È veramente urgente?

È veramente urgente?

La pratica:
Abbassa la pressione.

Perché?

Le cose ci arrivano con così tanta urgenza e richiesta in questi giorni. I telefoni squillano, i messaggi suonano, le email si accumulano, le nuove palle devono essere giocolate, i giorni di lavoro si allungano e si spostano nelle sere e nei fine settimana, il traffico diventa più denso, le richieste finanziarie si sentono come un coltello al collo, annunci e notizie chiedono attenzione, spingono spingi spingi.

Oltre a queste pressioni esterne, ci occupiamo anche di quelle interne. Questi includono tutti i "doveri" interiori, "must" e "have-tos", come: "Devo fare questo oggi o il mio capo si arrabbierà". O: "Non devo sembrare cattivo". O: "Non posso uscire di casa con i piatti nel lavandino." Una sub-personalita 'invadente ci spinge a essere migliori, fare meglio e avere di più. L'autocritica dura, spesso ingiusta, spinge la frusta per farci andare avanti ed evitare la sua sferza. Inoltre, formiamo idee rigide – spesso inconsce – di ciò che dobbiamo avere per avere successo, avere un bell'aspetto, possedere l'auto giusta, ecc. Sviluppiamo simili tipi di insistenza su come deve essere per gli altri o per il mondo (ad es. , come devono comportarsi i bambini a scuola, come deve essere gestito il paese).

Che la pressione provenga da fuori o dentro di noi, attiva antichi circuiti motivazionali che utilizzano il neurotrasmettitore, la dopamina. In breve, la dopamina tiene traccia dei risultati attesi (ad esempio, la posta elettronica è finita, gli obiettivi di vendita raggiunti). Se il risultato si verifica effettivamente, la dopamina aumenta, il che ci aiuta a sentirci sollevati mentre altri sistemi di neurotrasmettitori come gli oppioidi naturali ci danno un senso di piacere. Ma ecco il trucco: sulla strada per il risultato desiderato, i livelli di dopamina ne affondano, il che porta uno spiacevole senso di stress, disagio, spinte e pressione. . . e se incontriamo ritardi o blocchi stradali o fallimenti flat-out, allora la dopamina precipita, che sembra delusione, frustrazione, persino disperazione. Per evitare il dolore della caduta di dopamina, guidiamo con forza verso i nostri obiettivi, presi dal desiderio e dal desiderio.

Questo sistema di dopamina – e le relative emozioni e pensieri correlati, ma più evolutivamente recenti e sofisticati – era molto efficace nel mantenere in vita i nostri antenati. E funziona bene oggi per tenerci motivati ​​durante le emergenze o le necessarie maratone di impegno, dalla settimana finale al college a lunghe tirature di difesa a favore di una persona cara.

Ma anche nel migliore dei casi, vi è un danno collaterale intrinseco nell'essere motivati ​​da necessità, urgenza e pressione. Si restringe concentrarsi su un obiettivo particolare nel mirino della visione a tunnel. È teso, contratto e scomodo e di solito innesca il sistema di risposta allo stress, la cui attivazione cronica ha molte conseguenze negative per la salute e il benessere a lungo termine. Molti obiettivi non sono raggiungibili – quindi ci sentiamo male se siamo determinati a raggiungerli – e anche se otteniamo il risultato desiderato, le sue gratificazioni sono spesso inferiori a quelle promesse, e in ogni caso svaniscono alla fine dalla consapevolezza come la sabbia che scivola attraverso le dita della coscienza.

E nel peggiore dei casi, le pressioni interne ed esterne ci spingono a perseguire obiettivi e desideri che fanno male a noi e agli altri. Eccoci qua: cercare di vivere secondo standard non realistici, confrontarci con gli altri, sentirsi come se stessimo cadendo, mettere l'equilibrio tra lavoro e vita in tilt, cercare l'amore in tutti i posti sbagliati, essere duro con se stessi o con gli altri, spingendo al limite della capacità, e prima o poi correndo sul vuoto.

Accidenti. Già abbastanza. È ora di alleviare la pressione!

Come?

(Ci sono molti modi sotto per togliere la pressione. Trova solo uno o due che ti piace – non c'è alcuna pressione nel far cadere la pressione!)

Ricorda a te stesso che puoi agire in modo competente, onorevole e di successo anche quando non c'è alcun senso di pressione. Puoi concederti alle aspirazioni sane, lasciandoti trasportare con risolutezza e passione, rimanendo fedele alla tua Stella Polare senza sforzarti e stressarti lungo il cammino. Puoi essere prudente, amare gli altri, innalzarti nel tuo lavoro scelto e nutrire il nostro pianeta senza sentire come se ci fosse un bastone alle tue spalle.

Quando le cose ti arrivano – telefonate, desideri dagli altri, un ritmo febbrile – prova a percepire un buffer tra te e loro, una specie di ammortizzatore, come se li vedessi dalla parte sbagliata di un telescopio. Rallenta le cose a un ritmo, un respiro, un giorno. Offriti il ​​dono del tempo: è il momento di capire se questa è davvero una priorità e quando è davvero necessario.

Ascolta il tuo corpo. Stai ricevendo di nuovo quella sensazione schiacciata / schiacciata? Ascolta il tuo cuore, come se fosse un essere saggio saggio che ti ama: cosa sta dicendo?

Sii consapevole dei "doveri" e dei "must" che borbottano – o gridano – nella tua mente. Sono veramente veri? E sono davvero voi piuttosto che un genitore interiorizzato o altra figura autoritaria. Che cosa succederebbe se si richiamasse un bit, si rallentasse di un passo o si facesse una cosa in meno ogni giorno? Lascia che affondi che non ci sarebbe nessun disastro. In effetti, probabilmente nessuno ma te ne accorgeresti mai!

Sii più facile con te stesso. Abbassa i tuoi standard come un frigorifero – a meno che tu non stia facendo un intervento chirurgico al cervello o qualcosa di simile, puoi probabilmente permetterti di schiarirti un po '.

Siate realistici su quanto durano davvero le cose, e quanto spesso ci sia una scivolata tra la coppa e il labbro nelle faccende di topi e uomini. Cerca di non prendere impegni che saranno difficili da soddisfare; non scrivere assegni con la bocca che il tuo corpo non possa incassare.

Ricorda che sei una persona fondamentalmente buona. Anche se diminuisci la pressione e alcune cose vengono fatte più lentamente o per niente, sei comunque una brava persona.

Continuate a tornare in questo momento – in cui le cose probabilmente sono in genere fondamentalmente a posto. Non perfetto, ma considera l'insegnamento del Terzo Patriarca Zen che l'illuminazione significa (tra le altre cose) nessuna preoccupazione per l'imperfezione. In questo momento, sei abbastanza sicuro, nutrito abbastanza e amato abbastanza.

Puoi abbassare la pressione.

Rick Hanson, Ph.D. , è uno psicologo, Senior Fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley, e autore del best-seller del New York Times . I suoi libri sono disponibili in 26 lingue e includono Hardwiring Happiness , Buddha's Brain , Just One Thing e Mother Nurture . Edita il Wise Brain Bulletin e ha numerosi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience e Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore alla NASA, Oxford, Stanford, Harvard e altre importanti università e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR, e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 120.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva che chiunque abbia esigenze finanziarie può fare gratuitamente.

Solutions Collecting From Web of "È veramente urgente?"