Veterani e la triade del dolore cronico

Un articolo all'inizio di quest'anno nel British Journal of Pain ci ricorda il peso di ciò che alcuni potrebbero considerare banali: c'è un alto tasso di dolore muscolo-scheletrico nei veterani. Un sondaggio condotto tra i veterani americani della Guerra del Golfo ha rilevato che il mal di schiena era il più comune problema di assistenza sanitaria "grave", con un impatto del 17%, seguito da dolore alle articolazioni nel 15%. I nostri commilitoni inglesi nel conflitto del Golfo hanno riscontrato dolore alla schiena nel 36% degli intervistati. Tuttavia, questi alti tassi di dolori alla schiena e alle articolazioni non sono dovuti esclusivamente allo schieramento della Guerra del Golfo, poiché si riflettono in coorti di veterani non del Golfo. Ad esempio, tra i veterani del conflitto bosniaco, il 24% lamentava un significativo mal di schiena. In realtà, il mal di schiena è comune nei veterani che sono stati schierati operativamente e in quelli che non ne hanno, e quindi è probabile che rappresenti un bisogno sanitario chiave dei veterani. Tuttavia, poiché vi sono alti tassi di mal di schiena nella popolazione generale, è impossibile sapere se queste alte prevalenze siano particolarmente legate al servizio militare.

Le statistiche sulle dimissioni mediche spesso raccontano la storia più eloquente, e sembra che i problemi muscoloscheletrici siano la ragione più comune per una dimissione medica, con le donne che hanno maggiori probabilità di essere scaricate con tali lesioni muscoloscheletriche rispetto agli uomini. In Gran Bretagna, in particolare, i servizi di riabilitazione muscolo-scheletrica sono di alta qualità, e quindi per un soldato che ha raggiunto il punto in cui si riteneva necessaria una dimissione medica, i problemi muscoloscheletrici dovevano essere:

• Da lungo tempo.

• Interferenze funzionali.

• Trattamento refrattario al trattamento standard, e poi alcuni.

E queste sono le caratteristiche che portano al dolore cronico in molti pazienti con dolore cronico.

Sfortunatamente, i veterani in cerca di trattamento hanno probabilità di avere alti tassi di problemi emotivi comorbili, simili alle popolazioni civili, ma con il potenziale di tassi particolarmente elevati di problemi di PTSD e alcol. Incoraggiante, la maggior parte dei servizi di dolore, e in particolare i programmi di gestione del dolore multidisciplinare, hanno competenze altamente applicabili per questa popolazione di veterani. Gli sviluppi nelle forze armate statunitensi hanno comportato l'adattamento di programmi di dolore cronico interdisciplinare per ambienti militari. Ci sarà anche una minoranza di pazienti che hanno avuto gravi lesioni e hanno più problemi cronici.

Anche laddove non sia presente PTSD diagnosticabile, il disagio traumatico sub-clinico può essere significativo e gli individui possono trarre grandi benefici dalla rivelazione di un trauma a un professionista. Uno studio condotto su 23 veterani statunitensi visto dallo staff dell'amministrazione dei veterani ha suggerito di apprezzare le domande dirette e informali sul trauma usando domande aperte. La rivelazione è stata più facile quando il clinico non ha affrettato il paziente, ha assicurato la privacy e ha fatto un tentativo di alleviare il senso di vergogna del paziente. I medici del dolore civile possono essere addestrati a riconoscere i sintomi di PTSD, normalizzare il disagio e ridurre la vergogna, e nelle capacità di intervistare di supporto che aiutano l'apertura. Questo di solito richiede l'accesso alla supervisione psicologica, al fine di mantenere le abilità, discutere problemi di salute mentale e prevenire il "burnout" in cui le rivelazioni traumatiche sono frequenti o angoscianti. La formazione "culturale" per il personale civile, per consentire un'interazione più naturale e spontanea con un veterano, potrebbe includere (1) la conoscenza della gamma di rami e ruoli nel campo militare (compresa la predominanza di ruoli non di combattimento), (2 ) un'idea delle strutture di rango, (3) conoscenza delle strutture e degli approcci di riabilitazione militare, (4) familiarità del processo di discarico e del suo impatto, (5) un apprezzamento per l'impatto delle questioni familiari nelle culture militari e (6) dei servizi intorno all'esercizio fisico.

Molti veterani sono disposti a frequentare i servizi sanitari per il trattamento del loro dolore muscoloscheletrico cronico. Una minoranza importante avrà anche bisogno di un trattamento del dolore vivendo con le conseguenze a lungo termine di gravi lesioni. I veterani hanno la capacità di fare bene nelle cliniche del dolore multidisciplinare. Tuttavia, la formazione del personale in merito ai problemi dei veterani è essenziale, e per evitare il fallimento del trattamento è necessaria una fornitura e un sostegno adeguati per il trattamento dei disturbi del DPTS comorbido e dell'alcol.

Abbiamo ricordi in un giorno come Veterans Day. Per lo meno, i veterani dovrebbero avere speranza.

Solutions Collecting From Web of "Veterani e la triade del dolore cronico"