Uomini, donne e promiscuità interplanetaria

Una seria dose di critica, sia delle proprie opinioni che delle opinioni degli altri, è una medicina ben accetta in una buona scienza sessuale. È importante essere scettici su teorie e ipotesi, che esaminiamo incessantemente i metodi di ricerca e le interpretazioni dei dati. La scienza sessuale sana accoglie e prospera su critiche legittime. Per parafrasare Jack Nicholson in As Good As Gets , i critici fanno desiderare di essere un sessuologo migliore.

Recentemente, tuttavia, i critici di un approccio alla diversità sessuale umana chiamato "psicologia evolutiva" hanno offerto alcune denigrazioni piuttosto immeritate del campo. Hanno prodotto critiche sulle posizioni di Straw Man che gli psicologi evolutivi non hanno in realtà, e hanno ignorato le masse di prove che gli psicologi evolutivi hanno generato. Ad esempio, molti critici continuano a ritrarre gli evoluzionisti come essenzialisti di "Marte-Venere", caratterizzando le previsioni sulle differenze sessuali nella sessualità come implicitamente logicamente che il mondo naturale è un genere di tutti i maschi-sono-promiscui e tutte-femmine-sono-monogame (vedere). Vorrei che questi critici smettessero di impegnarsi in rozzi stereotipi sulla psicologia evolutiva in questo modo. Scrivere questa spazzatura è una scienza mediocre, una cattiva scrittura scientifica, ed è palesemente non di quale sia la psicologia evolutiva. Ecco perché

In tutto il regno animale, non è certo il caso che i maschi siano sempre avidamente promiscui e che le femmine siano sempre monogamistiche esigenti. Come ha ricordato Robert Trivers (1972) circa 40 anni fa, quale genere di choosier dipende da una serie di fattori di investimento genitoriale e processi di selezione sessuale, e talvolta i maschi sono il genere più femminile in una specie (ad esempio, grilli mormoni, katidi, ecc. ). Oltre a ciò, altre caratteristiche possono influenzare la selezione sessuale (ad esempio, mortalità locale, densità di popolazione, ecc.) E influenzare ulteriormente la scelta di genere, quindi qualsiasi tipo di distinzione Mars-Venere categorica ed essenzialista è difficilmente il modo giusto di concettualizzare le sessualità degli animali. Gli psicologi evoluzionisti non solo lo sanno, lo stanno discutendo da decenni (Kenrick et al., 1990; Symons, 1979).

Detto questo, il fatto che gli umani siano mammiferi (con pesanti investimenti obbligatori di gestazione nelle donne) e perché gli umani possiedono determinati modelli di attributi sessualmente selezionati (ad esempio, gli uomini sono più grandi, più forti, fisicamente maturi più tardi, assumono rischi maggiori, muoiono molto in precedenza, la lista continua), dal punto di vista delle specie incrociate è probabile che gli uomini posseggano probabilmente caratteristiche progettuali che li motivano a cercare e consentire il sesso indiscriminato più delle donne. Non un tipo di divisione di genere tra Marte e Venere, ti menti (con tutti gli uomini sempre promiscui e tutte le donne sempre monogami). Gli scienziati evoluzionisti si aspettano solo che gli uomini, in media , cerchino e acconsentano a incontri sessuali casuali più delle donne. Come tutti gli scienziati attenti riconoscono, le differenze sessuali evolute sono raramente una semplice manifestazione di categorie essenziali. Le differenze sessuali più evolute derivano invece da gradi di effetti organizzativi legati all'ormone sul cervello, effetti attivativi durante l'età adulta e, a volte, effetti genetici diretti (McCarthy & Ball, 2011). Le differenze sessuali derivano anche indubbiamente da processi di socializzazione e ruoli sessuali che sono, da soli, prodotti derivati ​​dalla nostra biologia evoluta (vedi Mealey, 2000; Wood & Eagly, 2007). Anche se lo sviluppo sessuale di genere è abbastanza complicato, ciò non annulla la capacità degli psicologi evolutivi di fare previsioni accurate sulle differenze di sesso comportamentali di livello medio nella sessualità. E alcune di queste differenze sessuali saranno notevolmente robuste (vedi).

