Unloved Daughters and the Dark Side di Maternal Gatekeeping

Come i valori tradizionali possono mascherare e normalizzare il comportamento tossico.

Photograph by Brooke Cagle. Copyright free. Unsplash

Fonte: fotografia di Brooke Cagle. Copyright libero. Unsplash

Il gatekeeping materno non è mai una buona cosa, ma influenza la dinamica di una famiglia disfunzionale o tossica molto più di quanto suggerisca il dialogo. “Gatekeeping” è un giro di frasi relativamente benigno, che ricorda una donna in piedi vicino a una recinzione; potrebbe sorridere o accigliarsi, giusto? Cosa c’è che non va con il gatekeeping? Non sono limiti le cose buone? Penso che la frase sia un po ‘come “parenting dell’elicottero”, un’altra frase facile da decollare che copre una moltitudine di peccati parentali, alcuni dei quali gravi.

Il controllo della maternità è stato studiato per decenni e viene spesso addotto in discussioni sul perché, nel nostro mondo del ventunesimo secolo formato da così tante famiglie con due salariati, il carico di lavoro interno rimane così diviso in modo non uniforme. Studio dopo studio conferma le conclusioni secondo cui i padri fanno meno lavoro a casa e in famiglia rispetto alle madri, anche quando entrambi hanno un lavoro. Alcuni sostengono che questo potrebbe non essere una funzione degli uomini che sono fannulloni, ma piuttosto un risultato delle donne che tengono a freno le attività domestiche tradizionalmente associate alle femmine. Questa è la definizione più stretta di gatekeeping così come è stata studiata, il più delle volte in relazione al suo effetto sul comportamento genitoriale di un padre. I ricercatori hanno guardato da vari punti di vista; Inizierò da quelli, ma passerò a ciò che accade quando il custode assapora la manipolazione più di ogni altra cosa ed è, di fatto, una madre ricca di tratti dominanti o narcisistici, emotivamente non disponibile o altamente combattiva. Questo, come puoi immaginare, fa più che spostare le scale.

Chi è probabilmente portina e perché?

Anni fa, ricordo un mio collega di lavoro – e io ero molto affezionato a lei – confessando la sua insoddisfazione per il modo in cui suo marito trattava i loro figli e la loro famiglia. Era la principale fonte di guadagno con un lavoro aziendale remunerativo e difficile e lui era un musicista che lavorava per gran parte durante la notte e nei fine settimana; lui era, in effetti, un papà di stare a casa. Si erano trasferiti dalla città alla periferia, non più affollato appartamento di New York, ei ragazzi erano, per il suo conto, fiorenti. Era felice della mossa e anche di avere il lungo treno che faceva il pendolare verso casa per liquidare e decomprimere. Ma lei si accigliò mentre parlava, prendendo un sorso del suo vino: “So che è ingiusto ma, sai, sono sempre così consapevole di quanto sarebbe meglio se lo facessi. La casa avrebbe un aspetto migliore, la biancheria meno casuale, i bambini meglio organizzati, la dispensa più fornita. Finisco per lamentarmi di qualcosa ogni giorno e so che lo odia ma non riesco a trattenermi. La mia casa non assomiglia alla casa di mia madre – ed è una madre favolosa e custode – e mi fa impazzire. Odio il prezzo che la mia famiglia paga per il mio lavoro a tempo pieno “.

Questo è in poche parole il mantenimento della maternità e, sì, lo puoi fare anche come madre casalinga; il suo riferimento a come sua madre è sicuramente un pezzo della torta. Ma per timore che pensiamo che il gatekeeping riguardi semplicemente i ruoli tradizionali di genere, dobbiamo ripensarci, secondo uno studio condotto da Sarah J, Schoppe-Sullivan e altri e pubblicato nel 2015. Ciò che distingue il loro studio è il loro interesse per ciò che ha reso le donne gatekeep; la maggior parte degli studi si focalizza semplicemente sugli effetti del gatekeeping. Il loro campione comprendeva 183 coppie in procinto di avere il loro primo figlio e continuò tre mesi dopo il parto. Guardarono cosa prevedeva il gatekeeping, da una parte, e cosa predisse un cancello aperto, dall’altra; tra le variabili considerate c’erano le aspettative materne, incluso il perfezionismo e la valutazione del matrimonio; aspettative paterne; nevroticismo materno, ansia e depressione; religiosità materna; e ruoli tradizionali di genere.

