Vegetariano e carnivoro: un caso di convivenza

Avvertenza: questo post contiene una descrizione di una morte animale.

Sto anticipando il mio blog promesso su danza e neuroscienza per scrivere quello che è successo venerdì. Mio figlio Jordan, di diciassette anni, ha terminato la vita del nostro vitello di tre mesi, Snapdragon, con un coltello che aveva forgiato nella sua bottega di fabbro. Dodici ore dopo l'inizio della Giordania, i mangiatori di carne della nostra famiglia avevano carne di vitello grigliata nei loro piatti.

Sono vegetariano. Così sono le mie figlie. Sono vegetariano da quando avevo diciassette anni. Un rapporto di ricerca del liceo che ho scritto su quello che succede alla carne prima che arrivi alla bocca (che coinvolge molta sofferenza animale e esaurimento delle risorse), e quello che succede dopo aver inghiottito (coinvolgendo una digestione inadeguata di grassi saturi) mi ha convinto. Non volevo nessuna parte di nessuno dei due processi. Inoltre, non mi piaceva la carne. Da bambino, mangiavo hamburger per il formaggio, pomodoro e cipolla, agnello per la gelatina alla menta e pollo per il divertimento di mangiare con le dita. Per lo più, mangiavo carne perché dovevo. Quando è stato il mio turno di scegliere, ho tagliato la carne.

Venerdì, Jordan ha tagliato la carne in modo diverso. Cosa dovrei pensare?

Viviamo con diverse mucche Jersey. Li mungiamo a mano e ogni anno, quando le nostre mucche partoriscono, incrociamo le dita per una giovenca (femmina), sapendo che se un toro è nato non saremo in grado di mantenerlo. Dolce per alcuni mesi, un vitello diventerà covone e imprevedibile e, naturalmente, incapace di accoppiarsi con le nostre mucche: sua madre, la nonna, le sorelle o le zie. Di solito vendiamo i vitellini e chiudiamo occhi e orecchie e cuori per ciò che accadrà dopo.

Quando Dandelion ha dato alla luce questo marzo a Snapdragon, Jordan ha deciso di aprire gli occhi. Si sentiva disonesto mangiare carne senza sapere, per se stesso, come era arrivato al suo piatto. Si è impegnato ad imparare. Ha letto un libro sul macello. Ha istituito un sistema di carrucole. Affilò il suo coltello. Lui ha aspettato. Quando arrivò il giorno, gli feci un grembiule da una tovaglia di plastica che avevo acquistato anni prima in preparazione del parto in casa di Kai. Non ne avevamo avuto bisogno allora.

Il processo è durato tutto il giorno. Poco dopo le 8 di mattina, Jordan inchiodò Snapdragon a terra, concentrandosi come meglio poteva sulla gratitudine, e usò il suo coltello. Ha appeso la carcassa e ha passato tutta la mattinata a rimuovere con attenzione gli organi interni e poi la pelle. Poi passò tutto il pomeriggio lentamente affettando la carne dalle ossa e avvolgendola in carta da freezer per conservarla nel nostro congelatore. Nel bel mezzo della giornata, sua sorella Jessica uscì per aiutarlo a concludere. Nel pomeriggio, Geoff intervenne per continuare a incartare. Quando Jordan ebbe finito di tagliare, scavò un grosso buco nel terreno per gli organi interni e iniziò il processo di concia per la pelle. Geoff ha iniziato la griglia. Dalle 20.00 eravamo seduti per mangiare.

Sto ancora cercando di digerire l'esperienza. (Sei ancora vegetariano?)

Dovevamo uccidere il vitello ingrassato? Non c'era altra opzione disponibile? Gli umani hanno davvero bisogno di mangiare carne? Non potremmo essere tutti vegetariani, impegnati in una dieta a base di cereali, legumi, frutta secca, frutta e verdura, e quali sono i regali che i nostri amici animali ci mettono a disposizione mentre continuano a vivere?

