"Vergogna" e dipendenza dal sesso

Michael Fassbender in "Shame" (Fox Searchlight)
Fonte: Michael Fassbender in "Shame" (Fox Searchlight)

I film sulla dipendenza sono un caposaldo del cinema americano – pensano Drugstore Cowboy, Reefer Madness, Blow e Leaving Las Vegas – e spesso seguono una trama prevedibile sulla disperazione, il degrado e la tentazione di redenzione.

Ma un film sulla dipendenza dal sesso che prende sul serio la questione, come afferma il fatto che Shame, recentemente rilasciato, si trova ad affrontare una sfida unica. Come osserva AO Scott nella sua recensione del film del New York Times , "Guardare qualcun altro prendere un drink o sniffare una linea non causerà intossicazione nello spettatore, ma osservare le altre persone che si spogliano e si contorcono insieme è una svolta abbastanza sicura- su per essere la base di un'industria lucrativa. Come può il piacere visivo comunicare la miseria esistenziale? "

Come, infatti, quando il film abbonda di nudità totale e sesso grafico tra attori immancabilmente attraenti, anche se ricopre il messaggio generale definendolo "Vergogna"? Si comincia a sospettare un'astuzia che attinga piuttosto alla titillazione e al moralismo, ma che puzza alla fine della malafede.

Considera il mistero che circonda il titolo del film, Shame. Come Scott chiede in modo percettibile nella sua recensione, "Is 'Shame' il nome di qualcosa che Brandon [il protagonista] prova o di qualcosa che i realizzatori pensano di dover provare?" Non c'è una risposta chiara o definitiva a questo. Una scena molto breve ha Brandon che raccoglie e cestineggia il suo porno in un frenetico tentativo di ripulire il suo appartamento; un altro ha accidentalmente la sorella che cammina su di lui mentre si masturba nella propria doccia. Imbarazzante, certo. Ma nessuno degli incidenti giustifica il titolo. Né, va detto, il sesso su cui Brandon fantastica e altrettanto spesso incontra i fantastici newyorkesi caduti in disgrazia.

Ciò che il film cattura, nonostante il suo sfortunato titolo, è l'intenso isolamento emotivo di Brandon, senza dubbio un aspetto del suo comportamento ossessivo. In un momento chiave, rifiuta la sua sorella disperata e bisognosa, la controparte di colui che si mostra inaspettato, sconvolgendo la sua routine ben organizzata. Mette inoltre a repentaglio la sua determinazione piuttosto rigida a tenere separati sesso e amore. Ma il rifiuto esplicito di Brandon del matrimonio e della monogamia non è né così raro né così irrazionale da meritare l'oblio, né tanto meno un titolo come Shame.

Mentre è chiaro che Brandon è risoluto, anche ossessivo, nella sua ricerca del sesso, una caratteristica che condivide con molti uomini e donne, questo lo rende un sex-dipendente nel senso stretto del termine? In effetti, l'ossessione per il sesso appartiene davvero al nostro discorso sempre più medico (e medicalizzato) sulla dipendenza? Quando il comportamento ossessivo provoca sofferenza, isolamento e menomazione, non dovrebbe rimanere nell'ambito della psicologia e della psicoterapia? Entrambi affrontano e trattano il comportamento ossessivo di tutte le strisce senza presumere che la persona in questione abbia un disturbo mentale.

Sembra necessario porsi queste domande, soprattutto ora, perché l'American Psychiatric Association ha recentemente stilato una lista di criteri per "una nuova categoria diagnostica del disturbo sessuale", "Disturbo Ipersessuale", che il suo sito web indica è probabile che venga aggiunta all'appendice a DSM-5, la prossima quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. Il primo criterio per il disturbo proposto è "Il tempo eccessivo viene consumato da fantasie e stimoli sessuali e pianificando e impegnandosi in comportamenti sessuali". Incidentalmente, questo contrappone, come patologia inversa, il già esistente "Disturbo del desiderio sessuale ipoattivo negli uomini" "Definito dal DSM-IV come" persistente o ricorrente (o assente) fantasie sessuali e desiderio di attività sessuale ".

Per l'APA, a quanto pare, gli uomini sono patologici se provano troppo o troppo poco desiderio sessuale; la norma del desiderio diventa irta dal giudizio di patologia alle due estremità. Ma ciò che conta per l'APA come "eccessivo tempo" a rimuginare sulle fantasie non è da escludere. La frase è disturbata a tempo indeterminato. In effetti, nella sua estrema apertura comprende un numero considerevole di persone, molte delle quali potrebbero essere spaventate, anche offese, per trovare il loro "eccessivo" interesse per il sesso considerato una patologia, e ancor meno un segno di malattia mentale.

Per quanto riguarda Shame (il film) e il modo in cui viene ricevuto dalla nostra cultura, il mio giornale locale gratuito, il Chicago RedEye, ha detto tutto riprendendo involontariamente la linea del "fai-da-entrambi-modi" sulla dipendenza dal sesso: "Full Frontal Fassbender: pronto a parlare di dipendenza dal sesso? La star di 'Shame' lascia passare tutto con RedEye . "

L'intervista in questione, "The Naked Truth", è più addomesticata di quanto si possa pensare, ma presenta Fassbender e Shame, il regista Steve McQueen che parla seriamente della dipendenza dal sesso. Paragonano l'ostracismo che oggigiorno affligge i tossicodipendenti a quello sopportato dalle persone che affrontano l'HIV e l'AIDS negli anni '80, una stirata, se mai ce ne fosse una. Ma la loro serietà sembra anche artificiale e esagerata. Lo sconcertato intervistatore, individuandoli nella camera d'albergo assegnata, riferisce che è effettivamente entrato per trovarli a ballare.

Forse stavano festeggiando con coraggio nella cultura americana, con la sua particolare miscela di voyeurismo e moralismo (soprattutto sul sesso), ma è difficile scuotere l'impressione che abbiano optato piuttosto cinicamente per lardellare il film con un sesso molto più la storia "richiede", solo per rievocare la disavventura patologica nel suo protagonista. Come Scott nota nel New York Times, "Il film … presenta Brandon per la nostra titillazione, la nostra disapprovazione e forse la nostra invidia, ma gli nega l'accesso alla nostra simpatia. Lo so, questo è il punto, che il signor McQueen vuole mostrare come l'intensità del bisogno di Brandon lo allontani dalla vera intimità, ma questa sembra essere una conclusione scontata, il risultato di un elegante esperimento che è stato truccato fin dall'inizio. "

La mossa dell'APA per creare e approvare il "Disturbo Ipersessuale", tuttavia, non è affatto un tentativo di immaginazione "un esperimento elegante". E anche se la sua patologizzazione del sesso "eccessivo" viene presentata come una conclusione più o meno scontata, quanti americani sono veramente riconciliati nel vedere "il tempo eccessivo … consumato da fantasie sessuali e impulsi" diventa il sintomo definitivo di un nuovo disturbo mentale? Soprattutto, dovrebbe importare che una maggioranza di uomini e donne in questo paese, come in tutto il mondo, si riconoscano in quella descrizione?

christopherlane.org Seguimi su Twitter: @christophlane

Solutions Collecting From Web of ""Vergogna" e dipendenza dal sesso"