OK, questa parte è importante e molti critici sembrano incapaci di capirlo, quindi ripeterò. La spiegazione della differenza sessuale basata sul Trivers spesso offerta dagli psicologi evoluzionisti non si aspetta che tutti gli uomini cerchino sempre con impazienza il sesso promiscuo, né implica che tutte le donne evitino sempre le opportunità di accoppiamento causale. Proprio come non tutti gli uomini sono più alti di tutte le donne (eppure gli uomini sono più alti delle donne, in media), gli psicologi evoluzionisti si aspettano che gli uomini siano più desiderosi delle donne per sesso casuale indiscriminato, ma solo in media . Fattori come la cultura di un uomo (compresa la sua religione … i membri della setta religiosa degli Shaker non hanno affatto sesso – nessuna differenza di sesso nella promiscuità!), La sua storia familiare (esperienze infantili della prima infanzia imprevedibili tendono a suscitare più a breve termine accoppiamento, Simpson et al., in stampa), la sua mascolinità fenotipica, la sua simmetria facciale, il suo valore di coniugato, il suo livello di testosterone, le sue varianti del gene del recettore dell'ossitocina, le sue varianti del gene del recettore D4 della dopamina e una serie di altre caratteristiche associative hanno probabilmente un impatto sul suo desiderio, abilità e tendenza generale a perseguire strategicamente il sesso indiscriminato (vedi). I contesti biologici e sociali contano per le strategie riproduttive nella maggior parte delle specie, questo è certamente non meno vero per gli esseri umani (sì, anche per gli uomini maschi).

Gli psicologi evoluzionisti sono stati percorsi fiammeggianti in termini di ricerca dei contesti speciali che contano di più quando si tratta di sesso occasionale negli esseri umani. Sfortunatamente, una tendenza particolarmente preoccupante tra questi propagatori di Marte e Venere è che ignorano o non conoscono completamente la vasta quantità di ricerche sulla psicologia evolutiva accumulate negli ultimi 20 anni. Permettetemi di fornire qualche background.

A partire dai primi anni '90, gran parte dell'enfasi posta sulla teoria e ricerca della psicologia evolutiva si è rivolta a spiegare le differenze sessuali all'interno dei sessi . I primi lavori di David Buss, Doug Kenrick, Steve Gangestad, Jeff Simpson e molti altri hanno documentato che le donne e gli uomini ENTRAMBI sono progettati per l'accoppiamento a breve termine (cioè sesso occasionale, brevi affari, una notte, Kenrick et al. , 1990). Ciò che le donne e gli uomini vogliono nei loro compagni a breve termine, come li perseguono, i benefici che ottengono, tutte queste cose sono diverse da quando i sessi perseguono strategicamente compagni a lungo termine. In questa prospettiva, tutti gli esseri umani possiedono design adattivi specializzati sia per brevi incontri sessuali che per durature collaborazioni romantiche. Il contesto temporale conta e gli psicologi evolutivi sono stati i primi a dirlo.

Fondamentalmente, il design adattativo delle strategie a breve termine per uomini e donne è per molti aspetti psicologicamente distinto (Jonason & Buss, 2012). Le donne possono beneficiare in particolare dell'accoppiamento a breve termine da cose come l'accesso a geni di alta qualità (geni da uomini a cui non possono accedere come compagni a lungo termine), l'accesso alla protezione e al provisioning per se stessa e la sua progenie (come nelle culture di paternità ), utilizzando l'accoppiamento a breve termine per raggiungere obiettivi di accoppiamento a lungo termine e molte altre funzioni. Prevedibilmente, le donne che perseguono attivamente strategie di accoppiamento a breve termine tendono ad essere alquanto esigenti riguardo alle qualità del valore di accoppiamento dei loro brevi partner sessuali, preferendo accoppiarsi con uomini che sono fisicamente simmetrici, possiedono mascolinità facciale e emettono altri segnali ad alti livelli di testosterone (vedi Gangestad & Simpson, 2000).

