Viaggio o destinazione: qual è il tuo piacere?

Paley/Seaburn
Fonte: Paley / Seaburn

Davanti a noi sul pavimento della fabbrica, tonnellate di acciaio tutt'intorno, grandi gru sopra, c'è Albert Paley, lo scultore di fama mondiale. Accanto a lui c'è un modello da sette piedi del suo prossimo progetto. Quando sarà finita, sarà una scultura di metallo astratta alta un metro e mezzo che sarà spedita a Chattanooga dove sarà esposta in un nuovo parco chiamato per Martin Luther King, Jr. Paley, i suoi capelli grigi tirati indietro in una coda di cavallo , sta spiegando pazientemente il complesso processo che si tradurrà in questa enorme opera d'arte. Il lavoro di Paley è stato mostrato in tutto il mondo. In particolare, tredici delle sue sculture sono state installate l'anno scorso lungo Park Avenue. in New York. L'installazione di tutti i pezzi doveva essere completata in sole sei ore, ma i risultati erano sorprendenti in termini di concetto ed esecuzione.

Un membro del nostro gruppo chiede a Paley: "Vedi la scultura nella tua testa e poi la fai?" Paley, la mano sul suo mento, la testa leggermente piegata, considera la domanda per un momento prima

Paley2/Seaburn
Fonte: Paley2 / Seaburn

rispondere. Alla fine dice semplicemente: "Il processo creativo è parte del prodotto." Poi parla brevemente di quanto questo processo sia intimo nella sua infanzia e di come questo processo, per quanto evolva, determini il risultato finale.

Come scrittore, ho sentito di capire esattamente cosa intendesse. Il giorno seguente ho incontrato un club del libro che aveva letto uno dei miei romanzi. Le persone sono sempre curiose di sapere come si scrive. Sono spesso sorpresi quando spiego che spesso non so dove andrà il processo o come andrà a finire. È nella scrittura stessa che emerge la storia. Questo non vuol dire che non ho idee o che non ho personaggi pronti ad agire o che non ho idea di dove cominciare. Lo voglio. Ma non so mai dove mi porterà il viaggio. È quel processo di andare avanti che fa la differenza, anche se non so esattamente dove sono diretto. La semplice verità è che non otterrò "lì" a meno che non mi fidi del processo anche quando sono in una profonda insicurezza e il processo non si sente completamente affidabile. "Il processo creativo è parte del prodotto."

Penso che lo stesso si possa dire per una vita ben vissuta.

Fammi vedere se riesco a spiegarlo. Nella prima metà (o un po 'più) della mia vita, sono stato consumato dal "prodotto", vale a dire, mi sentivo come se stessi andando da qualche parte e alla fine avrei "arrivato" a questo "luogo" mal definito quando l'ho fatto, sarei stato in grado di respirare profondamente, rilassarmi e sentirmi completo perché ce l'ero fatta. Il processo sembrava molto meno importante del prodotto, il viaggio era molto meno importante della destinazione, anche se non sapevo dove fosse esattamente la destinazione.

Questo finiva spesso con frustrazione e delusione.

Nella seconda metà della mia vita, sto lentamente comprendendo che la destinazione (o il prodotto) non è sempre quella che è stata inventata e che il processo ha dei vantaggi che il prodotto non può eguagliare. Più spesso che no, c'è più significato nel modo in cui percorro il cammino, di quanto lontano vada, o dove finisco.

Office/Seaburn
Fonte: Office / Seaburn

Quando inizio un romanzo, so che sarò "on the road", per così dire, per almeno due anni; anche se il viaggio è spesso difficile, non vedo l'ora, perché c'è così tanto da scoprire, imparare e apprezzare lungo la strada. Sono arricchito dal processo di creazione di un prodotto più di quanto lo sia io con il prodotto stesso, se ciò ha senso. Ora, non fraintendermi. Adoro produrre qualcosa, un "esso", una "cosa" che gli altri possano leggere e (si spera) apprezzino. Se non lo facessi, non pubblicherei nulla. Ma è il processo che sfida e cambia me. È il processo che offre le ricompense più profonde, il significato più grande.

Sto provando (senza successo, temo) ad avvicinarmi a tutta la mia vita in questo modo. Sto cercando di focalizzare la mia attenzione sul processo di svolgimento di ogni giorno, o ogni momento, in realtà, in modo che io possa sperimentare la bellezza, la ricchezza che percolota lì. Come scolpire o scrivere, vivere è un processo scintillante; uno che ha in sé tutto ciò che si potrebbe sperare di trovare in ogni "prodotto" finale. Il trucco è riconoscerlo, vedere la vita per la festa mobile che è.

David B. Seaburn è uno scrittore. Il suo ultimo romanzo è Parrot Talk ( https : //www.amazon.com/Parrot-Talk-David-Seaburn-PH-D/dp/1612968554/ref=… ). È anche un terapeuta in pensione e famiglia, psicologo e ministro.

Solutions Collecting From Web of "Viaggio o destinazione: qual è il tuo piacere?"