Vedute della disabilità: vedere il mondo attraverso gli occhi di altri

Stavo ancora recuperando i miei pensieri quando la mia matrigna e io lasciammo la macchina e bussarono alla porta. La porta si aprì e, nel buio interiore, vidi il contorno di una persona. La mia matrigna ha salutato la sua amica, mi ha presentato e ci ha invitato ad entrare. Siamo stati introdotti nell'ingresso buio, mentre il nostro ospite ha raggiunto per accendere una luce.

Lo abbiamo seguito in casa. Mentre visitava ogni settimana, la mia matrigna sembrava abituata alla luce fioca, ma non stavo andando così bene. Mentre ci facevamo strada attraverso la casa, mi sono ritrovato a ripensare alcune delle mie percezioni. Come molti americani, avevo sempre pensato alla disabilità in termini di deficit … una mentalità che è stata definita il modello medico della disabilità.

Per me, la disabilità è stata misurata in base al criterio della "normalità", indipendentemente da ciò che potrebbe essere percepito. Se "normale" significava essere in grado di sentire i suoni all'interno di un certo intervallo di decibel, essere in grado di vedere luce e colore, o camminare in piedi su due piedi, quindi il mancato rispetto di uno di questi standard significava essere "disabilitato". L'unico modo per rimuovere la disabilità era rimuovere il deficit percepito.

Eppure, improvvisamente, non era così semplice.

Contro la mia stessa lotta con la facilità con cui il nostro ospite navigava nella casa buia, sono stato colpito da una sorprendente epifania: in un mondo progettato esclusivamente per i ciechi, la vista non è solo superflua, è una disabilità . Questa realizzazione ha aperto un mondo completamente nuovo, uno che ho imparato a conoscere come il modello sociale della disabilità. Era un mondo in cui la disabilità era una cosa sfaccettata, un'interazione tra l'ambiente e le capacità dell'individuo. Era un mondo in cui le mie precedenti percezioni del mondo non significavano nulla e la diversità significava tutto.

Fino a quel momento non avevo realizzato fino a che punto le idee di privilegio e disabilità fossero intrecciate nelle mie convinzioni e ipotesi. Non ci pensavo due volte quando la gente incorniciava le cose in termini di pietà: "Quella povera gente. Quanto deve essere terribile vivere così! "Certo, non puoi pietà di qualcuno a cui ti senti uguale. Tale atteggiamento contiene un'assunzione implicita di "noi contro loro": che l'oratore è "normale" e che "normale" significa "migliore".

Ma questa piccola lezione di empatia ha chiarito l'uguaglianza tra noi … non c'era nulla di superiore nel modo in cui stavo affrontando questo ambiente che i miei ospiti chiamavano casa. In questo mondo, erano quelli "normali" e io ero la persona con disabilità. Nell'ambiente giusto, e nelle giuste condizioni, chiunque potrebbe essere disabilitato. Incluso me.

Quando arrivammo in soggiorno, la mia matrigna mi presentò alla seconda metà di questa coppia, una donna meravigliosa e premurosa che mi salutò come avevano fatto tanti altri amici e parenti dei miei genitori nel corso degli anni. Abbiamo parlato per un po 'come gruppo prima di dividerci in due gruppi. La mia matrigna sedeva a parlare con la moglie, mentre il marito mi accompagnava mentre faceva le sue faccende quotidiane.

Forse percependo la mia curiosità, mi ha parlato molto della sua vita quotidiana e delle sfide. Come molti, i miei pensieri sulle disabilità come la cecità si erano sempre fermati ai "can'ts" … Non pensavo all'abilità dall'altra parte. L'adattamento non è stato qualcosa che mi è venuto in mente.

Ma, mentre lavorava, ho iniziato a vedere i molti modi in cui i "can'ts" non erano affatto "can'ts". Ha fatto tutte le stesse cose che io e la mia famiglia abbiamo fatto, solo in modo diverso. Era paziente con le mie domande. Quando gli ho chiesto di cambiare, ha aperto il suo portafoglio per mostrarmi le forme simili agli origami formate dalle banconote all'interno.

Monete che poteva capire sentendo le dimensioni e la forma, mi disse, ma le banconote erano diverse. Erano tutti della stessa taglia, quindi li piegò in modo tale da poter sentire la differenza. Ha fatto lo stesso con gli abiti, in modo da poter distinguere i colori l'uno dall'altro.