La strategia a breve termine degli uomini è più indiscriminata di questa, e sembra essere progettata per ottenere un numero maggiore di partner (forse un punto ovvio per coloro che superano il test dello scienziato delle differenze sessuali di Mike Mills). E così ancora, a parità di condizioni, gli scienziati evoluzionisti si aspettano che in media gli uomini cercheranno e accetteranno incontri sessuali casuali più delle donne. I critici per favore prendono nota qui : Gli psicologi evoluzionisti non stanno dichiarando che le donne non cercano mai incontri sessuali a breve termine, gli psicologi evoluzionisti hanno urlato in cima ai loro polmoni che le donne sono squisitamente progettate per l'accoppiamento a breve termine! In culture più egualitarie come nel Nord Europa, dove gli esseri umani sono in grado di perseguire più liberamente le loro strategie a breve termine, i desideri e i comportamenti a breve termine sono più diffusi tra le donne (e gli uomini, Kennair et al., 2009). Anche così, l'aspettativa è che, nella maggior parte dei contesti, quando le donne perseguono attivamente compagni a breve termine, tendono a farlo in modo più discriminante rispetto agli uomini. Come uno studio molto spesso citato dalla critica ha mostrato (vedi), anche in situazioni ipotetiche, Johnny Depp evoca una risposta di Sì dalle donne a un'offerta di sesso occasionale, per gli uomini la differenza tra dire Sì a una donna sconosciuta e Sì a Angelina Jolie è minorenne.

Data questa comprensione più accurata e sfumata delle sessualità a breve termine evolute di uomini e donne, c'è davvero tutta questa prova che uomini e donne differiscono, in media, nelle motivazioni per il sesso a breve termine? Qualche prova al di là della ricerca di Clark e Hatfield (1989) che mostra la maggior parte degli uomini dice Sì alle offerte sessuali di estranei, mentre relativamente poche (se ce ne sono) donne dicono Sì? David Buss et al. (2011) hanno esaminato numerosi studi su questo punto, osservando i seguenti risultati altamente replicabili sono rilevanti per valutare le differenze di sesso nella progettazione psicologica di accoppiamento a breve termine (parafrasare): gli uomini generalmente rilassano il loro livello di selettività quando accoppiamento a breve termine, mentre gli standard delle donne, in particolare per la "sensualità", salgono quando l'accoppiamento a breve termine. Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne a fare sesso con partner al di fuori della loro partnership a lungo termine, e quando gli uomini hanno affari li hanno con un numero maggiore di partner sessuali. Gli uomini hanno maggiori probabilità di avere fantasie sessuali che coinvolgono molti partner a breve termine, e il contenuto del consumo di pornografia maschile, rispetto alle donne, contiene temi di sesso a breve termine con più partner. Gli uomini hanno maggiori probabilità di pagare per il sesso a breve termine, esprimono desideri per un numero maggiore di partner sessuali in vari intervalli di tempo e tendono a cercare il sesso prima, dopo un breve intervallo di tempo, rispetto alle donne. Gli uomini hanno maggiori probabilità rispetto alle donne di esprimere "rammarico" per le opportunità sessuali mancate, e gli uomini hanno atteggiamenti sociosessuali più "non limitati" rispetto alle donne. Alcuni di questi risultati sono stati replicati in dozzine di campioni in ampi studi internazionali, in campioni rappresentativi di intere popolazioni nazionali e in meta-analisi su larga scala, come le robuste differenze sessuali osservate in modo affidabile in studi di comportamento sessuale extraconiugale e permissivi atteggiamenti verso il sesso occasionale (Lippa, 2009; Petersen & Hyde, 2010).

Lo stato di supporto per le previsioni evolutive sulle differenze sessuali nelle strategie di accoppiamento breve è lontano dall'essere in uno stato "prematuro" come suggeriscono alcuni critici (vedi). L'evidenza empirica accumulata sulle differenze sessuali nella psicologia dell'accoppiamento a breve termine è piuttosto sostanziale. Beh, forse è un eufemismo. Rispetto allo stato probatorio della maggior parte delle scoperte nella scienza sessuale, l'evidenza di questa differenza sessuale potrebbe essere descritta come montuosa. Himalayan, anche. E le teorie psicologiche evolutive che spiegano questi fatti non riguardano Marte contro Venere. Le teorie legate alla Terra degli psicologi evolutivi riguardano le differenze nella progettazione psicologica delle strategie di accoppiamento a breve termine di uomini e donne (e strategie di accoppiamento a lungo termine), le differenze nei desideri sessuali tra i generi e all'interno dei sessi (e anche all'interno della stessa persona) , differenze nella diversità sessuale come vissute magnificamente in contesti di storia, famiglia, cultura ed ecologia (Gangestad, 2011).

