Valutare i cani più delle vittime della guerra: colmare il divario empatico

Lo faresti al tuo cane? Usare i cani per colmare il divario empatico

Spesso, quando discuto alcuni aspetti dell'abuso di animali non umani (animali), chiedo alle persone: "Lo faresti al tuo cane?". In tutta la pensione le persone sono incredule quando faccio questa domanda, e semplicemente spiegherò loro che i cani non sono più senzienti degli animali da reddito come mucche, maiali o polli, animali da laboratorio come topi e ratti o animali da intrattenimento come elefanti o orche.

Espongo queste discussioni per discutere l'idea di usare i cani per colmare il "divario empatico". Usare cani in questo modo richiede alle persone di riconoscere che spesso siamo estremamente incoerenti nel modo in cui vediamo e trattiamo altri animali non umani rispetto a come vediamo e tratta il nostro cane, il felino e numerosi altri compagni di casa. Vediamo e trattiamo i nostri compagni con molta più compassione ed empatia di quanto facciamo con alcuni gruppi di umani. In un precedente saggio intitolato "Labelling Non-Native Animals: The Psychology of Name Calling" mi sono concentrato sul modo in cui gli umani formano credenze e basano il loro comportamento verso altri umani e non umani sulla base del fatto che gli individui siano visti come membri di "in-group" "O" out-groups ".

Uccideresti un cane per divertimento?

"Uccideresti un cane per divertimento?" È un'altra domanda che chiedo spesso. Ad esempio, molte persone si dedicano alla caccia ricreativa e trofeo "per il gusto di farlo", ma troppo spesso sembrano increduli quando faccio questa domanda. La maggior parte risponde dicendo qualcosa come "Ovviamente no". In una lettera al direttore del New York Times ho sollevato ancora una volta questa domanda riguardo al brutale massacro di decine di migliaia di coyote (e milioni di altri animali) da parte di un governo gruppo chiamato Wildlife Services che fa praticamente tutto ciò che vuole nell'arena di omicidio animale. Scrissi:

L'eccellente saggio di Dan Flores [Stop Killing Coyotes] solleva numerose questioni sulla violenta guerra coyote che sta andando avanti, incredibilmente senza successo, per decenni. Wildlife Services li uccide ogni anno per decine di migliaia, e altri si uniscono a concorsi di omicidi sanzionati solo per il gusto di farlo.

I coyote, come i milioni di cani che condividono le loro case e i loro cuori, sono esseri intelligenti e altamente emotivi. Dopo aver studiato coyote per più di quattro decenni, li conosco bene, ed è molto chiaro che sono stati più che in grado di adattarsi a un mondo sempre più dominato dall'umano.

Spesso chiedo alle persone: "Uccideresti un cane per divertimento?" I coyote non sono meno senzienti dei nostri cani da compagnia e non amano essere intrappolati, presi in trappola, fucilati dagli aerei o avvelenati. I cani possono colmare il divario empatico tra gli animali che conosciamo bene e quelli che sono ingiustificatamente diffamati.

Per ulteriori informazioni sul libro di Coyote America del signor Flores, consultare "Coyote America: The Evolution of Human-Animal Relationships".

"Ti importa più di un cane che di un rifugiato?"

"Se solo, ho pensato, abbiamo apprezzato i bambini ad Aleppo tanto quanto i nostri terrier!"

Sulla falsariga di quanto ho scritto sopra, il 18 agosto 2016 lo scrittore del New York Times Nicholas Kristof ha pubblicato un saggio intitolato "Ti interessa più di un cane che un rifugiato?" (Il saggio originale era intitolato "Ma se il mio cane avesse avuto Conosci un siriano? ") Il sig. Kristof inizia:

Lo scorso giovedì, il nostro amato cane di famiglia, Katie, è morto all'età di 12 anni. Era un gigante gentile che rispettosamente si era arreso anche a un cucciolo di acaro con una pretesa preventiva di un osso. Katie avrebbe vinto il premio Nobel per la pace se non fosse stato per la sua debolezza per gli scoiattoli. Ho pianto per la scomparsa di Katie sui social media e ho ricevuto un fiume di commoventi toccasana, alleggerendo il mio dolore per la perdita di un membro della famiglia. Eppure, nello stesso giorno in cui è morta Katie, ho pubblicato una colonna che chiedeva maggiori sforzi internazionali per porre fine alla sofferenza e alla guerra civile della Siria, che finora ha causato forse 470.000 vite. Quella colonna ha portato a un diverso torrente di commenti, molti dei quali legati a una dura indifferenza: perché dovremmo aiutarli? Questi si mescolavano al mio feed Twitter: sincera simpatia per un cane americano che è scaduto in tarda età, e ciò che mi è sembrato insensibile verso milioni di bambini siriani afflitti da fame o bombardamenti. Se solo, pensavo, apprezzavamo i bambini ad Aleppo tanto quanto i nostri terrier!

Mr. Kristof termina:

Mi chiedo che cosa succederebbe se Aleppo fosse pieno di golden retriever, se potessimo vedere bombe a barile che mutilavano i cuccioli indifesi e innocenti. Saremmo ancora indurire i nostri cuori e "alterare" le vittime? Continueremmo a dire "è un problema arabo; lascia che siano gli arabi a risolverlo '? Sì, le soluzioni in Siria sono dure e incerte. Ma penso che anche Katie, nella sua dolce saggezza, avrebbe accettato che non solo tutte le vite umane hanno valore, ma anche che la vita di un uomo vale tanto quanto quella di un golden retriever ".

Confronto su come vengono visti e trattati i cani e gli "altri" umani

Chiaramente, il Sig. Kristof stava usando il passare del suo cane per tentare di colmare il divario empatico tra il modo in cui lui e gli altri vedevano la morte di Katie e il modo in cui gli umani che sono considerati membri di gruppi esterni – che sono "alterati" – sono visti e trattati.

Sono rimasto molto sorpreso e ancora più contento di vedere cosa ha scritto Mr. Kristof. Volevo condividere i suoi pensieri e le domande di cui sopra con un ampio pubblico perché credo che possiamo imparare molto su come vediamo e trattiamo gli umani con i quali non ci sentiamo molto vicini rispetto a come vediamo e trattiamo i non umani con i quali formare relazioni strette, durature e reciproche. Perché manteniamo queste incoerenze e perché persistono?

I cani possono davvero colmare il divario di empatia se siamo aperti a questa possibilità. Per lo meno è essenziale fare domande difficili e capire perché noi manteniamo gli atteggiamenti che facciamo e come possiamo usare i nostri sentimenti sugli animali da compagnia ed estendere la compassione e l'empatia ad altri non umani e umani che veramente hanno bisogno di tutto l'aiuto e loro possono ottenere

Nota: in risposta a questo saggio, l'avvocato Steven Wise mi ha scritto: Kristof stava facendo una falsa analogia. Apprezziamo i nostri cani più dei bambini di altri lontani. Apprezziamo anche i nostri figli più dei cani lontani. La variabile non è una specie, ma una prossimità e una relazione.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: Saving Moon Bears (con Jill Robinson), Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole, perché i cani e le api vengono depressi: l'affascinante scienza dell'intelligenza animale, le emozioni, l'amicizia e la conservazione, Rewilding Our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza, e The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson). L'agenda degli animali: libertà, compassione e convivenza nell'età umana (con Jessica Pierce) sarà pubblicata all'inizio del 2017.

Solutions Collecting From Web of "Valutare i cani più delle vittime della guerra: colmare il divario empatico"