Questo studio suggerisce che i ruoli di genere giocano un ruolo molto piccolo nel gatekeeping ma che il tenore della relazione coniugale gioca un ruolo significativo, così come le alte aspettative della madre per le capacità genitoriali del suo partner. Le madri che si avvicinavano al genitorialità con perfezionismo avevano più probabilità di criticare i loro partner e, sì, escluderli. È interessante notare che, sebbene il gatekeeping materno sia spesso prevalente dopo il divorzio, questo studio suggerisce che la percezione di una madre secondo cui la relazione o il matrimonio non sarebbe durato sarebbe stata un forte predittore del gatekeeping. La povera funzione psicologica materna prevedeva anche un maggiore gatekeeping, anche se ciò sembra un po ‘controintuitivo; se ti senti ansioso o stressato dai genitori, non vorresti più aiuto piuttosto che meno? Gli autori dello studio non hanno una risposta, ma suggeriscono forse che questi guardiani sono più antagonisti verso la co-genitorialità o eccessivamente coinvolti con i loro figli. Infine, la fiducia di una madre nelle proprie capacità genitoriali può farle vedere il padre come apprendista, rispetto al suo stato di esperto, e anche questo aumenta il gatekeeper. Ironico, non è vero, che la fiducia nelle tue capacità ti renderebbe al sicuro?

E, a proposito, quella mia amica alla fine ha divorziato dal marito di rimanere a casa, nel caso te lo stessi chiedendo.

Mantenimento materno e madre non amorevole

Il modo in cui una madre usa il gatekeeping per marginalizzare il ruolo di un padre può essere molto più consapevole e intenzionale in una famiglia disfunzionale, specialmente con una madre molto gestita al timone o una in cui le tensioni coniugali sono alte. Sfortunatamente, l’isolamento del padre dal figlio o dai figli – specialmente se la madre non è attaccata a uno o più bambini – amplifica il dolore e la sofferenza, come una figlia ha spiegato:

“Mia madre sorvegliava la casa ei tre bambini con la stessa ferocia di un orso nella sua tana. Scherzava ed emarginava gli sforzi di mio padre e, francamente, penso che si ritirò per proteggersi e divenne le tre scimmie che non videro nulla, non udirono nulla, non dissero nulla. Mia madre era abusiva nei miei confronti, ma era più gentile con i miei fratelli, ma tutti noi ci irritavamo di più per non esserci presentati. Poteva essere una strega per me, ma la sua codardia era un terribile tradimento. I miei fratelli e io non sono d’accordo con mia madre, ma siamo sulla stessa pagina di papà. ”

Il rifiuto di un padre di respingere i controlli sembra un tradimento nei confronti della maggior parte dei bambini non amati.

Il gatekeeping consente a una madre ricca di tratti narcisistici o di controllo di dividere e conquistare e co-optando per suo marito per accettare la sua autorità o per metterlo al bando efficacemente dall’arena, così è libera di governare il posatoio come ritiene opportuno. Spesso estende i suoi controlli ai suoi figli, orchestrando non solo i comportamenti di ogni bambino, ma anche i loro rapporti reciproci. Anche se normalmente non è definito come il gatekeeping materno, penso che sia utile vedere come il gatekeeping possa effettivamente insinuarsi nelle interazioni di base di tutti i membri della famiglia. Questa è la storia di “Nina”:

“Mia madre ha attivamente ostacolato mio padre dall’essere vicino a me e mia sorella; lei letteralmente gli rendeva difficile passare un po ‘di tempo da sola con noi e lei respingeva ogni suggerimento che aveva chiaramente e chiaramente. Gestiva la casa come un campo di addestramento e mio padre era praticamente ridotto ad essere un soldato nel suo esercito. Mia sorella è di quattro anni più giovane e nel momento in cui abbiamo iniziato ad avvicinarci – un legame forgiato dal dover affrontare quanto terribilmente critica fosse di entrambi noi – nostra madre ha iniziato a giocare uno di noi l’uno contro l’altro facendo capriole uno di noi a turno . Alla fine, è diventata la figlia favorita e io l’estraneo. Siamo adulti ora ma i modelli persistono. Posso onestamente dire che non ho idea di chi sia mio padre o cosa pensi, nonostante sia stato mio padre per quarantadue anni. Se pensa a me, pappagona mia madre, come fa mia sorella. Mia madre e mia sorella sono in piselli e io sono ancora il capro espiatorio. ”

Aneddoticamente almeno, alcuni registri materni riguardano il mantenimento del punteggio e possono coinvolgere la storia civile che alla figlia non è familiare fino a molto più tardi nella sua vita. Questo era certamente vero per “Jane”, ora 69 anni, un’unico bambino che finalmente ha capito a fondo nei suoi quarant’anni dopo la morte di suo padre:

