Vediamo il mondo come un film?

Abbiamo la sensazione di sperimentare il mondo come un flusso di dati continuamente campionato. Se percepiamo più oggetti di eventi apparentemente nello stesso momento, potremmo effettivamente fare il multiplexing dei vari flussi di dati; ovvero, prendiamo un campione da un flusso di dati, passiamo a prendere un campione dal flusso successivo e così via su una scala temporale in millisecondi.

Ma un'altra possibilità è che percepiamo oggetti ed eventi come una trama di un film, in cui il cervello prende istantanee di memoria di lavoro e le riproduce in successione. Come fotogrammi fissi in un film, se riprodotti a una velocità sufficientemente elevata, i fotogrammi si confonderanno nella nostra mente per dare l'illusione di un monitoraggio continuo.

In entrambi i casi, dobbiamo tenere conto della memoria di lavoro. Cioè, possiamo tenere solo una piccola quantità di informazioni nella nostra memoria di lavoro in ogni istante, come essere in grado di comporre un numero di telefono di sette cifre che hai appena visto. Nel caso del numero di telefono, il nostro cervello accumula e bufferizza la rappresentazione di ciascun numero intero fino a raggiungere la capacità di memorizzazione della memoria di lavoro e quindi la riporta alla coscienza come un insieme? Oppure ogni intero viene trasferito alla coscienza e concantenato fino a quando la capacità della memoria di lavoro non viene riempita?

Un profondo modello di percezione recente affronta il problema della percezione continua o cinematografica, ma sfortunatamente non ha preso in considerazione la memoria di lavoro. Il modello ha affrontato il problema di come la coscienza integri gli aspetti statici e dinamici dell'oggetto di attenzione. Ad esempio, quando si guarda un baseball bianco e in movimento, la coscienza sembra traccia simultaneamente sia il colore bianco statico sia la forma della palla e il suo movimento. Queste due funzionalità visive sono raggruppate e messe a disposizione della coscienza in modo continuo o come frame batch?

Un problema correlato è la cosiddetta illusione flash-lag. La visualizzazione di un oggetto in movimento e una luce stazionaria lampeggianti nello stesso momento e luogo creano l'illusione che il flash sia in ritardo. C'è qualche discussione sul perché questo accada, ma contro il continuo monitoraggio degli oggetti collegati.

Un altro fenomeno che discute contro il monitoraggio continuo è il fenomeno del "colore phi". Qui, se due dischi di colore diverso vengono mostrati in due posizioni in rapida successione, uno spettatore percepisce solo un disco che si sposta dalla prima posizione alla seconda, e il colore del primo disco cambia lungo il percorso illusorio del movimento. Ma lo spettatore non può sapere in anticipo quale sia il colore e la posizione del secondo disco. Il cervello deve costruire quella percezione dopo il fatto.

Un altro modo di studiare il fenomeno della fusione consiste nel mostrare due diversi dischi colorati in rapida successione nella stessa posizione. In questo caso, un disco rosso iniziale seguito da un disco verde verrà percepito come un solo disco giallo. Uno spettatore non può riconoscere coscientemente le singole proprietà se non c'è abbastanza tempo tra i due dischi. Ciò suggerisce che le informazioni siano processate in modo inconsapevole e successivamente rese disponibili alla consapevolezza cosciente. La stimolazione magnetica transcranica può interrompere la fusione, ma solo per circa 400 millisecondi dopo il primo stimolo quando presumibilmente l'elaborazione è inconscia. Poiché la presentazione dei due dischi richiede solo circa 60 millisecondi, significa che l'elaborazione inconscia della fusione impiega circa 340 millisecondi prima che i risultati diventino disponibili per il riconoscimento consapevole.

La fusione simile può avvenire con altre modalità sensoriali. Ad esempio, l'effetto "coniglio cutaneo" è un'illusione di fusione somatosensoriale in cui la stimolazione tattile del polso seguito rapidamente dalla stimolazione vicino al gomito produce la sensazione di contatto lungo il percorso nervoso tra i due punti, come se un coniglio saltellasse il nervo. Non c'è modo per la mente cosciente di conoscere il percorso senza che il secondo tocco vicino al gomito avvenga realmente. La percezione di tali informazioni sul percorso è ritardata fino a quando l'informazione non è stata elaborata inconsciamente.

Quindi, mentre questi esempi argomentano contro il continuo monitoraggio cosciente delle sensazioni, non si adattano bene nemmeno all'idea del film. Possiamo distinguere due stimoli visivi distanti solo 3 millisecondi, ma un modello di istantanea che campiona gli stimoli dice che ogni 40 millisecondi mancherebbe del secondo stimolo. Quindi, per riconciliare queste possibilità contrastanti, gli autori avanzano un modello in due fasi in cui le sensazioni vengono elaborate inconsciamente ad alta velocità, ma la percezione cosciente viene riportata periodicamente o viene letta quando l'attività inconscia raggiunge una certa soglia o quando c'è un top-down domanda .. Ciò si adatta ai dati degli altri che la consapevolezza cosciente viene ritardata dopo l'evento sensoriale reale. Per gli stimoli visivi, questo ritardo può arrivare fino a 400 millisecondi.