Mentre sono sempre più impegnato nelle mie scelte vegetariane e nel promuovere la vita sana degli animali ovunque, l'azione di Jordan sta spostando il mio senso dell'intero quadro.

In primo luogo, sono sempre più convinto che non vi sia alcun fondamento filosofico per essere vegetariano nel principio "non uccidere". Non posso dire "non uccidere", perché lo faccio, noi umani lo facciamo, ogni giorno, semplicemente perché siamo vivi, se mangiamo carne o no. Uccidiamo insetti, erbacce e microrganismi; e anche se non pensiamo di uccidere, ci affidiamo ai prodotti e ai processi di altri che lo fanno. Gli esseri umani uccidono le piante e gli esseri umani uccidono gli animali semplicemente esistendo, respirando, camminando, lavando e dimorando.

Inoltre, a livello pratico, non sono più convinto che sia possibile consumare una dieta vegetariana o vegana che non dipenda dalla morte di animali, grandi e piccoli. Le piante e gli animali sono interdipendenti, bloccati in un ciclo di mutui che consentono la vita e la morte. Le piante mangiano animali. Gli animali mangiano le piante Le piante non cresceranno senza suolo. Il suolo non si nutrirà senza un complemento di corpi viventi, morenti e morti, da macro a micro, o senza lo spreco prodotto da queste creature. Allo stesso modo, quegli animali i cui corpi fertilizzano il terreno non esisterebbero senza le piante su cui si nutrono.

Se vogliamo mangiare le piante senza richiedere la morte degli animali, come possiamo immaginare che quelle piante cresceranno? Con prodotti petrolchimici per fertilizzanti (una volta corpi animali)? O composti sintetici, sostenuti dall'uso di combustibili fossili (ancora animali morti)? O concimi organici e composti e rifiuti (dagli animali)?

Mentre rifletto su questa esperienza con Snapdragon, sto diventando sempre più consapevole di una banda di naturicoltura (un termine usato da Donna Haraway) che esiste tra natura selvaggia e civiltà, una banda in cui animali, umani (che sono anche animali), e le piante si sono co-evolute in una rete interdipendente di vita e di morte.

La relazione si muove in tutte le direzioni. Nel caso del bestiame, gli esseri umani si sono evoluti in creature che potevano digerire il latte dalle mucche, dal momento che il bestiame si è evoluto in creature che dipendevano dagli esseri umani per nutrirle, prendersi cura di loro e proteggerle dai danni. Gli esseri umani hanno allevato le maglie per migliaia di anni per creare una razza in grado di trasformare l'erba (una pianta che non possiamo digerire) nel latte più dolce e cremoso. Non ci sono bovini Jersey in natura. Se gli umani non volessero mungerli e / o mangiarli, la razza non sopravviverebbe. Dovrebbe?

Né questa logica è unica per il bestiame. Molte razze animali a noi familiari si sono evolute per essere usate dagli umani come condizione abilitante della loro sopravvivenza come polli, pecore, capre e maiali. Si affidano a noi per volerli mangiare o mangiare da loro, in modo che lavoreremo duramente per mantenerli in vita. E, nel migliore dei casi, lo facciamo. Dovremmo. È questa interdipendenza che fa sembrare questi animali "come noi". Lo sono. È ciò che ci rende simili a loro. Noi facciamo.

Lo stesso è vero per le piante. Le verdure che la nostra famiglia ha seminato questa primavera non sarebbero sopravvissute se non avessimo nutrito in modo aggressivo la loro crescita rispetto a quella di altre piante che preferiremmo non mangiare. Queste piante si sono evolute per dipendere da noi per la loro protezione e posterità. E ci piace come hanno un sapore.

Ma non potremmo semplicemente eliminare questa banda di interazione interdipendente, lasciare gli animali e le piante in campagna e limitarci alla città? Non potremmo semplicemente smettere di dipendere dagli animali o farli dipendere da noi? Cosa dovremmo mangiare? Pillole? Fatto da cosa? Qualunque cosa facciamo, gli animali e le piante continuerebbero a mangiarsi l'un l'altro.