“Alcuni dei miei primi ricordi sono mia madre che sussurra: ‘Non lo diremo a tuo padre’. Quando ero piccolo, non sembrava esserci una ragione per non dirgli qualcosa – poteva essere ugualmente una cosa buona che fosse accaduta o una cattiva – ma il messaggio era chiaro: eravamo noi contro di lui. Mia madre era la seconda moglie di mio padre e io avevo due fratellastri più vecchi e mia madre era rimasta a casa; Papà ha fatto soldi e abbiamo vissuto in un appartamento invidiabile e tutto il resto. Rimasero insieme fino alla sua morte, ma fu sempre lo stesso: era emarginato e alla deriva, un uomo che era dotato e beveva troppo ogni notte ma sempre affascinante. Solo dopo la sua morte ho appreso che si era innamorato di qualcuno quando avevo circa sei anni e quando ha annunciato la sua intenzione, mia madre gli ha detto che se fosse uscito, non mi avrebbe più visto. Rimase ma pagò un prezzo terribile. Come ho fatto io in modi che non erano chiari da molto tempo. ”

Questo è il mantenimento della maternità come ricompensa, ma un altro lettore ha offerto un’altra storia che è stata ancora più complicata di così:

“Immagino che tu possa dire che mia madre era un custode fin dall’inizio della mia vita. In precedenza era sposata e divorziata, con due figli piccoli, e non stava cercando alcuna aggiunta. Ha dato a mio padre un ultimatum: avrebbe avuto un altro bambino, ma solo se fosse successo prima di compiere trent’anni. Ciò diede loro tre mesi dal loro matrimonio e, per miracolo, fui concepito e nato in tempo. Ha lasciato che mio padre mi nominasse. Ma questo ha portato a un secondo ultimatum, basato sulla sua convinzione che i suoi primi due figli (i miei fratellastri) sarebbero riusciti ad uscire da questo rapporto familiare emotivamente intatto solo se non ci fossero state differenze tra loro e me, suo figlio biologico. Così gli è stato detto di sospendere tutte le decisioni relative ai genitori e diventare effettivamente un patrigno per tutti e tre. Sorprendentemente, questo sembrava ragionevole per mio padre e lui fu d’accordo. Ha interpretato il ruolo di un “ragazzo simpatico” gioviale, emotivamente assente, che per 36 anni non mi ha nemmeno mandato un messaggio di testo senza averlo richiesto a mia madre. Ogni situazione era rimandata a mia madre; anche quando ero un adulto e lo supplicavo per una relazione, ha sostenuto mia madre in tutti i sensi. Ogni critica a lei era una critica a lui. Non c’era da superare. Ha assaporato il controllo anche se è venuto con tutto il risentimento, e ha assaporato la libertà anche se è venuto senza alcun rapporto. ”

Sua madre orchestrò e fungeva da custode delle relazioni della figlia con i suoi fratellastri che minarono ogni possibile stretta connessione. Non ti sorprenderà che con un inizio così nullo sia rimasta una storia piena di esclusione e senza lieto fine.

Normalizzando gatekeeping fino a quando non è possibile

Quello che la ricerca non menziona è che, di giorno in giorno, queste madri gatekeeping sembrano dei supereroi. Il loro perfezionismo, il loro bisogno di controllo, e ogni altro punto analizzato in analisi li fa apparire come custodi di alto valore, anche con le loro lamentele e talvolta la loro recitazione come un martire. Tutto sembra bello dall’esterno: cortili ben tenuti, case e bambini. Per il figlio di un guardiano, questo presenta un problema insormontabile: come spiegare l’apparenza rispetto alla realtà quando sembra che stia facendo un ottimo lavoro?

Non sono più gli anni ’50, quando le mamme facevano la casa e papà faceva i soldi, ma perché siamo ancora così indulgenti nei confronti del gatekeeping? Siamo sostanzialmente d’accordo con il gatekeeping perché convalida l’idea culturale che le donne siano per natura nutrite, che la maternità sia istintiva e che tutte le madri amino i loro figli. Non uno di questi miti è vero ma, finora, nessuno ha escogitato un’alternativa. Ironia della sorte, il gatekeeping materno sembra convalidare tutti loro. Potremmo essere culturalmente più a nostro agio con i papà morti che con le mamme territoriali, anche quando ci sono prove del contrario.