Tutte queste prove implicano che uomini e donne sono sempre moralmente giustificati nella ricerca di compagni a breve termine? Niente affatto, questo genere di conclusioni cadrebbe nell'errore naturalistico (vedi). Esistono limitazioni, complessità e problemi con particolari spiegazioni evolutive della sessualità umana? Naturalmente, questa è la natura della scienza sessuale terrestre – le ipotesi spesso si rivelano sbagliate. Ci sono critiche ragionevoli alla psicologia evolutiva? Certo, uno è che gli psicologi evolutivi hanno probabilmente prestato troppa attenzione alla co-evoluzione della cultura genetica e l'importanza che questo può giocare tra le popolazioni umane (Bolhuis et al., 2011). Ma questo sentimento di essenza di Mars-Venus sulla psicologia evolutiva nel suo complesso – non è solo sbagliato, non è nemmeno psicologia evolutiva.

Riferimenti
Bolhuis, JJ, et al. (2011) Darwin in mente: nuove opportunità per la psicologia evolutiva. PLoS Biol , 9: e1001109. doi: 10.1371 / journal.pbio.1001109.
Buss, DM, et al. (2011). Psicologia evolutiva e femminismo. Ruoli sessuali, 64 , 768-787.
Clark, RD, et al. (1989). Differenze di genere nella ricettività alle offerte sessuali. Journal of Psychology and Human Sexuality, 2 , 39-55.
Gangestad, SW (2011). Adattamenti umani per l'accoppiamento: quadri per la comprensione dei modelli di formazione della famiglia e della fertilità. In A. Booth et al. (Ed.), Fondamenti biosociali dei processi familiari (pp. 117-148). New York, NY: Springer Science + Business Media.
Gangestad, SW, et al. (2000). L'evoluzione dell'accoppiamento umano: compromessi e pluralismo strategico. Behavioral and Brain Sciences, 23 , 573-644.
Jonason, PK et al. (2012). Evitare impegni ingarbugliati: tattiche per l'attuazione di una strategia di accoppiamento a breve termine. Personalità e differenze individuali, 52 , 606-610.
Kennair, LEO, et al. (2009). Differenze di sesso nei desideri e negli atteggiamenti sessuali nei campioni norvegesi. Interpersona, 3 , 1-32.
Kenrick, DT, et al. (1990). Evoluzione, tratti e fasi del corteggiamento umano: qualificazione del modello di investimento genitoriale. Journal of Personality, 58 , 97-116.
Lippa, RA (2009). Differenze tra sesso nella pulsione sessuale, sociosessualità e altezza in 53 nazioni: test delle teorie evolutive e sociali strutturali. Archivi di comportamento sessuale, 38 , 631-651.
McCarthy, MM, et al. (2011). Tempeste e racconti: sfide allo studio delle differenze sessuali nel cervello. Biology of Sex Differences, 2 : 4, http://www.bsd-journal.com/content/2/1/4.
Mealey, L. (2000). Differenze sessuali: strategie evolutive ed evolutive . San Diego, CA: Academic Press.
Petersen, JL, et al. (2010). Una revisione meta-analitica della ricerca sulle differenze di genere nella sessualità, 1993-2007. Bollettino psicologico, 136 , 21-38.
Simpson, JA, et al. (in stampa). Evoluzione, stress e periodi sensibili: l'influenza dell'imprevedibilità nella prima e nella tarda infanzia sul sesso e sui comportamenti a rischio. Psicologia dello sviluppo .
Symons, D. (1979). L'evoluzione della sessualità umana . New York: Oxford University Press.
Trivers, RL (1972). Investimento dei genitori e selezione sessuale. In B. Campbell (a cura di), Selezione sessuale e discendenza dell'uomo, 1871-1971 (pp. 136-179). Chicago, Aldine.
Wood, W., et al. (2007). Origini strutturali strutturali delle differenze sessuali nell'accoppiamento umano. In S. Gangestad e JA Simpson (Eds.), L'evoluzione della mente: domande e controversie fondamentali (pp. 383 – 390). New York: Guilford Press.

Solutions Collecting From Web of "Uomini, donne e promiscuità interplanetaria"