Verità difficili da conoscere sulla dipendenza, la depressione

È stato l'uomo che ci ha fatto ridere: un genio comico, un premio Oscar, un padre di tre, un successo finanziario e critico, un'amata icona culturale.

Come conciliare questa immagine di Robin Williams con la realtà straziante del suo suicidio?

Non possiamo fingere di capire cosa succede nella mente di un altro, ma sappiamo che Williams ha lottato con la dipendenza e la depressione per tutta la sua vita. La sua iniziale apertura a questi problemi, infatti, ha aiutato gli altri a superare lo stigma di riconoscerli.

Poiché il mio lavoro consiste nell'aiutare chi ha dipendenza e depressione, mi viene spesso chiesto spiegazioni sulla scia di tragedie come queste. Non ci sono risposte facili, ma ci sono cose che aiuta a comprendere la natura della dipendenza e della depressione, specialmente per coloro che combattono le stesse battaglie.

Il trattamento aiuta.

È allettante in situazioni come queste di cancellare i tentativi di trattamento. Perché preoccuparsi, alcuni chiedono, quando questo è il risultato?

Ma è importante ricordare che sebbene i trattamenti di salute mentale e di abuso di sostanze non possano sempre portare a una remissione continua, possono migliorare drasticamente la qualità della vita e condurre a tratti di vita altamente produttiva. Nel caso di Williams, il suo uso precoce di alcool e droghe è stato seguito da 20 anni di sobrietà prima di un ritorno al bere nel 2003. A questo ha fatto seguito un trattamento e un ritorno alla sobrietà nel 2006. Poco prima della sua morte, soffrendo di grave depressione, si è ricontrollato al trattamento per la "messa a punto", non perché fosse di nuovo ricaduto, ha detto, ma perché sentiva di aver bisogno del sostegno. Che alla fine ha ceduto alla sua depressione dice più sul potere della malattia che su eventuali carenze di trattamento.

La realtà è che non esiste una cura semplice per la depressione o per la dipendenza. Il meglio che abbiamo è un trattamento che può salvare la vita per molti – ma purtroppo, non per tutti.

La dipendenza e la depressione sono una combinazione pericolosa.

La dipendenza e la depressione sono abbastanza difficili da affrontare da soli. Insieme i loro effetti negativi si moltiplicano. Ad esempio, quelli con depressione hanno circa il 10% di rischio di suicidio nel corso della vita; quelli con un disturbo da uso di sostanze hanno circa lo stesso. Quando combinato, il rischio di suicidio sale a circa 1 su 4.

La depressione agisce anche come trigger di ricaduta. In effetti, gli studi hanno scoperto che è il singolo più grande predittore di recidiva di alcol. Anche i farmaci e l'alcol sembrano interferire con l'efficacia del trattamento della depressione.

In breve, la dipendenza e la depressione sono una combinazione comune e pericolosa. Ma la buona notizia è che il trattamento che funziona su entrambi i problemi può portare a buoni risultati. Il trattamento che si concentra su uno senza occuparsi anche dell'altro, tuttavia, è una garanzia virtuale di ricaduta.

Il trattamento dura raramente abbastanza a lungo.

Uno dei più grandi fallimenti del trattamento moderno per la depressione e la dipendenza è che le persone non sono educati sulla necessità di un trattamento in corso. Invece, c'è una mitologia che prenderemo qualche settimana di pillole antidepressive o andremo in riabilitazione per 30 giorni e torneremo a casa guariti. Non funziona in questo modo.

La realtà è che dopo un periodo iniziale di trattamento, solo 1 su 3 persone con depressione è in remissione, 1 persona su 3 è migliorata ma non in remissione e 1 su 3 non è migliore di quando ha iniziato. Il più grande successo è visto quando la terapia e i farmaci sono combinati nel trattamento a lungo termine. Per quelli con depressione ricorrente che non ricevono cure in corso, la probabilità di recidiva entro due anni è vicina al 100 per cento.

Con i disturbi da uso di sostanze, il trattamento dovrebbe essere erogato e il successo misurato a lungo termine. Un gruppo consistente manterrà un'astinenza continua, ma un gruppo più ampio sarà in grado solo di cambiare i loro comportamenti in modo da ridurre in modo significativo l'impatto di droghe e alcol sulle loro vite. Ciò può significare che la sobrietà arriva a scatti, ma ogni periodo dovrebbe essere considerato una vittoria. Potrebbe non essere il miglior risultato, ma significa una vita cambiata in meglio.

Il trattamento a lungo termine ha anche un enorme potere protettivo per coloro il cui disturbo da uso di sostanze si accompagna a pensieri suicidi cronici; è stato indicato per essere il singolo modo più efficace per ridurre tale rischio.

Le opzioni di trattamento sono in espansione.

Non esiste una formula magica per trattare la depressione o la dipendenza, ma i trattamenti stanno crescendo e migliorando con la nostra comprensione delle malattie e sono di gran lunga superiori alle opzioni disponibili solo 20 anni fa.

Oltre a più e migliori antidepressivi, ora abbiamo nuove tecniche come la stimolazione magnetica transcranica (TMS), un tipo di stimolazione cerebrale non invasiva che spesso riesce quando falliscono i tradizionali trattamenti della depressione. E i farmaci sono in cantiere che dovrebbero attingere a nuovi percorsi neurali per alleviare la depressione. C'è persino la speranza che alla fine saremo in grado di sfruttare il potere della genetica per disattivare le voglie di dipendenza.

La depressione non è una debolezza.

Sono sempre sorpreso dalle incomprensioni della natura della depressione che sembrano emergere in tragedie come queste. Così recita ripetutamente: la depressione è una malattia del cervello che è molto probabilmente causata da una combinazione di fattori genetici, biologici, ambientali e psicologici. Non è qualcosa di cui non fai altro che sparire dal cancro. Non è un rifiuto di essere grati per tutte le benedizioni della vita. Non è un difetto di carattere. E non è qualcosa che ricchezza, fama, acclamazione internazionale o persino rispetto e amore possano proteggerti.

Con ogni attacco di depressione, il sofferente può sentire un tipo di smarrimento emotivo o, peggio, trovare la sua mente affollata di tutti i vecchi sentimenti negativi – disperazione, ansia, preoccupazione, paura, paura, disgusto di sé – che spesso porta al sonno e all'appetito problemi e spronando una svolta all'alcool o ad altre droghe per il sollievo.

Nel caso di Robin Williams, ci viene di nuovo ricordato la forza di questo nemico. Il trattamento, la terapia e i farmaci per la depressione possono aiutare la maggior parte e risparmiare molti. Ma a volte, nonostante i grandi sforzi, non c'è fine a Hollywood.

David Sack, MD, è uno specialista di psichiatria e dipendenza da pensione tripla che funge da CEO di Elements Behavioral Health, una rete di dipendenze e centri di salute mentale che include il programma di salute mentale di Malibu Vista, Promises Treatment Centers nel sud della California, The Recovery Luogo e Lucida Treatment Center in Florida.

Solutions Collecting From Web of "Verità difficili da conoscere sulla dipendenza, la depressione"