Bene, ecco la mia storia che una volta pensavo fosse unicamente crudele. Non ho mai scritto in dettaglio prima d’ora. Come succede, non sono l’unica persona a cui è successo; Ho ottenuto un numero spaventoso di storie condivise di adulti che hanno smesso di dire addio a coloro che amavano quando lasciavano questa terra – genitori, fratelli, nonni e altri – dai guardiani. Avevo quindici anni e un semestre all’estero, in Francia, quando le lettere di mio padre smisero di venire. Era il 1964 e le chiamate transatlantiche erano troppo costose. Ho scritto a mia madre e lei ha detto che mio padre era troppo occupato per occuparsi di me. Sembrava improbabile perché mentre il mio rapporto con mia madre era terribile, sapevo che mio padre mi amava a modo suo. Scrissi ai miei amici chiedendo di chiamare l’appartamento dei miei genitori e loro risposero dicendo che nessuno era a casa, e probabilmente i miei genitori e il fratellino erano fuori a divertirsi. Ricorda che questo era il 1964, molto prima di rispondere alle macchine. Sono andato ad Amsterdam con una ragazza per vedere mia nonna mesi dopo e mi è stato detto per la prima volta che mio padre era in ospedale e sull’orlo della morte. Ero fuori di testa; la mia ragazza è tornata in Francia e mia zia, la sorella di mio padre, e sono volata negli Stati Uniti. Ci siamo seduti nella hall dell’ospedale per sei giorni, ma mia madre non ci ha permesso di entrare nella sua stanza. Era l’ultimo atto del gatekeeping perché non potevo mai dire addio o dirgli che lo amavo. Né sua sorella.

Ciò che è interessante per me è che è difficile scrivere questo, ora cinquantacinque anni dopo. Mia zia non l’ha mai perdonata, né io. Qualche anno fa, la ragazza che mi ha accompagnato ad Amsterdam e io ho discusso di quello che è successo; o non ricordava o non si rendeva conto che non avevo mai più visto mio padre. È madre di tre figli, ha due genitori amorevoli e solidali e ora è una nonna e continua a dirmi che deve esserci stato un motivo per cui mia madre non mi ha permesso di vederlo. Ha azzardato che forse mi stava proteggendo e mi sono opposto dicendo che anche mia zia non l’ha visto. Rimase in silenzio e poi disse: “Ho solo difficoltà a credere che qualsiasi madre possa essere così crudele”.

Le storie che le figlie non amate raccontano volano di fronte a ciò che la gente vuole credere alle madri e alle madri. Gatekeeping è una variazione sul tema.

Tornando indietro

Quelli di noi abbastanza sfortunati da vivere attraverso la versione estrema del gatekeeping tendono ad essere attenti e consapevoli quando diventiamo madri noi stessi. È interessante notare che le donne che avevano padri respingenti o assenti hanno meno probabilità di essere tenute sotto controllo, come ha scoperto la ricercatrice Mary De Luccie, e più accogliente e apprezzata nei confronti degli sforzi del coniuge o del partner.

In definitiva, il gatekeeping riguarda il controllo e non c’è dubbio che alcune madri debbano avere il controllo totale del danno del loro partner e della loro progenie. (Per una discussione più completa, vedi il mio libro, Daughter Detox: Recupero da una madre non amica e recupero della vita.)

Se stai leggendo questo e stai ancora allevando attivamente un bambino o dei bambini, potrebbe essere un esercizio utile per pensare se c’è un cancello aperto o chiuso nella tua casa. In un mondo in cui l’equilibrio tra lavoro e casa sembra difficile da raggiungere e dove c’è sempre molto da fare e poco tempo per farlo, il gatekeeping non serve nessuno di noi alla fine.

Mille grazie a quelli della mia pagina Facebook che hanno contribuito con le loro storie.

Copyright © Peg Streep 2019

Riferimenti

Schoppe-Sullivan, SJ, Altenburger, LE, Lee, MA, Bower, DJ e Kamp Dush, CM (2015). Chi sono i custodi? Predittori di gatekeeping materna. Parenting, scienza e pratica , 15 (3), 166-186.

Schoppe-Sullivan, Sarah J., Geoffrey L. Brown, Elizabeth A, Cannnon, et al. “Mantenimento materno, qualità della co-genitorialità e comportamento paterno nelle famiglie con bambini”. (2008), Journal of Family Psychology, vol. 22, n.3389-398.

De Luccie, Mary F. “Madri: agenti influenti nelle relazioni padre-figlio” (1996) Monografie di psicologia genetica, sociale e generale. 122, 287-307.