Variabili indipendenti e dipendenti riconsiderate e rinominate

Glenn Geher
Fonte: Glenn Geher

Metodi di ricerca in psicologia è un corso standard richiesto in quasi tutti i principali psicologia. Nel nostro dipartimento di SUNY New Paltz, questa è una classe a quattro crediti con una grande componente di laboratorio. E gli studenti spesso temono la lezione prima che entrino nella porta.

Fare in modo che gli studenti comprendano la natura della ricerca nelle scienze comportamentali è fondamentale per coltivare gli alumni che possono condurre le proprie ricerche e che possono comprendere e valutare criticamente la ricerca degli altri. I concetti nelle scienze comportamentali sono basati sulla ricerca empirica – i nostri studenti devono capire bene queste cose per garantire i loro gradi!

Basandomi sull'aver insegnato metodi di ricerca dal 1998 circa, posso dirti che insegnare questa lezione può essere davvero divertente e gratificante. Sono sinceramente entusiasta di progettare e implementare la ricerca, quindi descrivo solo il processo (ei diversi tipi di ricerca) e incoraggio i miei studenti a seguire l'esempio di questo entusiasmante percorso alla scoperta. Mi piace davvero insegnare questo – nonostante le nozioni preconcette degli studenti!

Ciò detto, come in ogni classe, ci sono alcuni problemi eterni che sorgono ogni volta che lo insegno. Uno dei problemi più frustranti che emergono nell'insegnare questa classe riguarda i concetti di variabili "indipendenti" e "dipendenti". Questi concetti sono fondamentali per comprendere la ricerca sperimentale – e buona parte del contenuto della classe si basa su questa base. Gli studenti devono prendere questa roba. Ciò detto, gli studenti così spesso non capiscono questi concetti – anche dopo che si sono laureati! L'ho visto più e più volte e posso dirti che può essere un po 'deludente!

Quali sono le "variabili indipendenti" e "dipendenti"?

In breve, le variabili indipendenti e dipendenti sono variabili concettuali che esistono in ogni vero progetto sperimentale – con un disegno sperimentale in cui il ricercatore spera di dedurre che i cambiamenti nei livelli di una variabile causano cambiamenti nei punteggi su qualche altra variabile. Ad esempio, potresti voler vedere se la quantità di caffè che qualcuno ha (in base all'assegnazione casuale di persone a non bere o bere cinque tazze in un'ora) si riferisce a quanto una persona è nervosa su una misura graduata (continua) di nervosismo.

In questo studio, come in ogni esperimento, hai la variabile che pensi stia causando cambiamenti nell'altra variabile. Questa "variabile potenzialmente causale" è chiamata, tradizionalmente, "variabile indipendente". Con l'esempio attuale, quello sarebbe il caffè. L'altra variabile, che secondo voi è influenzata dalla variabile indipendente (in questo caso, il punteggio di qualcuno sulla scala di nervosismo), è tradizionalmente chiamata "variabile dipendente".

Detto questo, quando descrivi tutto questo come semplice come un giorno a un gruppo di studenti brillanti e poi li metti alla prova su come capiscono questi concetti, è sempre scioccante il fatto che molti di loro non capiscano!

Perché gli studenti trovano difficile comprendere i concetti di "indipendente" e "variabili dipendenti"?

Parte del problema qui è questo: questi termini hanno perso il loro significato intuitivo! Gli studenti non vedono necessariamente come il termine "variabile indipendente" corrisponda a una variabile che potenzialmente causa cambiamenti in un'altra variabile. E non vedono intrinsecamente come il termine "variabile dipendente" significhi la variabile potenzialmente interessata da quella prima variabile.

Dovremmo cambiare ciò che chiamiamo queste cose!

Proposte nuove condizioni per i concetti di "indipendente" e "variabile dipendente"

Se posso … che dire etichettiamo questi concetti con termini che gli studenti possono capire meglio! Nell'esempio sopra, la quantità di caffè che ogni partecipante riceve è una variabile potenzialmente causale – poiché questa variabile causa potenzialmente cambiamenti nell'altra variabile (di nervosismo). Chiamiamo quindi questa prima variabile "Variabile potenzialmente causale!"

La "variabile dipendente", in questo caso la quantità di nervosismo che si dimostra, è il risultato dello studio. A volte i ricercatori, quindi, faranno riferimento a questa variabile come alla "variabile del risultato". Facciamolo sempre e facciamolo formalmente!

Linea di fondo

Adoro insegnare il processo di ricerca a giovani studenti brillanti delle scienze comportamentali e spesso mi trovo a pensare a modi per farlo meglio. Dopo aver visto centinaia di studenti durante i miei anni e anni di insegnamento dei Metodi di ricerca a lottare con i concetti di "indipendente" e "variabile dipendente", da dove sono, penso che potremmo fare un favore a tutti cambiando i nomi di questi termini.

Variabile e risultato potenzialmente variabili variabili significano ciò che dicono – dico che andiamo con quello! Un giorno quando tengo d'occhio "scrivi il libro di testo sui metodi di ricerca" dalla mia lista dei desideri, puoi scommettere che sto seguendo questa strada!

Solutions Collecting From Web of "Variabili indipendenti e dipendenti riconsiderate e rinominate"