Qui la questione di interesse è perché la consapevolezza sensoriale potrebbe richiedere una miscela di monitoraggio continuo e reporting periodico di segmenti di dati immediatamente precedenti. Il monitoraggio e l'elaborazione continui consentono una risoluzione temporale elevata. I report di istantanee conservano le risorse neurali perché le informazioni si accumulano in batch (pochi byte) prima di diventare disponibili per la coscienza. La domanda davvero interessante è che cosa, se mai, accade a quella sequenza di istantanee simili a film catturate nella coscienza. In che modo questi fotogrammi influiscono sulla successiva elaborazione inconscia in assenza di ulteriori input sensoriali? I processi inconsci possono catturare e operare sui frame dei dati coscienti? Oppure i frame consecutivi di dati coscienti possono essere elaborati in batch in coscienza? Un'analogia utile potrebbe essere la lettura di parole intere. Un lettore principiante deve emettere ogni lettera in una parola, che è paragonabile al rilevamento del tempo ad alta risoluzione dell'input sensoriale. Tuttavia, la lettura di parole intere consente l'acquisizione più efficiente del significato perché il significato è stato pre-elaborato in batch.

In che modo queste idee si accordano con l'affermazione di altri studiosi secondo cui la coscienza è solo un osservatore che osserva il film della vita mentre si verifica? Tuttavia, questa ipotesi ignora il ruolo che la coscienza potrebbe avere nel ragionare, prendere decisioni e impartire comandi. Discuto questo punto altrove nei miei libri, la biologia mentale e la creazione di un caso scientifico per l'agenzia cosciente e il libero arbitrio .

La ricerca sosteneva che mostrare che il libero arbitrio è illusoria ha bisogno di reinterpretazione alla luce di questo modello di percezione in due fasi. Questi esperimenti in genere consistevano nel chiedere a un soggetto di fare un semplice movimento, come premere un pulsante, ogni volta che "liberamente" vogliono farlo. Devono notare quando hanno preso la decisione guardando un grande orologio ad alta risoluzione. Allo stesso tempo, la loro attività cerebrale viene monitorata prima, durante e dopo la catena di eventi.

Il primo evento è l'intenzione di premere un pulsante. L'intenzione è un evento consapevole. Era preceduto da un'elaborazione inconscia ad alta risoluzione? In caso affermativo, quale era l'esigenza di alta risoluzione? O forse questo è solo il modo in cui il cervello è costruito per funzionare. Il processo decisionale del pulsante è un processo lento e deliberativo, che forse potrebbe essere gestito coscientemente come una lenta progressione di frame successivi di pensiero cosciente. I critici possono dire che non esiste un processo cosciente, ma non ci sono prove per tali congetture. Una volta che un intento è coscientemente realizzato, il soggetto sta ora riflettendo su quando fare la stampa. Questa decisione può essere determinata inconsciamente, ma ancora una volta non c'è bisogno di una risoluzione temporale elevata. Inoltre, intervengono passi consci, in cui il soggetto può pensare a se stesso: "Ho appena fatto una stampa. Non dovrei aspettare? Ha senso fare molte presse con brevi intervalli? O con lunghi intervalli? O con qualche miscela casuale? A ognuna di queste domande si risponde con il modello in due fasi dell'elaborazione sensoriale? "Tuttavia, la decisione presa, l'attività elettrica cerebrale corrispondente è disponibile per essere misurata.

Poi, c'è la pressione pulsante reale, la consapevolezza consapevole che si è verificato, e la registrazione consapevole del tempo sull'orologio quando il soggetto ha pensato che la decisione di premere un pulsante è stata fatta. Il modello in due fasi si applica qui? Se è così, ci deve essere una grande quantità di ritardi temporali tra ciò che è effettivamente accaduto consciamente nel cervello e ciò che il soggetto alla fine ha realizzato i pensieri coscienti.

Il punto è che il modello di percezione a due stadi può avere implicazioni profonde oltre la sensazione che coinvolgono la memoria di lavoro, l'ideazione, il ragionamento, il processo decisionale e il comportamento volontario. Ho corrisposto all'autore principale per verificare che abbia una corretta comprensione della pubblicazione. Ha detto che il suo gruppo ha in programma di studiare le implicazioni per la memoria di lavoro e per il libero arbitrio.

Solutions Collecting From Web of "Vediamo il mondo come un film?"