Oppure, potremmo cacciare e raccogliere la nostra strada verso la salute? Se ci provassimo, il pianeta avrebbe dovuto affrontare l'imminente estinzione di massa di innumerevoli specie vegetali e animali. Pratiche sostenibili di agricoltura che proteggono la fertilità in atto nel suolo sono i più grandi atti di protezione ambientale che possiamo montare. Mantenere questa porzione di interattività, le sue razze e i suoi semi, diversi, vitali, fertili e sani, è essenziale per la conservazione di qualsiasi residuo di natura selvaggia accessibile alla forma e alla scala dei sensi umani.

Ma non c'è un modo in cui possiamo aggirare uccidendo i vitelli o fare in modo che qualcun altro lo faccia? Che dire dei progressi genetici, come lo sperma selezionato per il sesso? Non possiamo semplicemente usare lo sperma per le nostre mucche da latte che garantisce che non ci saranno più tori nati? I produttori di latte intorno a noi stanno iniziando a farlo. Mentre lo sperma selezionato per sesso è un po 'più costoso, per la maggior parte dei produttori di latte, allevare vitelli per vitello non è né proficuo né pratico. Tuttavia, non posso fare a meno di pensare che questo tentativo di evitare di dare alla luce i maschi ridurrà il patrimonio genetico, producendo una specie che nel complesso è meno resistente a una serie di sfide.

Alla fine, non avremmo potuto guidare Snapdragon e tenerlo come un animale domestico? Rimuovere il suo impulso genetico lo renderebbe abbastanza carino da non danneggiare i miei figli? Mi chiedo. Che tipo di vita gli daremo allora? Lo priveremmo di uno scopo, lo scopo per il quale lui e i suoi antenati si sono evoluti. Forse la nostra visione della "felicità" non è sua. Forse, nel mangiarlo, lo onoriamo per quello che si è evoluto per essere in relazione con noi.

Mentre medito su questi pensieri, mi viene un'idea. Forse, proprio come gli animali e le piante hanno bisogno l'uno dell'altro, lo sono anche i vegetariani e i carnivori. Festeggiando su diversi archi del ciclo alimentare, ognuno di noi assicura la salute in corso di quella banda che protegge la fecondità creativa della terra. Se è così, dobbiamo chiamarci l'un l'altro per rendere conto della terra che le nostre pratiche alimentari stanno creando insieme. È nostra responsabilità

Mentre sono vegetariano, mi rendo conto che non tutte le persone lo saranno. Come vegetariano, sono pronto a proteggere il benessere e il benessere degli animali in modo che possano mangiare le piante, concimare le piante e, a loro volta, essere mangiati dalle piante o, in alcuni casi, se e quando serve la vita in corso di la razza, dagli umani nei modi più umani. È una mia responsabilità

Snapdragon non ha sofferto. Non era confinato in una gabbia. Gli piaceva una penna con spazio per scherzare; il latte di una mucca gli viene nutrito tre volte al giorno; e amici sia della razza umana che del bestiame. Era amato. C'è stato un momento in cui si è sentito tradito? O sorpreso? Sapeva cosa stava succedendo? Non lo so. È successo molto velocemente

Chiedo alle mie figlie vegetariane cosa pensano. Jessica risponde subito. "Se avessimo venduto Snapdragon a chiunque altro", sottolinea, "sarebbe stato mangiato. In questo modo, non ha mai dovuto lasciare la fattoria. "Ha concluso," Mi fido che la Giordania usi e apprezzi ogni cosa. "

Anche io.

Nel frattempo, spero che quando la nostra mucca Daisy partorirà in ottobre, è una giovenca.

Solutions Collecting From Web of "Vegetariano e carnivoro: un caso di convivenza"