Università premurose

I disturbi mentali aumentano nei college di tutto il mondo.

Pixabay

Fonte: Pixabay

Un consorzio di ricercatori internazionali sta studiando come prevalgono i disturbi mentali comuni tra gli studenti universitari universitari di tutto il mondo. Vogliono saperne di più sui fattori di rischio e documentare le esigenze di supporto degli studenti negli Stati Uniti, Belgio, Spagna, Francia, Irlanda, Australia, Hong Kong, Portogallo, Messico e Sudafrica.

Un recente studio condotto in 26 campus universitari ha rivelato che il 17% degli studenti soffriva di depressione, il 4% soffriva di disturbo di panico, il 7% di ansia generalizzata, il 6% di ideazione suicidaria e il 15% di autolesionismo non suicidario.

Circa il ventiquattro percento degli studenti nei paesi ad alto reddito riceve l’assistenza sanitaria mentale di cui ha bisogno, ma solo l’otto percento all’undici percento riceve aiuto nei paesi in via di sviluppo.

Janine Roos, ricercatrice presso l’Università del Sud Africa, ha rilevato che il dodici per cento soffre di depressione, il quindici per cento di ansia e il ventiquattro percento e mezzo ha riferito di ideazione suicidaria nelle due settimane precedenti il ​​colloquio. Mentre le università sudafricane hanno servizi di consulenza gestiti da professionisti, i servizi sono sovra iscritti, molti studenti non ricevono cure minime.

Ciò solleva la questione della cui responsabilità è quella di prendersi cura del benessere psicologico degli studenti. Dovrebbero essere reparti di salute, genitori o amministratori universitari? Sebbene le università non siano impegnate nel fornire assistenza sanitaria, hanno la responsabilità di creare condizioni ottimali per il successo accademico.

Il problema è che abbiamo pochi dati su ciò di cui esattamente gli studenti universitari hanno bisogno e che tipo di assistenza sono efficaci per gli studenti. Molti studenti hanno a che fare con cambiamenti nelle relazioni familiari e tra pari, insieme a un nuovo contesto sociale con maggiore stress da pressioni accademiche e preoccupazioni finanziarie.

La giovane età adulta è citata come periodo di punta per l’insorgenza di malattie psicotiche, depressione, disturbi d’ansia e abuso di sostanze. Non trattati, questi disordini possono avere un serio impatto sullo sviluppo, la motivazione e il raggiungimento. Può anche portare all’abbandono universitario e al fallimento scolastico.

Un altro problema è che gli interventi nelle università si basano ancora prevalentemente su approcci tradizionali alla psicoterapia. I ricercatori in Germania e nei Paesi Bassi hanno sviluppato una serie di interventi via Internet ed e-mail, ma questi interventi devono ancora essere testati.

Il vantaggio di internet ed e-interventi è che puoi sederti sul tuo divano o in qualsiasi altro posto che ti piace e seguire le sessioni terapeutiche nel tuo tempo libero, libero da lezioni, esami, compiti e senza alcun costo. La ricerca ha dimostrato che la modalità di consegna (Internet vs faccia a faccia) non influenza il risultato della psicoterapia per depressione e ansia tanto quanto la sottostante teoria psicoterapeutica.

Queste teorie non sono altro che spiegazioni sul perché siamo depressi o ansiosi. Queste spiegazioni forniscono una struttura alla terapia che può o meno essere adatta al singolo studente. Tuttavia, i terapeuti tendono a incolpare lo studente piuttosto che la loro teoria preferita per il basso successo e alti tassi di back-sliding.

La psicoterapia più favorita dai terapeuti è la terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Combina la teoria stimolo-risposta con il controllo razionale. Ad esempio, se ci sentiamo depressi (la risposta), blocciamo lo stimolo (pensiero disadattivo su se stessi) inserendo un pensiero positivo tra lo stimolo e la risposta. Nel corso del tempo, i sintomi diventano meno intensi, fuori dalla coscienza, ma comunque soggetti a ricaduta.

Falk Leichsenring, dell’Università di Giessen a Berlino , ha trovato la teoria psicodinamica (PDT) ugualmente efficace per la depressione e l’ansia come CBT. Sebbene la ricerca sull’efficacia della PDT sia stata trascurata per molto tempo, ha trovato 64 studi controllati randomizzati che hanno fornito prove dell’efficacia della PDT per i comuni disturbi della salute mentale, come la depressione e l’ansia. Sono necessari studi più controllati per il disturbo ossessivo-compulsivo e lo stress post-traumatico.

Tuttavia, la domanda rimane, perché la crescente prevalenza di disturbi di salute mentale tra gli studenti universitari indipendentemente dal paese? Alcuni incolpano il fenomeno dell’iPhone con la sua mancanza di interazione sociale faccia a faccia, altri citano la mancanza di abilità sociali dovute al coccolare i genitori. Mentre altri indicano l’anomia sociale, la rottura delle norme sociali; minori opportunità di mobilità ascendente; classi di college troppo grandi, con fino a 200 e più studenti, rendendo quasi impossibile interagire con il professore e fare piccole discussioni in classe.

Anche se non è una causa, e accettando che diversi disturbi mentali possono manifestarsi nella giovane età adulta, il tempo per lo screening dei disturbi comuni può ancora essere a scuola, ma nei gradi primari. Questo non solo ridurrebbe i costi universitari dei servizi di consulenza, ma affronterà le paure, le angosce e le ansie del bambino prima di trasformarsi in malattie mentali a pieno titolo.

*

Questo blog è stato co-pubblicato con PsychResilience.com

Solutions Collecting From Web of "Università premurose"