Più mi spiegava e più mi rendevo conto dell'ignoranza delle mie precedenti ipotesi. Non ho mai guardato il mondo allo stesso modo. Quello che ho imparato modella le mie percezioni fino ad oggi.

La lezione più forte che ho tolto a questa esperienza è cruciale: non sottovalutare mai i molti e ingegnosi modi in cui gli esseri umani si adattano alle sfide. La necessità è davvero la madre dell'invenzione. Permettere ai nostri processi mentali di fermarsi in luoghi "can -ts" limita la vita delle persone con disabilità molto al di là di ciò che realmente fanno i "deficit". Ho imparato ad avvicinarmi alla disabilità dal punto di vista non delle "lattine" ma dei "come". Non chiedo se qualcuno "può" fare qualcosa, ma "come" possono farlo.

Quando rivedo la mia vita attraverso questo obiettivo, trovo innumerevoli esempi. I molti modi in cui ho scoperto i modi per far fronte alle "can '" della mia condizione che a volte sorprendono anche me. La forma, i modi e persino i tempi di adattamento a volte sono difficili da prevedere, finché non accade.

Continua nel prossimo post. Per la prima parte di questa serie, clicca qui.

Per gli aggiornamenti puoi seguirmi su Facebook o Twitter. Risposta? Mandami un'email.

RISORSE

  • Piccoli adattamenti
    "Le persone apportano costantemente piccoli cambiamenti e adattamenti alle loro vite ogni giorno. Per alcune persone, questi cambiamenti sono più sostanziali di altri. Indipendentemente da come ci adattiamo, siamo tutti uguali in ciò che possiamo ottenere; avere una disabilità non è mai un motivo per rinunciare ".

  • Mondo disabile: definizioni dei modelli di disabilità
    "Elenco dei glossari delle definizioni e delle spiegazioni dei modelli di disabilità nella società di oggi."
  • The Open University: Modelli di disabilità
    "I modelli di disabilità forniscono un quadro per comprendere il modo in cui le persone con menomazioni sperimentano disabilità. Forniscono inoltre un riferimento per la società man mano che vengono sviluppate leggi, regolamenti e strutture che influiscono sulla vita delle persone disabili. Ci sono due modelli principali che hanno influenzato il pensiero moderno sulla disabilità: il modello medico e il modello sociale ".
  • Grant Carson: il modello sociale della disabilità
    "Il modello sociale è stato creato dagli stessi disabili … La negazione delle opportunità, la restrizione della scelta e dell'autodeterminazione e la mancanza di controllo sui sistemi di supporto nelle loro vite li ha portati a mettere in discussione le ipotesi alla base del tradizionale dominio del modello medico “.
  • Monica Guy: Scoperta del modello sociale della disabilità
    "Lavorare come badante per Stephen Hawking, subito dopo l'università, mi ha aperto gli occhi sulle sfide che la società mette nei confronti delle persone con disabilità".
  • Rachel Cohen-Rottenburg: Abbracciare il modello sociale della disabilità
    "Mi sono reso conto che mentre a volte mi capita di vivere come mondi viventi a prescindere dalle persone non autistiche, questo sentimento non è una funzione del mio autismo. Non sono in realtà mondi a parte nessuno perché sono autistico. Sento mondi a parte perché il mondo in cui vivo non è ancora abbastanza inclusivo da prendere in considerazione la mia particolare serie di punti di forza e di sensibilità. "
  • Prendendo una prospettiva guidata da disabilità
    "In questo articolo riunirò un paio di diverse voci disabilitate dalla letteratura esistente, per sfidare alcuni dei presupposti su ciò che le persone disabili sono come", di cosa hanno bisogno "e per mostrare alcuni dei modi in cui gli scrittori disabili sono sostenendo cambiamenti di atteggiamenti e approcci ".
  • L'importanza di prendere atto
    "I disabili e le persone sorde sono, ovviamente, solo una parte della gamma incredibilmente diversificata di" gente comune "- tutti noi che stiamo cercando di andare avanti con le nostre vite, tentando di dare un senso e di sopravvivere nel mondo in una miriade di modi “.

Solutions Collecting From Web of "Vedute della disabilità: vedere il mondo attraverso gli occhi di altri"