Valutazioni grossolane delle valutazioni del corso

Era ora di valutazione del corso nel nostro dipartimento oggi. Non li stavamo amministrando; piuttosto, abbiamo ricevuto le valutazioni che gli studenti hanno completato alla fine dello scorso semestre. Non ho ancora aperto il mio. Invece, ho trascorso la giornata scrivendo questo blog, quindi non devo guardare.

Ma ho trascorso un po 'di tempo a parlare con i miei colleghi che hanno esaminato le loro valutazioni del corso. Come al solito, le valutazioni complessive sono state molto buone. (Ho insegnanti molto bravi per i colleghi.) Tuttavia, ciò non significa che i reclami degli studenti non pungono; i miei colleghi si sono lamentati un po 'perché i loro studenti si sono lamentati un po'.

Di cosa si lamentano gli studenti nelle loro valutazioni del corso? Le solite cose: troppo lavoro, troppa fatica di gruppo, troppa scrittura … hai un'idea. Alcuni studenti hanno anche offerto commenti e suggerimenti specifici.

Naturalmente, i reclami degli studenti e altri commenti negativi possono insegnarci molto (anche se la ricerca non ha dimostrato una relazione tra le valutazioni dei corsi degli studenti e l'apprendimento effettivo). Alcuni dei commenti e dei suggerimenti degli studenti sono stati sostanziali e hanno offerto alcuni suggerimenti specifici per il miglioramento. Minuti dopo aver letto le loro valutazioni, i miei colleghi stavano valutando alcune grandi modifiche per il prossimo semestre.

Tuttavia, alcuni reclami degli studenti sembrano rappresentare una discrepanza fondamentale tra ciò che gli studenti e la facoltà si aspettano e ciò che sperimentano nei loro corsi: gli studenti si aspettano di memorizzare le informazioni (principalmente dall'udire ) e gli insegnanti si aspettano che gli studenti imparino a pensare, scrivere , calcolare, collaborare, presentare, ecc. (principalmente facendoli ). Io sostengo altrove che i professori perpetuano questo mismatch non essendo abbastanza trasparenti e chiari nei loro programmi, nelle descrizioni dei corsi e in altre comunicazioni.

Ieri ho visitato l'aula di una collega, la dott.ssa Vivian Shyu, che sta insegnando un seminario per senior in psicologia in cui non è probabile che si verifichi questa disconnessione. Il Dott. Shyu ha progettato il corso e tutte le sue comunicazioni con gli studenti, attorno alle Linee guida dell'APA per la psicologia principale. Queste linee guida si concentrano molto sulle abilità e fin dal primo giorno gli studenti del dott. Shyu sanno cosa stanno per fare e perché.

Quando sono entrato nella stanza per circa 30 minuti nella prima lezione, la dottoressa Shyu stava finendo di discutere degli obiettivi del corso. Stava per fare in modo che gli studenti guardassero ai corsi di psicologia che avevano preso e prendessero in considerazione le abilità (le abilità che i datori di lavoro apprezzano davvero) sviluppate in quei corsi. Per aiutare gli studenti a capire il tipo di abilità di cui parlava Shyu, dissi alla classe,

Come fai a sapere quali competenze i datori di lavoro cercheranno? Guarda cosa ti sei lamentato durante tutta la tua carriera universitaria!

Gli studenti hanno riso subito: sapevano esattamente di cosa stavo parlando! Quasi all'unisono, abbiamo iniziato a elencare i reclami: "Odio dover lavorare in gruppo!" "Odio dover scrivere documenti!" "Odio dover lavorare con i numeri!" "Odio dover confrontare e contrastare!" "Odio dover pensare in modo critico e integrare!" "Odio avere così tanto lavoro!"

La ricerca mostra che molti studenti non apprezzano quanto siano importanti tutte queste abilità nella loro vita professionale. Sì, forse possiamo semplificare alcuni aspetti dei nostri corsi. Ma finché non spiegheremo con maggiore attenzione perché stiamo chiedendo agli studenti di sviluppare le loro capacità professionali, continueremo a ricevere questo tipo di commenti sulle nostre valutazioni del corso. E continuerò a scrivere post sui blog nei giorni in cui li riceviamo ….

———————-

Mitch Handelsman è professore di psicologia all'Università del Colorado, Denver. Con Samuel Knapp e Michael Gottlieb, è il coautore di Ethical Dilemmas in Psychotherapy: Positive Approaches to Decision Making (American Psychological Association, 2015). Mitch è anche coautore (con Sharon Anderson) di Ethics for Psychotherapists and Counselors: A Proactive Approach (Wiley-Blackwell, 2010) e un editor associato del manuale in due volumi dell'APA Handbook of Ethics in Psychology (American Psychological Association, 2012). Ma ecco di cosa è più orgoglioso : ha collaborato con il musicista pionieristico Charlie Burrell sull'autobiografia di Burrell.

© 2017 di Mitchell M. Handelsman. Tutti i diritti riservati

Mitch Handelsman
Fonte: Mitch Handelsman

Solutions Collecting From Web of "Valutazioni grossolane delle valutazioni del corso"