando il genitore lasciava la stanza in cui si trovavano. Bowlby e Ainsworth etichettavano questi bambini insicuri , e ha suggerito che questa insicurezza era un handicap quando si trattava di sviluppare le competenze necessarie per avere successo in un mondo sociale.

Stili di attaccamento adulti

Mentre la ricerca sull'attaccamento continuava, sono emerse due scoperte. Innanzitutto, sembra che gli stili di attaccamento osservati nei bambini piccoli non diminuiscano automaticamente, né tanto meno scompaiano quando invecchiamo. Al contrario, gli stili di attaccamento che sono sviluppati nei nostri primi anni tendono a resistere fino all'età adulta, dove continuano a colorare le nostre interazioni sociali.

Secondo, gli psicologi hanno identificato due varianti di attaccamento insicuro. L'attaccamento ansioso si verifica quando un genitore (o un altro caregiver primario di un bambino) si comporta in modo incoerente, in modo che il bambino non sia sicuro se sarà accettato o rifiutato, elogiato o ridicolizzato, in qualsiasi momento. Quel bambino può quindi sviluppare un'aspettativa a cui quelli a cui sono vicini non possono realmente contare al momento del bisogno. Da adulti, le persone ansiosamente attaccate sono inclini a cercare un sacco di contatti sociali, anche se a seconda di quanto sono ansiosi possono anche essere appiccicosi nei rapporti, cercando frequenti rassicurazioni e / o lodi e preoccupandosi che una persona cara lascerà loro.

Risultati di attaccamento evitante quando i caregiver primari di un bambino non sono solo incoerenti, ma essenzialmente negligenti. Ciò che emerge è un bambino – e in seguito un adulto – che si aspetta che gli altri (anche quelli che professano di amarli) siano inderogabili. Piuttosto che essere appiccicosi o cercare una rassicurazione costante, questi uomini e queste donne sono inclini a preferire essere autosufficienti e non contare molto sugli altri. Altri spesso li descrivono come distanti e autosufficienti, quando in realtà non credono semplicemente che le persone possano dipendere da loro. Quindi dal loro punto di vista ha senso "controllare" i loro attaccamenti.

Conoscete qualcuno il cui comportamento nelle relazioni si adatta a una delle descrizioni di cui sopra, più o meno?

Insicurezza, sensibilità e gioco online

In uno studio attualmente in corso di stampa (Kowert, R. & Oldmeadow, J. Computers in Human Behaviour , vol. 39, 2014) ricercatori provenienti dalla Germania e dall'Australia hanno collaborato nel tentativo di gettare luce su questo problema se il gioco online può essere dannoso per lo sviluppo sociale. Per fare ciò hanno reclutato 409 volontari che hanno riportato una storia sui giochi online. Il campione aveva un'età compresa tra 18 e 39 anni e comprendeva 256 uomini e 153 donne. Innanzitutto, hanno fatto un test per determinare lo stile di attaccamento di una persona: sicuro , ansioso o evitante . Gli è stato quindi chiesto di fornire informazioni sul loro utilizzo del gioco online, tra cui:

  • Si sono identificati con affermazioni come "Mi vedo come un giocatore"?

  • Quanto tempo , in media, hanno dedicato al gioco online a settimana?

  • Qual era la loro motivazione per giocare? Quanto hanno giocato ai giochi online per "divertimento" in contrapposizione al "comfort sociale", ovvero giocare quando si è stressati, ansiosi o tristi?

Successivamente, hanno misurato le abilità sociali di questi volontari, intendendo quanto emotivamente espressiva o sensibile, così come socialmente sensibile e socialmente espressiva, un individuo si identifica come essere. Le persone emotivamente / socialmente espressive sono amichevoli e di solito hanno una rete sociale abbastanza ampia. Al contrario, gli individui socialmente / emotivamente sensibili sono spesso descritti come timidi e meno in grado di mantenere interazioni verbali estese.

Ciò che questa ricerca ha prodotto ha messo in discussione in modo significativo la credenza popolare che i giochi online "eccessivi" sono necessariamente psicologicamente dannosi. Ciò che hanno trovato, ad esempio, era che le abilità sociali erano di per sé   non è predittivo di dedicare più tempo ai giochi online. Gli autori concludono che la "sensibilità", o la timidezza, di per sé non tiene conto dell'inclinazione di un individuo a trascorrere più tempo online.

In contrasto con le scoperte sulle abilità sociali, i dati sugli stili di attaccamento hanno portato a diverse intuizioni. Tra le due varietà di attaccamento insicuro, coloro che si identificavano con stili di attaccamento ansiosi erano più inclini a utilizzare le connessioni Internet, compresi i giochi, e farlo perché era una fonte di conforto sociale. Nel frattempo, anche quelli con uno stile di attaccamento evitante utilizzavano di più i giochi online, ma non per il comfort sociale tanto quanto per il puro valore di intrattenimento.

Nel riassumere le loro scoperte, questi ricercatori suggeriscono che, piuttosto che essere psicologicamente dannosi, il mondo cibernetico potrebbe effettivamente fornire "spazi per servire funzioni critiche di attaccamento". In altre parole, è possibile che coloro le cui esperienze infantili portassero a essere ansiosi o stili interpersonali evitanti possono essere in grado di rivolgersi al mondo cibernetico per soddisfare alcuni dei loro bisogni? E questo è necessariamente dannoso?

Questa ricerca, per quanto aperta all'occhio, invita a ulteriori domande. Ad esempio, esiste una sorta di "linea rossa" che separa in effetti il ​​funzionale dal coinvolgimento disfunzionale nel mondo cibernetico? E dovremmo cercare di scoraggiare quelli con stili di attaccamento insicuri a muoversi verso relazioni "reali", o semplicemente accettare che questo è ciò che funziona per loro?

@ 2014 di Joseph Nowinski, Ph.D., psicologo clinico e autore di Hard to Love: Comprensione e superamento del disturbo borderline di personalità maschile , e quasi alcolista: il mio (o il mio amato) che beve un problema?

Solutions Collecting From Web of "Video Online Gaming: un rifugio per l'insicuro?"